Home > Altro > Quirinale, IDD propone Nino Di Matteo, Alternativa lo prende in considerazione ma i voti scarseggiano. Occasione persa

Quirinale, IDD propone Nino Di Matteo, Alternativa lo prende in considerazione ma i voti scarseggiano. Occasione persa

scritto da: Carlospinelli | segnala un abuso

Quirinale, IDD propone Nino Di Matteo, Alternativa lo prende in considerazione ma i voti scarseggiano. Occasione persa

Il nome di Nino Di Matteo viene ripreso da Alternativa e votato da 56 grandi elettori un numero esiguo se si pensa al valore della persona che da anni vive sotto scorta per il suo impegno nella lotta alla mafia. Un'occasione persa per i nostri politici per dimostrare che lo Stato è veramente vicino a chi combatte la criminalità organizzata.


Roma 27 gennaio 2022: Sono giorni caldi per la politica italiana che in questi giorni deve eleggere il nuovo Presidente della Repubblica che sarà arbitro della costituzione per i prossimi sette anni. Le schermaglie tra le opposte fazioni politiche stanno però rallentando l'elezione del futuro inquilino del Quirinale che, se in altri tempi era cosa normale ad esempio nel 1971 ci sono volute ventitre votazioni per eleggere Leone, in un momento come quello che stiamo vivendo in Italia ogni giorno che passa diventa tempo perso e non fidiamoci di quei politici che gridano allo scandalo o di chi fa nomi che sembrano autorevoli ( e probabilmente qualcuno lo è ) ma che già si sa non riceveranno il gradimento di tutti, questa è una manfrina, la solita, che vede protagonisti i nostri politici che in questo momento badano più ai sondaggi e alle intenzioni di voto degli italiani che a decidere chi sarà il prossimo Capo di Stato. Il movimento Italia dei Diritti pur non essendo rappresentato in parlamento ( per ora ) ha comunque avanzato una candidatura autorevole e seria che risponde al nome di Antonino Di Matteo noto magistrato antimafia, e lo ha fatto attraverso due twitter a firma Antonello De Pierro Presidente del movimento e Carlo Spinelli responsabile per la Politica Interna. Proprio Carlo Spinelli interviene sull'argomento e ci spiega come nasce il nome di Di Matteo e perchè la politica italiana lo prenda poco in considerazione:" Abbiamo optato per la candidatura di Nino Di Matteo in quanto è un esponente delle istituzioni e soprattutto è riconosciuto al magistrato palermitano l'impegno alla lotta alla mafia cosa che al nostro movimento sta molto a cuore anche perchè il nostro Presidente Antonello De Pierro fu vittima di un'aggressione mafiosa per la quale sta ancora pagandone le conseguenze. Ci ha fatto molto piacere - continua Spinelli - apprendere che la nostra proposta avvenuta attraverso due nostri twitter sia stata presa in considerazione da Alternativa e votata dagli stessi esponenti del movimento insieme ad un gruppo di fuori usciti dal movimento Cinque Stelle facenti parte adesso del gruppo misto, la delusione però è stata vedere che Di Matteo ha ottenuto soltanto 56 voti molti di meno di quanti ne avrebbe meritati; un'occasione persa da parte dei nostri politici per riconoscere a Di Matteo il suo impegno nella lotta alla mafia e per dimostrare che la politica italiana vuole veramente debellare questo cancro che infesta il nostro Paese. Certo mi viene da dire come si poteva pretendere che attorno al nome di Di Matteo si potesse concentrare un numero cospicuo di adesioni se il primo nome emerso dal centrodestra quale futuro Presidente della Repubblica è stato quello di Silvio Berlusconi leader di un movimento tra i cui fondatori risulta Marcello Dell'Utri condannato per associazione mafiosa. Lo stesso Di Matteo nella trasmissione tv mezz'ora si era detto contrario al nome di Berlusconi proprio perché nella faccenda Dell'Utri lo stesso leader di Forza Italia sarebbe in qualche modo coinvolto. Voglio ricordare - continua Carlo Spinelli - che Nino Di Matteo è sotto scorta dal 1993 per le sue indagini sulla mafia, che ha indagato sulle stragi mafiose e gli attentati a Giovanni Falcone e Paolo Borsellino dei quali è degno erede, sugli omicidi di Rocco Chinnici e Antonino Saetta per i quali, grazie al lavoro del magistrato palermitano, sono stati condannati all'ergastolo i fratelli Di Matteo per Chinnici e Totò Riina per Saetta. Noi continueremo a proporre il nome di Nino Di Matteo quale nuovo inquilino del Quirinale e vediamo se le forze politiche che ci governano prenderanno in considerazione la nostra proposta sarebbe un chiaro segnale per la lotta alla criminalità organizzata e - conclude Spinelli - per l'Italia un Capo di Stato che esula dai partiti e che sarà veramente un Presidente super partes arbitro neutrale della partita politica che si disputerà da qui al 2029".

