Home > Keyword : project manager cliccata 550 volte

Federico Ottavio Barberis si occupa della corporate identity di MISSION DARK SKY

Federico Ottavio Barberis si occupa della corporate identity di MISSION DARK SKY
Il Project Manager Creativo torinese ha dato forma all’identità visiva della Campagna Globale di sensibilizzazione sull’Inquinamento Luminoso MISSION DARK SKY   È del torinese Federico Ottavio Barberis la creazione dell’immagine coordinata della Campagna globale di sensibilizzazione sull’inquinamento luminoso MISSION DARK SKY. Lanciata nel maggio del 2019, la campagna si sta imponendo come una delle più credibili a livello mondiale, grazie anche alla chiarezza ed efficacia della sua impostazione visiva.   Federico Ottavio Barberis &e...

Federico ottavio barberis | federico barberis | barberis | mission dark sky | project manager | creativo | arte | cosmobserver | inquinamento luminoso | Marlboro Classics | Mipharm | Herno | Museum | Peter Hadley | Manifesto del Marketing Etico | COSMOBSERVER | SMPI |


Andrea Roggero scrive un articolo sul cambio di paradigma e i paradossi nel passaggio dalle energie fossili a quelle da fonti rinnovabili

Andrea Roggero scrive un articolo sul cambio di paradigma e i paradossi nel passaggio dalle energie fossili a quelle da fonti rinnovabili
Il Project Manager di ECR Technologies, Andrea Roggero, spiega il cambio di paradigma alla base della filosofia del suo team di lavoro, tra paradossi e cambi di prospettive.   I cambiamenti epocali sono costellati di nuove prospettive, nuove regole e vecchi fattori da risolvere.   È stata pubblicata sul sito di ECR Technologies una breve analisi di Andrea Roggero, nella quale si evidenziano le visioni di sviluppo tecnico, di contesto ed economiche che sono alla base dell’intenso lavoro di ECR Technologies. Un lavoro che oltre allo sviluppo di un’innovativa...

Andrea | Roggero | ECR Technologies | ECR | Technologies | Tech | articolo | energia | fonti rinnovabili | solare | eolico | fotovoltaico | voltaico | project manager |



Industrial Design Engineering and Innovation: aperte le iscrizioni al master del Politecnico di Milano dedicato al product design

Industrial Design Engineering and Innovation: aperte le iscrizioni al master del Politecnico di Milano dedicato al product design
 Workshop progettuali e stage per avvicinare designer e project manager alle imprese Le lezioni della IX edizione inizieranno a novembre 2015 30 posti disponibili   Partirà a novembre la IX edizione del Master in Industrial Design Engineering and Innovation, il Master di primo livello del Politecnico di Milano, gestito dal Consorzio POLI.design, che ha formato negli anni esperti in product design e development capaci di tradurre idee innovative e creative, tipiche del design italiano, in prodotti industriali di grande e piccola serie. Fondamentali per il percorso didatt...

Master | politecnico | milano | POLI design | INDUSTRIAL | DESIGN | ENGINEERING | INNOVATION | PRODUCT | project manager | workshop | Ariete | De’Longhi Appliance | Design Group Italia | Ditron | Electrolux | Espressocap | LG Electronics | Momo Design | Whirlpool Europ |


 

Pag: [1]

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Ultime notizie

Tesla, l’Ecstasy potenziata che arriva dall’Olanda

Tesla, l’Ecstasy potenziata che arriva dall’Olanda
Vi ricordate Achille Lauro e la sua canzone sulla “Rolls Royce”? Ora c’è una nuova droga chiamata “Tesla”, una Ecstasy potenziata che allude alle supercar elettriche americane. A Sanremo 2019 ci furono un sacco di polemiche attorno alla canzone “Rolls Royce”, brano che allude chiaramente a un tipo dello stupefacente Ecstasy, chiamato appunto Rolls Royce. Ecco che un nuovo tipo di Ecstasy è stato nominato “Tesla”, dal nome delle note e costose auto elettriche americane. Si tratta di una pasticca arancione di forma triangolare, con contenuto di MDMA (la sostanza ch (continua)

L’emergenza Covid-19 e la reazione della comunità internazionale: il pensiero di Paola Severino

Criminalità e misinformazione al tempo del Coronavirus: Paola Severino ne parla in un podcast dell’Istituto Affari Internazionali analizzando gli effetti dell’emergenza sanitaria a livello globale I legami tra emergenza sanitaria e criminalità, la "misinformazione": le riflessioni di Paola Severino nel nuovo episodio del ciclo di podcast che l'Istituto Affari Internazionali ha incentrato sui temi del Covid-19 e della comunità internazionale.Paola Severino: l'emergenza Covid-19 ci ha fatto comprendere il valore fondamentale dell'autoregolamentazione"La mia prima reazione quando hanno incomin (continua)


Dove nascondere la droga? Nel biberon del bambino!

Dove nascondere la droga? Nel biberon del bambino!
Una donna aveva nascosto delle dosi di droga nel biberon del figlio per evitare che la droga fosse scoperta durante una perquisizione dei carabinieri. È noto che la droga non porta a comportamenti responsabili, non ci si deve quindi stupire se una madre arriva a concepire come nascondiglio per la cocaina il biberon del figlio. Nell’episodio in questione, avvenuto nei dintorni di Bologna, la donna e due uomini che erano con lei hanno aggredito i militari dell’Arma che sono finiti in ospedale con 7gg di prognosi. Questa notizia fa da spunto (continua)

Amnesia, la nuova marijuana

Amnesia, la nuova marijuana
Una nuova incarnazione della marijuana, detta “Amnesia”, causa pericolosi problemi di memoria oltre a creare dipendenza e altri micidiali effetti collaterali. Da sempre si beve alcool per “dimenticare” i problemi. Ecco che nuovo tipo di marijuana, detta “Amnesia”, causa vere e proprie amnesie oltre che problemi neurologici inaspettati per una varietà della cannabis. L’Amnesia viene infatti “potenziata” con aggiunta di metadone, eroina o altre sostanze chimiche di sintesi, e questo la rende assai più pericolosa. Come per la maggior parte delle nuo (continua)

A Memphis si muore più di overdose che di coronavirus

A Memphis si muore più di overdose che di coronavirus
L’attenzione dei media si focalizza sulla situazione sanitaria, ma i giovani continuano a morire nel silenzio e senza che ci sia la percezione di nessuna emergenza. Mentre la gente di Memphis (Missouri) sta a casa per il lockdown, e se esce sta bene attenta ad indossare la mascherina, nessuno parla delle morti per overdose di droga. Una crisi continua a dimenticata, vittime dell’abuso di stupefacenti legali e illegali.Nella contea di Shelby, quasi interamente occupata dalla città di Memphis (650.000 abitanti) ci sono stati 750 casi di overdose nella settimana (continua)