Home > Arte e restauro > Giuseppe Veneziano, Storytelling

Giuseppe Veneziano, Storytelling

Giuseppe Veneziano, Storytelling

 Nel Palazzo Ducale di Massa, dal 2 al 24 febbraio 2019, saranno esposte le opere pittoriche di Giuseppe Veneziano, artista siciliano che si muove al confine tra realtà e finzione, dove figurazione pop e citazione colta veicolano storie del passato, del presente e del futuro.

Patrocinata dal Comune di Massa e curata da Ivan Quaroni, l’esposizione sarà inaugurata sabato 2 febbraio alle ore 18.00, alla presenza del Sindaco Francesco Persiani, del Vice Sindaco Guido Mottini e dell’Assessore alla Cultura Eleonora Lama.
Il titolo della mostra, “Storytelling”, allude ad un’idea di narrazione profondamente connaturata alla ricerca dell’artista. «Le sue storie – spiega il curatore – sono sempre aperte a molteplici interpretazioni. Attraverso l’immediata riconoscibilità di un soggetto che gioca sull’antinomia realtà/finzione, coniugando sacro e profano, figure storiche e personaggi dei cartoon, citazione colta e immaginario consumistico tipico della Pop Art, Veneziano provoca lo spettatore facendo uso di sottile ironia per indurre una seria riflessione sulla società in cui viviamo».
Il percorso espositivo comprende una trentina di opere ad acrilico su tela di vari formati, tutte provenienti da collezioni private. Un excursus attraverso la ricerca dell’artista degli ultimi dieci anni, comprensivo anche di alcuni dipinti mai esposti prima in Italia.
La mostra sarà visitabile fino al 24 febbraio 2019, da martedì a domenica con orario 10.30-12.30 e 16.30-18.30. Per informazioni: tel. 800 013846, www.comune.massa.ms.it, www.turismomassacarrara.it. Ingresso libero. Catalogo con testi di Ivan Quaroni e Andrea G. Pinketts disponibile presso la sede espositiva.
Giuseppe Veneziano nasce a Mazzarino (CL) nel 1971. Si laurea in Architettura nel 1996 presso l’Università degli Studi di Palermo. La prima volta che il suo lavoro pittorico viene notato in ambito nazionale è nel 2004, in occasione della mostra “In-Visi”, curata dallo scrittore Andrea G. Pinketts presso il locale “Le trottoir” a Milano; due delle opere esposte sono pubblicate sulla copertina di Flash Art. Nel 2006 realizza la sua prima mostra importante nella galleria di Luciano Inga Pin a Milano. Nel 2007 partecipa alla VI Biennale di San Pietroburgo. Nel 2008 è tra i venti artisti invitati a rappresentare l’Italia alla mostra “Artâthlos”, in occasione dei XXXIX Giochi Olimpici di Pechino. Nel 2009 partecipa alla IV Biennale di Praga. Nel 2011 viene invitato ad esporre all'interno del Padiglione Italia alla 54ª Biennale di Venezia. Nel 2012 partecipa alla Biennale d’Arte Contemporanea Italia-Cina allestita presso la Villa Reale di Monza. Nel 2015 partecipa alla mostra “Tesori d'Italia” in occasione di EXPO 2015, Milano. Nel 2016 inizia ad insegnare all’Accademia di Belle Arti “Aldo Galli” di Como. Nel 2017 partecipa alla “Design Week” di Milano con una scultura in marmo statuario di Carrara dal titolo “White Slave”; l’opera viene esposta negli spazi di Palazzo Crespi e riscuote notevole successo: circa 17.000 visite in 5 giorni. Nel 2018 entra a far parte del gruppo “F4”. Dalla critica e dalle riviste di settore è riconosciuto come uno dei massimi esponenti della “New Pop italiana e Internazionale” e del gruppo “Italian Newbrow”, teorizzato da Ivan Quaroni. Nel 2018 esce la monografia “Giuseppe Veneziano. Mash-Up”, edita da Skira in occasione della personale “Mash-Up”, allestita presso la Galerie Kronsbein di Monaco di Baviera.
 

