Home > Economia e Finanza > Digitalizzazione nel settore pubblico: serve una piattaforma per lo sviluppo software

Digitalizzazione nel settore pubblico: serve una piattaforma per lo sviluppo software

scritto da: AIDR | segnala un abuso

Digitalizzazione nel settore pubblico: serve una piattaforma per lo sviluppo software

Gli obiettivi indicati nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), in quest’ottica, rappresentano l’orizzonte verso cui dovranno muoversi tutti gli operatori del settore e promettono di arrivare a definire un ecosistema digitale che porterà con sé maggiore efficienza e flessibilità sia nella gestione dei rapporti con i cittadini, sia nella operatività degli enti coinvolti.


di Francesco Pagano, Consigliere Aidr e Responsabile servizi informatici Ales spa e Scuderie del Quirinale

La strategia di digitalizzazione del settore pubblico in Italia è ambiziosa e assolutamente necessaria per colmare rapidamente un divario che rischia di penalizzare pesantemente il nostro paese. Gli obiettivi indicati nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), in quest’ottica, rappresentano l’orizzonte verso cui dovranno muoversi tutti gli operatori del settore e promettono di arrivare a definire un ecosistema digitale che porterà con sé maggiore efficienza e flessibilità sia nella gestione dei rapporti con i cittadini, sia nella operatività degli enti coinvolti. Guardando al percorso che ci troviamo di fronte, però, è indispensabile mettere a fuoco alcuni elementi e fissare dei paletti rigorosi che consentano di affrontare il processo di digitalizzazione in maniera corretta, partendo per esempio dalla definizione dei processi di sviluppo software.

Dietro le quinte: un patrimonio condiviso

Lo sviluppo di applicazioni e servizi, nell’immaginario collettivo, è un processo di “creazione” che parte da zero. La realtà, come ben sanno gli esperti del settore, è molto diversa. Lo sviluppo software è piuttosto un’operazione di assemblaggio, in cui i programmatori utilizzano componenti di ogni genere (da librerie a servizi) già pronti, spesso resi disponibili attraverso “pacchetti di sviluppo” (Software Development Kit o SDK) messi a disposizione dagli sviluppatori dei sistemi operativi desktop e mobile, oltre a risorse di ogni genere spesso rilasciate sotto licenza Open Source. A questi si aggiungono strumenti di debug, di analisi delle funzionalità e di gestione dell’utilizzo da parte degli utenti forniti da aziende private. Insomma: qualsiasi applicazione, piattaforma o servizio è in realtà una somma di componenti che, in molti casi, sono stati prodotti da altri soggetti e vengono combinati tra loro per fornire un servizio più complesso. Ma quale livello di controllo possiamo avere su tutti gli aspetti di funzionamento di un software realizzato in questo modo?

Dalla protezione della privacy al rischio di distorsioni: tutte le criticità

Il rischio di fronte al quale ci troviamo è legato principalmente a quella commistione tra pubblico e privato che viene spesso definita come un fattore “virtuoso” a cui rivolgersi per accelerare i processi di digitalizzazione. In particolare, uno dei fattori critici è rappresentato dal fatto che la componente privata, per sua stessa natura, ha obiettivi diversi da quelli del pubblico. Nella progettazione di qualsiasi strumento digitale, il privato punta infatti a una monetizzazione del servizio, che spesso è rappresentata dalla raccolta di informazioni riguardanti gli utenti. Un’attività che incontra limiti precisi, sia a livello logico, sia a un livello più squisitamente normativo, nel momento in cui i dati oggetto del trattamento riguardano attività sensibili come quelle legate al rapporto con la Pubblica Amministrazione. Il caso dell’app IO, recentemente sottoposta a una profonda revisione in seguito ai rilievi del Garante per la Protezione dei Dati Personali, è un perfetto esempio del rischio che si annida in questo processo di sviluppo. Come evidenziato dal Garante, i problemi di privacy non dipendevano da errori di progettazione, ma erano legati all’utilizzo di componenti e servizi forniti da terzi.

Preparare il contesto migliore

Porsi il problema dell’adeguatezza dei processi di sviluppo degli strumenti digitali nel settore pubblico, dunque, è una premessa indispensabile per evitare possibili cortocircuiti o, peggio ancora, di trovarsi incastrati in un circolo vizioso in cui le verifiche a posteriori finiscono per appesantire l’intero percorso. Il primo passo da fare, di conseguenza, dovrebbe riguardare la creazione di una “cassetta degli attrezzi” che permetta agli operatori del settore di attingere a risorse e strumenti la cui compliance con gli obiettivi e le normative sia verificata e verificabile. Magari attingendo a quel mondo dell’Open Source cui altre nazioni hanno già fatto ampiamente ricorso. 


