Home > Cultura > Enrico Acciani debutta dietro la macchina da presa con il film “Miodesopsie”.

Enrico Acciani debutta dietro la macchina da presa con il film “Miodesopsie”.

Enrico Acciani debutta dietro la macchina da presa con il film “Miodesopsie”.

 E’ giovanissimo ma già vanta numerose regie alle spalle. Lui è Enrico Acciani classe ’94 e con un curriculum di tutto rispetto.

Dopo aver girato due cortometraggi dal titolo “Blasè”, che parla dell’alienazione umana nella metropoli, così come la concezione dell’uomo blasé formulata nell’opera di Simmel The Metropolis and Mental Life, nel 1903 e “La Figlia di Mazinga” che racconta la storia di Franco Mazinga, squattrinato padre di Christine, che sfrutta la figlia come modella in alcuni set fotografici (entrambi presenti a Cannes nella categoria Short Film Corner), riscuotendo un buon successo, si sta preparando per girare il suo primo lungometraggio dal titolo “Miodesopsie”.

Una storia che parla di Alba una donna di ha 30 anni. Lavora come guardia notturna in un museo di arte moderna. Soffre di miodesopsie, le mosche volanti che vediamo nel cielo: lei ne vede troppe rispetto al normale. Vive sola, con il suo cane, in una casa forse troppo grande per lei, prima abitata anche dalla sua ex fidanzata, Elettra. Scatta inspiegabilmente l’allarme al Museo e la direzione dello stesso decide di affiancare ad Alba un ragazzo molto magro, scarno e spesso impacciato, chiamato Glauco. È un film che parla del divenire ineluttabile della vita, che viene sporcata dagli eventi positivi e non della vita ma non si ferma mai. Il film oscillerà fra introspezione e sociologia, raccontando la depressione e la malinconia, osservando come uno spettatore la realtà che ci circonda.

Ma tra i progetti futuri di Enrico Acciani non c’è solo il cinema ma anche la musica. Dopo aver realizzato colonne sonore e composto brani, nel 2019 farà uscire un album con il nome d’arte Al Verde. Già dal mese di novembre inizierà a lavorare al progetto, scritto fra aprile e giugno del 2018.
L’album sarà inciso a Roma e si chiamerà Cocomero perché per ogni brano corrisponde una fetta di anguria, quindi un videoclip. Essendo il Cocomero un ellissoide, man mano che finiscono le fette si chiude il cerchio.

Quindi ogni videoclip sarà un piano sequenza che inizia con la fine del precedente e finisce con l’inizio del successivo. 

 



Cinema | Bari | Puglia |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

http://www.magazinepragma.com: Aumentano i contenuti e le collaborazioni.


Mauro Cerminara , il ribelle del cinema italiano


“Deal”, il nuovo lavoro del regista Rosario Scuderi, al Festival Indipendente di Cinema Breve “Via dei Corti”


Ritorna dal 22 al 26 novembre il FANTAFESTIVAL


Micol Mineo "Un nuovo volto per lo spettacolo"


Al Teatro Delfino "Enrico IV" di Luigi Pirandello


 

Ieri...

Stesso autore

La Compagnia Nazionale di Danza Storica celebra Pëtr Il'ič Čajkovskij il 12 gennaio 2019 con l’atteso Gran Ballo Russo a Palazzo Brancaccio

La Compagnia Nazionale di Danza Storica celebra Pëtr Il'ič Čajkovskij il 12 gennaio 2019 con l’atteso Gran Ballo Russo a Palazzo Brancaccio
 La VII Edizione del Gran Ballo Russo da sempre promosso dalla Compagnia Nazionale di Danza Storica di Nino Graziano Luca - ideatore ed organizzatore dell’evento - con Eventi-Rome di Yulia Bazarova - promotrice della cultura russa in Italia, giornalista - e l'Associazione amici della grande Russia che promuove la storia e la cultura russa sia in Italia che in Russia, di Paolo Dragonetti (continua)

Il Corto “Casting Die-rector” di Gilles Rocca trionfa al Premio Massimo Troisi

Il Corto “Casting Die-rector” di Gilles Rocca trionfa al Premio Massimo Troisi
  Si è svolta a San Giorgio a Cremano la diciottesima edizione del Premio Massimo Troisi, serata che ha visto il trionfo come miglior cortometraggio di “Casting Die-rector” con la regia di Gilles Rocca anch’esso nel cast insieme a Miriam Galanti, Omar Sandrini, Claudia Razzi e Marco Guadagno. Il cortometraggio ha colpito non soltanto il pubblico che ha gremito la sal (continua)

L’Associazione culturale Sperimentiamo organizza tre appuntamenti culturali da non perdere: uno spettacolo teatrale, due laboratori per grandi e piccini e un concorso fotografico.

L’Associazione culturale Sperimentiamo organizza tre appuntamenti culturali da non perdere: uno spettacolo teatrale, due laboratori per grandi e piccini e un concorso fotografico.
  L’Associazione Culturale Sperimentiamo organizza nei mesi di dicembre e gennaio tre appuntamenti da non perdere grazie al finanziamento di Roma Capitale Municipio Roma VIII. Si parte oggi 18 e 19 dicembre presso il Piccolo Teatro San Vigilio con lo spettacolo di Massimo Simonini “Dickens in Rome” diretto ed interpretato da Mariagabriella Chinè insieme con Marcello (continua)

A Capodanno torna la compagnia teatrale I Ridikulus

A Capodanno torna la compagnia teatrale I Ridikulus
  Dopo il grande successo ottenuto dal 2015, torna per il quarto anno consecutivo l’evento per grandi e piccini “Capodanno per famiglie” della compagnia Teatrale “I Ridikulus”. L’appuntamento, fissato per il 31 dicembre, si terrà presso il Teatro San Genesio di Roma e prevede lo spettacolo teatrale “Babbo Natale Superstar” scritto e dir (continua)

Numerosi personaggi presenti al mercatino di beneficenza organizzato da Michelle Carpente

Numerosi personaggi presenti al mercatino di beneficenza organizzato da Michelle Carpente
  Si è tenuto il 14 dicembre alle ore 18.30 presso la Boutique floreale di Flavia Bruni nel cuore della Balduina il Mercatino vintage organizzato ed ideato dall’attrice e conduttrice Michelle Carpente. L’evento, il cui ricavato è andato ad ActionAid, ha coinvolto numerosi personaggi del mondo dello spettacolo che hanno contribuito alla serata con il loro svuota arm (continua)