Home > Economia e Finanza > Consip si attiva per la Cybersecurity della PA

Consip si attiva per la Cybersecurity della PA

scritto da: AIDR | segnala un abuso

Consip si attiva per la Cybersecurity della PA

L’iniziativa – la prima delle tre previste da Consip in ambito sicurezza informatica – si colloca nel piano delle gare strategiche ICT che Consip realizza in attuazione del “Piano Triennale per l’informatica nella PA 2020-2022”, predisposto da Agid e Ministero per l’innovazione tecnologica e transizione digitale.


di Luca Angelucci, Responsabile Osservatorio Assicurazioni Cyber Crime Aidr

É stato pubblicato il bando per la gara pertinente alla sicurezza IT nella PA, aperta alle imprese ICT per servizi inerenti la Cybersecurity.  Trattasi della prima gara  per la fornitura di servizi  inerenti la sicurezza informatica della PA bandita da CONSIP.  Il fine che si vuole raggiungere è quello di dotare le nostre PA di strumenti e servizi indispensabili per la realizzazione dei progetti inseriti nel PNRR come previsto dal Piano Triennale dell’informatica della Pubblica Amministrazione. L’iniziativa – la prima delle tre previste da Consip in ambito sicurezza informatica – si colloca nel piano delle gare strategiche ICT che Consip realizza in attuazione del “Piano Triennale per l’informatica nella PA 2020-2022”, predisposto da Agid e Ministero per l’innovazione tecnologica e transizione digitale. La gara – del valore complessivo di 135 milioni di euro – è finalizzata all’aggiudicazione di un Accordo Quadro con più operatori economici della durata di 24 mesi. Il successivo affidamento avverrà attraverso il rilancio del confronto competitivo fra i fornitori aggiudicatari, a seguito di appalto specifico. In pratica, la gara permetterà alle PA di acquisire prodotti per la gestione degli eventi di sicurezza e degli accessi, per la protezione dei canali email, web e dati. In base all’accordo, le PA potranno acquisire:

·  prodotti  (Security Information and Event Management; Security Orchestration, Automation and Response; Secure Email Gateway; Secure Web Gateway; Database Security; Data Loss Prevention; Privileged Access Management; Web Application Firewall);

·  servizi (installazione e configurazione; formazione e affiancamento; manutenzione; contact center ed help desk; hardening su client; supporto specialistico);

·  servizi aggiuntivi (hardening su altri sistemi; data assessment; Privileged Account Assessment; servizi professionali erogati dal vendor; incident response).

La gara è stata sviluppata tenendo conto del contesto normativo in forte evoluzione, con l’entrata in vigore della legge 133/2019 (Disposizioni urgenti in materia di perimetro di sicurezza nazionale cibernetica) e dei decreti attuativi, in particolare il DL 82/2021 (Disposizioni urgenti in materia di cybersicurezza, definizione dell'architettura nazionale di cybersicurezza e istituzione dell'Agenzia per la cybersicurezza nazionale). L’iniziativa recepisce, inoltre, le disposizioni del recente DL 77/2021 “Governance del Piano nazionale di ripresa e resilienza e prime misure di rafforzamento delle strutture amministrative e di accelerazione e snellimento delle procedure”, per consentire alle Amministrazioni di acquistare i prodotti/servizi di cybersecurity di cui necessitano per la realizzazione dei progetti PNRR. Potranno partecipare alla gara le imprese che operano nel settore delle forniture e servizi inerenti alla sicurezza ICT: il termine per la ricezione delle offerte è il 19 Luglio 2021.

 

 


Fonte notizia: https://www.aidr.it/consip-si-attiva-per-la-cybersecurity-della-pa/


cybersecurity | PA | aidr |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Alfredo Romeo: Assolto dalla Cassazione - Caso Consip prove basate sul nulla -


Consip FM4 - La gara della discordia diventa nazionale | Romeo Gestioni


Richiesta danni per 1.5 miliardi di euro - Romeo Gestioni cita la Consip


Gli avvocati Carlo Malinconico e Domenico Gentile commentano la Riforma Codice Appalti e il sistema Consip


Fortinet mette a disposizione di tutti i suoi corsi online gratuiti sulla Cybersecurity per colmare il gap di competenze


Acronis e il Centre for Cybersecurity del World Economic Forum: una partnership per bloccare l'aumento dei crimini informatici a livello globale


