Home > Scuola e Università > Fondazione AiFOS: come dire no al bullismo?

Fondazione AiFOS: come dire no al bullismo?

Fondazione AiFOS: come dire no al bullismo?

Fondazione AiFOS: come dire no al bullismo?

 

Indetto un premio per valorizzare le buone prassi di contrasto del fenomeno del bullismo e del cyberbullismo nelle scuole e nelle organizzazioni giovanili. Le domande si devono presentare entro il 30 maggio 2019.

 

Secondo alcuni dati forniti dall’Istituto nazionale di statistica (Istat) nel nostro Paese un ragazzino su due è vittima di episodi di bullismo. Inoltre l’età più a rischio risulta quella compresa tra gli 11 e i 17 anni e gli atti di prepotenza colpiscono in prevalenza le femmine rispetto ai maschi con differenze anche tra Nord e Sud Italia. Il fenomeno, infatti, è più diffuso nelle regioni settentrionali dove la media dei ragazzi colpiti raggiunge il 23% e supera il 57% se si considerano anche le azioni di bullismo sporadiche.

 

Gli strumenti per affrontare il bullismo

Di fronte a un’emergenza come questa, sono necessari nuovi strumenti che permettano di prevenire e contrastare il fenomeno del bullismo e il cyberbullismo che può avvenire attraverso la rete.

Uno strumento idoneo di contrasto è la nuova prassi di riferimento UNI/PdR 42:2018, che si applica non solo a tutti gli istituti scolastici e formativi, ma anche alle varie attività assimilabili alla scuola (centri di formazione professionale, centri diurni, convitti, centri sportivi-ricreativi, centri giovanili, …).

 

Il lancio del premio “Bullis-NO!”

Proprio per favorire il contrasto del fenomeno del bullismo e del cyberbullismo nelle scuole e nelle organizzazioni giovanili, la Fondazione AiFOS – realtà filantropica fondata nel 2016 dalla società cooperativa Aifos Service e da AiFOS (Associazione Italiana Formatori ed Operatori della Sicurezza sul Lavoro) – indice, con la collaborazione di Bureau Veritas, il premio “Bullis-NO!”. 

 

Verrà premiata la migliore “buona prassi” di implementazione di un sistema di gestione contro il bullismo e/o il cyberbullismo, sviluppata all’interno di un’istituzione scolastica o di un’organizzazione rivolta ad utenti minorenni, ispirata alla prassi di riferimento UNI/PdR 42:2018.

Infatti le principali “agenzie educative” sono le famiglie, le scuole e le altre organizzazioni rivolte ad utenti minorenni che sono chiamate a svolgere il loro compito formativo, individuando i rischi ai quali i minori sono esposti e mettendo in campo buone prassi che abbiano l’obiettivo di eliminarli e/o ridurli, mettendo in pratica il corretto agire per accrescere il livello di benessere di bambini e ragazzi.

 

Regolamento del premio e invio delle domande

Le buone prassi che possono essere premiate dalla Fondazione dovranno riguardare interventi di implementazione di un sistema di gestione contro il bullismo e/o il cyberbullismo realizzati da istituzioni scolastiche e organizzazioni rivolte ad utenti minorenni.

 

Il premio Bullis-NO! – il regolamento:

https://www.fondazioneaifos.org/FILES/bandi/2019/bullismo/Regolamento-Premio-BULLIS-NO!.pdf

 

La Fondazione metterà a disposizione:

-      un premio economico per la migliore buona prassi realizzata;

-      2 giorni/uomo di audit offerte a titolo gratuito da parte di Bureau Veritas Italia, al fine di ottenere la certificazione;

-      la diffusione dei risultati conseguiti dal progetto vincitore.

 

Per partecipare al bando è necessario compilare e inviare la “Manifestazione d’interesse” entro le ore 24.00 del 30 maggio 2019, salvo eventuali proroghe, tramite l’apposito modulo che può essere scaricato dal sito della Fondazione.

 

Il premio Bullis-NO! – il modulo “Manifestazione d’interesse”:

https://www.fondazioneaifos.org/FILES/bandi/2019/bullismo/Manifestazione-d-interesse-Premio-BULLIS-NO!.pdf

 

La documentazione richiesta nella “manifestazione d’interesse”, a dimostrazione della effettiva implementazione del sistema di gestione, dovrà poi essere inviata entro il 31 dicembre 2019 all’Ufficio di Segreteria della Fondazione.

