Home > Economia e Finanza > Il Consiglio europeo adotta il regolamento sui supercomputer di prossima generazione

Il Consiglio europeo adotta il regolamento sui supercomputer di prossima generazione

scritto da: AIDR | segnala un abuso

Il Consiglio europeo adotta il regolamento sui supercomputer di prossima generazione

Il provvedimento adottato, che tiene già conto dei recenti sviluppi tecnologici, come l'informatica quantistica, contribuirà al rafforzamento dell’autonomia strategica dell'UE ed alla realizzazione dello Spazio europeo della ricerca preordinato a rendere l’Europa leader a livello mondiale nel supercalcolo.


di Davide Maniscalco, Coordinatore regionale Aidr per la Sicilia, Privacy Officer e Capo delle relazioni istituzionali Swascan – Tinexta Group

Il Consiglio ha adottato oggi un regolamento che istituisce la European High Performance Computing Joint Undertaking (EuroHPC).

Il regolamento apre così la strada allo sviluppo in Europa della prossima generazione di supercomputer.

L'impresa comune mira a sviluppare, implementare, estendere e mantenere nell'UE un ecosistema federato, sicuro e iperconnesso di supercalcolo, calcolo quantistico, nonché di servizi e infrastrutture di dati a livello mondiale.

Il regolamento consentirà la prosecuzione delle attività dell'impresa comune EuroHPC, invero già istituita nell'ottobre 2018, e riunirà le risorse dell'UE, dei 27 Stati membri, di altri 6 paesi e di 2 membri privati, ossia la European Technology Platform for HPC and la Big Data Value Associations.

Il provvedimento adottato, che tiene già conto dei recenti sviluppi tecnologici, come l'informatica quantistica, contribuirà al rafforzamento dell’autonomia strategica dell'UE ed alla realizzazione dello Spazio europeo della ricerca preordinato a rendere l’Europa leader a livello mondiale nel supercalcolo.

Ed infatti, il regolamento rafforza proprio le capacità di ricerca e innovazione, lo sviluppo di un ecosistema di infrastrutture di supercalcolo e l'acquisizione di supercomputer di livello mondiale tramite l'impresa comune.

Ciò consente di estendere l'utilizzo dell'infrastruttura di supercalcolo ad un ampio numero di utenti pubblici e privati.

In più ,il provvedimento normativo, seppur tenda allo sviluppo di competenze chiave per la scienza e l'industria europee, mantiene tuttavia una generale coerenza con i prioritari obiettivi di transizione verde e digitale dell'UE.

L'High Performance Computing si riferisce a sistemi di calcolo ("supercomputer") con una potenza di calcolo estremamente elevata, in grado di risolvere problemi particolarmente complessi, consentirà di sfruttare ulteriormente tecnologie chiave come l'intelligenza artificiale, data analytics e cybersecurity di sfruttare l'enorme potenziale della cosìddetta economia data driven.

La proposta della Commissione europea è stata presentata nel settembre 2020 e il Consiglio ha concordato un orientamento generale nel maggio 2021.

Il nuovo regolamento è stato allineato al quadro finanziario pluriennale dell'UE per gli anni 2021-2027 , consentendo così all'EuoroHPC di utilizzare i finanziamenti dei programmi dell'UE , Horizon Europe, Digital Europe e Connecting Europe Facility. 


Fonte notizia: https://www.aidr.it/il-consiglio-europeo-adotta-il-regolamento-sui-supercomputer-di-prossima-generazione/


consiglio europeo | supercomputer | aidr |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Droni, Europa e normative: tante novità


Cosa significa veramente adottare un bambino a distanza


Trattamento transfrontaliero di dati personali: la competenza delle autorità di controllo


MARIGLIANELLA IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE SU QUESTIONE GORI REPLICA AL CONSIGLIERE MATTIELLO.


La formazione in presenza per redigere le schede dati di sicurezza


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Open Data e tutela del territorio a vocazione agroalimentare

Open Data e tutela del territorio a vocazione agroalimentare
Secondo il Codice dell’Amministrazione digitale, i dati di tipo aperto o Open Data sono caratterizzati da tre condizioni concorrenti: una licenza o una previsione normativa che ne permetta l’utilizzo da parte di chiunque; l’accessibilità attraverso le tecnologie dell’informazione e della comunicazione, ivi comprese le reti telematiche; la gratuità; la possibilità di essere utilizzati da parte di programmi per elaboratori, perché provvisti dei relativi metadati (art. 1, comma 1, lett. 1-ter, D.Lgs 82/2005 e succ. mod.) di Filippo Moreschi, avvocato e Responsabile Osservatorio AIDR “Digital Agrifood”Da ormai qualche anno, la comunità internazionale ed i singoli Stati nazionali hanno dettato ed aggiornano normative e specifiche tecniche per la raccolta dei c.d. “Open data”, ossia i dati aperti, accessibili a tutti, messi a disposizione da Pubbliche amministrazioni o aziende private, che possono essere riutili (continua)

