Home > Cultura > Mattia Ceccarelli, Triathlon: Quando provi una cosa fallo fino in fondo

Mattia Ceccarelli, Triathlon: Quando provi una cosa fallo fino in fondo

scritto da: Matteo Simone | segnala un abuso

Mattia Ceccarelli, Triathlon: Quando provi una cosa fallo fino in fondo

Mattia Ceccarelli (Cesena Triathlon) è campione di triathlon medio 2019, titolo vinto a Lovere (BG) sabato 2 giugno in 3h52’23” precedendo Federico Gregorio Incardona (No Limits Friends) 04h02’48” e Bruno Pasqualini (Torino Triathlon) 04h02’50”. Di seguito approfondiamo al conoscenza di Mattia attraverso sue risposte ad alcune mie domande.


Matteo SIMONE

http://www.psicologiadellosport.net

 

Mattia Ceccarelli (Cesena Triathlon) è campione di triathlon medio 2019, titolo vinto a Lovere (BG) sabato 2 giugno in 3h52’23” precedendo Federico Gregorio Incardona (No Limits Friends) 04h02’48” e Bruno Pasqualini (Torino Triathlon) 04h02’50”.

Di seguito approfondiamo al conoscenza di Mattia attraverso sue risposte ad alcune mie domande.

Quando ti sei sentito campione nello sport?Quando ho vinto la mia prima gara internazionale”.

La gara della tua vita?Challenge Riccione 2019”.

 

Mattia il 5 maggio 2019 ha vinto il Challenge Riccione (1.9K di nuoto, 90K bici e 21.1K corsa) in 3h51’50”, precedendo Thomas Steger 3h53’14” e Frederic Funk 3h53’45”. Mattia sin dall’inizio della sua carriera di triatleta ha sperimentato vittorie individuali e di squadra già dai tempi dell’università e finalmente arriva una vittoria importante.

Quali capacità, risorse, caratteristiche possiedi nel tuo sport?Essere sempre uno che attacca, che però a volte diventa un limite”.

 

Per poter attaccare significa aver tanta fiducia in se stessi e non aver paura degli avversari, e ciò vuol dire tanto, significa uscire allo scoperto con coraggio e determinazione e a volte gli avversari faticano per stare al passo fin da subito.

Nella pratica del tuo sport quali sono le difficoltà e i rischi?Soprattutto la capacità di sapersi gestire”.

 

In effetti il triathlon, soprattutto di lunghe distanze, comporta una grande capacità di resilienza e gestione delle varie fasi nelle tre discipline non sottovalutando le transizioni dove si tratta di cambiare disciplina e avere tutto sotto controllo partendo da se stessi, l’ambiente, gli avversari e non sottovalutando l’integrazione adeguata.

Ritieni utile lo psicologo nel tuo sport? Per quali aspetti e fasi?Sì, soprattutto per gestire i periodi ‘no’ che inevitabilmente a volte capitano”.

 

Nello sport non sempre è tutto facile, lineare, controllabile, a volte bisogna avere a che fare con momenti o periodi di demotivazione, di sfiducia, eventuali infortuni o sconfitte, relazioni con staff e amici di squadra, obiettivi da voler raggiungere e da rimodulare e riprogrammare, tanta consapevolezza delle proprie risorse e un confronto con uno psicologo può aiutare a organizzarsi mentalmente, ad avere sotto controllo pensieri disturbanti, dubbi, indecisioni.

La gara più difficile?Ironman Cervia 2019”.

 

L’Ironman di Cervia 2019 è stata vinta dall’australiano Cameron Wurf in 7h46’54” che ha preceduto Jaroslav Kovacic 8h03’11” e Giulio Molinari 8h08’09” mentre Mattia Ceccarelli arriva 5° in 08h19’59”. L’Ironman è una gara molto impegnativa che prevede una preparazione adeguata ad affrontare tre discipline con distanze notevoli quali 3,8km di nuoto, 180km bici e la maratona di 42,195 km. Ho provato tale provato all’Elbaman nel 2015 impiegando 16h16’.

Come hai superato crisi, sconfitte, infortuni, COVID?Ponendomi obiettivi a breve termine”.

 

In effetti quando ci sono problemi, difficoltà, avversità, come questo lungo periodo di COVID, è difficile fare programmi a lunga scadenza ma bisogna capire quello che si può fare ora con quello che abbiamo a disposizione e che ci viene permesso, rimodulando piani e programmi e congelando gli obiettivi più ambiziosi.

Un messaggio per avvicinare i ragazzi allo sport?Fare sport è soprattutto una scuola per imparare a vivere, ma non quello sport dove c'è il premio di partecipazione, lo sport competitivo”.

