Home > Autore : Matteo Simone ha pubblicato 661 articoli

Articoli pubblicati da Matteo Simone

Matteo Simone

Psicologo, psicoterapeuta Gestalt ed E.M.D.R. Psicologo Militare presso l’Istituto di Medicina Aerospaziale dell’Aeronautica Militare di Roma. Psicologo volontario del Corpo Italiano di Soccorso dell’Ordine di Malta (CISOM). Corso di Meditazione Vipassana presso il Centro di Meditazione Vipassana Dhamma Atala Europa di Marradi. Corso Seekers After Truth (SAT) sulla Psicologia degli Enneatipi mirato al processo di auto-conoscenza personale condotto e coordinato dal Dr Claudio Naranjo. Blogger, articolista e autore dei seguenti libri: Cosa spinge le persone a fare sport?; TRIATHLON E IRONMAN La psicologia del triatleta; Maratoneti e ultrarunner; Lo sport delle donne; Sport, benessere e performance; Carlos Castaneda incontra don Juan, uno sciamano divenuto suo maestro; Ultramaratoneti e gare estreme; Sviluppare la resilienza; Doping Il cancro dello sport; O.R.A. Obiettivi, Risorse, Autoefficacia; Psicologia dello sport e dell’esercizio fisico; Psicologia dello sport e non solo. Sport praticati: podismo, capoeira, ultramaratone, ciclismo, triathlon. Vice Presidente dell’A.S.D. “Atletica La Sbarra”, ciclista dell’associazione “Podistica solidarietà Cycling team”.

Sito web: http://www.psicologiadellosport.net

Facebook: https://m.facebook.com/matteo.simone1

Instagram: https://www.instagram.com/matteo_ironman/?hl=it

Alessandra Ciuffa: Ho sempre creduto di poter ricominciare e tornare a correre

Si è sempre in tempo per volersi bene e occuparsi di sé stessi anche con lo sport che è un ottimo strumento per sperimentare benessere e per apprendere lezioni importanti. Di seguito Alessandra racconta la sua esperienza rispondendo ad alcune mie domande. Sai che dopo la sofferenza c’è uno stato di grazia che niente al mondo può regalartiMatteo SIMONEhttp://www.psicologiadellosport.net Si è sempre in tempo per volersi bene e occuparsi di sé stessi anche con lo sport che è un ottimo strumento per sperimentare benessere e per apprendere lezioni...

La bici rende felici nonostante le salite, nonostante la fatica

Cosa c’è dietro alla bici? La bici rende felici nonostante le salite, nonostante la fatica; la bici per approfondire la conoscenza di sé stessi e dell'altro; la bici per comprendere la ciclicità dell'esperienza; per attivarsi, per partire e ripartire. Matteo SIMONEhttp://www.psicologiadellosport.net Cosa c’è dietro alla bici? La bici rende felici nonostante le salite, nonostante la fatica; la bici per approfondire la conoscenza di sé stessi e dell'altro; la bici per comprendere la ciclicità dell'esperienza; per attivarsi, per partire e r...


6 Ore della Maremma 2020, Romualdo Pisano: Ho solo vinto una 6ore

Domenica 19 gennaio ha avuto luogo a Grosseto la 1^ edizione della 6 Ore della Maremma – Memorial Walter Baldini. Il vincitore è stato Romualdo Pisano che ha totalizzato 75,179 km, precedendo Marco Lombardi 73,926 km e Maurizio Di Paolo 72,595km. La gara femminile è stata vinta da Alina Teodora Muntean che ha totalizzato 69,717km, precedendo l’azzurra Francesca Innocenti 67,241km ed Elisa Bellagamba 66,778km. Matteo SIMONEhttp://www.psicologiadellosport.net Domenica 19 gennaio ha avuto luogo a Grosseto la 1^ edizione della 6 Ore della Maremma – Memorial Walter Baldini. Il vincitore è stato Romualdo Pisano che ha totalizzato 75,179 km, precedendo Marco Lombardi 73,926 km e Maurizio Di Paolo 72,595...

Cosa spinge le persone a fare sport?

