Home > Keyword : FW19 cliccata 69 volte

Fjällräven presenta la collezione Re-Wool in lana eticamente responsabile

Fjällräven presenta la collezione Re-Wool in lana eticamente responsabile
Sempre alla ricerca di nuove strade per ridurre l’impatto ambientale dei propri prodotti, Fjällräven ha deciso di estendere l’utilizzo della lana riciclata alla nuova collezione autunno/inverno 2019. Nota come Re-Wool, questa lana proviene da fonti pre- e post-consumo di tutto il mondo. È composta da vecchi capi di abbigliamento o avanzi di produzione dell’industria laniera che altrimenti verrebbero buttati via. Una volta raccolta, viene suddivisa per colore, poi sminuzzata, quindi filata nuovamente per creare nuovi capi. Non sprecare, nemmeno un f...

Fjällräven | Fjallraven | re-wool | lana | lana riciclata | riciclo | Prato | made in Italy | giacche | maglioni | FW19 | Blu Wom | ufficio stampa | Udine |


Zaino in spalla: il back to school è firmato Fjällräven

Zaino in spalla: il back to school è firmato Fjällräven
Versatili e affidabili, i nuovi zaini della collezione FW19 di Fjällräven sono i compagni perfetti per la scuola, le attività di tutti i giorni, e le brevi uscite nella natura. Essere in grado di trasportare gli effetti personali – leggeri o pesanti essi siano, per tragitti brevi o lunghi, garantendo sempre a chi li indossa massimo comfort e libertà di movimento, è sempre stato fin dal lontano 1960 il fine ultimo di ogni zaino Fjällräven. Oggi, con la stagione FW19, la collezione di zaini firmata dall’iconico brand svede...

Fjällräven | Fjallraven | FW19 | back to school | outdoor | moda | novità | zaini | borse | Kånken | Kanken | Vardag | Totepack | Norrvage | re-wool | lana riciclata | G-1000 | Blu Wom | agenzia Udine | ufficio stampa | PR |



 

Pag: [1]

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Ultime notizie

Fumano spinelli a scuola e si sentono male

Fumano spinelli a scuola e si sentono male
È notizia dello scorso novembre 2019 che a Valbelluna, in Veneto, delle studentesse 14enni, dopo aver fumato spinelli durante la ricreazione, abbiano accusato un malore. Una è addirittura finita in ospedale. L’unico commento possibile è che questo è cosa si otterrebbe, su larga scala, spingendo verso la liberalizzazione delle “droghe leggere”. Il prob (continua)

Marche, Donoma Club: Arriva MARKETT, il format rivelazione del by nigth italiano

Marche, Donoma Club: Arriva MARKETT, il format rivelazione del by nigth italiano
Un evento che questo week end farà impazzire il pubblico marchigiano Sabato 14 dicembre 2019 dalle ore 00:00 alle 05:00 al Donoma Club di Civitanova Marche Markett il party rivelazione della night life italiana sbarca a Civitanova Marche al Donoma Club, punto di riferimento dell’intrattenimento e del divertimento della Riviera Adriatica, nelle Marche e in Italia, sabato 14 dicembre 2019 (continua)


A Messina si spaccia davanti alle scuole: cosa si può fare a riguardo?

A Messina si spaccia davanti alle scuole: cosa si può fare a riguardo?
È di ieri, 10 dicembre 2019, la notizia che in provincia di Messina, a Patti, sono stati arrestati degli spacciatori che offrivano e vendevano droga ai ragazzi delle scuole, fuori da alcuni istituti. È piuttosto ovvio che, se gli spacciatori vanno davanti alle scuole, è perché sanno che qualche ragazzo abboccherà al loro amo, e diventerà un tossicodipende (continua)

È corretto informare in anticipo gli studenti di un blitz antidroga?

È corretto informare in anticipo gli studenti di un blitz antidroga?
Un preside, un professore, dovrebbe avere più a cuore la salute dei propri studenti, o il ”buon nome” dell’istituto? La risposta sembra ovvia… invece in quel di Reggio Emilia, in alcune scuole, pare che qualcuno abbia pensato bene di avvisare i ragazzi di un prossimo blitz con i cani anti-droga. Questi episodi sono stati riferiti da un consigliere comunale di Reggio (continua)

Legalizzazione o proibizione? Nessuna delle due strategie è una vera soluzione.

Legalizzazione o proibizione? Nessuna delle due strategie è una vera soluzione.
È del tutto chiaro che la proibizione della droga, di per sé, non risolve il problema. È anche piuttosto evidente, dopo il via libera alla marijuana in Colorado, che neppure la legalizzazione lo risolve (anzi, statistiche di incidenti e crimine alla mano, lo peggiora). Ecco che cosa pensava il giudice Paolo Borsellino, ucciso dalla mafia ovvero dai più potenti traffica (continua)