Home > Arte e restauro > Omar Galliani. Da e per Raffaello

Omar Galliani. Da e per Raffaello

scritto da: CSArt | segnala un abuso

Omar Galliani. Da e per Raffaello

Alla Galleria delle Arti di Città di Castello, il maestro del disegno italiano si confronta con il divin pittore.


La Galleria delle Arti di Città di Castello (PG), fondata nel 1976 da Luigi Amadei, presenta, dal 18 settembre al 18 novembre 2021, la mostra personale di Omar Galliani, “Da e per Raffaello”, con un testo di Italo Tomassoni.

Un confronto inedito tra due artisti poco più che ventenni: da un lato il Maestro urbinate, che in gioventù, nel 1504, lavora allo “Sposalizio della Vergine” per Lodovico Albizzini, nella cappella San Giuseppe della Chiesa di San Francesco a Città di Castello (dipinto ora conservato alla Pinacoteca di Brera); dall’altro il Maestro del disegno italiano, che negli anni dell'Accademia di Belle Arti si ispira al divin pittore, sedotto dalla “trascendenza dispotica di una bellezza inaccessibile e irraggiungibile”, con particolare riferimento al “Ritratto di dama con liocorno” della Galleria Borghese.

«Galliani – scrive Italo Tomassoni – tesaurizza quell’immagine, la estrapola dal contesto e l’affida alla magia dialogante del suo disegno. Ispirato da quella perfezione e spinto da un cortocircuito istintivo, crea, a partire dal ’77, una sequenza compositiva che intitola “Da e per Raffaello” in cui la bellezza apre i sentieri incrociati della seduzione e della rimozione. Quella bellezza, che esalta la distanza dal XX secolo, rivela l’energia e la fascinazione di un passato che non si è mai estinto».

«Cosa porta in dono al mondo Raffaello con la felicità delle sue Madonne, dei suoi Santi, dei suoi manti azzurri o color porpora? – si chiede Omar Galliani. Porta l’estasi della bellezza a rispecchiarsi su se stessa nel desiderio terreno di sconfiggere l’orrore, la ferita ancestrale tra Bene e Male di cui siamo vittime nel tempo. La scommessa della bellezza ha in lui inizio e epilogo. In quegli anni d’Accademia i miei disegni nel doppio contatto o nella lama dell’unicorno che ferisce un disegno cercavano una rivincita, un rilancio di quell’antica scommessa nel presente».

La Galleria delle Arti, che già nel 1983 e nel 2020 aveva promosso due progetti inediti dedicati a Raffaello, prosegue questo percorso con l’esposizione di una selezione di opere giovanili di Omar Galliani, mai presentate prima, tutte realizzate tra il 1977 e il 1983. Lavori in cui si riconosce il seme di una ricerca inconfondibile, estremamente poetica ed evocativa, che ha portato e continua a portare l’arte e la cultura italiana nel mondo.

«La passione creativa dell’artista – conclude Tomassoni – si è insediata per dare figura allo spazio saturo della modernità. Ha confrontato la realtà del presente con la storia, senza permettere che le regole della forma si lasciassero ridurre a un sistema accademico e lasciando che rappresentazioni distanti si incrociassero senza mai elidersi. Come nella sequenza di “Da e per Raffaello”, l’opera di Galliani prova che ogni immagine si alimenta di una molteplicità. E dimostra anche come ogni immagine non è mai separabile da una molteplicità che è in contatto perenne con la storia».

L’esposizione, realizzata con il patrocinio del Comune di Città di Castello, della Fondazione Cassa di Risparmio Città di Castello, del Rotary Club Città di Castello e di Petruzzi Editore, sarà visitabile tutti i giorni con orario 10.30-13.00 e 16.30-19.30. Ingresso libero. Per informazioni: T. +39 0758558918, M. +39 337 639963, info@galleriadellearti.net, www.galleriadellearti.net. Per approfondimenti sul lavoro di Omar Galliani: www.omargalliani.com.


