Home > Libri > "Martinus Scriblerus", il romanzo satirico collettivo del '700

"Martinus Scriblerus", il romanzo satirico collettivo del '700

scritto da: EdoardoLuce | segnala un abuso

Esce per Gammarò l'opera satirica incompleta co-scritta apparentemente dai membri dello Scriblerus Club durante gli anni 1713–14, tra cui Jonathan Swift, Alexander Pope e il dottor Arbuthnot.La traduzione è di Giuseppe Sertoli.


Agli inizi del Settecento un gruppo di begli ingegni soliti riunirsi la sera intorno a una bottiglia di chiaretto ebbero un’idea geniale: scrivere a più mani una serie di opere che fossero la parodia di quanto la cultura moderna sfornava e la nascente industria editoriale smerciava al pubblico. Opere – poetiche, teatrali, narrative, scientifiche, critiche etc. – che sarebbero state attribuite a un autore fittizio dal nome di Martinus Scriblerus, vale a dire Martino Scribacchino, figura di misconosciuto genio universale che ci si proponeva di rivelare al mondo scrivendone la biografia e pubblicandone poi i numerosi manoscritti «a beneficio dell’umanità». Per quanto realizzato solo in parte, il progetto – che seppure a fasi alterne durò una trentina d’anni e vide la partecipazione, fra gli altri, di Swift e Pope – rappresenta una delle più singolari imprese satiriche settecentesche ed esercitò un’influenza notevole sugli autori successivi, da Fielding a Sterne e oltre. Il volume che qui si presenta include, oltre a una nuova traduzione delle Memorie della vita straordinaria, delle opere e delle scoperte di Martinus Scriblerus, alcuni dei più significativi testi usciti dalla fucina scribleriana e mai prima d’ora editi in Italia

Giuseppe Sertoli, valtellinese di nascita e milanese di formazione, Giuseppe Sertoli ha insegnato Letteratura inglese nelle Università di Perugia, Palermo e – dal 1977 al 2013 – in quella Genova, presso la quale è ora Professore emerito. Si è occupato prevalentemente del romanzo otto-novecentesco (Hardy, Kipling, Conrad, Durrell) e di narrativa, critica e teoria estetica del Settecento. In quest’ultimo ambito ha curato edizioni di L. Sterne (Viaggio sentimentale, 1983), E. Burke (Inchiesta sul Bello e il Sublime, 1985), J. Dennis (Critica della poesia, 1994), D. Defoe (Le avventure di Robinson Crusoe, 1998), J. Addison (I piaceri dell’immaginazione, 2002), S. Johnson (Rasselas principe di Abissinia, 2005). Una raccolta dei suoi saggi d’area settecentesca è uscita nel 2014 col titolo I due Robinson e altri saggi sulla letteratura inglese del Settecento. Ad anni meno recenti risale il suo interesse per la filosofia francese contemporanea, in particolare per la figura e l’opera di Gaston Bachelard, al quale ha dedicato una monografia (Le immagini e la realtà, 1972) e di cui ha curato un’antologia di testi (La ragione scientifica, 1974).

romanzo | satira | Gammarò | alexander pope | jonathan swit | john arbuthnot | giuseppe sertoli |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Il denaro non vale nulla finché non si spende

Il denaro non vale nulla finché non si spende
Il nuovo libro di Roberto Tumbarello è pubblicato da Armando Editore di Roma Il denaro non vale nullaè un libro di filosofia alla buona, in cui per renderlo comprensibile a chiunque e di facile lettura, al posto della teoria c’è l’aneddotica. Sempre divertente e anche commovente, è utile e istruttivo. Non è un saggio di critica al denaro né a chi ne possiede. Anzi, auspico che tutti ne abbiano in abbondanza e, comunque, in quantità sufficiente per vivere senza problemi. Ra (continua)

Il nuovo libro di Biagio Proietti, "Io che ho visto i delfini rosa"

Il nuovo libro di Biagio Proietti,
Ritorna Biagio Proietti con un romanzo ricco di scene d'azione e di sentimento. In libreria con Oltre edizioni di Sestri Levante. Un romanzo di gente di passaggio, gente triste come i vagoni di un treno che finiscono in un deposito. Ci sono vite spezzate di vecchi e di giovani, di persone che non riescono a far quadrare i conti con la vita, che a volte si diverte troppo e non si fa addomesticare. C’è un racconto che sta in equilibrio sulla corda sottile della finzione, un racconto che ha l’enorme merito di apparire inconsape (continua)

GIOVANNI GIUDICI TRADUTTORE E AUTORE (SCALPENDI)

GIOVANNI GIUDICI TRADUTTORE E AUTORE (SCALPENDI)
Scalpendi porta in libreria La vita in versi di Giovanni Giudici e Aleksandr Puškin, Eugenio Onieghin nei versi italiani di Giovanni Giudici Due nuovi titoli per la collana PER L'ALTO MARE APERTO, diretta da Edoardo Esposito e edita da Scalpendi: in libreria Aleksandr Puškin, Eugenio Onieghin nei versi italiani di Giovanni Giudici e Giovanni Giudici, La vita in versi. PER L’ ALTO MARE APERTO  presenta classici e moderni, prosa e poesia, italiani e stranieri. Si potrà trov (continua)

Paternità. Nuovi padri in bilico tra alleanze e complicità, il nuovo libro di Marina D'Amato

Paternità. Nuovi padri in bilico tra alleanze e complicità, il nuovo libro di Marina D'Amato
La paternità nella società contemporanea Chi sono i nuovi padri della generazione 5.0? Che cosa sperano? Come interpretano il loro ruolo? C’è davvero una frattura tra le generazioni precedenti e quest’ultima? Siamo forse alla fine di uno status? Si sta veramente prefigurando un nuovo ruolo? Questo libro affronta un tema cardine della società mettendo in evidenza come la paternità sia sintomo manifesto del profondo cambiamento della conte (continua)

Beppe Mecconi, Laneghè Isola del Mar tenebroso (Oltre / Toepffer edizioni)

Beppe Mecconi, Laneghè Isola del Mar tenebroso (Oltre / Toepffer edizioni)
La prefazione del volume è di Vincenzo Gueglio, con un contributo di David Bellatalla. La storia del ritrovamento, dopo oltre sette secoli di oblio, di un sorprendente manoscritto. La storia del ritrovamento, dopo oltre sette secoli di oblio, di un sorprendente manoscritto che documenta che Cristoforo Colombo non fu il primo a “voler andare nelle Indie navigando verso ponente”; e illustra con stupefacenti immagini l'incredibile fauna che popolava l'isola di Laneghè raccontando come, in perfetta armonia con la natura, si viveva in quel paradiso irrimediabilmente per (continua)