 

Lo sport competitivo prevede un grande investimento di tempo e di energie per cercare di migliorarsi e sfidare prima di tutto se stessi e poi eventuali amici più forti e anche gli avversari più quotati man mano che si perde e si impara sempre potenziando sempre le criticità e avvalendosi sempre più di strumenti che portano alla performance.

Ti ispiri a qualcuno?Onestamente no”.

Prossimi obiettivi? Sogni realizzati e da realizzare?Uscire dal tunnel prestazionale nel quale mi trovo da un anno”.

 

Quando si sperimenta un grande successo come la vittoria di una gara internazionale seguito da un titolo italiano che conferma un grande stato di forma, allora si vorrebbe continuare a far ancora meglio pensando che il meglio debba ancora avvenire ma purtroppo qualcosa oltre il nostro controllo ci mette un po’ tutti per terra facendo grandi rinunce con la speranza e la fiducia che si possa ritornare a riprendere in mano le redini delle nostre vite coltivando e rincorrendo sogni ambiziosi.

Come ti vedi tra 10 anni?Meglio se non ci penso onestamente, la vita che ho scelto non lascia spazio a pianificazioni così lontane”.

 

Focalizzarsi sul “Qui e ora” ha sempre un grande vantaggio, comprendendo e focalizzandoci su quello che possiamo e vogliamo fare ora nel migliore dei modi.

Quali sono gli ingredienti del successo?La testa, sopra ogni cosa, e in secondo luogo il talento”.

 

Bisogna essere sempre consapevole dei propri bisogni ed esigenze, delle nostre potenzialità e criticità e cercare di avere tutto sotto controllo focalizzandoci su quello a cui teniamo prendendo strade e percorsi che ci fanno sperimentare benessere e successo.

Cosa diresti a Mattia di 10 anni fa?Ascolta meno quello che vogliono gli altri, e quando provi una cosa fallo fino in fondo”.

 

È importante essere sempre più autonomi nelle decisioni e nel mobilitare le energie per soddisfare bisogni ed esigenze personali, e l’impegno costante porta sempre a risultati.

 

Matteo SIMONE

www.psicologiadellosport.net/eventi.htm

http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+matteo+simone.html


Fonte notizia: http://www.psicologiadellosport.net


Triathlon |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Gian Luca Di Nunzio: il triathlon è una condizione mentale


APPUNTAMENTO “OLIMPICO” A BARDOLINO (VR). IL TRIATHLON INTERNAZIONALE SCATTA IL 16 GIUGNO


GRANDE FESTA DEL TRIATHLON A CALDARO. SARZILLA E KOVACS VITTORIE D’AUTORE


BARDOLINO E INGOLSTADT A BRACCETTO. TRIATHLON PROTAGONISTA SUL LAGO DI GARDA


IN 1.250 AL VIA SABATO A BARDOLINO (VR). NUOVO RECORD PER IL TRIATHLON INTERNAZIONALE


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Sandro: Grazie alla generosità degli atleti dell'Atletica La Sbarra ho iniziato a correre

Sandro: Grazie alla generosità degli atleti dell'Atletica La Sbarra ho iniziato a correre
Prossimi obiettivi a breve, medio, lungo termine? Sogni da realizzare e realizzati? “Nel breve: percorrere 1 km lanciato in 4:00/4:15. Nel medio: migliorare notevolmente le prestazioni che ho ottenuto nelle mie 2 gare. Nel lungo: vincere una gara. Sogni da realizzare: insidiare i record sui 5.000 e 10.000 di Salvatore Antibo. Sogni realizzati: per me il semplice fatto di aver corso in gara è già un sogno realizzato. Vorrei ringraziare tutti gli atleti che mi hanno aiutato a raggiungere questo sogno. Grazie amici ve ne sono riconoscente. Sandro M.". Un’intervista a Sandro è riportata nel mio libro “Sport benessere e performance. Aspetti psicologici che influiscono sul benessere e performance dell’atleta”, edito da Prospettiva Editrice. Sandro: Essendo io un ipovedente era impensabile correre per meMatteo SIMONE380.4337230 - 21163@tiscali.it Ti sei sentito campione nello sport almeno un giorno della tua vita? “Io sono un neo sportivo, ho iniziato a correre da 2 mesi, ma in 2 occasioni mi sono sentito un campione: 1 metro dopo il traguardo delle mie 2 uniche prime gare (Staffetta 12x30 e maratonina 10km). Non avevo mai p (continua)