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

“Drogati” di semiconduttori

“Drogati” di semiconduttori
I semiconduttori sono materiali che si collocano tra i conduttori e gli isolanti e che, in virtù delle loro particolari proprietà fisiche, trovano largo uso nell’elettronica: infatti grazie ad un processo relativamente semplice da controllare, chiamato drogaggio, è possibile adeguarli alle diverse necessità di impiego, motivo per cui oggi sono alla base di… tutto! Il golden power, lo sappiamo, è uno scudo governativo, in grado di salvaguardare gli asset strategici e di interesse nazionale quali la difesa, la sicurezza, le comunicazioni, l’energia ed anche i trasporti.I semiconduttori sono materiali che si collocano tra i conduttori e gli isolanti e che, in virtù delle loro particolari proprietà fisiche, trovano largo uso nell’elettronica: infatti grazie ad (continua)

Le competenze digitali dei docenti, approfondimento a Digitale Italia

Le competenze digitali dei docenti, approfondimento a Digitale Italia
Digitale Italia una puntata dedicata alla digitalizzazione del comparto scolastico con focus sul progetto Re–Educo, promosso dalla Commissione Europea e di cui Aidr è partner, volto ad offrire a studenti e insegnanti l’opportunità di aumentare le proprie competenze digitali, attraverso la collaborazione con le aziende ed esperti. Ospiti del format web di Aidr, Stefania Capogna, Direttore Scientifico del Progetto Re-Educo e Maria Ceraolo, docente dell’Istituto d’istruzione Superiore Borghese-Faranda, Patti (Messina). Capogna: con il progetto Re-Educo approccio innovativo alla formazioneQuali sono le nuove competenze dei docenti, quali percorsi di formazione intraprendere, in che modo si sta integrando l’uso delle nuove tecnologie all’interno dei programmi di studio? A Digitale Italia una puntata dedicata alla digitalizzazione del comparto scolastico con focus sul progetto Re–Educo, promosso dalla Commissione E (continua)

La moda ai tempi del metaverso

La moda ai tempi del metaverso
La moda forse per lo scotto di aver capito tardi l’importanza dei social media per i loro brand, ha intercettato subito l’enorme business che può rappresentare per il proprio settore. Secondo le stime di DMarket, il solo mercato delle skin si aggira attorno ai 30-40 miliardi di dollari l’anno. Le strade attraverso cui sta mettendo piede nel digitale sono molteplici e di non ovvia comprensione visto che bisogna districarsi con termini come gaming, realtà aumentata e appunto skin. di Vittorio Zenardi, Giornalista e Direttore Aidr Web Tv, Sito e Social MediaSe, con l’avvento dei social media, il rapporto tra esseri umani e socialità ha subito una rivoluzione radicale, con il metaverso si va verso un “Internet incarnato”, quello che Zuckerberg ha definito “sense of presence”.Il termine metaverso è stato coniato negli anni novanta da Neal Stephenson nel romanzo di fa (continua)

Dati e illusioni, il paradosso della conoscenza

Dati e illusioni, il paradosso della conoscenza
Un dato è un dato, due dati sono un’osservazione, tre dati sono conoscenza. Detta così, a freddo, senza un’opportuna contestualizzazione, può sembrare una frase rubata a una puntata della serie televisiva The Big Bang Theory. Cosa da non escludere a priori, peraltro. In realtà, si tratta di una riflessione maturata in questi due anni di vita sospesa, anni in cui ogni singolo dato, anche il peggior (continua)

La scuola degli esiti, immaginando il futuro

La scuola degli esiti, immaginando il futuro
Nel passato la scuola doveva svolgere il proprio ruolo educando i ragazzi alla cittadinanza oltre a prepararli al lavoro che da adulti sarebbero andati a svolgere in un contesto noto e previsto. La mission della scuola di allora era preparare gli studenti a una realtà lavorativa statica in un contesto sociale quasi immutabile. Il futuro non è più quello di una volta.Questa affermazione di Paul Valéry (1) ci porta alla domanda conseguente: la scuola può disinteressarsi del futuro che ci attende e continuare ad essere quella di una volta?Credo ci sia un accordo unanime sulla necessità di integrare nei curricoli scolastici contenuti e metodologie che tengano conto delle modifiche socioeconomiche della nostra (continua)