Home > Altro > Il GAL Madonie accoglie Samuel Lo Gioco che promuove lo smart working

Il GAL Madonie accoglie Samuel Lo Gioco che promuove lo smart working

scritto da: LOsservatorio | segnala un abuso

Il GAL Madonie accoglie Samuel Lo Gioco che promuove lo smart working

Il mercato del lavoro ha svuotato borghi e zone rurali ma, oggi, lo smart working può invertire tale tendenza. L’iniziativa si inquadra nel progetto di connettività delle aree bianche del territorio del GAL Madonie.


Il GAL Madonie ha ospitato alcune tappe del progetto Van Working di Samuel Lo Gioco formatore della pubblica amministrazione e fondatore di Smart Working Magazine.

Le località visitate da Samuel Lo Gioco, esperto di lavoro agile e ideatore del progetto, sono state Nicosia, Lascari, Bompietro, Valledolmo e Roccapalumba. Paesi scelti in rappresentanza dei Centri Stella del GAL Madonie dove Lo Gioco, accompagnato da Dario Costanzo, ha incontrato amministratori e cittadini trasmettendo il suo entusiasmo per lo smart working che può invertire l’attuale centralizzazione del mercato del lavoro nelle grosse città.

L’iniziativa di Samuel Lo Gioco, che si inquadra perfettamente nel progetto di connettività delle aree bianche del territorio del GAL Madonie, è un viaggio tra i borghi italiani con la missione di sensibilizzare imprese e cittadini sulle opportunità dello smart working e del digitale per il rilancio delle economie emarginate dal “digital divide”.

A bordo di un van tecnologico allestito a ufficio e nel pieno rispetto dell’ambiente, Samuel Lo Gioco, partito dalla Toscana, ha già fatto tappa in diversi paesi della penisola e durante il suo viaggio si è anche confrontato con Operatori di Prossimità che, offrendo banda larga nei piccoli comuni nei quali i grandi operatori non hanno interesse a investire, rappresentano la spina dorsale della connettività del Paese per le cosiddette zone bianche o a “fallimento di mercato”.

L’idea di Samuel Lo Gioco nasce dalla consapevolezza che il 54% del suolo nazionale è occupato dai piccoli borghi nei quali abitano circa 9,8 milioni di persone, che rappresentano il 16% degli italiani. Inoltre, sono più di 5 mila i centri con meno di 5 mila abitanti (dati Istat e Osservatorio Politecnico di Milano). Tali numeri si sposano perfettamente con quelli dello smart working che ha visto un’accelerata durante la pandemia, con 5,35 milioni di persone che lavorano ancora oggi in parte da remoto, mentre sono potenzialmente 8,3 milioni gli italiani che ricoprono mansioni che possono essere condotte anche in smart working.

In tutti gli incontri avuti con gli amministratori locali dei paesi del GAL Madonie, Samuel Lo Gioco ha evidenziato che “lavorare da remoto è diventata la nuova normalità. Un modello organizzativo del lavoro che offre la più importante flessibilità, svincolandosi dall’obbligo del luogo e del tempo. Questa libertà è uno degli strumenti per creare benessere nella vita, valorizzando come work/life balance”.

“Il progetto Van Working - afferma il responsabile di Piano del Gal Madonie, Dario Costanzo – si inserisce nel quadro delle iniziative promosse dal GAL per favorire una nuova antropizzazione dei borghi, avviati tristemente verso un lento ma inesorabile declino in termini di popolazione. La riorganizzazione degli spazi comuni, nell'ambito della rigenerazione ragionata dei centri urbani, può generare interesse negli smart workers che, vivendo per alcuni periodi dell'anno in località ospitali e organizzate, potrebbero rivitalizzare i nostri borghi.”

gal madonie | smart working | samuel lo gioco |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Il GAL Madonie modello di sviluppo da applicare in Albania


Inside Factory presenta lo Smart Working Day 2017


UFFICIALMENTE AL VIA IL PROGETTO DI COOPERAZIONE “CAMMINI” CON PROTAGONISTI TUTTI I GAL DELL’EMILIA ROMAGNA


Smart Working: formare i lavoratori per tutelarne salute e sicurezza


Smart working, quale futuro?


