Home > News > Difonzo Marco, ciclismo: I traguardi si raggiungono lavorando sodo

Difonzo Marco, ciclismo: I traguardi si raggiungono lavorando sodo

scritto da: Matteo Simone | segnala un abuso

Difonzo Marco, ciclismo: I traguardi si raggiungono lavorando sodo

A volte le passioni per uno sport si trasferiscono di padre a figlio, soprattutto se si ha una bici in garage non più usata che invita a essere messa in strada e poi ci si può accorgere che la vita in sella è interessante e un’opportunità di crescita sperimentando sia benessere che possibilmente anche performance. Di seguito approfondiamo la conoscenza di Marco Difonzo, Leonessa Takler Ceglie Bike Altamura, attraverso risposte ad alcune domande di qualche mese fa.


Nulla ci è concesso senza sacrifici

Matteo SIMONE

380-4337230 - 21163@tiscali.it

 

A volte le passioni per uno sport si trasferiscono di padre a figlio, soprattutto se si ha una bici in garage non più usata che invita a essere messa in strada e poi ci si può accorgere che la vita in sella è interessante e un’opportunità di crescita sperimentando sia benessere che possibilmente anche performance.

Di seguito approfondiamo la conoscenza di Marco Difonzo, Leonessa Takler Ceglie Bike Altamura, attraverso risposte ad alcune domande di qualche mese fa.

Qual è stato il tuo percorso nella pratica dell'attività fisica? Fin da bambino pratico vari sport: dal nuoto, al basket e al calcio. Poi la passione e l’uso frequente della bicicletta mi porta ad intraprendere il meraviglioso percorso del ciclismo. A 14 anni circa inizio a pedalare in sella ad una vecchia bici da corsa di mio padre (con il cambio ancora sul telaio!) insieme al mio amico di pedalate Damiano. Successivamente decido di avventurarmi nell’agonismo. Gareggio per due anni nella categoria allievi e due negli juniores, pedalando un po' per centro-sud Italia. In qualche gara raggiungo anche risultati in classifica, ma molte soddisfazioni sia sul lato sportivo che di crescita nel complesso. Continuo a gareggiare per un altro anno nella categoria amatori, dopo di che temporaneamente metto da parte le corse.

 

Pedalando pedalando, si fanno scoperte di luoghi ma anche si approfondisce la conoscenza di sé stessi apprendendo sempre di più e crescendo in un modo migliore di fatica, sofferenza ma anche di equilibrio e resilienza.

Cosa ti fa continuare a fare attività fisica? Hai rischiato di mollare? La passione, il benessere che genera la bicicletta, lo stare all’aria aperta nella natura, attraversare più città, il senso della velocità, il vento, le discese, le salite, il fiatone …Ci sono stati dei momenti in cui a causa di infortuni sono stato fermo per diverso tempo. Ma nonostante tutto la voglia e la motivazione mi hanno spinto a non mollare.

Quali capacità, risorse, caratteristiche, qualità possiedi nella pratica del tuo sport? Una buona attitudine nella disciplina del ciclismo: sono abbastanza bravo nella conduzione del mezzo, nelle discese soprattutto; metodico negli allenamenti e nell’alimentazione per cercare di essere sempre in forma. Una buona dose di coraggio mista a un pizzico di follia. Molto socievole e punto di riferimento nella mia squadra.

Nello sport cosa e chi hanno contribuito al benessere e/o performance? Sicuramente una buona alimentazione, equilibrata e genuina e la preparazione costante frutto di un profuso impegno e dalla forte passione per la bicicletta.

 

Per ottenere il successo bisogna curare diversi aspetti quali quello nutrizionale e bisogna avere forte passione e motivazione per impegnarsi costantemente, con fiducia e resilienza.

Cosa pensano familiari e amici della tua attività sportiva? La mia famiglia è contenta del mio sport: mio padre da giovane era un corridore, mio fratello pratica mountain bike, quindi siamo una famiglia di sportivi. Non mancano però, le preoccupazioni dovuto ai pericoli della strada. Anche gli amici apprezzano la scelta di uno sport non facile che richiede tanti sacrifici, soprattutto rinunce nella ‘vita sociale’.

Quale esperienza ti dà la convinzione di potercela fare? Grazie al ciclismo ho avuto e ho modo di fare tante esperienze sia positive che negative, di capire che nulla ci è concesso senza sacrifici. La bicicletta meglio di tutto insegna che i traguardi si raggiungono lavorando sodo. Nelle diverse disavventure, tra cui qualche infortunio, ho saputo trarne una lezione e avuto la forza di continuare nonostante la sofferenza e le difficoltà.