mostra | arte | arte contemporanea | Giuseppe Veneziano |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

DOMENICA FAN DI DAMIANO CUNEGO IN SELLA. SFIDA ACCESA A VERONA PER LA GRANFONDO


ANNI ZERO


Management del dolore in MCMAO TOUR - Dicembre 2014


“IL NOSTRO SHOW” E' IL NUOVO SINGOLO DI EVOL FEATURING ALESSIO NELLI CHE ANTICIPA L’ALBUM D'ESORDIO “#MAIBANALE”


IL RE DEL ROCK’N ROLL APPRODA A JESOLO. DOMENICA 12 GIUGNO L’ANTEPRIMA DEL FESTIVAL “ELVIS DAYS”


HOME FESTIVAL IN OTTO PILLOLE, BOOM SUI SOCIAL DEI VIDEO


 

Ieri...

Stesso autore

Eros della materia: percorsi artistici a confronto

Eros della materia: percorsi artistici a confronto
 La Galleria d’Arte 2000 & NOVECENTO di Reggio Emilia presenta, dall’8 febbraio al 12 maggio 2019, la mostra collettiva “Eros della materia. Percorsi artistici a confronto”, con opere di Marco Gastini, Luigi Mainolfi, Nunzio, Giuseppe Spagnulo e altri autori selezionati. L’originalità delle forme, il loro potere di esprimere nella realtà le zon (continua)

Cerimonia di consegna del Premio ANGAMC 2019 alla memoria di Pasquale Ribuffo

Cerimonia di consegna del Premio ANGAMC 2019 alla memoria di Pasquale Ribuffo
Si rinnova e si consolida la partnership tra Arte Fiera e l’Associazione Nazionale Gallerie d’Arte Moderna e Contemporanea: sabato 2 febbraio, nell’ambito della kermesse bolognese, sarà conferito il Premio ANGAMC 2019, riconoscimento teso a valorizzare il ruolo e la carriera di un gallerista affiliato ad ANGAMC distintosi nel panorama italiano per meriti artistici, umani e (continua)

Animals

Animals
 La Galleria 8,75 Artecontemporanea di Reggio Emilia (Corso Garibaldi, 4) presenta, dal 26 gennaio al 23 febbraio 2019, “Animals”: esposizione collettiva con opere dedicate ad animali reali o immaginari. In esposizione, dipinti e fotografie realizzate da Domenico Acquotti, Fiona Kennedy Altoft, Mirko Baricchi, Marco Catellani, Pasquale Celano, Artan Derraj, Salvatore Garau, Stefa (continua)

Laura Fortin, Alessandra Michelangelo, Marta Sesana: Tre Giuste

Laura Fortin, Alessandra Michelangelo, Marta Sesana: Tre Giuste
 La galleria Rizomi di Parma presenta, dal 26 gennaio al 22 febbraio 2019, una selezione di opere pittoriche di Laura Fortin, Alessandra Michelangelo e Marta Sesana. Il titolo della mostra – “Tre Giuste” – allude ad un’edizione di novelle dello scrittore russo Nicolaj Semënovič Leskov: tre racconti in prima persona in cui al centro è la figura d (continua)

Il racconto di Siponto. Un esempio di conservazione e valorizzazione del patrimonio storico archeologico in Italia

Il racconto di Siponto. Un esempio di conservazione e valorizzazione del patrimonio storico archeologico in Italia
Arte, architettura e archeologia in dialogo alla Fondazione Dino Zoli di Forlì dove, domenica 13 gennaio 2019, alle ore 17.00, si concluderà la mostra di Edoardo Tresoldi – uno dei giovani artisti più influenti d’Europa, Medaglia d’Oro dell’Architettura Italiana – con gli interventi di Francesco Longobardi e Xabier Gonzalez Muro tesi ad approfondi (continua)