Home > Cultura > FIDCA Udine :Ricordo del MILITE IGNOTO

FIDCA Udine :Ricordo del MILITE IGNOTO

scritto da: Antonelloquattrocchi | segnala un abuso

FIDCA Udine :Ricordo del MILITE IGNOTO

Ricordo della Storia del Milite Ignoto,mai dimenticare mai non far conoscere la storia! Contributo elaborato dal Socio FIDCA di Udine :Giuseppe Troilo


IL MILITE IGNOTO

 

Tributare onori solenni a un Milite Ignoto, e cioè tecnicamente al cadavere di uno sconosciuto di cui si sa solo che ha combattuto in guerra a difesa della Patria può apparire un’idea bizzarra, agli occhi di noi moderni.

Mettiamoci però nei panni di un Italiano di inizio anni ’20, e cerchiamo di capire il profondo significato simbolico di tale gesto.

L’Italia (l’Europa intera!) alla fine della prima guerra mondiale era una nazione (un continente!) ripiegato nel lutto più stretto e più sconvolto. Non v’era famiglia che non avesse perso uno dei propri cari; non v’era donna che non avesse pianto tutte le sue lacrime carezzando la foto di quel marito, di quel fidanzato, di quel fratello, amico, figlio, che non aveva mai fatto ritorno dal fronte. L’Italia intera era in lutto stretto, ma non nel senso che ogni famiglia aveva dei morti da piangere: proprio nel senso che l’Italia intera, come comunità di persone, era provata e sconvolta da quanto accaduto. C’era un drammatico bisogno di rielaborare (e proprio come nazione) l’esperienza di lutto, per poi provare ad andare avanti.

Undici salme, provenienti dai più sanguinosi campi di battaglia, furono esumate tra il 3 e il 24 ottobre 1921, ricomposte con ogni onore, custodite in undici bare uguali, e poi condotte a Gorizia – una delle città italiane più duramente colpite dalla guerra – ove una camera ardente fu allestita nella chiesa di Sant’Ignazio. Dal 18 ottobre in poi – data dell’apertura al pubblico della camera ardente – la chiesetta fu oggetto di un pellegrinaggio ininterrotto, nonché (dettaglio triste, ma significativo) di vere e proprie scene di disperazione. Incredibile ma vero: più d’una volta, donne vestite a lutto cominciarono a strepitare implorando che fosse aperta davanti ai loro occhi questa o quell’altra cassa da morto. In quel processo di identificazione nazionale che, evidentemente, stava funzionando fin troppo bene, essere si convincevano di “sentire” che proprio lì, proprio in quel feretro, proprio davanti a loro, se ne stava il corpo del loro caro, sulla cui tomba non avevano mai potuto piangere.

Il 27 ottobre, le undici salme lasciarono Gorizia in un bagno di popolo. Caricate su un convoglio speciale, le bare dei nostri Militi Ignoti furono salutate dalle autorità civili e religiose. Le campane delle chiese ne accompagnarono l’ultimo, solenne viaggio, suonando a lutto in ognuno dei paesini attraverso i quali transitò il corteo funebre.

Meta finale: il duomo di Aquileia, in quella terra divenuta italiana grazie al sacrificio di tanti soldati come i nostri undici.

L’indomani, il coup de théâtre. Alla presenza delle autorità e della cittadinanza tutta, una donna del popolo avrebbe indicato quale, tra gli undici caduti, ella “sentisse” essere il Milite Ignoto.

E così fu: la fortunata (?) prescelta fu Maria Bergamas, triestina, classe 1867, e dunque cittadina dell’Impero austro-ungarico all’epoca dello scoppio della Prima Guerra Mondiale. Suo figlio Antonio, ovviamente austriaco anch’egli, aveva disertato la leva dell’Impero per servire quella che, evidentemente, in cuor suo considerava la madrepatria: arruolatosi nel Regio Esercito italiano, morì alle falde del Monte Cimone, e il suo corpo non fu mai identificato.

Il 28 ottobre 1921, Maria entrò nella Basilica di Aquileia vestita a lutto stretto, accompagnata da un gruppetto di vedove di guerra. Idealmente eletta “madre spirituale” del Milite Ignoto attorno a cui tutta Italia si stringeva, la donna fu incaricata, appunto, di indicare quale, tra gli undici caduti, “sentisse” essere suo figlio. La donna, silenziosa, passò in rassegna i primi feretri, ma arrivata davanti al decimo ebbe un mancamento: proprio su questo, dunque, cadde la scelta.

