Home > Arte e restauro > Davide Quaglietta: una pittura di correlazione e di interconnesione

Davide Quaglietta: una pittura di correlazione e di interconnesione

scritto da: Elenagolliniartblogger | segnala un abuso

Davide Quaglietta: una pittura di correlazione e di interconnesione


 L'innata ispirazione creativa, che Davide Quaglietta possiede come talento spontaneo e naturale costituisce una virtuosa e preziosa risorsa che viene utilizzata secondo una funzionalità pensata sempre per ottenere soluzioni sfaccettate e articolate, che seguono un disegno progettuale pianificato a monte e ottimizzato al meglio. A tal riguardo la Dott.ssa Elena Gollini ha espresso alcune considerazioni di approfondimento dichiarando: “Il potenziale creativo di Davide viene avvalorato da una serie mirata di correlazioni e di interconnessioni, che supportano la sintesi formale ed estetica e fanno da base di sostegno e di fondamento per la mimesi semantica precipua, che viene sempre bilanciata e armonizzata all'insieme del costrutto strutturale garantendo un giusto equilibrio compositivo globale. Questa trama e questa texture variegata di correlazioni e di interconnessioni si allinea perfettamente alle dinamiche di pensiero e al sentire di Davide e diventa essa stessa parte focale nevralgica dello scenario rappresentativo proposto e riprodotto con una rivisitazione abile e sapientemente impostata. La sua dimensione figurale non è dunque soltanto improntata con schemi lineari e fissi, ma è dotata di una certa elasticità duttile e versatile, fluida e scorrevole, di una movimentazione esclusiva mutante e variabile, che la rende sempre interessante nella sua dissertazione dialettica e nella sua concertazione linguistica. Davide ci propone dunque una pittura dal significato plurimo e di percezione plurisensoriale, che si lascia facilmente recepire ma al contempo che richiede una sensibilità spiccata nel cogliere e nel decifrare quei riflessi speciali a livello contenutistico, che escono dal significato immediatamente individuabile e cercano invece una diversa chiave propedeutica di comprensione piena. Davide riesce a fornire al fruitore una gestione autonoma e indipendente nel contatto visivo e visionario, poiché la sua pittura si presta subito a risultare ben accessibile e allo stesso tempo suggerisce alcuni step e alcuni passaggi da poter seguire per avere una compenetrazione attiva e diretta, completa e compiuta. I suoi discorsi narrativi appaiono sempre ordinati e schematizzati secondo una lungimiranza di vedute e di prospettive esistenziali, che gli appartiene anche nel suo vivere quotidiano. È un artista ponderato nello slancio e intenso nel trasporto. Ecco, perché la sua arte non risulta mai esasperata ed irruente. Davide si lascia andare nel flusso delle idee e viene illuminato da esse, le fa sue e le finalizza orientandole in modo sempre congeniale. Perché, per Davide con e attraverso l'arte tutto si può dire, purché venga concretamente suffragato e sia frutto di una pulizia etica e morale e di una purezza intellettuale. E allora lasciamo largo spazio a questa pittura, che testimonia e si rende testimone senza arroganza e senza aggressività”.


Fonte notizia: http://elenagolliniartblogger.com/davide-quaglietta


Davide quaglietta | quaglietta | artista | arte | opere | quadri | ghiacciai | fiume po | assenteismo | legnago | verona | bologna | artworks | art | casa irda | acquarelli | natura | olio | tela | volto | umano |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Davide Quaglietta: pensiero e azione artisticamente attivi


Terme di Castrocaro per una settimana su Rete4


Intervista di Alessia Mocci a Luc Vancheri: la pubblicazione italiana del saggio francese “Cinema e Pittura”


Davide Quaglietta: arte docet


Davide Quaglietta: una pittura oltre


Davide Quaglietta e il suo universo pittorico


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Davide Quaglietta: ricerca cromatica e ricerca semantica

Davide Quaglietta: ricerca cromatica e ricerca semantica
 “Nello scandaglio relativo alla mimesi formale e sostanziale della pittura di Davide Quaglietta si può distintamente discernere una sequenzialità di ricerca attenta e scrupolosa, che da una parte si incentra e si orienta all'elemento cromatico e alla profusione tonale e dall'altra parte si canalizza e di focalizza sulla dimensione semantica e sul registro linguistico sempre mirato ad ho (continua)

La pittura evanescente e trascendente di Federico Marchioro

La pittura evanescente e trascendente di Federico Marchioro
 “Si tratta di una pittura, che individua e definisce nel flusso cromatico sfumato e nei giochi chiaroscurali intensamente miscelati un'evanescenza speciale e sui generis, che funge da cornice di contorno per enfatizzare la struttura costitutiva e la palingenesi sostanziale dell'impianto narrativo”. La Dott.ssa Elena Gollini spiega e approfondisce la sintesi pittorica informale di Federi (continua)

Daniel Mannini: vitalità interiore e dinamismo vigoroso

Daniel Mannini: vitalità interiore e dinamismo vigoroso
 Daniel Mannini è un talentuoso esponente emergente della pittura di matrice astratto-informale, che dimostra una virtuosa potenzialità espressiva e comunicativa. A tal riguardo, la Dott.ssa Elena Gollini che si occupa della curatela promozionale di Mannini ha messo in luce dei punti nevralgici di rilievo. In particolare ha rimarcato: “Daniel è già dotato di innate risorse artistiche, ch (continua)

È online la mostra “Metamorfosi cromatica” di Rosanna Piervittori

È online la mostra “Metamorfosi cromatica” di Rosanna Piervittori
 È stata ufficialmente pubblicata online la mostra pittorica di Rosanna Piervittori dal titolo volutamente molto allusivo “Metamorfosi cromatica” per delineare l'importanza, che riveste la componente del colore all'interno della vibrante e pulsante sfera creativa, che anima e accende l'ispirazione artistica della talentuosa pittrice contemporanea. L'esposizione curata dalla Dott.ssa Ele (continua)

Alessandro Bassani: fotografia di passione e di vocazione

Alessandro Bassani: fotografia di passione e di vocazione
All'interno del vasto e variegato comparto nel quale si sviluppa e si evolve la moderna arte fotografica contemporanea, certamente Alessandro Bassani si sta ben muovendo con un percorso che resta volutamente al di fuori degli schemi dottrinali convenzionali e cerca invece degli sbocchi alternativi, molto validi e molto attuali all'interno dello sfaccettato campo applicativo della Mobile Phon (continua)