Home > Cultura > Fabio Giancarli: Un giorno per caso, appena dodicenne, ho scoperto la corsa

Fabio Giancarli: Un giorno per caso, appena dodicenne, ho scoperto la corsa

scritto da: Matteo Simone | segnala un abuso

Fabio Giancarli: Un giorno per caso, appena dodicenne, ho scoperto la corsa

Non c’è un’età per iniziare a fare sport e non c’è un’età per smettere, si è sempre in tempo per scegliere uno sport o smettere di praticarlo, importante è lo spirito con lui lo si pratica che può essere giocoso da ragazzini e forse un po’ più competitivi da giovani e adulti per ritornare a giocare con il passare degli anni, con l’adultità. Fabio, amico di allenamenti che alcuni anni fa sono riuscito a coinvolgerlo nell’Atletica La Sbarra, racconta la sua esperienza rispondendo ad alcune mie domande.


Lo sport per me è un po’ come un incontro con me stesso

Matteo SIMONE21163@tiscali.it

http://www.psicologiadellosport.net

 

Non c’è un’età per iniziare a fare sport e non c’è un’età per smettere, si è sempre in tempo per scegliere uno sport o smettere di praticarlo, importante è lo spirito con lui lo si pratica che può essere giocoso da ragazzini e forse un po’ più competitivi da giovani e adulti per ritornare a giocare con il passare degli anni, con l’adultità.

Fabio, amico di allenamenti che alcuni anni fa sono riuscito a coinvolgerlo nell’Atletica La Sbarra, racconta la sua esperienza rispondendo ad alcune mie domande.

Quando ti sei sentito campione nello sport?Da ragazzino sognavo di diventarlo ma pur non realizzando i miei sogni so di avercela messa tutta, superando i limiti soprattutto quelli con me stesso”.

 

Fabio è uno che si mette in gioco in allenamento, in gara non evitando l’esperienza e allontanandosi dalla zona di confort come ha dimostrato in alcune gare non facili come la 6 ore e la Resia Rosolino dove si trattava di correre anche di notte e con condizioni climatiche avverse.

Qual è stato il tuo percorso nello sport?Ho sempre praticato sport. Un giorno per caso, appena dodicenne, ho scoperto la corsa e la mia naturale predisposizione a questa disciplina. la spinta avveniva ogni giorno, sognando di sfiorare gli anelli olimpici come i grandi campioni”.

Nello sport cosa e chi contribuisce al tuo benessere e/o performance?La forza interiore, proviene da me stesso, dai miei figli e dalla mia più grande fan, la mia compagna, che mi segue nelle gare e mi sprona anche solo sapendo che è lì a guardarmi”.

 

Nello sport c’è bisogno di trovare la forza per partire, per andare avanti, per reagire, per superare crisi e ostacoli lungo il percorso, per arrivare al traguardo e tante volte dentro di noi abbiamo capacità e risorse nascoste che fanno leva anche sui nostri cari familiari, amici, partner che sappiamo tifano per noi, si preoccupano, vogliono che siamo soddisfatti di una nostra prestazione e questo ci da tanta carica soprattutto quando sono presenti.

Un'esperienza che ti dà la convinzione che ce la puoi fare?Ritengo che tra le tante gare disputate (6 ore Angizia, 6 ore Latina, maratona di Roma senza nessuna preparazione ecc. Quella che mi ha insegnato di più è stata la Resia-Rosolina Relais, con le difficoltà meteorologiche, infortuni e disavventure e la mia età, dettaglio non da poco, mi ha fatto capire che è un po’ come nella vita: arrendersi mai, perché l’impegno si vede su tutto il percorso fino al traguardo”.

 

Più dura è la lotta e più glorioso è il trionfo, le gare più dure, più difficili, quelle dove pensi di mollare, sono quelle che insegnano di più, che rimangono più nel cuore, fanno conoscere il proprio carattere e coraggio nell’affrontare, gestire, superare crisi e difficoltà, c’ero anch’io ala Resia Rosolino Relais e ogni difficoltà era una nuova scommessa e sfida dove bisognava tirare fuori capacità di resilienza per continuare e non mollare, per restare uniti, per non tornare a casa sconfitti e demotivati.

