Home > Altro > Niente protezione secondo rischio per la clinica disorganizzata

Niente protezione secondo rischio per la clinica disorganizzata

scritto da: Avv. Angelo Ascanio Benevento | segnala un abuso

Niente protezione secondo rischio per la clinica disorganizzata

La Cassazione dalla parte delle assicurazioni: struttura sanitaria costretta a pagare se si verifica un rischio non coperto.


La polizza ‘a secondo rischio’, stipulata dall’ospedale come indennizzo per la parte di danno non coperta dall’assicurazione dei medici che vi lavorano, non scatta per i danni direttamente imputabili alla struttura sanitaria.

È quanto stabilisce la sentenza n. 8401 del 24 aprile 2015 della terza sezione civile della Cassazione. 

La Corte si è pronunciata sul caso di una paziente che, due settimane dopo un intervento di protesi d’anca, aveva subito una frattura all’arto operato. 

Il malato aveva fatto domanda di risarcimento per il danno subìto e la Corte d’appello aveva condannato in secondo grado la clinica rigettando la domanda di garanzia avanzata da quest’ultima nei confronti dei propri assicuratori.

La struttura sanitaria aveva così deciso di rivalersi sull’assicurazione presentando ricorso in Cassazione. La Corte suprema aveva però dichiarato inammissibile il ricorso, rilevando come la sentenza d’appello avesse individuato una responsabilità diretta della struttura sanitaria, per fatto proprio, ovvero scaturente non dall’esecuzione di un intervento chirurgico ma da deficit organizzativi.

In particolare secondo la Corte d’appello, la responsabilità diretta della clinica derivava dalla difettosa organizzazione dei servizi collaterali erogati ai pazienti, dal funzionamento del gabinetto di radiologia e dal mancato coordinamento di questo con l’attività dei medici (organizzazione di un servizio di radiologia non adeguato).

Il giudice di secondo grado aveva quindi stabilito che la clausola ‘a secondo rischio’ non poteva scattare e che la clinica non aveva diritto ad invocare gli effetti della ‘limitazione del rischio’. 

In conclusione, la motivazione della sentenza d’appello – secondo la Corte suprema – non doveva essere ritenuta contraddittoria.

La Corte d’appello, infatti – conclude la Cassazione – ha nella sostanza escluso che si fosse avverato il rischio assicurato (cioè l’insorgere di una responsabilità dipendente dall’esercizio di attività chirurgica) e di conseguenza rigettato la domanda di garanzia, ritenendo evidentemente che il contratto di assicurazione stipulato dall’ospedale non coprisse la responsabilità di quest’ultimo derivante da deficit organizzativi.

Avv. Angelo Ascanio Benevento

Elenco Speciale 

responsabilità medica | assicurazione | medici | medicina | risarcimento | polizza |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Devi fare una Tac a Siracusa? Clinica Villa Rizzo nuova Tac Multistrato


Congresso ESC 2018: Combattere la fibrillazione atriale, registro globale ETNA-AF


Un corso per diventare operatori volontari di protezione civile


La continuità di cura ha bisogno di dati condivisi tra ospedale e territorio. Fascicolo sanitario e cartella clinica elettronici, ecco le esperienze virtuose


ETNA-AF: dati real-word aggiornati (ri)affermano i benefici di LIXIANA®


Videoconferenza: l’ABC del rischio biologico ai tempi del coronavirus


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Diagnosi mancante o tardiva: quando il medico è responsabile

Diagnosi mancante o tardiva: quando il medico è responsabile
Un male incurabile non lo assolve dall'obbligo di una valutazione appropriata. Il medico può rispondere dei danni conseguenti all’omessa o tardiva diagnosi anche nel caso in cui la patologia sia incurabile. È quanto si ricava dalla sentenza della Corte di Cassazione numero 16993, datata 20 agosto 2015.Il Collegio si è pronunciato sul caso di una signora, poi deceduta, che aveva patito dei danni in conseguenza di un’omessa diagnosi per un carcinoma all’utero.La Corte d’A (continua)

Se il primario è in ferie, non ha responsabilità

Se il primario è in ferie, non ha responsabilità
Una sentenza della Cassazione boccia la responsabilità oggettiva del medico in caso di obiettiva impossibilità di verificare lo stato di salute di un paziente. Il primario che si trova in ferie non può essere ritenuto responsabile della condotta altrui. È quanto si ricava dalla sentenza n. 6438 del 31 marzo 2015 emessa dalla terza Sezione della Cassazione. Insieme alla sua azienda ospedaliera, il medico primario era stato chiamato a risarcire i danni per le lesioni gravi (amputazione della gamba sinistra) patite da un pazien (continua)