Fonte notizia: https://www.aidr.it/digitalizzazione-nel-settore-pubblico-serve-una-piattaforma-per-lo-sviluppo-software/


digitalizzazione | software | settore pubblico | aidr |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Software Cradle partner di Movistar Yamaha


Pianificare i processi di ingegneria con software moderno


La digitalizzazione attraversa in modo trasversale il Recovery Plan


Rischi e vantaggi della piattaforma digitale nazionale targata: MIUR


Software gratuito per la ricerca – Un'azienda tedesca che sviluppa software sta aprendo nuovi orizzonti


Kering Eyewear guarda al futuro con Centric


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Il web è davvero libero? Approfondimento a Digitale Italia

Il web è davvero libero? Approfondimento a Digitale Italia
Questa è l’era del far web – ha sottolineato nel corso del suo intervento l’avvocato Lisi. È indispensabile una maggiore consapevolezza da parte dei cittadini delle opzioni che hanno per controllare il flusso dei dati che li riguardano. È necessario, inoltre un intervento puntuale da parte delle istituzioni anche a livello internazionale per stabilire nuove regole ai colossi del web.” Lisi: contro il far web serve maggiore consapevolezzaOspiti:Andrea Lisi: Avvocato – Pres. ANORC professioniMauro Nicastri: Presidente AidrIl web è davvero uno spazio libero, chi controlla le informazioni, quale uso viene fatto dei dati che mettiamo in rete? A Digitale Italia nuovo approfondimento sui temi legati alla digitalizzazione. Ospiti del format web di Aidr: Andrea Lisi, avvocato esperto di (continua)

Open Data e tutela del territorio a vocazione agroalimentare

Open Data e tutela del territorio a vocazione agroalimentare
Secondo il Codice dell’Amministrazione digitale, i dati di tipo aperto o Open Data sono caratterizzati da tre condizioni concorrenti: una licenza o una previsione normativa che ne permetta l’utilizzo da parte di chiunque; l’accessibilità attraverso le tecnologie dell’informazione e della comunicazione, ivi comprese le reti telematiche; la gratuità; la possibilità di essere utilizzati da parte di programmi per elaboratori, perché provvisti dei relativi metadati (art. 1, comma 1, lett. 1-ter, D.Lgs 82/2005 e succ. mod.) di Filippo Moreschi, avvocato e Responsabile Osservatorio AIDR “Digital Agrifood”Da ormai qualche anno, la comunità internazionale ed i singoli Stati nazionali hanno dettato ed aggiornano normative e specifiche tecniche per la raccolta dei c.d. “Open data”, ossia i dati aperti, accessibili a tutti, messi a disposizione da Pubbliche amministrazioni o aziende private, che possono essere riutili (continua)

Come difendersi dal relativismo scientifico e da un Dio che gioca a dadi con l’universo

Come difendersi dal relativismo scientifico e da un Dio che gioca a dadi con l’universo
Condividi 15 SETTEMBRE 2021 Come difendersi dal relativismo scientifico e da un Dio che gioca a dadi con l’universo di Alessandro Capezzuoli, funzionario ISTAT e responsabile osservatorio dati professioni e competenze Aidr Dio non gioca a dadi con l’universo. Questa frase, scritta da Einstein all’amico Niels Bohr, sintetizza molto bene la natura probabilistica della meccanica quantistica, una teoria che mette in dubbio la natura deterministica su cui si basa la fisica classica. La contrapposizione tra le due teorie, nei primi anni del novecento, è stata molto forte. di Alessandro Capezzuoli, funzionario ISTAT e responsabile osservatorio dati professioni e competenze AidrDio non gioca a dadi con l’universo. Questa frase, scritta da Einstein all’amico Niels Bohr, sintetizza molto bene la natura probabilistica della meccanica quantistica, una teoria che mette in dubbio la natura deterministica su cui si basa la fisica classica. La contrapposizione tra le due teo (continua)

Cybersecurity: arriverà a breve la comunicazione quantistica a proteggerci?

Cybersecurity: arriverà a breve la comunicazione quantistica a proteggerci?
7 maggio 2021: un attacco informatico ha bloccato i sistemi della società americana Colonial Pipeline, il più grande oleodotto in USA. L’attacco ha messo in crisi l’economia e la gente è rimasta senza benzina. Il virus che ha “infettato” il sistema, un ransomware, ha impedito qualsiasi accesso ai dispositivi fino a quando lo sblocco non è avvenuto dietro pagamento di un riscatto. di Vito Coviello, Socio AIDR e Responsabile Osservatorio Tecnologie Digitali nel settore dei Trasporti e della Logistica7 maggio 2021:  un attacco informatico  ha bloccato i sistemi della società americana Colonial Pipeline, il più grande oleodotto  in USA.  L’attacco ha messo in crisi l’economia e la gente è rimasta senza benzina. Il virus che ha “infe (continua)

L’informatizzazione in Sanità è necessaria, strategica e imminente

L’informatizzazione in Sanità è necessaria, strategica e imminente
L’incessante sviluppo scientifico, tecnico ed organizzativo legato inizialmente alla rivoluzione nel campo delle tecnologie digitali e successivamente alla spinta della pandemia di SARS-CoV-2 hanno imposto ai servizi sanitari l’adeguamento dei propri sistemi a quelle che sono le novità del settore e al mutare della domanda dei professionisti della salute. L’incessante sviluppo scientifico, tecnico ed organizzativo legato inizialmente alla rivoluzione nel campo delle tecnologie digitali e successivamente alla spinta della pandemia di SARS-CoV-2 hanno imposto ai servizi sanitari l’adeguamento dei propri sistemi a quelle che sono le novità del settore e al mutare della domanda dei professionisti della salute.Sono stati messi in campo strumenti e risor (continua)