 

La pratica del ciclismo aiuta a considerare la ciclicità della vita fatta di salite, pianure e discese come nella vita ci sono difficoltà, ordinarietà e momenti felici.

Ti va di descrivere un episodio curioso o divertente della tua attività sportiva? Certo, mi viene subito in mente un avvenimento molto divertente e faticoso. Era una solita domenica di gara a metà maggio precisamente della stagione da allievo. Ci stavamo dirigendo in Abruzzo dalla Puglia (la mia casa) nella prima mattina, quando improvvisamente la nostra ammiraglia (auto) si pianta nel bel mezzo del tragitto. Si era rotto l’acceleratore! Eravamo a Corato. La gara era ormai compromessa, al nostro allenatore venne la brillante idea di prendere le biciclette e raggiungere di nuovo casa, invece di aspettare i soccorsi e di perdere una giornata di allenamento. Così fu. Ma era solo l’inizio di una folle avventura, perché proprio quel giorno si correva anche la Granfondo dei Sassi con arrivo a Matera, città poco distante dalla nostra Santeramo in Colle. Quindi ci dirigemmo verso Matera e ci trovammo giusto in tempo per inserirsi nella coda del gruppo (senza disturbare gli altri corridori) e arrivare al traguardo della capitale concludendo una corsa improvvisata. Poi per chiudere in bellezza, non avendo nessun mezzo a disposizione, tornammo a casa sempre in bicicletta. Insomma pedalammo per tante ore, più di 150 km, non male come giornata

Che significa per te praticare sport? Per me significa stare bene con il corpo e con la mente. Migliorare la forma fisica ha effetti e benefici anche e soprattutto per la mente, lo spirito. Cercare di migliorarsi giorno dopo giorno e condividere dei bei momenti con altri atleti.

Quali sensazioni sperimenti facendo sport? Benessere, rilassamento, forza e vitalità.

 

Lo sport procura benefici psicofisici e relazionali, soprattutto se si partecipa ad allenamenti comuni e a gare, con una squadra, in giro per l’Italia, facendo esperienze intense e bizzarre.

Quale è stata la tua situazione sportiva più difficile? Il dover recuperare e risolvere un problema alle ginocchia dovuto al disallineamento delle rotule delle due ginocchia dai propri assi. Proprio durante la piena attività agonistica ho dovuto risolvere non facilmente questa situazione con la conseguente difficoltà nel poter gareggiare in piena forma. Finalmente ora questo ostacolo è superato, motivo per cui sono più che appagato dei risultati raggiunti.

Quali condizioni fisiche o ambientali ti ostacolano nella pratica dello sport? Complicazioni motorie o muscolari potrebbero ostacolare l’attività in bicicletta soprattutto negli arti superiori. Per quanto riguarda la variabile meteorologica, sicuramente la peggior condizione è la presenza del maltempo come temporali o grandine, tollerabile invece il freddo e la pioggia … ma non sempre.

A cosa devi fare attenzione nel tuo sport? Quali sono le difficoltà e i rischi? Beh, la strada è un posto pieni di insidie. Dipende dalle località che si frequentano. Più traffico c’è, più aumenta il rischio di problematiche. Non solo, anche la condizione stessa del manto stradale è una delle maggior cause di eventi spiacevoli.

 

Ci sono sempre i risvolti della medaglia, lo sport come da così può togliere se non si è attenti e previdenti per evitare pericoli e spiacevoli incidenti.

Ritieni utile lo psicologo nel tuo sport? Per quali aspetti e fasi? Non ho mai avuto modo di interfacciarmi con uno psicologo dello sport, ma penso sia un ottimo motivo di conforto e magari un modo per ricercare gli stimoli e la grinta giusta per affrontare la competizione.

L'evento sportivo della tua vita dove hai sperimentato le emozioni più belle? Sicuramente l’attività agonistica è una delle fasi più belle dell’avventura sportiva. Credo che abbia provato le più belle emozioni di gioia e sofferenza nella partecipazione a un giro internazionale di tre giorni: il Giro della Basilicata.

 

Ci vuole tanta pazienza, volontà, sacrificio, motivazione, passione in questo sport.