 

Le buone prassi saranno poi preselezionate da una Commissione e una tra queste verrà scelta dal CdA della Fondazione AiFOS, secondo il proprio insindacabile giudizio, sulla base della conformità dei progetti proposti ai seguenti criteri:

-      aderenza alle finalità del bando;

-      chiara individuazione di obiettivi, metodologie ed azioni;

-      grado di innovatività del progetto;

-      accuratezza dell’analisi del contesto d’intervento e dei bisogni dei beneficiari del progetto;

-      sostenibilità economica/progettuale dell’iniziativa;

-      coerenza con la buona prassi di riferimento UNI/PdR 42:2018 - Linee guida per il sistema di gestione per la scuola e le organizzazioni rivolte ad utenti minorenni.

 

La Fondazione AiFOS pubblicherà sul proprio sito la buona prassi vincitrice, beneficiaria del contributo, entro il 30 febbraio 2020.

 

Link della Fondazione AiFOS per avere ulteriori informazioni sul bando e sulla prassi di riferimento: https://www.fondazioneaifos.org/index.php/premio-bullis-no

 

 

Per informazioni:

Fondazione AiFOS - Palazzo CSMT - via Branze, 45 - 25123 Brescia - tel. 030.6595037 – https://www.fondazioneaifos.org/ - info@fondazioneaifos.org

 

 

 

07 febbraio 2019

 

Ufficio Stampa di AiFOS

ufficiostampa@aifos.it

http://www.aifos.it/

bullismo | scuola | cyberbullismo | premio |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Sicurezza sul lavoro a Bologna: convegni, workshop e corsi di formazione


Sicurezza sul lavoro: le carenze del 2015 e le prospettive per il 2016


Come migliorare la tutela della salute e sicurezza sul lavoro


Il coordinatore di cantiere e la sicurezza sul lavoro


Come migliorare la sicurezza e igiene alimentare


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Ieri...

Stesso autore

Salute e sicurezza in presenza di sostanze pericolose

Salute e sicurezza in presenza di sostanze pericolose
Salute e sicurezza in presenza di sostanze pericolose   L’11 aprile 2019 a Milano si terrà un convegno che affronterà la tutela della salute e sicurezza, la valutazione dei rischi e le buone pratiche relative alla presenza di sostanze pericolose nei luoghi di lavoro.   In Europa sono alcuni milioni i lavoratori che sono esposti alle tante sostanze pericolose pre (continua)

Utilizzare il teatro per fare sicurezza

Utilizzare il teatro per fare sicurezza
Utilizzare il teatro per fare sicurezza   Il 26 marzo 2019 si terrà un corso a Brescia per conoscere e sperimentare una metodologia utile ed innovativa per promuovere il comportamento sicuro nei luoghi di lavoro: il teatro.   La formazione alla sicurezza per essere efficace nel prevenire infortuni e malattie professionali deve essere in grado di modificare i comportamenti n (continua)

Videoconferenza su logistica e trasporti in sicurezza

Videoconferenza su logistica e trasporti in sicurezza
Videoconferenza su logistica e trasporti in sicurezza   Il 15 marzo AiFOS organizza un webinar gratuito per conoscere la normativa e migliorare la gestione dei rischi nella logistica e nel trasporto merci.   Nel settore del trasporto merci e, più in generale, nella logistica sono numerosi i fattori di rischio per la salute e la sicurezza degli operatori. Si parte, ad esempi (continua)

Cantiere Donna: il lavoro delle donne nei cantieri edili

Cantiere Donna: il lavoro delle donne nei cantieri edili
Cantiere Donna: il lavoro delle donne nei cantieri edili   In occasione dell’8 marzo 2019, giornata internazionale della donna, un convegno a Brescia affronta le difficoltà ed evidenzia il valore e l’opportunità della presenza delle donne in cantiere.   Se un vecchio decreto del 1956 (DPR n. 164 del 7 gennaio 1956) vietava ancora la presenza di lavoratrici (continua)

Ambienti montani: sicurezza sul lavoro e ISO 45001

Ambienti montani: sicurezza sul lavoro e ISO 45001
Ambienti montani: sicurezza sul lavoro e ISO 45001   Si terrà un corso a Brescia il 21 febbraio per aumentare la consapevolezza dei rischi negli ambienti montani considerando anche quanto previsto nella nuova norma ISO 45001:2018.   Sono molte le attività lavorative che vengono svolte in ambienti lavorativi ostili, caratterizzati da criticità rilevanti per la t (continua)