Fonte notizia: http://www.galleriadellearti.net/


Omar Galliani | Luigi Amadei | Italo Tomassoni | Raffaello | Città di Castello | arte | disegno | mostra |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Omar Galliani, Michelangelo Galliani, Massimiliano Galliani. ARTREE


Raffaello fra Leonardo e Michelangelo


Dalla Toscana alla televisione: Raffaello Orselli e il percorso di carriera


Omar Galliani. Leonardesca


Omar Galliani, Carte d'Oriente. Carte d'Occidente


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

A riveder le stelle

A riveder le stelle
Mostra d'arte contemporanea a cura di Barbara Codogno, organizzata dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Padova in collaborazione con “The Bank Contemporary Art Collection” di Antonio Menon. A riveder le stelle è una mostra d’arte contemporanea che l’Assessorato alla Cultura del Comune di Padova organizza dal 30 ottobre 2021 al 30 gennaio 2022 al Museo Eremitani, in collaborazione con “The Bank Contemporary Art Collection” di Antonio Menon. Realizzata in occasione del 700esimo anniversario della morte di Dante Alighieri e curata da Barbara Codogno, l’esposizione dialogherà ideal (continua)

Mauro Staccioli. [re]action

Mauro Staccioli. [re]action
La grande scultura contemporanea a Soliera La grande scultura contemporanea torna a Soliera (Mo) con Mauro Staccioli (Volterra, 1937 – Milano 2018), considerato uno dei principali scultori italiani del secolo scorso, le cui opere sono collocate in spazi aperti e raccolte pubbliche di tutto il mondo. Curato da Lorenzo Respi, il progetto prevede l’allestimento della mostra Mauro Staccioli. [re]action, dal 30 ottobre 2021 al 30 gennaio 2 (continua)

JACQUES TOUSSAINT. Arte e design nel Golfo dei Poeti 1967 | 1987

JACQUES TOUSSAINT. Arte e design nel Golfo dei Poeti 1967 | 1987
Arte e design al CAMeC della Spezia con la mostra monografica "Jacques Toussaint. Arte e design nel Golfo dei Poeti 1967 | 1987", a cura di Giosuè Allegrini e Marzia Ratti. In esposizione, circa sessanta opere dell'artista-designer francese, residente in Italia ormai da più di cinquant'anni. Arte e design al CAMeC Centro Arte Moderna e Contemporanea della Spezia che, dal 28 ottobre 2021 al 27 febbraio 2021, ospiterà la mostra monografica Jacques Toussaint. Arte e design nel Golfo dei Poeti 1967 | 1987, a cura di Giosuè Allegrini e Marzia Ratti, con circa sessanta opere dell’artista-designer francese, residente in Italia ormai da più di cinquant’anni. L’esposizione, che sarà aper (continua)

Ultraromanticismo. Il post umano, tra inquietudini e abbandono

Ultraromanticismo. Il post umano, tra inquietudini e abbandono
I temi cari del Movimento romantico indagati da una cinquantina di artisti contemporanei che propongono nuovi percorsi di ricerca attraverso "Ultraromanticismo. Il post umano, tra inquietudini e abbandono", collettiva in sei atti alla scoperta di luoghi storici e sedi museali in provincia di Modena. Nella provincia “romantica” di Modena, che tra la fine del ‘700 e per tutto l’800 ha vissuto un periodo di forte sviluppo culturale attraverso le arti e l’archeologia, andrà in scena, dal 17 ottobre 2021 al 16 gennaio 2022, “Ultraromanticismo. Il post umano, tra inquietudini e abbandono”, esposizione collettiva in sei atti che condurrà lo spettatore alla scoperta delle sedi museali e dei teso (continua)

Dante e Giotto. Dialogo e suggestione

Dante e Giotto. Dialogo e suggestione
Un confronto tra la produzione letteraria di Dante, a fondamento dello sviluppo della lingua e della cultura italiane, e i testi figurativi contemporanei, dove Giotto è il campione di una rivoluzione lenta ma dirompente che porta l’immagine a dire parole universali. Il Museo “Amedeo Lia”della Spezia ospita, dal 2 ottobre al 19 dicembre 2021, “Dante e Giotto. Dialogo e suggestione”, a cura di Andrea Marmori e Francesca Giorgi. L’esposizione, promossa dal Comune della Spezia, si inserisce nelle celebrazioni dantesche, ponendo a confronto la produzione letteraria di Dante, a fondamento dello sviluppo della lingua e della cultura italiane, e i testi figurati (continua)