Cosa pensano familiari e amici della tua attività sportiva?La gratifica arriva sempre a innaffiare il giardino di quella che definirei la colonna sonora della mia esistenza e tra una benevola invidia e profonda ammirazione sono supportato e sopportato senza limiti”.

 

In effetti l’incombenza di chi è vicino all’atleta è di sopportarlo e supportarlo, da una parte bisogna accettare questa grande passione che vuol coltivare e dall’altra bisogna anche far sì che dopo grandi fatiche venga anche un po’ coccolato.

Un episodio curioso, divertente, triste, bizzarro della tua attività sportiva?Forse, citando nuovamente Resia che li ha visti verificarsi tutti insieme nella stessa gara, alla fine della prima frazione nel passaggio del chip all’amico Fabrizio, per essere celere nell’azione, sgancio il bracciale e vedo volare il chip che finisce sulla riva dell’Adige. Ecco lì in una commistione di sensazioni, sono passato dal provare soddisfazione per aver recuperato dei minuti preziosi, alla disperazione di aver perso il chip e al peso della responsabilità di aver così determinato il risultato dell’intera squadra. Ma dopo il noto esito resta uno di quei racconti che genera ilarità e coesione per chi c’era e ha condiviso quegli attimi infiniti”.

 

Infatti ridevo allora quando successe il fatto e continuo a ridere ora mentre leggo e scrivo questa bizzarra testimonianza di atleti che cercano di fare del proprio meglio per la squadra e che incontrano spiacevoli inconvenienti.

Quali capacità, risorse, caratteristiche possiedi nel tuo sport?Lo sport per me è un po’ come un incontro con me stesso. Mi scarico e rigenero al contempo. La bellezza di vivere istanti che più sono impegnativi e di sforzo e più mi lasciano ricaricato”.

 

Questa mi mancava e in effetti è una interessante testimonianza condivisa da me stesso e da tanti altri atleti, lo sforzo, la fatica se da un lato stancano e sfiniscono dall’altro rimettono al mondo, fanno sentire di essere riusciti, di essere capaci, di essersi svuotati, ma alo stesso tempo ricaricati di fiducia, entusiasmo, piani e programmi per far meglio e ottenere risultati che soddisfano.

Che significa per te praticare attività fisica?In questa frase non trovo nulla che mi rispecchi perché per me la corsa è come respirare, non lo pratico il respiro, lui c’è. Non è uno sport, è vita”.

 

Per tanti lo sport è essenziale, è indispensabile, è la vita, respirare, chi lo fa lo sa, chi lo sperimenta lo comprende.

Quali sensazioni sperimenti facendo sport e in quali circostanze?Indubbiamente la sensazione predominante è quella di superarsi e non solo durante una gara ma in tutti quei preziosi step che costituiscono l’allenamento”.

 

Praticare uno sport è una costruzione di performance, allenamenti come mattonelle che messe insieme costituiscono le fondamenta di una prestazione che soddisfa.

A cosa devi prestare attenzione nella pratica del tuo sport? Quali sono le difficoltà e i rischi?Il lieve infortunio subito alla fine dello scorso anno mi ha messo dinanzi a nuove realtà. L’età deve rispettare quelli che sono i confini fisiologici del corpo trovando nuovi equilibri e scoprire rinnovate sensazioni attraverso dinamiche rapportate ai miei anni, quindi a diversi scenari di resistenza/sforzo/respiro”.

 

Lo sport, i suoi piaceri e le sue difficoltà mettono di fronte all’accettazione, compassione, rispetto di se stessi, la consapevolezza degli anni che passano, del corpo che richiede attenzione e dedizione ma cercando di continuare a far bene nonostante tutto e rispettando soprattutto i tempi di recupero.

