Home > Musica > Medea in Corinto: note varie

Medea in Corinto: note varie

scritto da: Paola Cecchini | segnala un abuso

Medea in Corinto: note varie

Uno dei capolavori di Giovanni Simone Mayr, considerato all’epoca un’opera ‘intellettuale’ e avanguardista, è ‘Medea in Corinto’, scritta su libretto di un giovane Felice Romani che nel 1813 trionfò al ‘San Carlo’ di Napoli e che rimane tuttora il titolo più celebre di Mayr e sicuramente il più rappresentato.


Il “bavarese bergamasco” Giovanni Simone Mayr (1763-1845) è oggi ricordato soprattutto per essere stato il maestro di Gaetano Donizetti: maestro di cappella in Santa Maria Maggiore dal 1802, aveva istituito delle lezioni gratuite di musica per i ragazzi poveri di Bergamo.

Mayr fu anche un grande operista, fra i maggiori della generazione pre-rossiniana, scritturato e rappresentato in tutta Europa. Uno dei suoi capolavori, considerato all’epoca un’opera ‘intellettuale’ e avanguardista, è ‘Medea in Corinto’, scritta su libretto di un giovane Felice Romani che nel 1813 trionfò al ‘San Carlo’ di Napoli e che rimane tuttora il titolo più celebre di Mayr e sicuramente il più rappresentato.

 Questa Medea ebbe numerose riprese in tutta Europa e diversi adattamenti. In particolare, il musicista ne realizzò una versione per le recite del 1821 al Teatro Sociale di Bergamo, rielaborando diverse parti dell’opera, specie quelle di Creusa e di Egeo.

È questa edizione che, per la prima volta in epoca moderna, viene rappresentata dal Festival per il progetto #donizetti200, nello stesso teatro per il quale fu scritta, esattamente due secoli dopo.

L’edizione critica della versione di Bergamo, realizzata da Paolo Rossini, permette di entrare nella ‘bottega’ compositiva di Mayr, cui forse non fu estraneo Donizetti che in quel periodo era disoccupato a Bergamo dopo i primi e non facili tre anni di carriera come operista.

 ‘Medea in Corinto’ è affidata a Jonathan Brandani che l’ha diretta negli Stati Uniti, mentre la regia di Francesco Micheli, direttore artistico del Festival, svela quanto c’è di contemporaneo e locale in quelle vicende apparentemente così lontane.

La compagnia raduna una serie di specialisti nel belcanto --così difficile ma anche modernamente espressivo- di Mayr. La parte della protagonista, esigentissima sia dal punto di vista vocale che da quello scenico, è affidata al carisma di Carmela Remigio, artista nota e amata dal pubblico del Festival.

Bergamo | Donizetti | Medea | Mayr |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Claudia Mazzilli, Io sono Medea.


MUSICA LIRICA: SUONIAMO ITALIANO, I PRELUDI DEI GRANDI MAESTRI


Paestum, al Tempio di Nettuno lo spettacolo teatrale “Medeae…da Euripide in poi"


Medea chiude la rassegna teatrale dei "Martedì dell'Avogaria"


Intervista all’Assessore di Grado Sara Polo per la mostra su Pasolini


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Pronto il programma del ROF 2022

Pronto il programma del ROF 2022
La 43esima edizione del Rossini Opera Festival si terrà a Pesaro dal 9 al 21 agosto 2022. Il programma prevede due nuove produzioni (Le Comte Ory e Otello), la ripresa della Gazzetta, Il viaggio a Reims dell’Accademia Rossiniana, sette concerti, il ritorno di Rossinimania e il Gala celebrativo per i 40 anni di Pier Luigi Pizzi al ROF, per un totale di 23 spettacoli. La 43esima edizione del Rossini Opera Festival si terrà a Pesaro dal 9 al 21 agosto 2022. Il programma prevede due nuove produzioni (Le Comte Ory e Otello), la ripresa della Gazzetta, Il viaggio a Reims dell’Accademia Rossiniana, sette concerti, il ritorno di Rossinimania e il Gala celebrativo per i 40 anni di Pier Luigi Pizzi al ROF, per un totale di 23 spe (continua)

