Home > Economia e Finanza > Accelerare sul digitale? Bisogna cambiare il modo di fare formazione

Accelerare sul digitale? Bisogna cambiare il modo di fare formazione

scritto da: AIDR | segnala un abuso

Accelerare sul digitale? Bisogna cambiare il modo di fare formazione

Quando si parla di digitalizzazione nel settore pubblico, il dibattito pubblico si concentra spesso sulla quantità e (più raramente) la qualità delle infrastrutture. Un’impostazione che risente del tipico “effetto annuncio”, declinato in piani di investimento, nella definizione di percorsi strategici e “grandi rivoluzioni”.


di Francesco Pagano, Consigliere Aidr e Responsabile servizi informatici Ales spa e Scuderie del Quirinale

Non solo infrastrutture obsolete e strumenti inadeguati alle esigenze del momento: il cronico ritardo nel processo di digitalizzazione che scontano le istituzioni pubbliche affonda le sue radici anche in una carenza di formazione del personale che gestisce gli uffici e a cui, in definitiva, dovrebbe essere affidato il compito di utilizzare gli strumenti digitali ed erogare i servizi ai cittadini.

È un problema che viene da lontano e che è indispensabile affrontare.

Il vero peso del fattore umano

Quando si parla di digitalizzazione nel settore pubblico, il dibattito pubblico si concentra spesso sulla quantità e (più raramente) la qualità delle infrastrutture. Un’impostazione che risente del tipico “effetto annuncio”, declinato in piani di investimento, nella definizione di percorsi strategici e “grandi rivoluzioni”. Al netto dell’aleatorietà legata all’effettiva realizzazione, questo vizio di concentrare l’attenzione sugli strumenti prima che sulle persone ha già dimostrato tutti i suoi limiti.

L’efficacia di qualsiasi piano strategico, infatti, non può prescindere dalle persone che dovranno utilizzare gli strumenti implementati, le cui competenze sono il vero fattore abilitante per qualsiasi innovazione.

In altre parole, prima di mettere tra le mani di qualcuno una macchina da Formula 1, sarebbe bene assicurarsi che abbia almeno la patente. Il rischio, infatti, è che le mirabolanti tecnologie adottate dal settore finiscano per essere sottoutilizzate o addirittura usate in maniera scorretta. Insomma: senza un’adeguata formazione, l’innovazione rischia non solo di essere inutile, ma dannosa.

L’efficacia della formazione

Si potrebbe obiettare che i corsi di formazione, nel settore pubblico, sono tutt’altro che assenti. Un’affermazione che gli operatori del settore sanno avere un fondo di verità, ma di cui conoscono anche i limiti. L’erogazione di corsi e aggiornamenti nel settore pubblico risente di un’impostazione estremamente “ortodossa”, utilizza strumenti obsoleti e un approccio eccessivamente nozionistico, spesso riassunto in norme e regolamenti estremamente rigidi. Caratteristiche di per sé negative in qualsiasi ambito, ma devastanti quando vengono applicate al settore tecnologico. In alcuni settori specifici, come quello della cyber security, gli esperti segnalano questo rischio da tempo.

 Un esempio? I report più recenti relativi alla gestione delle password di accesso ai servizi informatici sottolineano come la previsione di adempimenti eccessivamente formali, come la previsione di una lunghezza determinata della password e l’obbligo di cambiarla periodicamente, portino a risultati tutt’altro che positivi. Gli studi in questo settore hanno dimostrato come l’obbligo di cambiare le password ogni tre mesi (un tempo indicata come una delle best practice da adottare per garantire la sicurezza dei sistemi) porti in realtà gli utenti a scegliere password con un basso livello di complessità e a usare varianti delle precedenti per poterle ricordare più facilmente. Un comportamento che, in definitiva, erode il livello di sicurezza al posto di rafforzarlo.

Cambiare l’approccio è possibile

Come tutti i settori, anche quello della formazione è soggetto a evoluzioni e, nel settore tecnologico, queste sono terribilmente evidenti. Tanto più che sono proprio le nuove tecnologie a offrire gli strumenti stessi per la formazione. La parola chiave è “gamification”, cioè la “ludicizzazione” dei processi di formazione attraverso percorsi orientati a obiettivi, test non tradizionali e forme di verifica dell’apprendimento che puntano a far sedimentare i concetti attraverso l’esperienza più che attraverso la memorizzazione o l’applicazione acritica di regole.

 Rimanendo all’ambito della sicurezza, gli esperti utilizzano spesso strumenti come la simulazione di attacchi via email (phishing) rivolti agli utenti per verificarne la capacità di distinguere i messaggi potenzialmente pericolosi e per consentire loro di imparare a distinguere gli indizi che possono consentire di distinguere un’email malevola. Adottare questo approccio nella formazione dei dipendenti pubblici rappresenterebbe una piccola rivoluzione, con ricadute estremamente positive sul piano dei risultati.

Insomma: per “svecchiare” il pubblico può essere una buona idea cominciare a cambiare il modo in cui impariamo.