Quali condizioni ti ostacolano nella pratica dello sport?L’unico ostacolo è nella testa, se non è adeguatamente stimolata evito di affrontare un allenamento. Se mi sento forte non mi fermo neanche con la pioggia”.

 

In effetti la testa così come può aiutare a trovare gli stimoli e l’entusiasmo per far bene, per continuare, per non nolare, allo stesso tempo può sabotare, può sfiduciare, demotivare, distrarre, quindi bisogna allenare la mente a essere presente nell’esperienza, a mettere da parte pensieri negativi e distrazioni, a valutare l’importanza di un allenamento o di una gara e stare presente proprio in quel momento in quello che si sta facendo.

Cosa ti fa continuare a fare attività fisica? Hai rischiato di mollare?La ricerca di nuove emozioni, seppur simili, mi spinge rinnovando il mio SI ogni volta. E cambiarmi infilare le scarpette e andare, è tutt’uno. Il rischio di mollare è umano e io ho dovuto farci i conti nella vita. Ho subito una battuta di arresto legata a problematiche personali, li ho toccato con mano cosa volesse dire arrendersi”.

 

Ci si può fermare, si può rallentare per diversi motivi ma mollare è sconsigliabile se si continuare a sperimentare sensazioni ed emozioni uniche e intense.

Ritieni utile lo psicologo nel tuo sport? Per quali aspetti e fasi?Lo psicologo dovrebbe essere una figura che andrebbe affiancata con serenità a ogni categoria, soprattutto quelle di prima linea sia per l’aspetto competitivo sia per quello umano. Una figura oserei dire necessaria per alleggerirsi da tutte quelle resistenze che, come zavorre, evitano di alzarsi in volo”.

 

In effetti l’atleta può avere diversi blocchi e zavorre mentali che non gli permettono di spiccare il volo, e sarebbe utile confrontarsi con uno psicologo che sappia indicarli come trovare risorse dentro se stesso, come mettere in ordine sabotatori e distrattori nella sua mente, come avere il controllo della mente focalizzandosi su obiettivi realistici sfidanti ma non impossibili.

L'evento sportivo dove hai sperimentato le emozioni più belle?La situazione sportiva più bella è stato cimentarmi per la prima volta in un’ultramaratona (6 ore ad Angizia) senza conoscere affatto questa competizione, ho calzato le scarpette e messo il pettorale e ho iniziato a correre senza sapere se il mio fisico potesse portare a termine uno sforzo simile, ma durante la gara con il passare del tempo, vedendo che stavo ottenendo un ottimo risultato, correvo sulle ali dell’entusiasmo senza avvertire la fatica”.

 

Questa sembra essere la descrizione del flow, uno stato di grazia dove si sperimenta fluidità nello sport e le parole di Fabio rendono proprio questo concetto: correvo sulle ali dell’entusiasmo senza avvertire la fatica.

Quale è stata la tua situazione sportiva più difficile?La più difficile la staffetta 6 per un’ora di Latina, a metà luglio con 35 gradi, insieme ad altri 5 compagni di squadra, si è creata un’empatia unica, dati per spacciati sin dall’inizio, abbiamo adottato una tattica di gara folle; correre, spingendo al massimo, 400 metri ciascuno, incitandoci l’un l’altro e riuscire a ribaltare quello che era il pronostico iniziale, vincendo la gara”.

 

Più volte Fabio ha dimostrato di essere un ottimo elemento per un gruppo o una squadra, non si tira indietro nella fatica e apporta simpatia e umorismo che per il gruppo alleggerisce tensione, pressioni, fatica.

Come hai superato eventuali crisi, sconfitte, infortuni, COVID?Grosse crisi non ne ho attraversate perché era la corsa stessa a darmi la giusta energia, pur nella ripetitività, al pari del criceto sulla ruota, non ho mai smesso nemmeno in questo anno difficile”.

