Home > Moda e fashion > ZANCOBEL lo sporty wear che prende ispirazione dal mare

ZANCOBEL lo sporty wear che prende ispirazione dal mare

scritto da: Cristinavannuzzi | segnala un abuso

ZANCOBEL lo sporty wear che prende ispirazione dal mare

Lo sportywear va oltre la tradizione esplorando nuovi confini e lo fa Isabella Zanconato, una giovane designer che vive a Milano, Università a Verona, che presenta la sua capsule collection sporty wear guardando il mare, perché i suoi capi non sono solo prodotti ma storie da raccontare, da prendere ispirazione e su cui riflettere, impostate sull’inquinamento del mare, il brand Zancobel ha un proprio percorso di valori, idee e progetti per salvaguardare il territorio e l’artigianalità del made in Italy. Dalle reti da pesca raccolte in mare la designer Isabella Zanconato crea il filo per la realizzazione dei capi Zancobel.


ZANCOBEL

Ispirazioni dal mare nello sporty wear 2021/22

 

Lo sportywear va oltre la tradizione esplorando nuovi confini e lo fa Isabella Zanconato, una giovane designer che vive a Milano, Università a Verona, che presenta la sua capsule collection sporty wear guardando il mare, perché i suoi capi non sono solo prodotti ma storie da raccontare, da prendere ispirazione e su cui riflettere, impostate sull’inquinamento del mare, il brand Zancobel ha un proprio percorso di valori, idee e progetti per salvaguardare il territorio e l’artigianalità del made in Italy. Dalle reti da pesca raccolte in mare la designer Isabella Zanconato crea il filo per la realizzazione dei capi Zancobel.

Brand ispirato al padel che sta crescendo in Europa in maniera vertiginosa ma anche ad altri sport di racchetta – come il tennis, il terzo sport più praticato al mondo, ma anche il ping pong etc - uno sport popolare nato in Inghilterra nel XIX secolo e diventato parte integrante dei paesi asiatici negli anni '50.

Isabella  ha anche innescato un processo di“democratizzazione” della moda, come fece Lea Pericoli negli anni ’50, mutando profondamente le dinamiche del brand e della palette dei colori, aggiungendo un alto contenuto creativo e in dialogo con la contemporaneità del mercato, dal design del prodotto fino ai tempi di rilascio delle collezioni, da una parte sovvertire il concetto classico che ha sempre avuto il tennis e dall’altra proporre una collezione che si basa sull’essere etica, gender fluid,  con requisiti produttivi a basso impatto per l’ambiente, tessuti certificati, recuperati, riciclati e interamente fatta a mano in Italia realizzata con filati provenienti dalle reti da pesca, materiali al 100% rigenerati e biologici, riciclati e riusati, capi tinti al vegetale realizzati rispettando l’ambiente.

La selezione del progetto si basa su criteri di responsabilità sociale e ambientale, ridisegnando una filiera  in cui i rifiuti hanno un valore per creare una soluzione sostenibile e scalabile che riduca l'inquinamento da plastica marina - raccogliendo i rifiuti,  trasformandoli in un filo riciclato e contribuendo a ripulire i mari -  infatti i capi tecnici utilizzati in questi sport devono avere tessuti con caratteristiche particolari e prestazioni molto specifiche che devono avere caratteristiche di traspirazione, elasticità, lavabili e durevoli.

L’abbigliamento, nel mondo del tennis, ha dei requisiti tecnici che ha spinto i produttori a usare tessuti sintetici che derivano da materiali termoplastici come poliestere e poliammide. Questo percorso di scoperta e consapevolezza  ha portato la designer ad impegnarsi attivamente per fare la differenza come individuo prima ancora che come imprenditore. Così ha  costruito una filiera del Made in Italy completamente sostenibile e a basso impatto ambientale.

La designer  collabora inoltre con Healthy Seas per supportare un progetto ampio e ambizioso in cui i volontari Scuba Diver sono coinvolti nel recupero dei rifiuti di plastica negli oceani - comprese bottiglie, reti da pesca, ecc. -  e poi nella loro trasformazione in un capo ad alte prestazioni.

Uno sguardo al mare, dal volo dei gabbiani alle vele fragili come farfalle, il silenzio nelle notti d’estate, romanzi d’amore e d’avventura, per ripetere all’infinito la storia di un rapporto intenso dell’uomo con il mare, sempre in bilico tra attese e incontri, dal mare la designer Isabella Zanconato oggi guarda al futuro.

sporty wear | fashion | tennis | padel | ping pong | sostenibilita | reti da pesca |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

17 Reasons to Stop Following Fashion Trends


CMP presenta la sua Heritage Ski Capsule ispirata a Mondrian


7 ANNI IN COREA


Marciagranparadiso 2021: un'edizione speciale grazie al supporto di tanti!


Finally Time For Bridesmaids To Choose Their Own Dresses?


Guida per invitati matrimonio, scegliere un outfit perfetto!


