Home > Altro > Un'artista ed un mecenate: Giovanni Leonardo damigella dona scultura di Elena Mutinelli

Un'artista ed un mecenate: Giovanni Leonardo damigella dona scultura di Elena Mutinelli

scritto da: Francesca Cabibbo | segnala un abuso

Un'artista ed un mecenate: Giovanni Leonardo damigella dona scultura di Elena Mutinelli

Una scultura dal titolo "Manifesto Principio", ispirata alla Deposizione del Rosso Fiorentino, sarà inaugurata domani nella villa comunale di Chiaramonte Gulfi. E' stata donata dall'industriale del marmo Giovanni Ldeonardo Damigella. L'opera, in marmo bianco di Carrara è stata realizzata dalla scultrice Elena Mutinelli


Un’opera d’arte contemporanea sarà collocata all’interno della villa comunale a Chiaramonte Gulfi. L’opera, una scultura in marmo bianco di Carrara, realizzata dalla scultrice milanese Elena Mutinelli, è stata donata dall’industriale del marmo Giovanni Leonardo Damigella, titolare della Mondial Granit.

La nuova opera scultorea, alta 1,70 metri, si intitola “Manifesto Principio” e sarà inaugurata il 18 settembre, alle ore 18. Saranno presenti il sindaco Sebastiano Gurrieri, Giovanni Leonardo Damigella ed Elena Mutinelli.

Il nuovo progetto artistico è l’ultimo tassello di una serie di opere realizzate e donate dall’industriale di Chiaramonte Gulfi, mecenate che da anni ha investito nella cultura e nella promozione del territorio e che, con questa nuova opera, «intende riconfermare il desiderio di ridar vita alla grande Arte italiana».

«Impresa e Arte insieme in cammino – si legge nella presentazione dell’opera – svelano lo spirito del tempo incarnato nel mecenatismo di Mondial Granit. Leonardo Giovanni Damigella, il suo carattere creativo imprenditoriale, ha abbracciato questo progetto riconoscendosi nuovamente in un valore: la bellezza, ancora capace di ispirare, nutrire anima, pensiero e futuro».

«L’imprenditore deve promuovere la cultura, l’impresa deve sostenere l’economia di un territorio, ma anche la sua bellezza – spiega Giovanni Leonardo Damigella – ciò che sono stati i Medici per Firenze o gli Sforza per Milano dovrebbe essere un esempio per tutti. Io credo nell’arte. Ho sposato il progetto di qualificazione della cittadina avviato dal sindaco Sebastiano Gurrieri. Un piccolo comune come Chiaramonte rischia di morire se non investe nella bellezza: l’arte, la bellezza dei suoi monumenti, l’armonia delle sue vie possono diventare volano per il turismo. Tutti possono contribuire, anche con un balcone fiorito o con una facciata armoniosa. Gli imprenditori abbiamo il dovere di dare qualcosa alla città. L’opera della scultrice Elena Mutinelli si inserisce in questo progetto di miglioramento della cittadina voluto dal comune».

«Ringrazio Damigella per la sua sensibilità verso la città – ha detto il sindaco Gurrieri – anche in passato ha fatto molto per la nostra cittadina, ad esempio con la realizzazione della nuova pavimentazione del santuario della Madonna di Gulfi, insieme all’imprenditore Santo Cutrone. Ma ha dato altri contributi a lavori importanti in monasteri, chiese ed altro. Da sindaco, lo ringrazio per questo e per questa nuova opera. Sarà collocata in una zona centrale dei giardini comunali, spesso meta di turisti e visitatori, che potranno ammirarla ed apprezzarla».

L’opera è stata realizzata dall’artista presso un laboratorio di Carrara. Damigella ha predisposto tutto per la lavorazione, dalla selezione del marmo in cava, al trasporto e alla scelta del laboratorio pronto ad accogliere un blocco di grandi dimensioni, tutte le operazioni di movimentazione e messa in posa dell’opera.