Un messaggio per avvicinare i ragazzi allo sport? “’Conosci te stesso’, antica scritta nel tempio di Apollo a Delfi. Gli studiosi, concordano sul fatto che Apollo intimasse agli uomini di «riconoscere la propria limitatezza e finitezza»; e io dico: conosci te stesso nei tuoi limiti e nell’essere finito e superali attraverso lo sport!”.

Cosa hai scoperto di te stesso nel praticare attività fisica?Di me ho conosciuto tutto quello che so, grazie allo sport. I miei limiti, i miei punti di forza, la mia capacità di gioire per l’altro ma soprattutto la mia voglia di condividere”.

 

Lo sport è un ottimo mezzo di conoscenza di se stessi nel riuscire a ottenere risultati ma anche a gestire crisi e difficoltà.

Hai un riferimento? Ti ispiri a qualcuno?Il mio mito, fin da piccolo è stato Gelindo Bordin e le sue storiche imprese, ricordo ancora con tanta emozione il suo trionfo alla maratona delle olimpiadi di Seul 1988. Non colpiva per il suo modo di correre poco elegante, ma per la sua capacità di restare concentrato, con determinazione e forza mentale nel perseguire l’obiettivo”.

 

Vero, centrato e sicuro di sé fino alla fine, quando altri mollavano, lui restava impassibile e continuava fino al traguardo, con la consapevolezza che si era allenato bene, aveva pensato e immaginato la condotta di gara e quindi non restava che correre come solo lui sapeva.

Una parola o una frase che ti aiuta a crederci e impegnarti?La corsa, come lo sport in genere, è quella corda che ti aiuta a risalire in sicurezza, scalando anche la più ripida delle montagne, per accorgersi che la strada che hai percorso è molta di più di quella che hai davanti. E ti ritrovi già in vetta”.

Sogni realizzati e da realizzare?Sogni da realizzare, fin da piccolo, la maratona di New York e quella di Boston...sogni realizzati...esserci riusciti, a correre”.

 

Matteo SIMONE

380-4337230 - 21163@tiscali.it

www.psicologiadellosport.net/

http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+matteo+simone.html


Fonte notizia: https://www.youtube.com/watch?v=EUQch4O9Ac0


corsa |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

19 ottobre esce l'ultimo album di Danilo Amerio


Miguel Benancio Sanchez e la Corsa di Miguel, 38 anni dal suo sequestro


I vari tipi di terreno nella corsa


Presentazione del libro “Lo sport delle donne" edito da Prospettiva Editrice


"Lo sport delle donne", giovedì 18 aprile ore 21.00 sarà ospite di AtletiCat


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Daniele Cappelletti, 3° nella classifica finale della Coppa Italia di Sky Snow

Daniele Cappelletti, 3° nella classifica finale della Coppa Italia di Sky Snow
A Sella Neva, si è conclusa la prima edizione della Coppa Italia FISKY - Skysnow e la classifica finale, ottenuta dalla somma dei due migliori risultati di tre gare vede al 1° posto Cristian Minoggio (200 punti) che ha preceduto Luca Del Pero (166 punti) e Daniele Cappelletti (160 punti). Per quanto riguarda le donne, femminile la vittoria è andata a Isabella Morlini (178 punti) che ha preceduto Raffaella Tempesta (176 punti) e Consuelo Vicari (152 punti). Salire sul podio mi piace ancora molto nonostante l'età che avanzaMatteo SIMONEhttp://www.psicologiadellosport.net A Sella Neva, si è conclusa la prima edizione della Coppa Italia FISKY -  Skysnow e la classifica finale, ottenuta dalla somma dei due migliori risultati di tre gare vede al 1° posto Cristian Minoggio (200 punti) che ha preceduto Luca Del Pero (166 punti) e Daniele Capp (continua)

