Home > Arte e restauro > Davide Quaglietta: una pittura di armoniosa orchestrazione visionaria

Davide Quaglietta: una pittura di armoniosa orchestrazione visionaria

scritto da: Elenagolliniartblogger | segnala un abuso

Davide Quaglietta: una pittura di armoniosa orchestrazione visionaria


 “Artista di fervida passione creativa, che lo induce ad una profusione ispiratrice continua e costante, Davide Quaglietta si allinea all'interno di un'orchestrazione pittorica visionaria, che si orienta recuperando e attingendo spunti di rimando e di richiamo in modo sistematico e al contempo che rivaluta la portata elevata delle basi, delle fondamenta e delle radici di un DNA genetico anticonformista e indipendente, che ama lasciarsi sospingere dalle sensazioni più pure, affrancate e incontaminate. Lo definirei un pittore-poeta, perché le sue composizioni narrative sono come la metafora di un componimento lirico dove ogni particolare della rappresentazione evoca e rievoca le suadenti armonie equilibrate di un verso aulico e tutti insieme i versi vanno a formare un intreccio poetico di sublime energia vitale”. La Dott.ssa Elena Gollini esordisce così nello spiegare in modo approfondito i tratti vincenti delle soluzioni creative proposte da Quaglietta attraverso il suo fare pittorico caratterizzante e distintivo. Inoltre, ha proseguito asserendo: “Davide poeta della pittura riesce sempre a generare delle visioni di prospettiva allargata e dilatata ben oltre la superficie pittorica, che si espandono al di fuori e convergono dentro un'orchestrazione spaziale sospesa, rarefatta, ovattata, protettiva. Entrare in contatto stretto e diretto con Davide uomo-artista-poeta del nostro tempo, dai profondi sentimenti e dai profondi pensieri meditativi, significa aprire e alimentare un dialogo e una comunicazione importante, fatta di reciproca comprensione e di reciproca considerazione, significa venirsi incontro in termini di linguaggio paritetico e poter intavolare uno scambio vicendevole. Le sue orchestrazioni visionarie servono per offrire un piano e un livello di registro semantico articolato e stimolante, per dare una funzionalità incisiva alle dinamiche rappresentative e all'impostazione strutturale. Nella poesia ammaliante e accattivante dello scenario, Davide pone in essere il proprio simbolico patto di unione indissolubile con l'arte universale concepita e considerata in ogni sua manifestazione e vuole che a suggellare questo patto sia proprio lo spettatore-fruitore, che diventa testimone attivo e compartecipe di questo momento cruciale di fusione. La pittura di Davide viene assorbita e filtrata e diventa dunque un unicum con l'arte universale nella sua ideale meraviglia e magnificenza e nella sua assoluta dimensione di purezza. È un'arte fatta per il bene e per trasmettere il bene, per fare immergere lo spettatore in una visionarietà permeante in modo naturale e spontaneo, senza forzature e senza costrizioni, seguendo semplicemente il battito del proprio cuore e il moto della propria anima, proprio come fa Davide quando entra nella fase saliente della sua estasi creativa”.


Fonte notizia: http://elenagolliniartblogger.com/davide-quaglietta


Davide quaglietta | quaglietta | artista | arte | opere | quadri | ghiacciai | fiume po | assenteismo | legnago | verona | bologna | artworks | art | casa irda | acquarelli | natura | olio | tela | volto | umano |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Davide Quaglietta: una pittura oltre


Terme di Castrocaro per una settimana su Rete4


Intervista di Alessia Mocci a Luc Vancheri: la pubblicazione italiana del saggio francese “Cinema e Pittura”


Davide Quaglietta: arte docet


Davide Quaglietta e il suo universo pittorico


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Alessandro Bassani: fotografia di passione e di vocazione

Alessandro Bassani: fotografia di passione e di vocazione
All'interno del vasto e variegato comparto nel quale si sviluppa e si evolve la moderna arte fotografica contemporanea, certamente Alessandro Bassani si sta ben muovendo con un percorso che resta volutamente al di fuori degli schemi dottrinali convenzionali e cerca invece degli sbocchi alternativi, molto validi e molto attuali all'interno dello sfaccettato campo applicativo della Mobile Phon (continua)

Cecilia Martin Birsa: arte scultorea contemplativa e riflessiva

Cecilia Martin Birsa: arte scultorea contemplativa e riflessiva
Nell'attuale panorama della moderna arte scultorea, senza dubbio l'artista Cecilia Martin Birsa merita di essere positivamente considerata anche per la stimolante prospettiva a livello contemplativo e a livello riflessivo, che la sua produzione genera e alimenta fin dal primo sguardo. Di recente la Martin Birsa è stata intervistata da Radio Canale Italia e ha raccontato alcuni aspetti caratt (continua)

Davide Quaglietta: quando l'arte diventa socialmente rilevante

Davide Quaglietta: quando l'arte diventa socialmente rilevante
 Assistiamo purtroppo all'incalzante e incessante mutamento ambientale e climatico, provocato dai gravi danni all'ecosistema. Questa situazione incostante e in continuo aggravamento ci rende impotenti dinanzi ad una catastrofe planetaria, nonostante la colpa dell'uomo sia tra le principali cause di questa devastazione generale. Tra i segnali più eclatanti, che si stanno palesando in modo (continua)

Federico Marchioro: suggestione visionaria empatica

Federico Marchioro: suggestione visionaria empatica
 “L'approccio approfondito e attento alla produzione pittorica di Federico Marchioro suggerisce immediatamente nel fruitore una dimensione di suggestione visionaria a livello empatico, che attira e attrae la sfera sensibile e si riflette nel coinvolgimento globale”. La Dott.ssa Elena Gollini spiega così l'importanza della componente empatica all'interno del variegato corollario espressiv (continua)

Daniel Mannini: progettualità informale e resa accattivante

Daniel Mannini: progettualità informale e resa accattivante
 “All'interno del multiforme e variegato palcoscenico espressivo dell'arte contemporanea le formule comunicative attuali si lasciano spesso affossare da dinamiche applicative già preconfigurate e già preordinate a monte e non lasciano emergere quella creatività di ispirazione informale, precludendo la resa accattivante, libera e spontanea della narrazione scenica e compositiva. A fronte (continua)