«Quando alzai il telefono per chiamare Giovanni Leonardo Damigella non avrei mai pensato di trovare un uomo ed un imprenditore così sensibile all’arte. Mi ha ascoltato e mi ha chiesto di mandare dei bozzetti. Lui ha scelto proprio quello che anch’io sentivo di più, il migliore e il più complesso. “Manifesto Principio” è una deposizione, ispirataalla Deposizione del Rosso Fiorentino: in esso l’intreccio dei corpi che si fondono l’uno nell’altro sostiene il Cristo deposto, richiamando la circolarità della vita; la morte contiene in sé il germe prossimo alla nascita, la resurrezione. Le forme simbolicamente sono inscritte nell’Alfa e nell’Omega, il principio e la fine. È la vita che continua, che ha una grande sacralità e dignità anche laica, insita nelle persone che operano ogni giorno per sé, per la famiglia, per la società, per la continuità della progenia e della nostra vita».

Giovanni Leonardo Damigella ha realizzato e donato altre opere a Custonaci, Comiso e a Mineo, sua città natale. A Chiaramonte Gulfi ha realizzato l’altare, con il leggio ed il crocifisso in oro zecchino della chiesa di San Giovanni, nonché le venti sculture in bronzo del portone della stessa chiesa, il pavimento della ex chiesa di Santa Teresa, con mosaico del laboratorio “Pietrangolare”, il pavimento del santuario di Gulfi; ha contribuito per la realizzazione dell’altare del santuario e per il rifacimento dei tetti del monastero “Sacra Famiglia” delle Carmelitane Scalze.

……………………………………………..

L’ARTISTA

Elena Mutinelli nasce a Milano il 4 luglio 1967. Laureata all’Accademia di Belle Arti di Brera, nipote dello scultore Silvio Monfrini autore del monumento a Francesco Baracca a Milano, allievo di Ernesto Bazzaro, approfondisce la tradizione della scultura italiana sconfinando in una contemporaneità lirica, potente.

Ha collaborato per un ventennio con la Veneranda Fabbrica Del Duomo di Milano nella riproduzione di opere in marmo originali.

Le sue opere sono presenti in importanti collezioni in Italia e all’estero, tra cui Jolly Hotel Madison Tower NY, ButanGas e Giomka caffè. Ha portato la sua esperienza di scultrice anche negli Stati Uniti insegnando a scolpire il marmo della cava utilizzato dalla Casa Bianca.

Alcune mostre:

·         “Noi neanche dannati” a cura di Vittorio Sgarbi, Galleria Etra Studio Tommasi, Firenze, 2020.

·         Incontro e abbraccio nella scultura del Novecento da Rodin a Mitoraj”, 2019/20 Palazzo Monte di Pietà, Padova Palazzo Monte di Pietà, Padova, a cura di Alfonso Pluchinotta e Beeatrice Autizi. Introduzione di Vittorino Andreoli.

·          Mostra “Essenzialmente la mano”,  con opere Picasso, Dalì, Breton, 2012 a cura di Franco Bassetto, Alfonso Pluchinotta, Piano Nobile, Caffè Pedrocchi Padova.

elena mutinelli | giovanni leonardo damigella | manifesto principio | chiaramonte gulfi | sebastiano gurrieri |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Angeli in ginocchio (la saga del popolo messapico): esce il primo volume *Angela (Gli eredi dei Messapi), di Bruna Spagnuolo

Angeli in ginocchio (la saga del popolo messapico): esce il primo volume *Angela (Gli eredi dei Messapi), di Bruna Spagnuolo
Il libro (Ed. S.O.S.ROOTS, giugno 2021) è un romanzo d’amore ambientato nella civiltà contadina delle pendici lucane del Pollino. Salva dall’oblio pezzi di una cultura millenaria ormai scomparsa. Dalla Brianza, dove vive, l’autrice avvia una grande operazione culturale e letteraria. È il primo romanzo di una saga di quattro volumi, tre dei quali ancora inediti. È il più corposo, al contrario dei tre successivi dal formato pocket. È un’opera di narrativa letteraria ambientata, in Basilicata, nella zona del Pollino, nel periodo della seconda guerra mondiale ed è piena di tipicità italica dal notevole esotismo geografico e antropologico. Angela (Gli eredi dei Messapi), di (continua)

