Home > Cibo e Alimentazione > Storia e ricetta degli anolini in bordo, il piatto più caratteristico della cucina parmigiana

Storia e ricetta degli anolini in bordo, il piatto più caratteristico della cucina parmigiana

Storia e ricetta degli anolini in bordo, il piatto più caratteristico della cucina parmigiana

 

Piatto immancabile delle tavole parmigiane nei giorni di festa, le prime tracce storiche dell’anno risalgono al XII secolo, quando questo primo piatto di pasta ripiena viene citato nel 1284 nella Cronica da Salimbene de Adam. Occorre però attendere fino al XVI secolo perché il piatto venga riproposto nei pranzi di nobili, cardinali e papi da Bartolomeo Scappi, che fornisce anche la primissima ricetta scritta conosciuta degli anolini.

Ritroviamo poi gli anolini nel 1659 alla mensa del duca di Parma Ranuccio II Farnese come piatto da servire con parmigiano e cappone e nel 1793 sulla tavola del duca Ferdinando di Borbone e della duchessa Maria Luigia, quando Cosimo Meli Lupi di Soragna li definì “i raviuoli detti nel dialetto nostro anolini”.

La ricetta, che un tempo era prerogativa delle classi più nobili, diviene con il passare del tempo di uso comune anche per le mense delle classi più povere, trasformandosi così in un piatto tipico della cucina popolare, grazie anche al fondamentale contributo di Pellegrino Artusi, gastronomo e critico letterario autore del famoso libro di ricette “La scienza in cucina e l'arte di mangiar bene”.

Autentico pezzo forte della gastronomia di Parma, gli anolini hanno la forma di un dischetto senza frangia, del diametro di 2,8 cm, fatto di due strati sovrapposti di pasta sfoglia. Contrariamente a quanto sostenuto da molti, il vero anolino parmigiano non contiene carne, ma un impasto di formaggio Parmigiano Reggiano stravecchio grattugiato, di poco pane raffermo grattato, tuorlo d'uovo e sugo ristretto di stracotto di manzo.

Ed è proprio il contenuto, non l’involucro, che fa l'anolino e lo contraddistingue da cappelletti, tortellini e simili. Il suo segreto e la sua bontà consistono infatti nel perfetto dosaggio di ingredienti, che sanno dare solo le vere "rezdore", termine dialettale con la quale vengono indicate le donne di casa che ereditavano e custodivano le tradizioni popolari e culinarie.

 

 

Ricetta degli anolini

 

Ingredienti per la pasta:

-          1 Kg di farina bianca 00

-          Pizzico di sale

-          8/10 uova

Ingredienti per il ripieno:

-          Tre parti di Parmigiano grattugiato, possibilmente di tre qualità, di cui una molto stagionata

-          Una parte di pan grattato

-          2 uova

-          Noce moscata

-          Sale

-          Brodo di carne

Preparazione:

Per fare il ripieno, occorre scottare il pane grattugiato con del latte o del brodo bollente, incorporare le uova, il sale, il Parmigiano grattugiato e insaporire con la noce moscata.

Confezionare quindi gli anolini e cuocerli in un brodo speciale, detto in terza vista la presenza di tre tipi di carne: cappone, manzo, salame o testina di vitello.

anolino | anolini | gastronomia | tradizione | brodo |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

A BOLOGNA LA SESTA EDIZIONE DI PATATA IN BO.


Mediterraneo da scoprire con le Crociere Vela Favero


32 Via dei Birrai, 7 birre perfette per ogni occasione


Scoprire la Grecia in barca a vela con Crociere Favero


Mangiare al centro di Roma


BluePanorama Yucatan Mèrida, volo diretto da Milano ogni lunedì


 

Ieri...

Stesso autore

I depuratori d’aria sono fondamentali: parola degli esperti

I depuratori d’aria sono fondamentali: parola degli esperti
Se non berresti acqua impura, perché dovresti respirare aria impura? Le impurità dell'aria sono molto più pericolose dell'acqua sporca, dato che non le puoi vedere. I loro effetti, tuttavia, sono completamente diversi, secondo gli esperti di climatizzazione e di riparazione della ventilazione. Alcuni proprietari di case hanno infatti un'idea non corretta del fatto che la fr (continua)

Lavorazione acciaio: modalità e utilizzo della piegatura lamiera

Lavorazione acciaio: modalità e utilizzo della piegatura lamiera
  Iniziamo con un chiarimento: con la parola acciaio indichiamo tutte quelle leghe composte principalmente dall’unione di due elementi, il ferro e il carbonio. Abbiamo poi anche altri elementi, detti secondari, e presenti in quantità variabili e che a seconda della loro presenza o assenza possono conferire proprietà diverse ad ogni specifica lega: stiamo parlando del fosf (continua)

SkyAccounting: molto più di un gestionale, il tuo alleato in azienda

SkyAccounting: molto più di un gestionale, il tuo alleato in azienda
  SkyAccounting è una piattaforma cloud di fatturazione contabilità e ideata per le esigenze gestionali di tutte le aziende e per la corretta gestione di tutti i loro adempimenti. Grazie a SkyAccounting, tutte le aziende semplificate o in regime potranno utilizzare una app specifica per le loro necessità, che sarà sempre in condivisione dati con il commercialista/ (continua)

Aria compressa: tre passaggi per ridurre al minimo i costi

Aria compressa: tre passaggi per ridurre al minimo i costi
Che l’aria compressa sia una delle utility più importanti e fondamentale per tantissime aziende e settori, non è certamente una novità. Quello che forse non sappiamo o non conosciamo a fondo è che ci troviamo di fronte ad un grandissimo consumatore di energia. Se ne deduce che qualsiasi sistema che punta a garantire un notevole risparmio all’interno dei sist (continua)

Il design made in Italy a Shanghai con IDI, Italian Design Icons

Il design made in Italy a Shanghai con IDI, Italian Design Icons
  Lo stile made in Italy ha spopolato a Shanghai con IDI, Italian Design Icons: una 3 giorni di mostre, eventi ed esposizioni conclusasi il 18 novembre scorso, in cui il genio italiano ha mostrato la parte più stilosa di sé.   IDI, Italian Design Icons, evento nato tre anni fa per promuovere la creatività e l'industrial design tricolore in Cina, è tornato p (continua)