Home > Libri > Libri per ragazzi, esce "Bia e il compagno ideale", di Sandro Melaranci

Libri per ragazzi, esce "Bia e il compagno ideale", di Sandro Melaranci

scritto da: Francesca Cabibbo | segnala un abuso

Libri per ragazzi, esce

Racconti per ragazzi in periodo Covid. Esce "Bia e il compagno ideale", terzo racconto della serie ideata da Sandro Melaranci, romano di Trastevere. La protagonista, Bia, alle prese con l'adozione di un cagnolino la cui padroncina è finita in rianimazione dopo essere stata contaguata dal Covid-19. Una storia simbolo del rapporto tra uomo ed animale, ma anche la costruzione di untassello positivo di solidarietà sociale. La donna guairà e lascerà l'ospedale e per Bia si aprono ora nuovi scenari.


La passione per la scrittura, per l’arte del narrare, l’ha coltivata da sempre. Da qualche anno ha deciso di dedicarsi esclusivamente ad essa. E se in passato ha raccontato di se e della sua vita avventurosa e ricchissima, ora Sandro Melaranci, romano di Trastevere, ha deciso di dedicarsi ad un genere diverso: la letteratura per ragazzi.

È uscito oggi ed è disponibile nelle piattaforme digitali e nelle librerie, “Bia e il compagno ideale” (Amazon, 2021) il terzo volume della collana che vede protagonista una ragazzina, Bia, che vive con il suo papà, Luca. La mamma è morta quando la piccola era in tenera età e lei ne coltiva il ricordo grazie all’attenta presenza del suo papà.

Bia è una ragazzina intelligente e impertinente, ma con una grande bontà d’animo ed uno sguardo aperto sugli altri, capace di essere figlia ed amica sincera, è tra quelli che più affascinano il mondo dei più giovani. Ma che interessa anche la vasta schiera degli adulti, di coloro che, specie nel periodo estivo, preferiscono una lettura più leggera.

Il libro racconta la storia di un’amicizia forte con un cagnolino abbandonato perché la sua padrona è finita in ospedale per il Covid. Ciò che trapela dalle pagine è la complicità silente tra Bia e il suo papà e l’amore, mai abbastanza ricambiato, dell’animale per lei. Il lieto fine è dietro l’angolo, quando Marisa, la sua padrona, guarirà e potrà lasciare l’ospedale e Fantino potrà tornare a casa. Ma Bia, presto potrà avere anche lei un nuovo cucciolo da amare. La storia, un racconto breve, semplice e accattivante, scorre lungo le pieghe dell’attualità sociale e sanitaria, che fa emergere in maniera più forte i valori della solidarietà.

Sulla stessa falsariga si muovono anche i racconti precedenti, che Melaranci ha pubblicato lo scorso anno “Bia e il grande uomo delle nevi” e “Bia e il bullo”.

Il primo racconto vede la piccola, ben più matura dei suoi nove anni, alle prese con le sue passioni (lo sport, la vita dinamica, gli amici) e con un improvviso amore per gli sport estremi, le scalate delle montagne. Bia e il suo papà sfatano la leggenda creata attorno ad un uomo, considerato “mostro”, solo perché aveva scelto di vivere isolato in montagna. Tra loro ci sarà amicizia e stima vera. L’odioso pregiudizio è smascherato, ma l’uomo preferirà tornare nella sua montagna, dove trova i suoi animali, gli amici più veri.

Nel secondo racconto la troviamo alle prese con un episodio di bullismo, che si muove tra la scuola ed il gruppo di amici. Bia, con una grande maturità, affronterà la situazione, con il sostegno del suo immancabile papà, riuscendo a tirar fuori dal baratro sia l’amica bullizzata che il bullo anch’egli, a causa di difficoltà familiari, bisognoso di aiuto.

I temi del sociale sono quindi lo sfondo della narrazione di Melaranci. L’esposizione è semplice, il linguaggio essenziale e insieme avvincente. L’autore affronta alcune delle grandi tematiche dell’esistenza e del mondo giovanile con leggerezza e senza calcare la mano, ma stagliando in maniera netta i confini tra ciò che è un comportamento corretto e le condotte degeneri. Si tratta di aspetti che il giovane adolescente (potenziale lettore delle storie di Melaranci) affronta per la prima volta, in quella che è l’età degli ardori giovanili e delle grandi passioni. E nel testo, nel racconto avvincente, il giovane che si appresta a diventare adulto potrà trovare spunti e riferimenti per la sua crescita motivazionale che gli permetteranno di affrontare meglio le grandi tematiche dell’esistenza.

La passione per la letteratura è solo uno degli elementi che caratterizzano la vita di Sandro Melaranci. Grande viaggiatore, è stato in Brasile e in Polinesia. Appassionato di cinema e musica  ha iniziato come  truccatore cinematografico (ha lavorato, tra l’altro per “Il giorno della civetta”, di Damiano Damiani, truccando Franco Nero e Claudia Cardinale), poi, quasi per gioco, ha aperto un ristorante nel cuore di Roma, a Trastevere, il MANUIA, che ha curato per venti anni. Il ristorante è stato frequentato da personaggi del jet set internazionale: da Chet Baker a Renato Zero, da Federico Fellini a Roman Polanski, Robert De Niro, Andy Warhol, Lisa Minelli, Dustin Hoffman, Giorgio Albertazzi, gli stilisti Armani e Valentino. Era uno dei locali più celebri degli anni 80. Nella lunga e poliedrica carriera di Sandro Melaranci, c’è anche spazio per l’artigianato d’arte.