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

AGROALIMENTARE, NASCE LA CONSULTA DEI DISTRETTI DEL CIBO.

AGROALIMENTARE, NASCE LA CONSULTA DEI DISTRETTI DEL CIBO.
Tra i distretti aderenti anche quello delle “Filiere e dei Territori di Sicilia in Rete” del quale fa parte il GAL Madonie. Nasce la Consulta dei Distretti del Cibo per affrontare tutti assieme la sfida della transizione verso un sistema Agroalimentare sostenibile del nostro Paese.La sottoscrizione dello Statuto della Consulta dei Distretti del Cibo è avvenuta giovedì scorso alla presenza del Ministro Stefano Patuanelli presso il Ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali. Al tavolo si sono riu (continua)

Ecomuseo madonie, le comunità chiamate a descrivere la propria identità culturale

Ecomuseo madonie, le comunità chiamate a descrivere la propria identità culturale
Il progetto finanziato all’Unione Madonie tende a rafforzare l’omogeneità culturale, geografica e paesaggistica, del territorio coinvolto. Arrivano 15 mila euro per l’Ecomuseo Madonie. La somma è destinata all’individuazione, con il supporto delle comunità, degli elementi materiali ed immateriali attorno ai quali ogni comunità interessata si riconosce e si ritrova. L’Ecomuseo, infatti, è una forma museale che mira a conservare, comunicare e rinnovare l’identità culturale di un piccolo territorio. L’avvenuto finanziamento del pr (continua)

Francesco Migliazzo nominato vice presidente regionale della Rete Rurale Siciliana

Francesco Migliazzo nominato vice presidente regionale della Rete Rurale Siciliana
Si è tenuto stamani il Consiglio direttivo della Rete Rurale Siciliana, l’Associazione dei GAL attualmente operanti in Sicilia, nell’ambito della Programmazione 2014-2022, per assegnare le nuove deleghe di Presidente, Vice Presidente e Segretario.Dopo l’elezione di Francesco Paolo Migliazzo, sindaco di Gangi, come nuovo Presidente del GAL ISC MADONIE, i GAL della Sicilia occidentale, riunitis (continua)

Le Madonie partecipano all’elaborazione del Piano Strategico della città di Palermo

Le Madonie partecipano all’elaborazione del Piano Strategico della città di Palermo
La città metropolitana non deve essere solamente un punto di approdo ma anche di ripartenza. Le Madonie contribuiscono all’elaborazione del Piano Strategico della Città Metropolitana di Palermo. Lo scorso mese di luglio è iniziato il processo di elaborazione del Piano Strategico del capoluogo il cui percorso, elaborato da società specializzate, prevedeva anche un confronto con gli stakeholder del territorio al fine di determinare gli obiettivi da raggiungere e i progetti concreti da (continua)

L’Unione Madonie tra i beneficiari di una borsa di studio per “dottorati comunali”.

L’Unione Madonie tra i beneficiari di una borsa di studio per “dottorati comunali”.
Il dottorato è stato attivato con l’Università di Camerino e mira a promuovere la ricchezza del territorio e delle comunità locali valorizzando le risorse naturali e culturali. Le candidature entro il prossimo 4 novembre Finanziata una borsa di studio per “dottorati comunali” all’Unione Madonie. Il Bando, indetto in via sperimentale dall’Agenzia per la coesione territoriale, era rivolto ai comuni presenti nelle aree interne, anche in forma associata, individuate ai sensi della “Strategia Nazionale delle aree interne” (SNAI).Il Dottorato dell’Unione Madonie è stato attivato con l’Università di Camerino e si s (continua)