Home > Cibo e Alimentazione > Storia e ricetta degli anolini in bordo, il piatto più caratteristico della cucina parmigiana

Storia e ricetta degli anolini in bordo, il piatto più caratteristico della cucina parmigiana

Storia e ricetta degli anolini in bordo, il piatto più caratteristico della cucina parmigiana

 

Piatto immancabile delle tavole parmigiane nei giorni di festa, le prime tracce storiche dell’anno risalgono al XII secolo, quando questo primo piatto di pasta ripiena viene citato nel 1284 nella Cronica da Salimbene de Adam. Occorre però attendere fino al XVI secolo perché il piatto venga riproposto nei pranzi di nobili, cardinali e papi da Bartolomeo Scappi, che fornisce anche la primissima ricetta scritta conosciuta degli anolini.

Ritroviamo poi gli anolini nel 1659 alla mensa del duca di Parma Ranuccio II Farnese come piatto da servire con parmigiano e cappone e nel 1793 sulla tavola del duca Ferdinando di Borbone e della duchessa Maria Luigia, quando Cosimo Meli Lupi di Soragna li definì “i raviuoli detti nel dialetto nostro anolini”.

La ricetta, che un tempo era prerogativa delle classi più nobili, diviene con il passare del tempo di uso comune anche per le mense delle classi più povere, trasformandosi così in un piatto tipico della cucina popolare, grazie anche al fondamentale contributo di Pellegrino Artusi, gastronomo e critico letterario autore del famoso libro di ricette “La scienza in cucina e l'arte di mangiar bene”.

Autentico pezzo forte della gastronomia di Parma, gli anolini hanno la forma di un dischetto senza frangia, del diametro di 2,8 cm, fatto di due strati sovrapposti di pasta sfoglia. Contrariamente a quanto sostenuto da molti, il vero anolino parmigiano non contiene carne, ma un impasto di formaggio Parmigiano Reggiano stravecchio grattugiato, di poco pane raffermo grattato, tuorlo d'uovo e sugo ristretto di stracotto di manzo.

Ed è proprio il contenuto, non l’involucro, che fa l'anolino e lo contraddistingue da cappelletti, tortellini e simili. Il suo segreto e la sua bontà consistono infatti nel perfetto dosaggio di ingredienti, che sanno dare solo le vere "rezdore", termine dialettale con la quale vengono indicate le donne di casa che ereditavano e custodivano le tradizioni popolari e culinarie.

 

 

Ricetta degli anolini

 

Ingredienti per la pasta:

-          1 Kg di farina bianca 00

-          Pizzico di sale

-          8/10 uova

Ingredienti per il ripieno:

-          Tre parti di Parmigiano grattugiato, possibilmente di tre qualità, di cui una molto stagionata

-          Una parte di pan grattato

-          2 uova

-          Noce moscata

-          Sale

-          Brodo di carne

Preparazione:

Per fare il ripieno, occorre scottare il pane grattugiato con del latte o del brodo bollente, incorporare le uova, il sale, il Parmigiano grattugiato e insaporire con la noce moscata.

Confezionare quindi gli anolini e cuocerli in un brodo speciale, detto in terza vista la presenza di tre tipi di carne: cappone, manzo, salame o testina di vitello.

anolino | anolini | gastronomia | tradizione | brodo |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

A BOLOGNA LA SESTA EDIZIONE DI PATATA IN BO.


Mediterraneo da scoprire con le Crociere Vela Favero


32 Via dei Birrai, 7 birre perfette per ogni occasione


Scoprire la Grecia in barca a vela con Crociere Favero


Mangiare al centro di Roma


BluePanorama Yucatan Mèrida, volo diretto da Milano ogni lunedì


 

Ieri...

Stesso autore

Cosmesi made in Italy: la produzione conto terzi fa da traino al settore

Cosmesi made in Italy: la produzione conto terzi fa da traino al settore
  I dati diffusi da Cosmetica Italia dipingono un 2017 florido per il settore cosmetico in Italia: a fare da traino al settore, la produzione conto terzi che viene esportata in tutto il mondo.   La crisi economica sembra non aver toccato il settore cosmetico in Italia che continua a crescere, anche fuori dai confini nazionali. Il 2017 è stato, per l’industria cosmetica it (continua)

L’agenzia giusta per l’organizzazione eventi a Parma

L’agenzia giusta per l’organizzazione eventi a Parma
  State cercando un’agenzia di organizzazione eventi a Parma? Food Valley Travel è sinonimo di garanzia e professionalità!   Il settore M.I.C.E. (acronimo di Meeting, Incentive, Congressi ed Eventi) rappresenta una fetta molto importante del turismo in Italia: i viaggi di lavoro sono sempre più frequenti, così come le riunioni d’affari, i congre (continua)

Professione frigorista: in continua evoluzione e sempre più richiesta

Professione frigorista: in continua evoluzione e sempre più richiesta
Il tecnico frigorista, la cui definizione precisa è “installatore e manutentore di impianti a fluidi termoportanti naturali”, nasce dall’esigenza di formare un professionista esperto anche nella gestione dei nuovi fluidi refrigeranti, che ovviamente sono parte integrante delle soluzioni a basso impatto ambientale, il futuro del settore. Il settore della refrigerazione ind (continua)

Lavorazione acciaio: perché occorre sapere cosa sono il fattore K e il calcolo sviluppo lamiera

Lavorazione acciaio: perché occorre sapere cosa sono il fattore K e il calcolo sviluppo lamiera
  Chi lavora nel settore è consapevole che ottenere una lavorazione perfetta per le lamiere non è affatto semplice. Se da un lato la tecnologia ha fatto passi da giganti, dall’altro non tutte le realtà sono già formate riguardo all’utilizzo dei macchinari di ultima generazione. Per questo motivo, è importante conoscere i metodi più innova (continua)

Stratasys e Tri-Tech 3D aprono un centro di formazione sulla stampa 3D

Stratasys e Tri-Tech 3D aprono un centro di formazione sulla stampa 3D
 Stratasys ha recentemente inaugurato un centro di formazione autorizzato nel Regno Unito che mirerà e punterà a formare e consultare privati e imprese su come ottimizzare l'implementazione delle tecnologie di produzione additiva. Il centro, già attivo e funzionante, ha sede a Stoke ed è gestito da Tri-Tech 3D, Platinum Partner di Stratasys. Per questo il suo nome (continua)