Home > Ambiente e salute > Camminare nel mare fa bene al corpo ed alla mente

Camminare nel mare fa bene al corpo ed alla mente

scritto da: Marcofrancescoeramo | segnala un abuso

Camminare nel mare fa bene al corpo ed alla mente

Camminare nel mare, nelle prime ore del mattino, aiuta a scaricare la tensione, tonifica i muscoli ed aiuta a migliorare i problemi di circolazione.


- di Marco Francesco Eramo 

Camminare nell’acqua del mare: i benefici per gambe e mente
Gli esperti consigliano di passeggiare tra le onde presto, la mattina, immergendosi gradualmente, per almeno mezz'ora. Un'abitudine molto positiva per muscoli, circolazione sanguigna e inestetismi cutanei. 
Camminare nell’acqua è considerata una vera e propria cura depurativa per tutto il corpo, dalla testa ai piedi. Moltissimi i benefici: fa bene alla muscolatura e alla pelle, mentre, come sa molto bene chi è appassionato di lunghe camminate, conduce in una dimensione armonica, dove i pensieri fluiscono liberi e mente e corpo diventano una cosa sola.
Camminare nell'acqua di mare serve anche a tonificare i muscoli senza danneggiare le articolazioni. Ció é consigliato soprattutto alle persone anziane o con le ossa fragili. Questa attività, infatti, non fa correre rischi alle giunture e alle ossa perché il peso corporeo è in parte sostenuto dall’acqua.
L’effetto fisico del camminare nell’acqua, oltre che tonico, ha conseguenze positive anche sulla circolazione sanguigna. Soprattutto in chi soffre di patologie angiologiche. Passeggiare in mare aiuta a contrastare disturbi venosi degli arti inferiori come pesantezza, gonfiore e formicolio alle gambe.
Migliora gli inestetismi cutanei. 
Una cattiva circolazione sanguigna può generare inestetismi cutanei, ad esempio capillari visibili. Trascurarli e, più in generale, fare poco attività fisica, può peggiorarli, causando patologie più severe, come l’insufficienza venosa. La stessa cellulite, che si può manifestare a vari stadi, è causata tra le altre cose da una cattiva circolazione del sangue. L’esercizio fisico è uno dei pilastri delle terapie anti-cellulite, quindi anche in questo caso il movimento in acqua può contribuire.
«Si comincia camminando con l’acqua poco sopra il polpaccio. E poi si aumentano gradualmente la velocità e l’immersione». «Quando si è caldi, si alternano 30 secondi di scatto a 30 secondi di camminata lenta. Infine, con l’acqua al livello delle cosce, si alternano 30 secondi di corsa sul posto. Portando le ginocchia all’altezza della vita».
L’importante è iniziare piano per poi aumentare gradualmente l’andatura, immergendosi sempre di più (fino alla vita) per incrementare la resistenza. In base al proprio stato di salute e allenamento, il suggerimento è di camminare continuativamente non meno di 30 minuti. Fare in modo che la passeggiata diventi un’abitudine e non sia solo occasionale: i massimi benefici si ottengono quando ci si concede del tempo per camminare per almeno 3 giorni consecutivi.
Gli esperti consigliano di dedicarsi alle passeggiate nel mare la mattina, il più presto possibile per non subire raggi ultravioletti troppo forti e godere della brezza fresca delle prime ore (sotto l’effetto benefico del sole potrete anche produrre vitamina D). L’acqua avrà una temperatura più bassa, ma è tutto di guadagnato per la circolazione sanguigna delle gambe. Se il mare è leggermente mosso ancora meglio: l’azione delle onde potrà esercitare un naturale massaggio benefico. 
Dopo la camminata bisogna reintegrare i liquidi bevendo acqua a temperatura ambiente.
In acqua, non sul bagnasciuga
Al contrario di quanto si possa pensare, passeggiare sul bagnasciuga è invece controindicato alle persone con osteoporosi. Evitare di camminare o correre sulla battigia perché il piano è inclinato e le vertebre vengono sollecitate in modo anomalo.


Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

EUGENIO RIPEPI: “ROMA NON SI RADE” è il nuovo album del cantautore ligure in uscita il 3 luglio


Festival Smart Cityness: l’innovazione territoriale e la collaborazione locale, dal 2 al 4 ottobre, Cagliari


Intervista di Alessia Mocci a Cristina Zaltieri: traduttrice del filosofo François Zourabichvili per Negretto Editore


Boaterfly start up per noleggiare barche riceve 500.000 euro dagli investitori


Il grottesco e la biomeccanica teatrale di Mejerchol'd insegnati a Roma nella Palestra dell'Attore


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

38 anni fa la strage di via Pipitone: il giudice Rocco Chinnici ed il suo esempio a prevenire il fenomeno mafioso.

38 anni fa la strage di via Pipitone: il giudice Rocco Chinnici ed il suo esempio a prevenire il fenomeno mafioso.
A 38 anni dall'uccisione del giudice Rocco Chinnici l'impegno dei giovani nella lotta alla mafia é contrastare lo spaccio di droga. Palermo - La consapevolezza di dover morire non si arresta innanzi all'esplicazione del proprio dovere. E ciò ha riguardato in particolar modo il giudice Rocco Chinnici, che oggi ricordiamo nel 38esimo anniversario della sua strage. In una delle ultime interviste il magistrato ha dichiarato: "la cosa peggiore che possa accadere é essere ucciso. Io non ho paura di morire! Anche se cammino con la sc (continua)

29 anni dalla strage di via d'Amelio

29 anni dalla strage di via d'Amelio
Il giudice Paolo Borsellino ha insegnato ai giovani di non arrendersi mai davanti alle difficoltà e di fare sempre il proprio dovere. “Sai Diego, quando subisci la perdita di un parente caro, tu vai al suo funerale e piangi non solo perché ti è morto il parente o l'amico, ma perché sai che la tua fine è vicina". Queste sono le parole che il magistrato Paolo Borsellino ha riferito a Diego Cavaliero, un suo giovane collaboratore e primo sostituto procuratore a Marsala, prima di morire. Non un presagio astratto, ma una certezza.&nb (continua)

Un'estate all'insegna della prevenzione anticovid, ma attenti all'assunzione di integratori fai da te.

Un'estate all'insegna della prevenzione anticovid, ma attenti all'assunzione di integratori fai da te.
L'attività fisica, unita ad una giusta esposizione al sole e ad un riposo rilassante, sono elementi essenziali per una efficace protezione contro il covid. Fare il pieno di sole, di relax e di sonno e fare un po' più di attività fisica.Sono i quattro pilastri di una vacanza anti-Covid individuati dagli esperti della Società italiana di endocrinologia (Sie).Sono questi gli elementi che aiutano a migliorare la funzionalità del sistema immunitario.Almeno 30 minuti al giorno di esposizione al sole in modo corretto - spiegano gli specialisti - bastano inf (continua)

"Balconi fioriti" concorso del Comune di Cesa


L'obiettivo è quello di regalare una magica atmosfera floreale a tutta la città. Partecipa al concorso anche Sara Oliva motivata proprio dalla sua passione per i fiori È partito il concorso "Balconi fioriti" un'iniziativa del Comune di Cesa, in prov. di Caserta che intende regalare alla città una magica atmosfera floreale, abbellendo I balconi con i fiori.L'iniziativa punta a rendere il paese più accogliente, arricchendo il valore architettonico del centro storico migliorando il quadro di vita quotidiana, sensibilizzando i cittadini sull'importanza delle piante (continua)

La Campania prossima alla zona Bianca, ma rimane l'obbligo della mascherina in estate

La Campania prossima alla zona Bianca, ma rimane l'obbligo della mascherina in estate
Lunedì prossimo la Campania entrerà ufficialmente in zona Bianca, ma se non si agisce con responsabilità, si corre il rischio di ritorno alle cure in terapia intensiva. Anche per la  Campania é arrivato il tanto atteso momento  dell'entrata  in zona Bianca. Lunedì prossimo infatti i cittadini Campani avranno modo di liberarsi dai tanti provvedimenti restrittivi messi in atto dal governo per il contenimento del coronavirus. Un momento dunque davvero peculiare:  ragazzi, giovani, adulti ma soprattutto  commercianti ed operatori del turismo, (continua)