DON PASQUALE al 'Galli' di Rimini

DON PASQUALE al 'Galli' di Rimini
In questo splendido Teatro ho assistito il 3 gennaio alla replica di ‘Don Pasquale’ (in scena da Capodanno), dramma buffo in tre atti di Gaetano Donizetti (Bergamo, 1797 –1848) nel nuovo allestimento prodotto dal Coro Lirico ‘Città di Rimini Amintore Galli APS’ con il patrocinio e il contributo del Comune, per la regia di Paolo Panizza, la direzione d’orchestra del M° Stefano Pecci, con l’Orchestra da Camera di Rimini e il Coro Lirico di cui sopra curato dal M° Matteo Salvemini. Progettato dall’architetto Luigi Poletti di Modena (1792-1869), legato alla scuola neoclassica purista romana, il Teatro Nuovo di Rimini (così si chiamava all’epoca) era riconosciuto come il suo capolavoro, considerato sullo stesso piano della Basilica di San Paolo a Roma ed uno degli esempi più significativi del superamento del neoclassico della prima metà dell’Ottocento.Nell’estate 1857 ven (continua)

Nehemiah H. Brown e The Gospel Spirit in concerto

Nehemiah H. Brown e The Gospel Spirit in concerto
Nehemiah H. Brown che si è esibito ieri domenica 2 gennaio 2022 presso il Teatro Sperimentale di Pesaro (evento creato da Amat-Platea delle Marche unitamente al Comune di Pesaro) con The Gospel Spirit, gruppo di 5 cantanti e 3 musicisti che danno vita ad una delle più importanti formazioni musicali nella scena della musica afro-americana presenti in Italia. Hanno creato un’atmosfera elettrica, ricca di spiritualità e di gioia. Vero è quanto si dice abitualmente di loro: ‘In un concerto del M° Brown anche le pietre delle chiese ballano’. Così è stato anche a Pesaro! Nato a Charlotteville VA (U.S.A), cantante, pianista, compositore, arrangiatore, direttore, insegnante di canto e tecnica vocale, è cresciuto nella chiesa di suo padre, Holy Temple Church of God in Christ dove ha ricevuto un lungo training spirituale e musicale. Ha esordito nel suo primo ‘solo’ all’età di 6 anni, iniziato lo studio del pianoforte a 11,  diretto il primo coro gospel a 15 anni, (continua)

BUON 2022 DA PESARO CON IL CONCERTO DI CAPODANNO

BUON 2022 DA PESARO CON IL CONCERTO DI CAPODANNO
Šostakóvič e Čaikovskij i protagonisti del concerto di Capodanno a Pesaro Nel concerto di Capodanno tenuto dall’Orchestra Sinfonica ‘G. Rossini’ di Pesaro (per l’occasione diretta da Daniele Agiman) è spiccata quest’anno una vistosa novità.La parte centrale e più rilevante dello stesso è stata incentrata sul Concerto per violoncello e orchestra n. 1 in mi bemolle minore, Op.107 di Dmítrij Dmítrievič Šostakóvič (San Pietroburgo, 1906- Mosca, 1975) ritenuto tra (continua)

Il Conservatorio 'G.Rossini' di Pesaro: note e notizie

Il Conservatorio 'G.Rossini' di Pesaro: note e notizie
Uno dei più antichi e prestigiosi d’ Italia, è stato creato per precisa volontà testamentaria di Gioachino Rossini (1858) che qui nacque il 29 febbraio 1792 Parlare del Conservatorio musicale pesarese - considerato uno dei più antichi e prestigiosi d’ Italia - significa ricordare che è stato creato per precisa volontà testamentaria di Gioachino Rossini (1858) che qui nacque il 29 febbraio 1792. Ne parlo con l’ambasciatore Giorgio Girelli, Presidente emerito dello stesso, da tempo  Capo della missione  della Repubblica di San Marino pre (continua)