Fonte notizia: https://www.aidr.it/accelerare-sul-digitale-bisogna-cambiare-il-modo-di-fare-formazione/


digitale | formazione | aidr |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Il mondo dopo il Coronavirus: a Sky Tg24 le riflessioni dell’AD di Eni Claudio Descalzi


Realizzare cataloghi online: nasce il Catalogo Digitale Multicanale


La buona inFormazione sulla Sanità Digitale è la migliore Medicina


Crescere nell’era digitale, un saggio di Giorgio Capellani


Pass Laureati Puglia: una grande occasione per i giovani che vogliono specializzarsi dopo la laurea


DIPENDENZA DA SMARTPHONE, UNDER 18 DUE MESI L'ANNO ON LINE


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Estate 2021 tra COVID e attacchi hacker

Estate 2021 tra COVID e attacchi hacker
Essenziale il ruolo dell’Agenzia per la cybersicurezza nazionale di Mauro Nicastri, Presidente Aidr L’estate 2021 la ricorderemo anche per gli attacchi informatici che hanno preso di mira, nel periodo della pandemia, ospedali, strutture mediche e strutture che si occupano dello sviluppo e della distribuzione del vaccino contro il Covid 19. L’ultimo episodio ha interessato il Ced della Regione Lazio, mandando in tilt tutti i sistemi compresi quelli del portale Salute Lazio e della rete vaccinale. Si lavora ininterrottamente da oltre ventiquattro ore per consentire al sistema di poter continuare ad erogare i servizi, in un momento della pandemia estremamente delicato, mentre l’indagine aperta dalla Procura di Roma inizia a vagliare alcune ipotesi, pur non sbilanciandosi. La questione, oltre l’emergenza di queste ore, è racchiusa nei dati evidenziati nell’intervista a La Repubblica della direttrice della Polizia Postale Nunzia Ciardi: gli attacchi informatici con la pandemia sono aumentati del 246%. Guardando ad un fenomeno in crescita vorticosa, diventa essenziale il ruolo dell’Agenzia per la cybersicurezza nazionale istituita dal Governo Draghi. L’organismo, alla cui istituzione in tempi rapidi si è lavorato anche per dare attuazione al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, ha infatti un obiettivo fondamentale: costruire le fondamenta di un nuovo sistema in grado di proteggere il Paese, nel momento in cui l’intero sistema pubblico e privato è chiamato alla transizione digitale. Sarebbe impensabile infatti, traghettare la nostra economia in chiave digitale, se non ponessimo al contempo uno scudo contro gli attacchi hacker. L’ultimo episodio ha interessato il Ced della Regione Lazio, mandando in tilt tutti i sistemi compresi quelli del portale Salute Lazio e della rete vaccinale. Essenziale il ruolo dell’Agenzia per la cybersicurezza nazionaledi Mauro Nicastri, Presidente AidrL’estate 2021 la ricorderemo anche per gli attacchi informatici che hanno preso di mira, nel periodo della pandemia, ospedali, strutture mediche e strutture che si occupano dello sviluppo e della distribuzione del vaccino contro il Covid 19. L’ultimo episodio ha interessato il Ced della Regione Lazio, (continua)

Lo smart working post pandemia, approfondimento a Digitale Italia

Lo smart working post pandemia, approfondimento a Digitale Italia
A Digitale Italia, il format web ideato da Aidr, una puntata dedicata allo smart working. Ospiti del format: Laura Carletti, CSR & HR Randstad Group Italia e Sergio Alberto Codella: segretario generale Aidr. Carletti- Randstad Italia: il mercato del lavoro cambierà velocementeUna rivoluzione dettata dalla pandemia. L’Italia ha scoperto lo smart working più per necessità, che per scelta nel corso dell’ultimo anno a mezzo. In che modo milioni di italiani hanno vissuto questo nuovo approccio, quali ripercussioni avrà nei prossimi anni l’introduzione sempre più consistente del lavoro agile? A Digital (continua)

La casa intelligente: è tempo di abbattere le barriere

La casa intelligente: è tempo di abbattere le barriere
La Legge di Bilancio 2021(art.1 comma 66 lettera d), con i successivi chiarimenti del Ministero dell’Economia e dell’Agenzia delle Entrate, prevedono che tutti i condomini, anche se di età non superiore ai 65 anni, possono usufruire del “superbonus” 110% di Federica De Pasquale – Responsabile Osservatorio sul condominio digitaleNonostante anche in Italia vi sia un notevole incremento del settore Smart Home, simile a quello dei principali Paesi occidentali, in termini assoluti siamo ancora agli ultimi posti in Europa.Con questa espressione, che preferisco nella versione italiana di “Casa Intelligente”, si vogliono identificare tutti (continua)

Monnezza 2.0, la gestione dei rifiuti in chiave digitale

Monnezza 2.0, la gestione dei rifiuti in chiave digitale
Tutto sommato, la differenza tra la gestione dei dati e la gestione dei rifiuti non è poi tanto diversa: può sembrare paradossale, ma entrambi, seppur per aspetti diversi, hanno un valore enorme e creano ricchezza. di Alessandro Capezzuoli, funzionario ISTAT e responsabile osservatorio dati professioni e competenze AidrEra il 1987 e Aldo Fabrizi, visibilmente commosso da quella commozione che soltanto le emozioni ingenue di un anziano vicino alla fine del viaggio può esprimere, fece un’ultima apparizione in televisione, recitando un sonetto ispirato alla celebre canzone “Buongiorno tristezza”, cantata d (continua)

Covid Digital Disruption

Covid Digital Disruption
La pandemia è stata per molte aziende un banco di prova per misurare la loro capacità di far evolvere rapidamente il modello organizzativo, i processi e la tecnologia pena il rischio di non sopravvivere. Di Vito Coviello,Socio AIDR e Responsabile Osservatorio Tecnologie Digitali nel settore dei Trasporti e della Logistica.No, non è un gioco di parole come potrebbe apparire, ma reale necessità in tempi di pandemia.Lo scorso anno è stato l’anno cui le aziende di ogni settore hanno dovuto mettere rapidamente in campo  ogni misura idonea per fronteggiare l’emergenza Covid per  non  (continua)