Cosa hai scoperto di te stesso nel praticare attività fisica? Ho scoperto la mia vena competitiva di buon atleta a 360 gradi in differenti discipline: praticando agonismo, ho sviluppato e migliorato determinate abilità e competenze come la perseveranza, lo spirito di squadra, l’organizzazione delle attività in aggiunta allo sport per citarne alcune.

Un messaggio rivolto ai ragazzi per avvicinarli allo sport? Praticare attività fisica in generale, dalla corsa, al nuoto, al calcio alla semplice camminata, non significa solo allenarsi, stancarsi o sudare, ma significa, incontrare altra gente conoscere altre persone divertirsi, confrontarsi con gli altri. Insomma è qualcosa che deve far parte di ognuno per ciò che può o vuole fare, ma essenziale per un equilibrato stile di vita sana.

 

Lo sport contempla tanti aspetti importanti e necessari per la crescita di n individuo, a iniziare dal gioco per passare poi alla competizione, aggregazione, focalizzazione, decisione di obiettivi, scoperta di proprie caratteristiche, qualità, capacità, caratteristiche.

Hai un riferimento? Ti ispiri a qualcuno? Il mondo dello sport e non solo è pieno di campioni a cui ispirarsi. Ho come riferimento diversi atleti del motosport, ciclismo e altre discipline da cui ammiro ed emulo caratteristiche personali e caratteriali: Valentino Rossi, Marco Pantani, Felix Baumgartner per citarne alcuni.

Una parola o frase che ti aiuta a crederci e impegnarti? C’è una frase ripresa dal campione ormai scomparso Marco Simoncelli che racchiude un po' parte del mio carattere e ad avere fiducia in ciò che fai, nel proprio sogno: “Si vive di più andando cinque minuti al massimo di quanto non faccia certa gente in una vita intera”.

Prossimi obiettivi? Sogni realizzati e da realizzare? Durante la mia avventura agonistica ho intrapreso una delle scelte più importanti della mia vita: quella di studiare nel campo dell’aviazione con il sogno di poter diventare un pilota. Ho raggiunto già dei piccoli traguardi che mi stanno portando a qualche passo dal raggiungimento dell’obiettivo prefissato, qualora non lo centrassi appieno, ho comunque delle altre strade sui cui pedalare senza perdere l’entusiasmo. In questo lo sport è stato più che fondamentale ed ancora lo è!

 

Lo sport aiuta a organizzarsi per decidere mete e obiettivi da raggiungere ma con la considerazione e la consapevolezza di avere sempre un piano B.

Come ti vedi a 50 anni? Bella domanda! Sono ottimista, sarò felice di quello che avrò costruito.

Quanto credi in te stesso? Penso che nello sport abbia colto durante tutte le situazioni difficili quanto creda in me e quanto posso fare per raggiungere qualcosa. Ho trovato molte risposte positive, incoraggianti e stimolanti piene di motivazione.

Come hai scelto la tua squadra e che intenzioni hai? La mia carriera in bicicletta è iniziata agli esordi con la squadra amatoriale del mio paese il Gruppo Ciclistico Santermano (a cui rivolgo un ringraziamento di cuore a tutti coloro che mi hanno seguito), per poi proseguire con un grande team agonistico: Leonessa Takler di Nicola Ceglie (ringrazio tanto anche lui e tutta la squadra), scelto dai miei primi ‘allenatori’, con cui ho corso nelle categorie allievi e juniores. Ho terminato il ciclismo agonistico qualche anno fa, dopo gli juniores ho corso un altro anno passando alla categoria amatori, quindi granfondo principalmente. Ora, con gli impegni e gli studi che necessitano più tempo a disposizione, ho momentaneamente sospeso con le corse, ma continuo ad allenarmi (non solo in bici) con la stessa voglia, determinazione e costanza, in attesa di poter ritornare a gareggiare per sfidare gli altri ma soprattutto me stesso!

 

La vita è una continua sfida con sé stessi e con gli altri, bisogna saperci fare e attingere sempre risorse da sé stessi ed eventualmente avvalersi di amici, familiari, gruppi, squadre, professionisti, team.

 

Matteo SIMONE

Psicologo, Psicoterapeuta

21163@tiscali.it +393804337230

http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+matteo+simone.html


Fonte notizia: http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+matteo+simone.html


ciclismo | traguardi |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

ACSI CICLISMO VA A SESSANTALLORA


ACSI CICLISMO “IMBIZZARRITO” ED AL TOP


Pasqua vicina .....un'occhiata ai dolci calabresi del periodo???


