Home > Ambiente e salute > Sclerosi Multipla: la Lombardia, che da sola registra oltre 21mila casi, ha un ruolo centrale nella lotta di questa malattia

Sclerosi Multipla: la Lombardia, che da sola registra oltre 21mila casi, ha un ruolo centrale nella lotta di questa malattia

scritto da: Motore sanita | segnala un abuso

21 luglio 2021 - Sono circa 130mila i malati di Sclerosi Multipla (SM) in Italia, di cui oltre 21mila nella sola Lombardia. Un dato che sarebbe persino sottostimano, dato che ogni anno si aggiungono 600 nuovi casi, la maggior parte dei quali sono persone giovani. Proprio così: la SM può esordire a ogni età, ma è più comunemente diagnosticata nel giovane adulto tra i 20 e i 40 anni, soprattutto donne - il doppio addirittura degli uomini.


21 luglio 2021 - Sono circa 130mila i malati di Sclerosi Multipla (SM) in Italia, di cui oltre 21mila nella sola Lombardia. Un dato che sarebbe persino sottostimano, dato che ogni anno si aggiungono 600 nuovi casi, la maggior parte dei quali sono persone giovani. Proprio così: la SM può esordire a ogni età, ma è più comunemente diagnosticata nel giovane adulto tra i 20 e i 40 anni, soprattutto donne - il doppio addirittura degli uomini. 

“Rispetto a 30 anni fa oggi lo scenario è cambiato”, evidenzia Mario Alberto Battaglia, Presidente Nazionale FISM, nel corso del webinar ‘Focus Lombardia: #MULTIPLAYER - La Sclerosi Multipla si combatte in squadra’, organizzato da Motore Sanità“Abbiamo la possibilità di una diagnosi e di una terapia precoci, abbiamo il percorso verso una medicina personalizzata, una rete di centri clinici invidiata a livello mondiale che ci garantisce il network fondamentale per affrontare la SM, abbiamo però anche degli altissimi costi: il costo per affrontare la SM adesso in Italia è di oltre 6 miliardi di euro e, di questi, 1 miliardo è il costo sociale della Lombardia, che affrontano anche le persone e le famiglie, non solo il Servizio sanitario. Ricordo ancora il ruolo importante che la Lombardia, con i suoi Centri e i suoi Istituti di ricerca, ha nella ricerca nazionale e mondiale, anche nel coordinamento di progetti e di iniziative fondamentali per le Linee guida

“La Lombardia è centrale nella questione della SM, non solo per gli alti numeri, ma anche per l’attrattività che ha su tutto il territorio nazionale: ricordo che il 30-35% dei pazienti del San Raffaele sono fuori Regione”, ha confermato Massimo Filippi, Professore Ordinario di Neurologia e Direttore della Scuola di specializzazione in Neurologia presso l’Università Vita-Salute San Raffaele e Direttore Unità di Neurologia, Neuroriabilitazione, Neurofisiologia, Stroke Unit e Centro Sclerosi Multipla, IRCCS Ospedale San Raffaele, Milano. “Con orgoglio, inoltre, l’Ospedale del San Raffaele può rivendicare di essere stato forse il primo al mondo a proporre l’utilizzo della risonanza magnetica per la diagnosi precoce di questa malattia. Credo che proprio qui si nasconda il segreto per contribuire a vincere la battaglia: una diagnosi precoce che si proietta negli anni e questa forse è una discussione che va fatta con i farmaco economisti e le Istituzioni, al fine di ridurre sofferenze enormi che accompagnano purtroppo i nostri pazienti per tutta la vita”. 

Di nuovo diventa centrale il tema di squadra, così come riportato appunto dal titolo dell’incontro (La Sclerosi Multipla si combatte in squadra), dove squadra vuol dire i clinici che si occupano di SM, ma anche gli infermieri, i fisioterapisti, i radiologi e così via, insieme alle Istituzioni, ai pazienti stessi e ai loro caregiver, perché la malattia  si modifica nel tempo e pone esigenze diverse, visto che da un lato il soggetto invecchia e dall’altro la malattia stessa evolve; dall’altro ancora cambia anche l’ambiente all’interno in cui questa malattia si colloca“L’esempio classico è quello da infezione da Sars Cov-2 di cui la Lombardia ha pagato un tributo altissimo e che ha sicuramente modificato l’approccio che avevamo, accelerando anche aspetti che perdureranno nel tempo come la telemedicina”, ha specificato ancora il Professor Filippi. Il percorso terapeutico deve essere continuamente rivalutato nel tempo, ha ribadito Carlo Borghetti, Vicepresidente Consiglio Regionale Componente III Commissione permanente - Sanità e Politiche Sociali. “Da una parte quindi è importante che la politica e le Istituzioni sostengano i Percorsi Diagnostico Terapeutici Assistenziali in maniera propria e personalizzata sul paziente con SM, dall’altra è altrettanto fondamentale il sostegno della ricerca, al fine di avere un mondo libero dalla Sclerosi Multipla, cosa che io auspico per il prossimo futuro. Intanto però, è necessaria una presa in carico efficace che non lasci la persona sola, ma che la accompagni nel percorso difficile di una malattia che, purtroppo, quando progredisce diventa invalidante. Dobbiamo evitare che accada. Proprio adesso siamo nel frangente di una nuova riforma socio-sanitaria lombarda, che dovrà tenere in debita considerazione le osservazioni che attengono al tema.