Molto tempo più tardi, la figlia di Maria confidò ai giornali che, quella mattina, sua madre era intenzionata a indicare l’ottavo oppure il nono soldato: due numeri che, per varie ragioni, erano legati nel suo cuore al ricordo di suo figlio. Ma ecco: di fronte all’ottava e poi alla nona bara, Maria provò un senso di vergogna – ché non poteva, per il suo dolce egoismo di madre, essere così di parte nell’assolvere il compito che le era stato dato.

E la scelta era stata fatta: e il Milite Ignoto era stato identificato.

 

Mentre gli altri dieci caduti venivano preparati per una sepoltura ricca d’onori nel cimitero di Aquileia, il Milite Ignoto veniva caricato su un convoglio di prima classe che, percorrendo la tratta Udine – Conegliano – Treviso – Venezia – Rovigo – Ferrara – Firenze – Arezzo, avrebbe infine raggiunto la capitale.

Destinazione? Il Vittoriano, naturalmente. Pochi sanno, però, che, inizialmente, era stata avanzata la proposta che il Milite Ignoto riposasse in ben altro luogo e in ben altra compagnia: ovverosia, nella chiesa del Pantheon, assieme ai re d’Italia.

Forse perché la famiglia reale non si era mostrata molto per la quale; forse perché il Vittoriano stava ancora cercando una sua precisa ragion d’essere: fatto sta che si scelse infine di seppellire il Milite presso il glorioso Altare della Patria, che – del resto – essendo un luogo aperto, avrebbe permesso un afflusso di pubblico libero e ininterrotto, senza limiti di orario o di capienza.

 

All’alba del 29 ottobre, il Milite Ignoto intraprende il suo ultimo viaggio. Lo accoglie – in ogni singola, sperduta stazione del più piccolo paesino in cui il treno sosta – una folla di gente commossa e in lacrime. I popolani si inginocchiano al passare della salma (!), le donne corrono lungo le rotaie inseguendo i vagoni e piangendo col capo appoggiato al duro legno. È come se proprio in quel momento – e solo in quel momento – la nazione cominciasse finalmente a stringersi , unita, attorno al lutto per colui che, essendo il figlio di nessuno, è un po’ il figlio di tutti.

 

Il treno procede quasi a passo d’uomo, sostando per cinque minuti in ognuna delle stazioncine che incontra. Quindici vagoni interi (!) vengono via via riempiti delle corone di fiori con cui il popolo vuole omaggiare il soldato caduto – e a tutelare che il passaggio del feretro abbia luogo in modo decoroso e consono alla situazione, la forza pubblica prescrive che il popolo accolga il corteo funebre nel più completo silenzio, e senza alcun tipo di stendardi o di insegne a indicare appartenenze politiche o ideologiche, al di fuori del tricolore nazionale. Unico suono ammesso, accanto ai singhiozzi delle donne, le note de Il Piave mormorava: ma che nessuno azzardi a improvvisare comizi, o peggio ancora a trasformare il Milite Ignoto in un simbolo politico di questo o quel partito.

 

E poi, tutto il resto è storia nota. L’arrivo a Roma, le esequie solenni a Santa Maria degli Angeli, la lenta processione fino all’Altare della Patria, la sepoltura nel punto più glorioso di Roma tutta. Fu la prima, grande manifestazione patriottica dell’Italia unita, che davvero unì sotto lo stesso abbraccio di cordoglio tutta la popolazione, da Nord a Sud. Piegata dal dolore, ancora ferita dalle guerre: l’Italia usciva pian piano dal lutto, e si scopriva nazione.

 

Estratto da un articolo scritto da una non meglio identificata “Lucia” (Una penna spuntata).

 

Giuseppe Troilo

 

Troilo | Quattrocchi | FIDCA Udine | Milite Ignoto | Udine |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Corleone, conferita la cittadinanza onoraria al Milite Ignoto


FIDCA di Udine Premia Atti Solidaristici


ASSOCIAZIONE VOLONTARI di SAN GIORGIO O. d. V. Comunicato N°09/2021


OLTRE LE PAROLE, Il linguaggio dell’abuso e la seconda chance


PREMIO “UDINE CITTÀ DELLA PACE” XIX EDIZIONE DEL PREMIO INTERNAZIONALE


TRICOPIGMENTAZIONE DONNA: L’INFOLTIMENTO CAPELLI NON CHIRURGICO CON UN RIMEDIO SEMPLICE ED EFFICACE.


