Home > Informatica > Allarme sextortion: ESET registra una nuova ondata di email truffa

Allarme sextortion: ESET registra una nuova ondata di email truffa

articolo pubblicato da: Elygiuliano | segnala un abuso

Allarme sextortion: ESET registra una nuova ondata di email truffa

ESET, il più grande produttore di software per la sicurezza digitale dell’Unione europea, avvisa gli utenti di una nuova ondata di messaggi fraudolenti di posta elettronica che cercano di estorcere denaro: il criminale informatico nella mail dichiara di aver violato il dispositivo della vittima designata filmando la persona mentre guardava contenuti pornografici. L'e-mail afferma anche che il video non solo ha filmato il comportamento dell'utente davanti alla webcam, ma anche quali video sono stati riprodotti, chiedendo poi un riscatto. La vittima è obbligata a pagare entro 48 ore dall'apertura dell'email o il cyber criminale invierà il video incriminante a tutti i contatti che è riuscito a rubare dal dispositivo infetto.
 
Nelle precedenti ondate di spam rilevate da ESET, queste e-mail di sextortion erano per lo più in inglese mentre negli ultimi giorni sono emerse nuove localizzazioni focalizzate su Australia, Stati Uniti, Regno Unito, Germania, Francia, Spagna, Repubblica Ceca, Russia. Sono state individuate anche mail con il testo in italiano – circa mille al mese nell’ultimo trimestre -  in cui si chiede un riscatto di 530€.
 
Simili truffe via e-mail non sono nuove ma ciò che distingue l’ennesima ondata di sextortion è l'efficacia dell'ingegneria sociale coinvolta, soprattutto grazie alla leva psicologica esercitata sugli utenti che guardano segretamente contenuti pornografici sui propri dispositivi. Gli esperti di ESET ribadiscono che si tratta di email truffa e ricordano alcune regole da seguire in questi casi: 
 
-          Agire con calma ed evitare passaggi affrettati: non rispondere alla email truffa, non scaricare allegati, non fare clic su righe contenenti link incorporate al messaggio e certamente non inviare denaro.
-           Se un criminale informatico elenca la password effettiva dell’utente – che potrebbe figurare in un database di account compromessi come il tanto discusso Collection #1 - è consigliabile cambiarla e attivare l'autenticazione a due fattori su quel servizio.
-          Eseguire la scansione del dispositivo con un software di sicurezza affidabile in grado di rilevare infezioni reali e altri problemi, come l'uso improprio della webcam integrata nel dispositivo.

ESET | sextortion | truffa |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

ESET premiata da AV-Comparatives per le soluzioni di sicurezza business e consumer


Telecamera Hybrid LKM Security: L'allarme perfetto per la Casa Intelligente


Impostazioni email telecamere Foscam: Scopri come ricevere le notifiche


ESET inaugura la nuova linea di soluzioni per la sicurezza aziendale


ESET, pronti per il GDPR con crittografia e autenticazione a due fattori


ESET inaugura la nuova suite di soluzioni per la sicurezza aziendale


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Stesso autore

Sicurezza Apple: scoperta app spia

Sicurezza Apple: scoperta app spia
Apple da sempre vanta un grande livello di sicurezza per i propri dispositivi, grazie anche a uno store blindato, ma uno studio effettuato da una azienda di sicurezza afferma che la strada per infettare i dispositivi della mela c’è ed è stata sfruttata più volte per diffondere applicazioni spia in grado di raccogliere dati. Una in particolare, emersa dallo studio, sfru (continua)

Virus Bulletin premia nuovamente ESET con la certificazione VBSpam +

Virus Bulletin premia nuovamente ESET con la certificazione VBSpam +
ESET, il più grande produttore di software per la sicurezza digitale dell’Unione europea, ha ricevuto la certificazione VBSpam + nella VBSpam Email Security Comparative Review di marzo 2019.   La review ha analizzato 11 soluzioni di sicurezza e-mail complete e sette blacklist, per misurare le loro prestazioni rispetto a vari flussi di e-mail indesiderate. VBSpam è una (continua)

Uomo arrestato per aver distrutto i dati dell’ex datore di lavoro

Uomo arrestato per aver distrutto i dati dell’ex datore di lavoro
Dopo essere stato licenziato, l’ex dipendente è tornato per vendicarsi Secondo un rapporto della Thames Valley Police del Regno Unito, un uomo britannico dovrà scontare due anni di prigione per aver cancellato dal sistema di storage in Cloud di un’azienda i dati critici del suo ex-datore di lavoro. All’inizio del 2016 Steffan Needham, di Bury, Greater Manch (continua)

Operazione LITTLE PLAYERS, una nuova vittoria contro la pedopornografia

Operazione LITTLE PLAYERS, una nuova vittoria contro la pedopornografia
ESET Italia da sempre vicina alla sicurezza dei minori online è davvero orgogliosa di poter condividere sul proprio blog un importante successo delle forze dell’ordine, riportando integralmente i dettagli dell’operazione “LITTLE PLAYERS“. Un soggetto arrestato, 33 persone indagate, 82 dispositivi elettronici e migliaia di file contenenti materiale pedopornografi (continua)

La maggior parte delle pen drive USB di seconda mano contiene dati dei precedenti proprietari

La maggior parte delle pen drive USB di seconda mano contiene dati dei precedenti proprietari
Come dimostra un recente studio, molti utenti non si preoccupano adeguatamente quando cedono le proprie chiavette USB, lasciando spesso documenti o informazioni riservate che possono essere facilmente recuperate dai nuovi proprietari dei dischi. I ricercatori dell’Università di Hertfordshire hanno acquistato 200 memorie USB – 100 negli Stati Uniti, 100 nel Regno Unito – (continua)