Alla letteratura si è dedicato con priorità negli ultimi anni, inaugurando la collana dedicata a Bia. I libri di Sandro Melaranci saranno disponibili da settembre anche nella versione audiolibri, su Audible.

bia | bia e il compagno ideale | sandro melaranci |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Manuia, in un libro la storia di vent'anni dei vip dello spettacolo nel celebre ristorante romano


Serramenti Risparmio Energetico: Intervista a Sandro Zavattiero della SAP


Move Week: Il 1° Giugno a Roma corri e cammina con Achilles International


19 ottobre esce l'ultimo album di Danilo Amerio


Sandro: Grazie alla generosità degli atleti dell'Atletica La Sbarra ho iniziato a correre


Si è conclusa la Move Week: Settimana dello sport per tutti e di stili di vita attivi


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Manuia, in un libro la storia di vent'anni dei vip dello spettacolo nel celebre ristorante romano

Manuia, in un libro la storia di vent'anni dei vip dello spettacolo nel celebre ristorante romano
Il testo racconta i vent’anni dello storico ristorante nel cuore di Trastevere, a Roma, al Vicolo del Cinque, frequentato assiduamente dai protagonisti della celluloide dal 1971 al 1991. Tradotto anche in inglese, francese, portoghese e rumeno, sarà presentato alla Zanon Gallery. Sarà presentato il prossimo 25 novembre, alle 16,30, presso la Zanon Gallery, via Tor di Nona, 44, a Roma il libro “Manuia”, di Sandro Melaranci. Il libro, con la prefazione di Franco Nero, racconta il venti anni del MANUIA, storico locale dei vip del cinema italiano dal 1971 al 1991. Il ristorante ha ospitato Renato Zero e Franco Nero, Andy Warhol, Pino Daniele, Giorgio Albertazzi, Federico F (continua)

Riabilitazione, si inaugura a Modica il terzo presidio del CMSN

Riabilitazione, si inaugura a Modica il terzo presidio del CMSN
la storia di un centro sorto 42 anni fa, su iniziativa del volontaroiato cattolico a Vittoria. Oggi si inaugura la terza sede: 560 assistiti nelle tre principali città della provincia L’Asp di Ragusa ha autorizzato il trasferimento di accreditamento di alcune prestazioni dalla sede di Vittoria e con la rimodulazione della convenzione, ha reso operativa la nuova sede di Modica. Un obiettivo importante per il CMSN che, già presente nel distretto di Modica da 26 anni con le prestazioni extramurali nelle scuole per bambini da 3 a 12 anni, risponde ora in modo più compl (continua)

Un'artista ed un mecenate: Giovanni Leonardo damigella dona scultura di Elena Mutinelli

Un'artista ed un mecenate: Giovanni Leonardo damigella dona scultura di Elena Mutinelli
Una scultura dal titolo "Manifesto Principio", ispirata alla Deposizione del Rosso Fiorentino, sarà inaugurata domani nella villa comunale di Chiaramonte Gulfi. E' stata donata dall'industriale del marmo Giovanni Ldeonardo Damigella. L'opera, in marmo bianco di Carrara è stata realizzata dalla scultrice Elena Mutinelli Un’opera d’arte contemporanea sarà collocata all’interno della villa comunale a Chiaramonte Gulfi. L’opera, una scultura in marmo bianco di Carrara, realizzata dalla scultrice milanese Elena Mutinelli, è stata donata dall’industriale del marmo Giovanni Leonardo Damigella, titolare della Mondial Granit. La nuova opera scultorea, alta 1,70 metri, si intitola “Manifesto Principio” e sarà inaugu (continua)

Angeli in ginocchio (la saga del popolo messapico): esce il primo volume *Angela (Gli eredi dei Messapi), di Bruna Spagnuolo

Angeli in ginocchio (la saga del popolo messapico): esce il primo volume *Angela (Gli eredi dei Messapi), di Bruna Spagnuolo
Il libro (Ed. S.O.S.ROOTS, giugno 2021) è un romanzo d’amore ambientato nella civiltà contadina delle pendici lucane del Pollino. Salva dall’oblio pezzi di una cultura millenaria ormai scomparsa. Dalla Brianza, dove vive, l’autrice avvia una grande operazione culturale e letteraria. È il primo romanzo di una saga di quattro volumi, tre dei quali ancora inediti. È il più corposo, al contrario dei tre successivi dal formato pocket. È un’opera di narrativa letteraria ambientata, in Basilicata, nella zona del Pollino, nel periodo della seconda guerra mondiale ed è piena di tipicità italica dal notevole esotismo geografico e antropologico. Angela (Gli eredi dei Messapi), di (continua)

Cultura, la scrittrice milanese Bruna Colacicco vince il “Premio Letterario Donna” di Fasano

Cultura, la scrittrice milanese Bruna Colacicco vince il “Premio Letterario Donna” di Fasano
Il libro “Eppure sono lieve”) è una storia di violenza psicologica e mobbing familiare. Lo strumento della letteratura e della poesia come momento di impegno civile nel percorso di consapevolezza della donna. La scrittrice milanese Bruna Colacicco è la vincitrice della sezione "libri editi" del “Premio Letterario Internazionale Donna”, promosso dal CIF (Centro Italiano Femminile) di Fasano, con la partecipazione del comune. La cerimonia di premiazione della XXXII edizione, presentata da Mina Corelli, si è svolta ieri sera presso la sala all’aperto del lido “Il Santos”, di Torre Canne (Fasano). La (continua)