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

UNCI - Gorizia : Contro la violenza alle donne!

UNCI - Gorizia : Contro la violenza alle donne!
L'UNCI di Gorizia ha tenuto una conferenza il g 25 novembre 2021 nella Giornata ONU dedicata contro la violenza alle donne Si è tenuta il giorno 25 novembre 2021 (Giornata ONU contro la violenza alle Donne) alle ore 18:00 presso il Centro Kulturni Lojze Bratuz  di Gorizia un incontro - dibattito sulla violenza di genere intitolato “…non ne avevo mai parlato prima…” organizzato dalla Sezione Provinciale di Gorizia dell’Unione Nazionale Cavalieri d’Italia.Sono intervenuti oltre al Presidente della Sezi (continua)

FIDCA Udine : Presidenza Nazionale Attestazione di Merito ai Soci distintisi nei pricipi di Solidarietà,ecc

FIDCA Udine : Presidenza Nazionale Attestazione di Merito ai Soci distintisi nei pricipi di Solidarietà,ecc
La Federazione Italiana dei Combattenti Alleati Presidenza Nazionale Riconosce Attestato di Merito ai Soci FIDCA sez.di Udine. La FIDCA Nazionale  ha conferito ad alcuni Soci della Sezione di Udine una Attestazione di Merito a testimonianza e sostegno delle attività svolte a favore dell'Associazione,con la seguente Motivazione : per la divulgazione dei Nostri Principi di Solidarietà, Libertà, Pace e Fratellanza fera tutti i Popoli vicini e lontani."..... un luogo della memoria.Spazio fisico dove si concentrano u (continua)

Fidca Udine: Soci FIDCA premiati che si sono distinti a favore dell'Associazione.

Fidca Udine: Soci FIDCA  premiati  che si sono distinti a favore dell'Associazione.
Fidca Udine :Soci che si sono distinti a favore dell'Associazione Federazione Italiana dei Combattenti Alleati di Udine Medaglia Europea FIDCA Soci di Udine che hanno ricevuto il Conferimento della Medaglia FIDCA Europea per l’impegno svolto a sostegno Dell’ASSOCIAZIONE e nel  tenere in alto i Valori Nazionali e della Memoria storica a Ricordo di tutti i Caduti.La “Croce Europea” non è un’onorificenza civile e tanto meno militare, ma una semplice “Distinzione Associativa”, approvata dal Superiore C (continua)

Fidca e ANVGD di Udine ricordano il sacrificio dei Profughi ed il 4 novembre.

Fidca e ANVGD di Udine ricordano il sacrificio dei Profughi ed il 4 novembre.
Fidca ed ANVGD non dimenticano il sacrificio del popolo italiano e delle FF.AA. Il 4 Novembre e' il Ricordo della nostra storia per capire il futuro. Il Comitato di Udine dell’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia, insieme con la sezione di Udine della FIDCA, Federazione Italiana Dei Combattenti Alleati, celebra l'anniversario del 4 novembre 1918, quando entrò in vigore l’armistizio di Villa Giusti, ponendo fine alla Grande guerra.  Alla firma dell’armistizio il generale Armando Diaz, comandante in capo delle Forze Armate, (continua)

ASSOCIAZIONE VOLONTARI di SAN GIORGIO O. d. V. Comunicato N°10/2021: = 104 anniversario della Battaglia di Pozzuolo del friuli = = Festa dell’Arma di cavalleria =

ASSOCIAZIONE VOLONTARI di SAN GIORGIO O. d. V. Comunicato N°10/2021: = 104 anniversario della Battaglia di Pozzuolo del friuli = = Festa dell’Arma di cavalleria =
ASSOCIAZIONE VOLONTARI di SAN GIORGIO O. d. V. Comunicato N°10/2021: = 104 anniversario della Battaglia di Pozzuolo del friuli = = Festa dell’Arma di cavalleria = il giorno 27 ottobre 2021, l’ Associazione Volontari di San Giorgio O.d.V. rappresentata dal Presidente Comm. Gaetano Casella e dai soci Luigi Bray e Signora Esmeralda ed il Cav. OMRI Clara Tagliavini Casella, si è recata a Pozzuolo del Friuli (UD) per commemorare i Fatti d’Arma del 30 ottobre 1917, dove i Dragoni di Genova cavalleria, I Lancieri di Novara e i fanti della Brigata Bergamo, com (continua)