 

Potrebbe anche interessarti

Sclerosi multipla: servono prevenzioni e diagnosi sempre più precoci


Sclerosi multipla: il modello virtuoso del PDTA piemontese da approvare per una efficace presa in carico del paziente


Sclerosi multipla: la presa in carico efficace coinvolge, oltre al neurologo, molte figure istituzionali e non solo


Invito stampa - "Focus Lombardia: Sclerosi Multipla. L’evoluzione di nuovi modelli organizzativi tra efficienza di interdisciplinarietà e risposta di salute" - 25 maggio 2022, Ore 14:3


Sclerosi Multipla: puntiamo sulla terapia precoce


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Robot “postini salvavita”, oncologia di precisione, cure personalizzate: la medicina del futuro è già qui

Luci e ombre di un panorama sanitario futuristico che si mischia con il presente. Ecco quanto emerso dalla tre giorni della MIDSUMMER SCHOOL 2022 di Motore Sanità. Tivoli, 15 luglio 2022 – Ha registrato una grande partecipazione la prima edizione della MIDSUMMER SCHOOL 2022 di Motore Sanità, conclusasi oggi a Tivoli. Tanti i temi trattati durante questa tre giorni di lavori: da “La diagnostica integrata al servizio del paziente”, a “Disruptive technology e medicina di precisione”, fino a “PNRR: disegniamo la sanità del futuro”. Realizzata (continua)

Le grandi sfide della sanità: fare rete, investire in personale sanitario, combattere la resistenza all’innovazione tecnologica e al cambiamento

Il PNRR stanzia circa 20 miliardi di euro per l’implementazione della medicina territoriale e la ristrutturazione dei Dea e dei pronto soccorso negli ospedali nonché per l’aggiornamento e sostituzione della tecnologia ospedaliera obsoleta. Collante del tutto dovrebbe essere rappresentato dalla sanità digitale: fascicolo sanitario, cyber security e telemedicina in primis. Tivoli, 15 luglio 2022 – Alla “MIDSUMMER SCHOOL 2022 – Disruptive technology e medicina di precisione” di Motore Sanità, organizzata con il contributo incondizionato di Technogenetics, Abbott, Becton Dickinson, Siemens Healthineers e Stago Italia la sessione “Disegniamo la sanità del futuro” ha voluto tracciare quali potranno essere i prossimi passi della sanità italiana con il (continua)

Tumori rari: fare rete perché nessuno venga lasciato solo

Walter Locatelli, Presidente di Io Raro, illustra in 4 precisi punti, emersi durante la MidSummer School di Motore Sanità, come centrare l’obiettivo Tivoli 15 luglio 2022 - Durante l’incontro PNRR: disegniamo la sanità del futuro, svoltosi nell’ambito della “MIDSUMMER SCHOOL 2022” di Motore Sanità, che ha visto la partecipazione del comitato scientifico di Io Raro con le Associazioni che accompagnano i cittadini, sono emersi punti importanti e indirizzi di azione, come riporta il Presidente di Io Raro Walter (continua)

Pandemia diabete: terapie e dati aiutano i clinici nelle scelte più appropriate e le istituzioni nella programmazione sanitaria per offrire ai malati cure efficaci e buona qualità di vita

L’innovazione farmacologica e tecnologica ha determinato un radicale cambiamento nella cura del diabete, patologia cronica ad elevata prevalenza in tutto il mondo Tivoli, 15 luglio 2022 – L’innovazione farmacologica e tecnologica ha determinato un radicale cambiamento nella cura del diabete, patologia cronica ad elevata prevalenza in tutto il mondo, che impatta pesantemente sullo stato di salute e sulla qualità della vita delle persone oltre a comportare pesanti costi sociali e sanitari. Si torna a parlare della pandemia diabete e l’occasione (continua)

L’assistenza sul territorio vista dai pazienti: “Sono urgenti nuovi modelli organizzativi supportati da tecnologia e medicina personalizzata”

Non c’è innovazione senza accesso all’innovazione Tivoli, 15 luglio 2022 - “Non c’è innovazione senza accesso all’innovazione. I cittadini devono avere gli stessi diritti e ottenere le cure di cui hanno bisogno. Eppure ogni giorno riscontriamo una grande frattura tra un’ipotesi di una sanità e di salute innovativa e potenzialmente arricchente e accessibile per tutti e quello che invece succede nella realtà e nella pratica. Questa frattura deve es (continua)