Home > Arte e restauro > Davide Quaglietta: un percorso pittorico di avventura e di scoperta

Davide Quaglietta: un percorso pittorico di avventura e di scoperta

scritto da: Elenagolliniartblogger | segnala un abuso

Davide Quaglietta: un percorso pittorico di avventura e di scoperta


 L'arte contemporanea con le sue molteplici sollecitazioni espressive si offre come terreno fertile e fecondo per improntare e consolidare un percorso inedito e sui generis, che ciascun artista può trasformare a suo piacere e può rendere sempre più avvincente e intrigante. Sulla scia di questa portata a largo raggio dell'arte attuale, Davide Quaglietta accoglie queste riflessioni lungimiranti e recupera tali sollecitazioni metabolizzandone l'essenza ed estrapolando un proprio filo conduttore trainante per la sua formula pittorica. Sulla base di questo percorso compiuto da Quaglietta la Dott.ssa Elena Gollini ha manifestato il suo placet di apprezzamento dichiarando: “Parlando in chiave metaforica la pittura di Davide si può considerare come il germoglio florido e fiorente, che nasce e cresce dal terreno fertile e fecondo dell'arte contemporanea più rigogliosa e portatrice di frutti sani e consistenti. Davide concepisce ogni quadro come una vera e propria occasione di avventura e di scoperta, come un'opportunità da cogliere a se stante unica, speciale e irripetibile. Si applica sempre con il massimo impegno ed è molto intransigente sul suo operato e anche molto autocritico. Quest'aspetto appartiene al suo carattere ed è connaturato alle sue sfumature mentali ed emotive più recondite. La sua umiltà e modestia gli trasmettono quella virtuosa dote di pacatezza, che diventa parte integrante nella sua comunicazione pittorica. Ecco, perché Davide conserva sempre uno sguardo di visione e di prospettiva molto realistico e pragmatico, seppur riuscendo a volteggiare con le ali della fantasia all'interno delle sue originali rievocazioni narrative. Rappresentare a livello pittorico significa per Davide far emergere in superfici un simbolico tracciato di avventura e di scoperta, che cambia e si modifica sempre, che trova sempre nuova linfa da cui poter attingere per perfezionarsi e per migliorare la propria efficacia formale e sostanziale. La formazione a monte diventa dunque funzionale per comprendere i vari passaggi compositivi, che a loro volta sono predisposti per confluire e convogliare dentro questo percorso sempre più coinvolgente, quadro dopo quadro Davide non perde mai quell'entusiasmo e quella gioia iniziale, che vengono sempre mantenuti vivi e rigenerati tramite lo spirito guizzante dell'avventuriero curioso e sempre pronto a sorprendersi. Fare arte per Davide coincide anche con questa capacità di tenere sempre alto il desiderio creativo, di accudirlo dentro di sé, di coltivarlo fuori, di preservarlo da potenziali dinamiche ambigue e fuorvianti, affinché possa essere sempre acceso e pulsante. L'avventura e la scoperta alimentano e nutrono il suo ego artistico e sono dei pilastri insostituibili per sostenere e supportare il fervido ingegno votato alla pittura”.


Fonte notizia: http://elenagolliniartblogger.com/davide-quaglietta


Davide quaglietta | quaglietta | artista | arte | opere | quadri | ghiacciai | sociale | legnago | verona | bologna | artworks | art | casa irda | acquarelli | natura | olio | tela | volto | umano |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Davide Quaglietta: pensiero e azione artisticamente attivi


Terme di Castrocaro per una settimana su Rete4


Davide Quaglietta in mostra online dal titolo “Arte motivazionale” a cura di Elena Gollini


Davide Quaglietta: una pittura sulle ali della vita


Davide Quaglietta: arte docet


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Davide Quaglietta: arte fonte di virtù aggregativa

Davide Quaglietta: arte fonte di virtù aggregativa
 Viene naturale pensare, che chi si cimenta nella produzione artistica, sia essa pittorica, scultorea, fotografica o di qualunque altra libera espressione creativa, abbia il desiderio e l'aspirazione di intraprendere un percorso di ricerca virtuosa, con ideali e principi cardine di valore da sostenere e divulgare. Purtroppo, però non sempre poi strada facendo i buoni propositi iniziali v (continua)

Cecilia Martin Birsa: un'arte scultorea all'insegna della condivisione universale

Cecilia Martin Birsa: un'arte scultorea all'insegna della condivisione universale
 “Quando si parla di arte declinata in chiave contemporanea è fondamentale mettere in luce anche l'orientamento d'ispirazione e la prospettiva di vedute, che ottiene attraverso una condivisione di impronta universale, affinché possano essere gettate le fondamenta e le basi per darle l'ampio respiro, che l'artista desidera e ambisce riscuotere al presente e al contempo garantirle anche un (continua)

Federico Marchioro: pubblicata online la sua mostra “Unconventional Art Mood”

Federico Marchioro: pubblicata online la sua mostra “Unconventional Art Mood”
 «“Unconventional Art Mood” mai titolo fu più calzante per canalizzare l'eclettica e poliedrica ispirazione creativa di Federico Marchioro, artista a tutto campo, che si cimenta con positivi riscontri nell'ambito della pittura contemporanea di radice informale-non convenzionale». La Dott.ssa Elena Gollini approfondisce nel merito alcune valutazioni critiche in virtù della pubblicazione (continua)

Daniel Mannini: giochi di luce e di energia declinati in pittura

Daniel Mannini: giochi di luce e di energia declinati in pittura
 “Volendo utilizzare una terminologia in chiave metaforica, direi molto calzante, per definire Daniel Mannini nella sua visionarietà pittorica si può parlare di un corollario di giochi di luce e di energia, che si manifestano e si propagano profondendo tutto intorno vibrazioni e pulsioni molto avvolgenti e penetranti”. La Dott.ssa Elena Gollini analizza con approfondite considerazioni cr (continua)

Cecilia Martin Birsa: un'arte scultorea tra magia e poesia

Cecilia Martin Birsa: un'arte scultorea tra magia e poesia
 “Quando penso a Cecilia Martin Birsa nel momento catartico dell'atto e del gesto creativo mi immagino tutta la cura e la premura certosina con la quale plasma e modella la materia, stemperandone la solida robustezza corposa e modulandone il volume e la densità, per ottenere un eccellente risultato, che fonde insieme perizia tecnica e padronanza strumentale a fantasioso estro e spiccata (continua)