Come difendersi dal relativismo scientifico e da un Dio che gioca a dadi con l’universo

Come difendersi dal relativismo scientifico e da un Dio che gioca a dadi con l’universo
Condividi 15 SETTEMBRE 2021 Come difendersi dal relativismo scientifico e da un Dio che gioca a dadi con l’universo di Alessandro Capezzuoli, funzionario ISTAT e responsabile osservatorio dati professioni e competenze Aidr Dio non gioca a dadi con l’universo. Questa frase, scritta da Einstein all’amico Niels Bohr, sintetizza molto bene la natura probabilistica della meccanica quantistica, una teoria che mette in dubbio la natura deterministica su cui si basa la fisica classica. La contrapposizione tra le due teorie, nei primi anni del novecento, è stata molto forte. di Alessandro Capezzuoli, funzionario ISTAT e responsabile osservatorio dati professioni e competenze AidrDio non gioca a dadi con l’universo. Questa frase, scritta da Einstein all’amico Niels Bohr, sintetizza molto bene la natura probabilistica della meccanica quantistica, una teoria che mette in dubbio la natura deterministica su cui si basa la fisica classica. La contrapposizione tra le due teo (continua)

Cybersecurity: arriverà a breve la comunicazione quantistica a proteggerci?

Cybersecurity: arriverà a breve la comunicazione quantistica a proteggerci?
7 maggio 2021: un attacco informatico ha bloccato i sistemi della società americana Colonial Pipeline, il più grande oleodotto in USA. L’attacco ha messo in crisi l’economia e la gente è rimasta senza benzina. Il virus che ha “infettato” il sistema, un ransomware, ha impedito qualsiasi accesso ai dispositivi fino a quando lo sblocco non è avvenuto dietro pagamento di un riscatto. di Vito Coviello, Socio AIDR e Responsabile Osservatorio Tecnologie Digitali nel settore dei Trasporti e della Logistica7 maggio 2021:  un attacco informatico  ha bloccato i sistemi della società americana Colonial Pipeline, il più grande oleodotto  in USA.  L’attacco ha messo in crisi l’economia e la gente è rimasta senza benzina. Il virus che ha “infe (continua)

L’informatizzazione in Sanità è necessaria, strategica e imminente

L’informatizzazione in Sanità è necessaria, strategica e imminente
L’incessante sviluppo scientifico, tecnico ed organizzativo legato inizialmente alla rivoluzione nel campo delle tecnologie digitali e successivamente alla spinta della pandemia di SARS-CoV-2 hanno imposto ai servizi sanitari l’adeguamento dei propri sistemi a quelle che sono le novità del settore e al mutare della domanda dei professionisti della salute. L’incessante sviluppo scientifico, tecnico ed organizzativo legato inizialmente alla rivoluzione nel campo delle tecnologie digitali e successivamente alla spinta della pandemia di SARS-CoV-2 hanno imposto ai servizi sanitari l’adeguamento dei propri sistemi a quelle che sono le novità del settore e al mutare della domanda dei professionisti della salute.Sono stati messi in campo strumenti e risor (continua)

Il mercato del lavoro sul web

Il mercato del lavoro sul web
Il web consente la possibilità di accedere ad una moltitudine di informazioni senza costi. Questo si è tradotto nella riduzione dei vincoli e delle frizioni per acquisire notizie fresche e aggiornate. Molti studi scientifici hanno messo in luce questo aspetto e lo hanno collegato ad altri settori commerciali come quello dei prodotti destinati al mercato, all’efficienza aziendale ma anche al mercato del lavoro. In questo ultimo campo il web ha rimesso in discussione le modalità nelle quali i professionisti e i datori di lavoro possono trovare un punto di incontro reciproco. Il web consente la possibilità di accedere ad una moltitudine di informazioni senza costi. Questo si è tradotto nella riduzione dei vincoli e delle frizioni per acquisire notizie fresche e aggiornate. Molti studi scientifici hanno messo in luce questo aspetto e lo hanno collegato ad altri settori commerciali come quello dei prodotti destinati al mercato, all’efficienza aziendale ma anche al mercat (continua)