Libri per ragazzi, esce "Bia e il compagno ideale", di Sandro Melaranci

Libri per ragazzi, esce
Racconti per ragazzi in periodo Covid. Esce "Bia e il compagno ideale", terzo racconto della serie ideata da Sandro Melaranci, romano di Trastevere. La protagonista, Bia, alle prese con l'adozione di un cagnolino la cui padroncina è finita in rianimazione dopo essere stata contaguata dal Covid-19. Una storia simbolo del rapporto tra uomo ed animale, ma anche la costruzione di untassello positivo di solidarietà sociale. La donna guairà e lascerà l'ospedale e per Bia si aprono ora nuovi scenari. La passione per la scrittura, per l’arte del narrare, l’ha coltivata da sempre. Da qualche anno ha deciso di dedicarsi esclusivamente ad essa. E se in passato ha raccontato di se e della sua vita avventurosa e ricchissima, ora Sandro Melaranci, romano di Trastevere, ha deciso di dedicarsi ad un genere diverso: la letteratura per ragazzi.È uscito oggi ed è disponibile nelle piattaforme digitali (continua)

Cultura, la scrittrice milanese Bruna Colacicco vince il “Premio Letterario Donna” di Fasano

Cultura, la scrittrice milanese Bruna Colacicco vince il “Premio Letterario Donna” di Fasano
Il libro “Eppure sono lieve”) è una storia di violenza psicologica e mobbing familiare. Lo strumento della letteratura e della poesia come momento di impegno civile nel percorso di consapevolezza della donna. La scrittrice milanese Bruna Colacicco è la vincitrice della sezione "libri editi" del “Premio Letterario Internazionale Donna”, promosso dal CIF (Centro Italiano Femminile) di Fasano, con la partecipazione del comune. La cerimonia di premiazione della XXXII edizione, presentata da Mina Corelli, si è svolta ieri sera presso la sala all’aperto del lido “Il Santos”, di Torre Canne (Fasano). La (continua)

T.E.S.S.E.R.E. Parole di tessuto. Il filo della comunicazione tra terapia e didattica

T.E.S.S.E.R.E. Parole di tessuto. Il filo della comunicazione tra terapia e didattica
Parte da Napoli, in particolare da Sorrento, la proposta di una nuova metodologia didattica. La proposta di un’innovazione metodologica della pedagogia, con nuovi obiettivi didattici e nuovi metodi di apprendimento per “tessere la formazione dello studente come si intrecciano i fili di un tessuto”. Il libro edito da Franco Di Mauro Un’innovazione metodologica della pedagogia: nuovi obiettivi didattici e nuovi metodi di apprendimento per “tessere la formazione dello studente come si intrecciano i fili di un tessuto”. T.E.S.S.E.R.E. Parole di tessuto. Il filo della comunicazione tra terapia e didattica” (Franco Di Mauro editore, 2021, pp. 142) è il titolo del libro di Rossella Capuano, destinato al mondo della scuo (continua)

Street Workout a Marina di Ragusa. Dopo i vaccini, torna il fitness musicale in cuffia su strada

Street Workout a Marina di Ragusa. Dopo i vaccini, torna il fitness musicale in cuffia su strada
L’evento, promosso da Giovanni Corigliano, è stato dedicato a Simone Massaro, ideatore della formula italiana del walking dinamico e dell’allenamento all’aria aperta in cuffia, scomparso qualche mese fa. Al porto turistico, un messaggio contro la violenza ed i recenti episodi di cronaca. Ritorna lo Street Workout: Marina di Ragusa ha vissuto ieri un evento dedicato al fitness su strada. L’iniziativa, organizzata da Street Workout Ragusa, si è svolta nelle strada della cittadina balneare, nella zona del Porto turistico, la “Rotonda”, piazza Duca degli Abruzzi, piazza Torre, piazza  Malta.L’evento è stato organizzato da Giovanni Corigliano, Ambassador di Street Workout Ita (continua)