Home > Pubblica amministrazione > Via libera al decreto da 300 milioni per le strade delle aree interne

Via libera al decreto da 300 milioni per le strade delle aree interne

scritto da: LOsservatorio | segnala un abuso

Via libera al decreto da 300 milioni per le strade delle aree interne

In arrivo 300 milioni per la viabilità secondaria nelle aree interne. L’intesa della Conferenza Stato-città ed autonomie locali ha dato il via libera al decreto del Ministro delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibile per l’impiego di queste somme a vantaggio della viabilità secondaria che collega le aree interne ai centri maggiori.


Si tratta di un intervento che il Governo ha inserito nel Fondo complementare al PNRR al fine di migliorare la sicurezza e l’accessibilità alla rete stradale delle aree interne con lo scopo di ridurre le diseguaglianze e favorire lo sviluppo delle imprese artigianali e il turismo.
A darne notizia sono il Presidente dell’Unione Madonie Pietro Macaluso e l’assessore Giuseppe Minutilla che plaudono per questo intervento e annunciano che tra PNRR e Fondo complementare sono stati previsti complessivamente un miliardo e 125 milioni di investimenti per strade, servizi e infrastrutture sociali.
“Una strada, come noi ben sappiamo – affermano Macaluso e Minutilla - rappresenta spesso l’unico strumento per potersi avvalere di servizi fondamentali come la sanità, l’istruzione, i trasporti, ed altro ancora. Per queste ragioni, come Federazione Nazionale Aree Interne, abbiamo chiesto con forza che a queste risorse se ne aggiungano delle altre al fine di sostenere e favorire le imprese che vorranno investire in queste aree e non solo nell’ambito turistico ma anche nella tutela e la valorizzazione dell’enorme patrimonio ambientale, storico e culturale.”
L’Unione Madonie è continuamente impegnata nel tenere alta l’attenzione e la mobilitazione a tutti i livelli affinché si possa dare concreto avvio al recupero del divario delle dotazioni infrastrutturali che, negli ultimi decenni, si è sempre più ampliato contribuendo significativamente allo spopolamento del territorio. Nelle prossime settimane è previsto uno specifico incontro per concordare gli interventi da effettuare.

 

unione madonie | aree interne | viabilità | minutilla | macaluso |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

"Il Paese che vogliamo" - L'agriturismo per il rilancio delle aree interne


IL RUOLO DEI GIOVANI NEL FUTURO DELLE AREE INTERNE


MARR: approvato il resoconto intermedio di gestione al 30 settembre 2020


Recupero Dati a Roma ? Scegli il servizio di Newtechsystem Recupero Dati


La Federazione Nazionale Aree Interne chiede un incontro al Ministro per il Sud On. Carfagna


Salute e sicurezza sul lavoro nel “decreto del fare”


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

AGROALIMENTARE, NASCE LA CONSULTA DEI DISTRETTI DEL CIBO.

AGROALIMENTARE, NASCE LA CONSULTA DEI DISTRETTI DEL CIBO.
Tra i distretti aderenti anche quello delle “Filiere e dei Territori di Sicilia in Rete” del quale fa parte il GAL Madonie. Nasce la Consulta dei Distretti del Cibo per affrontare tutti assieme la sfida della transizione verso un sistema Agroalimentare sostenibile del nostro Paese.La sottoscrizione dello Statuto della Consulta dei Distretti del Cibo è avvenuta giovedì scorso alla presenza del Ministro Stefano Patuanelli presso il Ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali. Al tavolo si sono riu (continua)

Ecomuseo madonie, le comunità chiamate a descrivere la propria identità culturale

Ecomuseo madonie, le comunità chiamate a descrivere la propria identità culturale
Il progetto finanziato all’Unione Madonie tende a rafforzare l’omogeneità culturale, geografica e paesaggistica, del territorio coinvolto. Arrivano 15 mila euro per l’Ecomuseo Madonie. La somma è destinata all’individuazione, con il supporto delle comunità, degli elementi materiali ed immateriali attorno ai quali ogni comunità interessata si riconosce e si ritrova. L’Ecomuseo, infatti, è una forma museale che mira a conservare, comunicare e rinnovare l’identità culturale di un piccolo territorio. L’avvenuto finanziamento del pr (continua)

Francesco Migliazzo nominato vice presidente regionale della Rete Rurale Siciliana

Francesco Migliazzo nominato vice presidente regionale della Rete Rurale Siciliana
Si è tenuto stamani il Consiglio direttivo della Rete Rurale Siciliana, l’Associazione dei GAL attualmente operanti in Sicilia, nell’ambito della Programmazione 2014-2022, per assegnare le nuove deleghe di Presidente, Vice Presidente e Segretario.Dopo l’elezione di Francesco Paolo Migliazzo, sindaco di Gangi, come nuovo Presidente del GAL ISC MADONIE, i GAL della Sicilia occidentale, riunitis (continua)

Le Madonie partecipano all’elaborazione del Piano Strategico della città di Palermo

Le Madonie partecipano all’elaborazione del Piano Strategico della città di Palermo
La città metropolitana non deve essere solamente un punto di approdo ma anche di ripartenza. Le Madonie contribuiscono all’elaborazione del Piano Strategico della Città Metropolitana di Palermo. Lo scorso mese di luglio è iniziato il processo di elaborazione del Piano Strategico del capoluogo il cui percorso, elaborato da società specializzate, prevedeva anche un confronto con gli stakeholder del territorio al fine di determinare gli obiettivi da raggiungere e i progetti concreti da (continua)

L’Unione Madonie tra i beneficiari di una borsa di studio per “dottorati comunali”.

L’Unione Madonie tra i beneficiari di una borsa di studio per “dottorati comunali”.
Il dottorato è stato attivato con l’Università di Camerino e mira a promuovere la ricchezza del territorio e delle comunità locali valorizzando le risorse naturali e culturali. Le candidature entro il prossimo 4 novembre Finanziata una borsa di studio per “dottorati comunali” all’Unione Madonie. Il Bando, indetto in via sperimentale dall’Agenzia per la coesione territoriale, era rivolto ai comuni presenti nelle aree interne, anche in forma associata, individuate ai sensi della “Strategia Nazionale delle aree interne” (SNAI).Il Dottorato dell’Unione Madonie è stato attivato con l’Università di Camerino e si s (continua)