Gran Fondo “Le Strade Rosa”: Loretta Giudici 2^ assoluta e 1^ di categoria

Gran Fondo “Le Strade Rosa”: Loretta Giudici 2^ assoluta e 1^ di categoria
Il 25 aprile 2021 si è svolta a Castelnuovo di Farfa (RI) la seconda edizione della Gran Fondo “Le Strade Rosa”, gara ciclistica femminile di 92 km, la cui vincitrice è stata Sara Mazzorana, Bike Therapy, che ha preceduto con 8″ di vantaggio Loretta Giudici, ASD Anagni Ciclismo. Al terzo posto si classificano Simona Pagni e la collega amica psicologa Manuela Ansaldo, entrambe dell’ASD Picar-Blokko Racing Team. Matteo SIMONE380-4337230 - 21163@tiscali.it Il 25 aprile 2021 si è svolta a Castelnuovo di Farfa (RI) la seconda edizione della Gran Fondo “Le Strade Rosa”, gara ciclistica femminile di 92 km, la cui vincitrice è stata Sara Mazzorana, Bike Therapy, che ha preceduto con 8″ di vantaggio Loretta Giudici, ASD Anagni Ciclismo. Al terzo posto si classificano Simona Pagni e la collega ami (continua)

Giacomozzi Paola: Le idee e i pensieri più belli mi vengono quando corro

Giacomozzi Paola: Le idee e i pensieri più belli mi vengono quando corro
Paola Giacomozzi dell’Asd Talenti Running Team Roma ha i seguenti personali: 1500 mt. 4:39.21 Roma 28 Giugno 2003 - 10000 mt. 34:09 Fiumicino 14 Dicembre 2003- Mezza maratona 1:17’17” Ferrara 15 Febbraio 2004 - Maratona 2:44’06” Piacenza 07 Marzo 2004. Di seguito approfondiamo al conoscenza di Paola attraverso risposte ad alcune mie domande. Fare sport mi fa star bene... sia fisicamente che mentalmenteMatteo SIMONEhttp://www.unilibro.it/libri/f/autore/simone_matteo Paola Giacomozzi dell’Asd Talenti Running Team Roma ha i seguenti personali: 1500 mt. 4:39.21 Roma 28 Giugno 2003 - 10000 mt. 34:09 Fiumicino 14 Dicembre 2003- Mezza maratona 1:17’17” Ferrara 15 Febbraio 2004 - Maratona 2:44’06” Piacenza 07 Marzo 2004.Di seguito ap (continua)

Giorgio Calcaterra testimonial della “La Sei Ore del Parco Nord” Milano

Giorgio Calcaterra testimonial della “La Sei Ore del Parco Nord” Milano
Domenica 09.05.2021 si è svolta a Cinisello Balsamo (MI) la seconda edizione della “La Sei Ore del Parco Nord” Milano, su un anello di circa 1600 metri quasi completamente asfaltato, organizzata dal Centro Provinciale Libertas Milano in collaborazione con ASD Sport club Atletica Libertas Sesto. http://www.seioreparconord.com/ Il vincitore è stato Marco Menegardi con 88.349 km precedendo Giorgio Calcaterra 86.084 km e Mauro Gagliardini 78.848 km. Tra le donne la vittoria è andata a Chiara Milanesi con 75.713 km precedendo Lorena Brusamento 74.647 km e Annalisa Campagna 69.783 km. Di seguito approfondiamo la conoscenza di Giorgio attraverso risposte ad alcune mie domande. Ero concentrato, pensavo ad arrivare a 80 km e per fortuna li ho superatiMatteo SIMONEhttp://www.unilibro.it/libri/f/autore/simone_matteo Domenica 09.05.2021 si è svolta a Cinisello Balsamo (MI) la seconda edizione della “La Sei Ore del Parco Nord” Milano, su un anello di circa 1600 metri quasi completamente asfaltato, organizzata dal Centro Provinciale Libertas Milano in collaborazione c (continua)

Intervista doppia agli ultramaratoneti Giorgio Calcaterra e Marco Menegardi

Intervista doppia agli ultramaratoneti Giorgio Calcaterra e Marco Menegardi
Domenica 09.05.2021 si è svolta a Cinisello Balsamo (MI) la seconda edizione della “La Sei Ore del Parco Nord” Milano, organizzata dal Centro Provinciale Libertas Milano in collaborazione con ASD Sport club Atletica Libertas Sesto. Il vincitore è stato Marco Menegardi con 88.349 km precedendo Giorgio Calcaterra 86.084 km e Mauro Gagliardini 78.848 km. Chiara Milanesi è stata la prima donna con 75.713 km precedendo Lorena Brusamento 74.647 km e Annalisa Campagna 69.783 km. Matteo SIMONEhttp://www.unilibro.it/libri/f/autore/simone_matteo Domenica 09.05.2021 si è svolta a Cinisello Balsamo (MI) la seconda edizione della “La Sei Ore del Parco Nord” Milano, organizzata dal Centro Provinciale Libertas Milano in collaborazione con ASD Sport club Atletica Libertas Sesto. Il vincitore è stato Marco Menegardicon 88.349 km precedendo Giorgio Calcaterra 86.084 km e Ma (continua)