Home > Economia e Finanza > Moneta australiana in ripresa dopo il report arrivato dalla Cina

Moneta australiana in ripresa dopo il report arrivato dalla Cina

scritto da: Elleny | segnala un abuso


I dati macro in arrivo dalla Cina consentono al dollaro australiano di respirare. La moneta australiana infatti comincia bene questa settimana, spinta dalla produzione industriale cinese, che è aumentata del 3,5% su base annua nell'ottobre 2021, accelerando da un progresso del 3,1% nel mese precedente e battendo le previsioni di mercato.

La Cina e la moneta australiana

moneta australianaRicordiamo che la moneta australiana è una commodity currency, ossia una di quelle valute che risentono in modo forte dell'andamento della produzione globale, visto che l'Australia è grande esportatore di materie prime. I cambi valutari che coinvolgono queste monete, finiscono quindi per essere altamente correlate alle variazioni dei prezzi delle materie prime e alla produzione.

Ebbene questo lunedì il dollaro australiano è salito sopra 0,7330 contro il dollaro USA, beneficiando dei dati arrivati da Pechino. Bisogna infatti sottolineare che la Cina rimane il principale mercato di esportazione del paese dei canguri.

Cosa è successo di recente...

Nelle ultime due settimane il cambio AUD/USD è sceso fortemente dal massimo di tre mesi toccato intorno a 0,755 (attualmente siamo al 3% in meno rispetto al suo recente massimo). Gli analisti delle opzioni binarie broker Europa sono però convinti che il quadro resta debole.
Quella impennata della moneta australiana era stata frutto di un rally di diverse settimane, che aveva visto l'AUD/USD non solo risalire attraverso la resistenza a 0,73, ma spingersi ben oltre. Sul livello 0,7550. La moneta australiana ha poi rallentato, prima di cominciare la flessione.

Nota operativa: uno modo interessante di studiare l'andamento dela moneta australiana è l'ADX indicatore trading forex.

Questione di prospettive

Alla base di questo calo ci sono soprattutto le divergenti prospettive politiche monetarie tra Stati Uniti e Australia.
Il tasso annuo di inflazione negli Stati Uniti ha accelerato fino a raggiungere il massimo da tre decenni del 6,2% in ottobre, aumentando le aspettative di aumenti dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve.
Invece la RBA, dopo aver lasciato il tasso ai minimi storici durante l'ultima riunione mensile, ha apparentemente confermato l'intenzione di mantenere bassi i tassi fino al 2024, anche se ha fatto una timida apertura ad un rialzo nel 2023. Ma è sempre più tardi rispetto alla FED.
Per questo motivo i mercati attendono il discorso (martedì) da parte del governatore della Reserve Bank of Australia, Philip Lowe, che si intitola 'Recenti tendenze dell'inflazione'.

Nel corso delle ultime settimane il quadro occupazionale australiano si è indebolito, dopo una sorprendente diminuzione di 46.300 posti di lavoro rispetto a un aumento previsto di 50.000, mentre la disoccupazione è stata registrata al 5,2% contro il 4,8% previsto. Ricordiamo che il governatore Lowe ha battuto molte volte sul problema disoccupazione, che deve scendere per stimolare l'aumento dei salari.

dollaro | opzioni binarie broker | adx indicatore |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Come produrre in Cina merce con il tuo marchio


Come produrre in Cina prodotti personalizzati: una guida pratica


Come importare dalla Cina abbigliamento con il proprio marchio


Biciclette elettriche, molte sono made in China: contestazioni, dazi e opportunità


Treno merci Cina-Italia: ecco perché agevolerà l'economia italiana


Licenza di esportazione dalla Cina: cos'è e perché è necessaria


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Mercato dell'auto, l'Europa ha vissuto un altro anno flop

Se consideriamo i diversi principali Paesi dell'Unione Europea, l'unica che può sorridere è l'Italia, dov'è stato registrato un aumento del 5,5% In Europa il mercato dell'auto continua a vivere una situazione problematica. La crisi pandemica e la carenza di semiconduttori che blocca i processi produttivi, hanno innescato una nuova frenata nell'Europa occidentale.I numeri negativi del mercato dell'autoIl mercato che raggruppa i paesi della UE, il Regno Unito e l'Efta hanno infatti chiuso l'anno 2021 con un bilancio nuovamente negativo. In b (continua)

Miliardi che vanno in fumo nelle Borsa, penalizzate dalle minute della FED

La diffusione dei verbali dell'ultimo meeting di politica monetaria della FED hanno affossato le Borse. La banca centrale americana si è rivelata più falco del previsto, preannunciando non solo delle strette monetarie ma anche la riduzione del bilancio da 8.800 miliardi di dollari. Dopo il netto calo di Wall Street avvenuto ieri e quello delle piazze asiatiche arrivato nelle prime ore di questa g (continua)

Investimenti, i mercati azionari viaggiano in moderata salita

Giornata di acquisti sui mercati azionari del Vecchio Continente. Anche se comunque si è trattato di sessioni blande, perché il clima vacanziero ha prodotto volumi bassi di investimenti e neppure dal calendario economico arrivavano grandi spunti. Pesa anche la chiusura di Londra, oggi e domani. Nel mondo sono rimaste chiuse anche la Borsa di Hong Kong e quella australiana. A dare una piccola spin (continua)

Fallimento, per Evergrande la srtada sembra ormai tracciata

Evergrande, l’agenzia di rating Fitch ufficializza il default. Pechino lavora per scongiurare un effetto dominoLa crisi del colosso cinese Evergrande è sempre più profonda. Quasi definitiva. Siamo infatti sull'orlo del fallimento, come ha sancito l'agenzia di rating Fitch declassando ulteriormente la società immobiliare del Dragone (e delle sue sussidiarie Hengda Real Estate e Tianji Holding).Ever (continua)

Svalutazione, la Lira precipita ancora e la CBRT deve intervenire

La banca centrale della Turchia è stata costretta ancora una volta a intervenire con urgenza, per tamponare la svalutazione della moneta nazionale. Alla quale, sia chiaro, ha contribuito in modo diretto e notevole.Come procede la svalutazione della LiraI fatti. Tra martedì e mercoledì la Lira ha proseguito lungo il percorso ormai durevole di svalutazione, toccando e poi aggiornando il nuovo minimo (continua)