LA PASSIONE PER LE DUE RUOTE SI RINNOVA CON ACSI, TUTTI I VANTAGGI DEL TESSERAMENTO 2015


GRANFONDO DAVIDE CASSANI AL VIA, DOMENICA COMINCIA LA LUNGA CORSA AI TRICOLORI ACSI


ANCHE ACSI CICLISMO FESTEGGIA L’8 MAGGIO, UNA CINQUINA DI GRANFONDO DA NORD A SUD


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Strumenti mentali per la performance: consapevolezza, autoefficacia, resilienza

Strumenti mentali per la performance: consapevolezza, autoefficacia, resilienza
O.R.A.: Obiettivi, Risorse, Autoefficacia Decidere obiettivo: Cosa? Quando? Immaginare di aver raggiunto obiettivo: Come ho fatto, quale percorso, difficoltà, chi mi ha aiutato, quanto ero motivato? Quali risorse mi permettono di raggiungere l'obiettivo, le ho? Cosa devo potenziare? Come? Cosa devo acquisire e come? Quanto è importante ogni risorsa?  Sviluppare autoefficacia: Cosa ho fatto di importante nel passato e come? Come replicarlo? Di fondamentale importanza risulta essere l’autoefficacia, la fiducia in sé, che si costruisce fin da piccoli a partire dalla propria famiglia di appartenenza, con l’aiuto di familiari e care giver, e negli ambienti scolastici e sportivi, con l’aiuto di insegnanti ed educatori che diventano modelli di riferimento. Matteo Simone, psicologo psicoterapeuta     O.R.A.: Obiettivi, Risorse, Autoefficacia Decidere obiettivo: Cosa? Quando? Immaginare di aver raggiunto obiettivo: Come ho fatto, quale percorso, difficoltà, chi mi ha aiutato, quanto ero motivato? Quali risorse mi permettono di raggiungere l'obiettivo, le ho? Cosa devo potenziar (continua)

Christian Reali, 100km: Finalmente, sono riuscito ad abbattere il muro delle 8h

Christian Reali, 100km: Finalmente, sono riuscito ad abbattere il muro delle 8h
Sabato 11 settembre 2021 ha avuto luogo la 100 km di Winschoten in Olanda e l’Italia ha ben figurato con la vittoria di Marco Menegardi in 6h37’09” che ha preceduto Iulian Filipov (6h41’07”) e Piet Wiersma (6h49’47”). A seguire Massimo Giacopuzzi (6h57’48”), Silvano Beatrici (7h06’58”), Filippo Bovanini (7h21’17”), Gabriele Turroni (7h21’56”), Martino Angelo Marzari (7h35’11”) e Giorgio Calcaterra 7h42'46". Christian Reali ha chiuso la 100km di Winschoten in 7h55’58”. Notevole le prestazioni delle donne italiane con il poker femminile formato da Francesca Bravi (7h43’45”), Federica Moroni (7h47’53”), Denise Tappatà (7h54’08”) e Lorena Brusamento (8h12’19”), arrivate al traguardo prima di tutte le altre avversarie, a seguire Hinke Schokker (8h13’21”), Lian Stadhouders (8h14’16”), Francesca Rimonda (8h15’50”). Di seguito approfondiamo la conoscenza di Christian Reali (Pol. Dil. Santa Lucia) in risposta ad alcune mie domande. Winschoten 2021 l'ho preparata in 3 mesiMatteo SIMONE21163@tiscali.it Sabato 11 settembre 2021 ha avuto luogo la 100 km di Winschoten in Olanda e l’Italia ha ben figurato con la vittoria di Marco Menegardi in 6h37’09” che ha preceduto Iulian Filipov (6h41’07”) e Piet Wiersma (6h49’47”).A seguire Massimo Giacopuzzi (6h57’48”), Silvano Beatrici (7h06’58”), Filippo Bovanini (7h21’17”), Gabr (continua)