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

5A EDIZIONE DEL PREMIO INTERNATIONAL EXCELLENCE AWARDS

5A EDIZIONE DEL PREMIO INTERNATIONAL EXCELLENCE AWARDS
dOPO LA PANDEMIA Napoli torna alla ribalta con il Premio organizzato dall’ imprenditore Gianfranco Unione con la direzione artistica di Luciano Carino, famoso image consulting Rai, che firmano la quinta edizione dell’International Excellence Awards celebrata nella meravigliosa cornice di Villa Taurinus a Pozzuoli. Arte, Cultura, Medicina, Teatro, Cinema, Scienza, Imprenditoria, Cucina intesa come Arte, Abbigliamento e Moda Couture, Giornalismo, Musica, Sociale, Design, la manifestazione, presentata da Gaetano Gaudiero, è nata con l’obiettivo di celebrare e insignire con un prestigioso riconoscimento “le Eccellenze” che si sono distinte nel corso dell’anno nei vari segmenti. International Excellence AwardsPozzuoli (Na) Villa Taurinus 31 ottobre ore 20.00 Dopo un anno di sosta forzata per la pandemia si celebra a Napoli la 5° edizione del Premio International Excellence Awards con la presenza di un parterre ricchissimo di presenze che spaziano dal mondo del giornalismo, al teatro, al cinema, alla musica, alla cucina, alla canzone, all’imprenditoria, all’asso (continua)

Luca Nannipieri e il suo libro "a cosa serve la storia dell'arte" tradotto e pubblicato all'estero

Luca Nannipieri e il suo libro
L'ultimo libro di Luca Nannipieri "A cosa serve la storia dell'arte", pubblicato in Italia da Skira, presentato al Senato della Repubblica, come il precedente libro di Nannipieri su Raffaello lo è stato alla Camera dei Deputati in occasione delle celebrazioni ufficiali dell'artista, viene ora dato alle stampe in Francia dalla casa editrice Editions L'Harmattan e distribuito nelle librerie francesi. Luca Nannipieri e il suo libro "A cosa serve la storia dell'arte" tradotto e pubblicato all'esteroConsacrazione internazionale per il noto critico d'arte   Parigi, 15 ottobre 2021  Il noto critico d'arte Luca Nannipieri, dopo le conferenze ospitate nei maggiori musei italiani, dalla Pinacoteca di Brera di Milano ai Musei Capitolini a Roma, vola in Francia, a Parigi, e (continua)

ISPIRAZIONI D'ARTE DI FILIPPO COGLIANDRO CHEF PER L'A CENA FUTURISTA

ISPIRAZIONI D'ARTE DI FILIPPO COGLIANDRO CHEF PER L'A CENA FUTURISTA
Martedì 19 ottobre alle ore 21, nella cornice dell’A Gourmet a Reggio Calabria si uniranno due universi, quello artistico del Futurismo, con le sue opere indagatrici di mistero e le sue tele-universo popolate da moduli carichi di colore protesi verso l'infinito e quello culinario, con la creativita' e l'abilita' tecnica dello Chef Filippo Cogliandro. L'evento nasce da un'idea di Elmar – Elisabetta Marcianò storica dell’Arte ed è l’affascinante e nostalgico argomento di cui oggi si occupa il mondo della cucina, messo in scena dallo chef Filippo Cogliandro ma anche far conoscere il mondo della pubblicità e dell’illustrazione del primo ‘900, un meraviglioso viaggio attraverso i cartelloni pubblicitari dell’epoca, un tuffo nel passato che, attraverso i ricordi, ci riporta ad un tempo che fu. 19 OTTOBRE 2021 "L’A Cena Futurista" Cena D'Arte & Spettacolo con ricette reinterpretate dallo Chef Filippo Cogliandro  La data della Cena D’Arte non è casuale, il 19 ottobre 1882 nasceva a Reggio Calabria Umberto Boccioni uno dei massimi esponenti del Futurismo.Pittore, scultore e avanguardista un artista attaccatissimo alle sue origini e alla terra Calabra tanto da confessare (continua)

Si conclude la settimana della moda 2021 a Milano con le sfilate virtuali di Fashion Vibes

Si conclude la settimana della moda 2021 a Milano con le sfilate virtuali di Fashion Vibes
RunWay Show Fashion Vibes è un evento che diventa un viaggio virtuale, una moderna prospettiva della moda combinando l’artigianato e l’alta moda, interpretando con gusto le evoluzioni più raffinate, dove avanzano la tecnologia e l’arte, lasciando liberi i designer di esprimere le loro ispirazioni per raccontare il valore simbolico della moda, comunicativo e riconciliante, che predispone all’ascolto e al dialogo con gli altri. E’ dunque l’unico strumento che mette insieme eleganza, informalità e sperimentazione, capace di uniformare tutti gli stili.   SFILATE IN DIGITALE SU PIATTAFORMA WEB Della 7° edizione RunWay Show Fashion Vibes 28 settembre ore 20,00 ·         COLLEZIONE “SEREIAS”  del Brand  VAN M·         COLLEZIONE “TRASHROOTS”del Brand TURTLEHORN·         Collezione del Brand BY VEL&n (continua)

IL VIAGGIO GREEN DI BEFW ALLA SETTIMANA DELLA MODA 2021 A MILANO

IL VIAGGIO GREEN  DI BEFW ALLA SETTIMANA DELLA MODA 2021 A MILANO
Chiude i battenti la Settimana della Moda Milanese dove è stata notata una grande attenzione ai temi della sostenibilità e dell'inclusione, l'industria della moda sta davvero diventando più green anche su esempio del Team degli 8 designer presentati dalla Brasil Eco Fashion Week - BEFW, la prima Fashion Week dell’America Latina interamente dedicata al tessile circolare.  SETTIMANA DELLA MODA A MILANOBilancio sulle tendenze di sostenibilità  SETTIMANA DELLA MODA A MILANOBilancio sulle tendenze di sostenibilità Chiude i battenti la Settimana della Moda Milanese dove è stata notata una  grande attenzione ai temi della sostenibilità e dell'inclusione, l'industria della moda sta davvero diventando più green anche su esempio del Team  (continua)