Ho approfondito gli aspetti che riguardano la motivazione a fare sport per il benessere e per raggiungere obiettivi nello sport e nella vita e riporto nel testo alcune interviste ad atleti di diverse discipline sportive individuali o di squadra. Non solo la performance ma anche la voglia di mettersi in gioco, di mantenersi in forma, di rincorrere il benessere psicofisico, emotivo e relazionale. Una spinta motivazionale dettata da cuore, testa e corpo per provare a non mollare, per condividere momenti di pre-gara fatti di viaggi e incontri, per superarsi. È importante lavorare su obiettivi, sul superare errori e sconfitte, si impara da tutto ciò che succede e si può fare meglio in futuro come individui e come squadra conoscendosi meglio. Matteo SIMONEhttp://www.psicologiadellosport.net Descrizione dell’opera “Cosa spinge persone a fare sport?” Aracne editrice.https://www.libreriauniversitaria.it/cosa-spinge-persone-fare-sport/libro/9788825528275Ho approfondito gli aspetti che riguardano la motivazione a fare sport per il bene...

Come migliorare la performance e spunti dal libro Maratoneti e ultrarunner

La maratona, oltre a essere una prestazione sportiva agonistica, è un’esperienza. Percorrere una maratona non significa solamente cercare di vincere, cercare di fare la performance della vita, cercare di fare il record personale. Percorrere una maratona significa anche sperimentare l’alimentazione pre-gara, preoccuparsi del tempo atmosferico, pensare all’abbigliamento adatto Matteo SIMONE La maratona, oltre a essere una prestazione sportiva agonistica, è un’esperienza. Percorrere una maratona non significa solamente cercare di vincere, cercare di fare la performance della vita, cercare di fare il record personale. Percorrere una maratona significa anche sperime...

Pierluigi Lops: La gara della vita probabilmente la 100 km del passatore

Lo sport davvero avvicina persone, culture, mondi e rende felici e resilienti sintonizzandosi sul l'obiettivo da portare avanti seguendo mete e direzioni sempre pronti a rimodulare tutto cavalcando l'onda del cambiamento e utilizzando risorse residue, che diventano a volte sorprendenti e rinnovabili. Questo è il vantaggio dello sport, di seguito Pierluigi racconta la sua esperienza rispondendo ad alcune mie domande. La mia prima maratona di Roma nel 2011 forse è lì che mi sono sentito completamente atletaMatteo SIMONEwww.psicologiadellosport.net Lo sport davvero avvicina persone, culture, mondi e rende felici e resilienti sintonizzandosi sul l'obiettivo da portare avanti seguendo mete e direzioni semp...

Ultramaratoneti e gare estreme: Cosa motiva questi atleti?

Il testo consente di calarsi nella realtà degli ultramaratoneti, grazie all’esperienza diretta dell’autore e al contributo di centinaia di atleti intervistati che hanno condiviso le loro esperienze di gara. Vi sono i racconti di amanti della corsa e di atleti professionisti. In primo piano è il vissuto esperienziale degli atleti, le loro problematiche, le loro convinzioni, le loro paure, le loro esperienze di vita e i loro successi. Come ci ricorda la psicoterapia della Gestalt, è nell’esperienza che risiede la conoscenza. Un libro affascinante che riporta le motivazioni di queste persone, che tratteggia le loro strutture caratteriali. Un testo che permette di avvicinarsi a questo tipo di discipline considerate estreme e impossibili. Cosa li spinge a spostare sempre più in avanti i limiti fisici? Matteo SIMONE Questi i quesiti che si è posto l’autore Matteo Simone per stendere questo libro, si parla di ultramaratone e di gare estreme per lunghezza chilometrica, per condizioni fisiche-naturalistiche e metereologiche...

Arrendersi mai, come trovare la carica per affrontare positivamente la vita

L’aiuto psicologico può avere l’obiettivo di sviluppare la resilienza nelle persone, aiutare a ricostruire fiducia e relazioni, ricostruire sé stessi, la propria attività. L’aiuto psicologico può avere l’obiettivo di incrementare fiducia e pazienza in attesa di ritornare gradualmente alla quotidianità, di riprendere le cose lasciate in sospeso, di prendersi cura di sé. Passa tutto se siamo fiduciosi, collaborativi, pazienti,Matteo SIMONEhttp://www.psicologiadellosport.net Passa tutto se siamo fiduciosi, collaborativi, pazienti, se siamo comunque in contatto a distanza, se siamo sensibili, tolleranti. Passa tutto e si affronta tutto come i muri di tante m...