Manuel Viezzi: Mi innamorai di questo tipo di gare e non mi sono più fermato

Manuel Viezzi: Mi innamorai di questo tipo di gare e non mi sono più fermato
Molti considerano anomalo correre tanti km, considerano anomalo correre in circuiti di circa un km per 6 ore consecutive, ma a volte l’anomali e il bizzarro attrae più di tutto, diventa una sfida, scoprire se si è in grado di fare cose difficili e sfidanti, gare lunghissime e difficilissime. Quello che si sperimenta attrare più di ogni cosa, ci si innamora. Matteo SIMONE Molti considerano anomalo correre tanti km, considerano anomalo correre in circuiti di circa un km per 6 ore consecutive, ma a volte l’anomali e il bizzarro attrae più di tutto, diventa una sfida, scoprire se si è in grado di fare cose difficili e sfidanti, gare lunghissime e difficilissime. Quello che si sperimenta attrare più di ogni cosa, ci si innamora.Di seguito l’es (continua)

L’esperienza della bici per assaporare la ciclicità dello sport

L’esperienza della bici per assaporare la ciclicità dello sport
L’esperienza della bici per assaporare colori e suoni; per perdersi e ritrovarsi; per assaporare la ciclicità dello sport come nella vita, fatta di partenze e arrivi, incontri e congedi, salite e discese. La bici è una metafora della vita, come per la bici c’è la ciclicità della salita e della discesa così nella vita c’è la crisi e soluzione senza darsi per sconfitti ma accettando e cambiando il corso degli eventi con fiducia e resilienza uscendone fuori sempre più rafforzati. Matteo SIMONEhttp://www.psicologiadellosport.net L’esperienza della bici per assaporare colori e suoni; per perdersi e ritrovarsi; per assaporare la ciclicità dello sport come nella vita, fatta di partenze e arrivi, incontri e congedi, salite e discese. La bici è una metafora della vita, come per la bici c’è la ciclicità della salita e della discesa così nella vita c’è la crisi e soluzion (continua)

Luigi Brugnoli: L’idea di correre nel deserto o fare la 100 km mi ispira molto

Luigi Brugnoli: L’idea di correre nel deserto o fare la 100 km mi ispira molto
Oltre i limiti non significa buttarsi a capofitto con il corpo oltre le proprie possibilità ma fare un’attenta analisi e valutazione, buttarsi sì ma non solo con il fisico ma anche con la testa sempre sul corpo che comanda le nostre azioni attentamente senza strafare troppo e con attenzione e cautela. Il cuore anche diventa importantissimo perché se non c’è passione non si fa niente di importante, non si può andare oltre senza una passione vera per quello che si sta facendo. Rispondendo ad alcune mie domande, di un paio di anni fa, Luigi racconta la sua esperienza di maratoneta intenzionato ad andare oltre. Matteo SIMONEhttp://www.psicologiadellosport.net Oltre i limiti non significa buttarsi a capofitto con il corpo oltre le proprie possibilità ma fare un’attenta analisi e valutazione, buttarsi sì ma non solo con il fisico ma anche con la testa sempre sul corpo che comanda le nostre azioni attentamente senza strafare troppo e con attenzione e cautela. Il cuore anche diventa importantissimo (continua)

Mattia Ceccarelli, Triathlon: Quando provi una cosa fallo fino in fondo

Mattia Ceccarelli, Triathlon: Quando provi una cosa fallo fino in fondo
Mattia Ceccarelli (Cesena Triathlon) è campione di triathlon medio 2019, titolo vinto a Lovere (BG) sabato 2 giugno in 3h52’23” precedendo Federico Gregorio Incardona (No Limits Friends) 04h02’48” e Bruno Pasqualini (Torino Triathlon) 04h02’50”. Di seguito approfondiamo al conoscenza di Mattia attraverso sue risposte ad alcune mie domande. Matteo SIMONEhttp://www.psicologiadellosport.net Mattia Ceccarelli (Cesena Triathlon) è campione di triathlon medio 2019, titolo vinto a Lovere (BG) sabato 2 giugno in 3h52’23” precedendo Federico Gregorio Incardona (No Limits Friends) 04h02’48” e Bruno Pasqualini (Torino Triathlon) 04h02’50”.Di seguito approfondiamo al conoscenza di Mattia attraverso sue risposte ad alcune mie domande.Q (continua)