Elvino Gennari: Ho fatto 31 100ķm, 20 volte sul podio con 10 vittorie

Elvino Gennari: Ho fatto 31 100ķm, 20 volte sul podio con 10 vittorie
Un grande Elvino Gennari, classe ’46, che continua ancora a correre con la Pol. Unione 90, le sue parole alcuni anni fa: “Tre fratelli vincono una maratona in 2h35'24'', che tu sappia ci sono stati altri casi simili? Sono 44 anni che corro, ho fatto 31 100ķm, 20 volte sul podio con 10 vittorie, 200 Maratone, ho girato il mondo: Australia, Cina, Sudafrica, Alaska, Stati Uniti, ecc. ecc.” In effetti l’8 Aprile 1985 i 3 fratelli Gennari vinsero la maratona di Rio Saliceto arrivando insieme, mano nella mano, con il crono di 2h35’24”: Elvino e Loris nati il 16 gennaio 1946 avevano 39 anni, e il più giovane Pietro nato il 24 settembre 1955 aveva 30 anni. Mentre Gloria Gessi vinse la prova femminile in 3h19’17”. Ho girato il mondo: Australia, Cina, Sudafrica, Alaska, Stati Uniti, ecc.Matteo SIMONEhttp://www.psicologiadellosport.net Un grande Elvino Gennari, classe ’46, che continua ancora a correre con la Pol. Unione 90, le sue parole alcuni anni fa: “Tre fratelli vincono una maratona in 2h35'24'', che tu sappia ci sono stati altri casi simili? Sono 44 anni che corro, ho fatto 31 100ķm, 20 (continua)

Gabriele Turroni settimo alla 100 km di Winschoten in 7h21’56”

Gabriele Turroni settimo alla 100 km di Winschoten in 7h21’56”
Sabato 11 settembre 2021 ha avuto luogo la 100 km di Winschoten in Olanda e l’Italia ha ben figurato con la vittoria di Marco Menegardi in 6h37’09” che ha preceduto Iulian Filipov (6h41’07”) e Piet Wiersma (6h49’47”). A seguire Massimo Giacopuzzi (6h57’48”), Silvano Beatrici (7h06’58”), Filippo Bovanini (7h21’17”), Gabriele Turroni (7h21’56”), Martino Angelo Marzari (7h35’11”) e Giorgio Calcaterra 7h42'46". Notevole le prestazioni delle donne italiane con il poker femminile formato da Francesca Bravi (7h43’45”), Federica Moroni (7h47’53”), Denise Tappatà (7h54’08”) e Lorena Brusamento (8h12’19”), a seguire Hinke Schokker (8h13’21”), Lian Stadhouders (8h14’16”), Francesca Rimonda (8h15’50”). Di seguito le impressioni di Gabriele Turroni (A.S. 100 km del Passatore) attraverso risposte ad alcune mie domande. Desideravo avvicinarmi il più possibile al tempo delle 7h15Matteo SIMONE21163@tiscali.it Sabato 11 settembre 2021 ha avuto luogo la 100 km di Winschoten in Olanda e l’Italia ha ben figurato con la vittoria di Marco Menegardi in 6h37’09” che ha preceduto Iulian Filipov (6h41’07”) e Piet Wiersma (6h49’47”).A seguire Massimo Giacopuzzi (6h57’48”), Silvano Beatrici (7h06’58”), Filippo Bovani (continua)

Fabio Giancarli: Io la Resia-Rosolina non la corro, la vinco

Fabio Giancarli: Io la Resia-Rosolina non la corro, la vinco
Ha avuto luogo la staffetta Resia – Rosolina che prevedeva la percorrenza di 433km lungo il fiume Adige con partenza il 1o settembre 2021 ore 04.00. La squadra “Team Senza Paura Roma”, organizzata dal presidente dell’Atletica La Sbarra, Andrea Di somma ha partecipato per la seconda volta consecutiva, puntando a fare prima di tutto una bellissima esperienza di sport di gruppo e poi cercare di essere competitivi. Il Team Senza Paura Roma ha vinto su tutti in 32h08’30” precedendo Vicenza Marathon 32h17’40” e Lauf Club Pfeffersberg 33h12’40”. Di seguito l’esperienza di Fabio (ASD Atletica La sbarra), uno staffettista del gruppo, attraverso risposte ad alcune mie domande. Siamo partiti quasi certi di voler toccare il podioMatteo SIMONE Ha avuto luogo la staffetta Resia – Rosolina che prevedeva la percorrenza di 433km lungo il fiume Adige con partenza il 1o settembre 2021 ore 04.00.La squadra “Team Senza Paura Roma”, organizzata dal presidente dell’Atletica La Sbarra, Andrea Di somma ha partecipato per la seconda volta consecutiva, puntando a fare prima di (continua)