Come migliorare la performance e spunti dal libro Triathlon e Ironman

Per affrontare il periodo di preparazione atletica ci vogliono convinzione, grinta, forza e determinazione. La cosa importante, quindi, è decidere le priorità e gli obiettivi, e impegnarsi per il loro raggiungimento. È indispensabile fare progetti credibili a sé stessi. Bisogna sapersi monitorare nel corso del tempo, sapersi testare o farsi testare. Matteo SIMONE Per affrontare il periodo di preparazione atletica ci vogliono convinzione, grinta, forza e determinazione. La cosa importante, quindi, è decidere le priorità e gli obiettivi, e impegnarsi per il loro raggiungimento. È indispensabile fare progetti credibili a sé stessi. Bisogna...

Per mantenersi in buona salute con l’attività fisica basta poco

Bisogna essere pazienti e fiduciosi e aspettare tempi migliori per potersi allenare e scegliere una prossima gara, c’è tempo per tutto, ora la priorità è sopravvivere e vivere nel miglior modo possibi Matteo SIMONEhttp://www.psicologiadellosport.net Bisogna essere pazienti e fiduciosi e aspettare tempi migliori per potersi allenare e scegliere una prossima gara, c’è tempo per tutto, ora la priorità è sopravvivere e vivere nel miglior modo possibile, poi si vedrà. Bisogna andare avanti co...

 

Pag: [1] 2 3 4 5 ... 67 »

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Alcuni dati

Matteo Simone è iscritto al portale dal 22-12-2015.

Ha pubblicato 661 articoli.

Gli articoli pubblicati da Matteo Simone sono stati visti in totale 280096 volte.

Articoli più cliccati

Mary Moor: Utrarunner fino alla fine, riprendere da dove ho lasciato
Visto (3589) volte

Desiré, podista: in un momento nero ho pensato “e se iniziassi a correre?”
Visto (2252) volte

Eleonora Bazzoni, runner: ho subito capito che potevo vincere la gara
Visto (2015) volte

Fausto Parigi: durante un'ultra maratona devi necessariamente restare lucido
Visto (1516) volte

Max Monteforte, runner: è la testa che fa la differenza e lì non esiste doping
Visto (1390) volte

Francesca Boldrini, runner: non potrei rinunciare ai benefici della corsa
Visto (1328) volte

Quadrifoglio Ultra Trail 60km: vince Filippo Canetta davanti a Enrico Bonati
Visto (1304) volte

Enrico Vedilei, ultrarunner: anche il decimo Passatore è in saccoccia
Visto (1265) volte

Matteo Nocera, ultrarunner: Serra de Conti (6 ore), poi prenderò qualche mese di pausa
Visto (1245) volte

Francesco Fagnani, maratoneta, nutrizionista: Maratona Valencia, mi sono nutrito di amore, 2h34’41”
Visto (1238) volte

Michele Moretti, ex atleta: la gioia del risultato è superiore a qualsiasi sacrificio
Visto (1117) volte

Valentina Pici: Sogno ... nel cassetto l'ultramaratona del gran sasso e il passatore
Visto (1077) volte

Libera Caputo, corsa e triathlon: Bisogna sapersi gestire e ascoltare il fisico
Visto (1058) volte

Golden Gala, i protagonisti: Bondarenko, Tamberi, Ayana, Gatlin, Kipruto
Visto (1051) volte

Un grande viaggio lungo 100 km pieno di emozioni ti aspetta!
Visto (1016) volte

La sconfitta fa male ma serve per portare a casa grandi insegnamenti
Visto (1008) volte

Alla ViviBarletta raccolta di fondi “pro-Siria” e sostegno a Vincenza Sicari
Visto (961) volte

Francesca Innocenti, ultrarunner: Corpo e mente sono strumenti meravigliosi
Visto (956) volte

Sport Against Violence, 12X30’: Atletica La Sbarra vince classifica femminile!!!
Visto (949) volte

Salvo Campanella, handbiker: tutta la vita è una gara
Visto (936) volte