Home > Arte e restauro > Personale di Vincenzo Cossari alla Milano Art Gallery: l’intervista al Maestro

Personale di Vincenzo Cossari alla Milano Art Gallery: l’intervista al Maestro

Personale di Vincenzo Cossari alla Milano Art Gallery: l’intervista al Maestro

 Incuriositi dalla sua ultima produzione, che giunge a un’esigenza materica sempre più marcata, abbiamo posto alcune domande al Maestro Vincenzo Cossari. L’artista esporrà dal 9 al 29 novembre alla Milano Art Gallery in via Alessi 11, a Milano. L’esposizione, organizzata dal manager della cultura e direttore delle Milano Art Gallery Salvo Nugnes, intitolata Le impronte del tempo, sarà inaugurata proprio venerdì 9 novembre alle 18. L’interesse che suscita in noi e nel pubblico è tale da invitarci a conoscerlo più approfonditamente.

Signor Cossari, come e quando nasce la sua passione per l’arte?

La passione per l’arte nasce già al tempo della scuola, in prima elementare, quando lavoravo la creta e disegnavo su cartoni e tavole che trovavo nei vecchi pollai.

E come si è evoluto il suo percorso negli anni?

Questo lo lascio giudicare alla gente osservando il mio lavoro.

Giustamente, e forse sarà sufficiente ricordare che sua carriera espositiva è molto ricca e internazionale per capirne la portata. Ci dica almeno qual è l’evento che considera più importante…

Per me non c’è un evento più importante dell’altro perché mi concentro sul mio lavoro, che è la cosa che più mi coinvolge.

Esattamente un anno fa ha esposto a Biennale Milano. Una mostra che è stata ampiamente pubblicizzata dai media. Le sue opere sono apparse durante vari servizi televisivi del TgCom, di Mediaset, su «Il Giornale», «Panorama», ecc. Ci fa una riflessione su questa esposizione?

Devo dirle con sincerità: era qualcosa di diverso rispetto alla Biennale di Venezia. Lo spazio e l’opportunità riservati alle donne artiste mi ha colpito a tal punto che non posso non fare i complimenti all’intera organizzazione.

A cosa si ispira invece il titolo della mostra che inaugurerà alla Milano Art Gallery a Milano?

Ad essere più attenti e rispettosi dell’ambiente e di quello che succede nel mondo.

E com’è nata la collaborazione col direttore della galleria Salvo Nugnes?

La nostra collaborazione ha inizio con un’esposizione a Roma. Da allora è nata una bella amicizia.

Quale sarà l’opera più rappresentativa in esposizione?

Non c’è un’opera più rappresentativa rispetto alle altre.

C’è qualche artista in particolare al quale si ispira o la sua arte viene da sé?

Nessuno. La mia arte viene da dentro.          

Quali sono i suoi futuri progetti per la sua ricerca artistica e sperimentale?

Nessun progetto, ma lavorare, lavorare sempre. Questa è la mia ricerca artistica.

Come pensa si possa educare all’arte le nuove generazioni?

Ponendole al centro del progetto. Purtroppo la situazione non è delle migliori, ma dico ai giovani questo: «Entrateci dentro».

Vincenzo Cossari | Salvo Nugnes | le impronte del tempo | personale | mostre d’arte | milano | milano art gallery |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Milano Art Gallery: richiesto il bis per il Maestro Vincenzo Cossari


“Il fiore dell’arte” intervista al Maestro Toni Zarpellon riguardo la sua prossima mostra presso la Milano Art Gallery


Massimo Paracchini e Francesco Leale alla Galleria Nelson Cornici


Alla Milano Art Gallery grande successo per la conferenza di Dalila Di Lazzaro, fra gli ospiti di spicco il noto cantante Luca Maris


Lo stimato Prof. Alberto D’Atanasio parla della conferenza che si terrà il 7 Marzo presso la Milano Art Gallery


 

Ieri...

Stesso autore

Milano Art Gallery celebra la Festa delle donne con un’importante collettiva e amici vip

Milano Art Gallery celebra la Festa delle donne con un’importante collettiva e amici vip
Esiste un modo per valutare se un evento ha successo oppure no: quando lo stesso si ripropone. Torna così a Milano la mostra-evento L’arte delle donne alla Milano Art Gallery di via Alessi 11. Se il Premio Tamara de Lempicka ne ha spianato l’arrivo guardando a un’arte dal tratto influenzato dalla femminilità, L’arte delle donne promette di andare oltre. E infa (continua)

Villa, Nugnes, Rossotti e Gattinara presentano il Simposio d’Arte alla Milano Art Gallery

Villa, Nugnes, Rossotti e Gattinara presentano il Simposio d’Arte alla Milano Art Gallery
È della curatrice d’arte Nicoletta Rossotti l’iniziativa che ha portato la mostra Simposio d’Arte alla Milano Art Gallery. Sabato 12 gennaio in via Alessi 11 è stata inaugurata l’esposizione nella storica galleria nel centro della città, presentata dal manager della cultura Salvo Nugnes, direttore delle Milano Art Gallery, dal fotografo di fama internaz (continua)

Milano Art Gallery: bagno di folla per il vernissage di Renata Bertolini che inaugura coi vip

Milano Art Gallery: bagno di folla per il vernissage di Renata Bertolini che inaugura coi vip
A Milano, alle 18 di venerdì 11 gennaio, tutti i riflettori erano puntati sulla sede in via Ampère 102 della Milano Art Gallery. A “La Porta Verde” infatti l’artista Renata Bertolini ha inaugurato la sua personale dal titolo La pittura dell’anima. La mostra è stata presentata dalla celebre psicoterapeuta e scrittrice Maria Rita Parsi, dal fotografo di f (continua)

Silvana Giacobini ricorda Alberto Sordi alla Milano Art Gallery

Silvana Giacobini ricorda Alberto Sordi alla Milano Art Gallery
Ritorna alla Milano Art Gallery, a distanza di un anno, Silvana Giacobini. Sempre qui, in via Alessi 11 (MI), ma non più in occasione della Festa delle donne. Giovedì 14 febbraio, alle 18, nella storica galleria con cinquant’anni di prestigiosi ricordi, la scrittrice e giornalista, già direttrice di «Chi» e di «Diva e Donna» presenterà uno (continua)

Francesco Alberoni alla Milano Art Gallery per inaugurare la mostra Amore nell’Arte

Francesco Alberoni alla Milano Art Gallery per inaugurare la mostra Amore nell’Arte
Con l’approssimarsi del giorno dedicato a tutti gli innamorati, la Milano Art Gallery ospiterà un incontro memorabile. Mercoledì 13 febbraio infatti, alle 18, nella sede in via Ampère 102 (MI), il professore Francesco Alberoni presenterà il suo ultimo libro, scritto assieme a Cristina Cattaneo: Amore mio come sei cambiato (Edizioni Piemme). Esattamente quarant&rsq (continua)