Quirinale | Presidente della Repubblica | Capo di Stato | Nino Di Matteo | Italia dei Diritti | Elezioni |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Maria Elisabetta Alberti Casellati: il primo anno alla Presidenza del Senato


Sanremo 2013 - Le serate, il regolamento, le attese....


Rinnovati i vertici del Centro Anziani ‘Argento Vivo’ di Cori


“Scrivimi!” di Franco Rizzi: le due guerre, l’oceano e l’avverso destino di un marinaio innamorato


Veronesi, l’articolo d’approfondimento dedicato al decreto del Ministro Lorenzin


Brusciano: 439 cittadini hanno partecipato alle “Primarie del PD 2019 - Parola alla Democrazia”. (Scritto da Antonio Castaldo)


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Italia dei Diritti, Enrico Perniè nuovo vice responsabile per Tivoli e Guidonia Montecelio

Italia dei Diritti, Enrico Perniè nuovo vice responsabile per Tivoli e Guidonia Montecelio
Il movimento presieduto dal noto giornalista romano Antonello De Pierro attraverso il proprio segretario provinciale romano Carlo Spinelli nomina Perniè, nuovo vice responsabile dei comuni di Tivoli e Guidonia Montecelio. Roma 23 maggio 2022: Il movimento Italia dei Diritti si appresta ad affrontare questa nuova tornata elettorale e intanto continua a distribuire incarichi; Enrico Perniè diventa vice responsabile per Tivoli e Guidonia Montecelio affiancando l'altra vice responsabile Alexia Crialesi coadiuvando la responsabile Samantha Innocenti. Enrico Perniè, membro anche del direttivo provinciale romano del movim (continua)

Italia dei Diritti: L'isola che non c'è esiste e si trova a Mandela

Italia dei Diritti: L'isola che non c'è esiste e si trova a Mandela
Parafrasando il titolo di una celebre canzone il movimento Italia dei Diritti denuncia ritardi nella riapertura dell'isola ecologica di Mandela che serve i comuni della Valle Ustica e che in un primo momento era prevista al primo febbraio; e intanto i rifiuti abbandonati nei pressi della stessa prolificano Parafrasando il titolo di una celebre canzone il movimento Italia dei Diritti denuncia ritardi nella riapertura dell'isola ecologica di Mandela che serve i comuni della Valle Ustica e che in un primo momento era prevista al primo febbraio; e intanto i rifiuti abbandonati nei pressi della stessa prolificanoRoma 10 maggio 2022: Uno dei temi di cui più si discute in questo periodo è l'ambiente; trans (continua)

Italia dei Diritti, rifiuti e auto bruciate a Roma un nuovo bronx

Italia dei Diritti, rifiuti e auto bruciate a Roma un nuovo bronx
Il movimento presieduto dal giornalista Antonello De Pierro denuncia attraverso i suoi consiglieri ombra di Roma l'ennesima situazione di degrado urbano tra il IV ed il V Municipio della città invitando il sindaco e la giunta ad un cambio di rotta nell'amministrare la capitale. Roma 03 maggio 2022: Continua l'opera di controllo da parte dei consiglieri ombra del movimento Italia dei Diritti per il territorio di Roma. Ancora segnalazioni che provengono dal Municipio Roma V da parte del vice responsabile del movimento per il V Municipio di Roma Giancarlo Villani che segnala strade invase da immondizia:" Questa mattina - dice Villani - mi sono imbattuto in cumuli di immondi (continua)

Roccagiovine cancella il 25 aprile, l'indignazione del movimento Italia dei Diritti

Roccagiovine cancella il 25 aprile, l'indignazione del movimento Italia dei Diritti
Il capogruppo consigliare dell'Italia dei Diritti e presidente del movimento stesso Antonello De Pierro critica aspramente l'atteggiamento del sindaco Marco Bernardi e della sua giunta per non aver intrapreso alcuna iniziativa commemorativa per la festa della liberazione Roma 02 maggio 2022: Era il 25 aprile del 1945 quando il CLNAI ( Comitato di Liberazione Alta Italia ) proclamò l'insurrezione generale in tutti i territori ancora occupati dai nazifascisti e  quel giorno fu preso come simbolo della liberazione dell'Italia e dell'inizio di una nuova era che portò fino al referendum del 2 giugno del 1946 e da quel dì fino ai giorni nostri il Bel Paese ricorda (continua)

Vicovaro, Italia dei Diritti denuncia nuovi e vecchi problemi

Vicovaro, Italia dei Diritti denuncia nuovi e vecchi problemi
Il responsabile per Vicovaro del movimento Giovanni Ziantoni denuncia l'incuria e la pericolosità delle griglie stradali e torna sui vecchi problemi ancora irrisolti come l'Obaco ed il parco Trezzini Roma 23 aprile 2022: Non si ferma il lavoro dei consiglieri ombra del movimento politico Italia dei Diritti presieduto dal giornalista romano Antonello De Pierro, e ancora una volta è il comune di Vicovaro ad essere oggetto di segnalazioni da parte del responsabile per Vicovaro Giovanni Ziantoni capogruppo consigliare IdD a Percile e responsabile Territoriale e Circoli della Valle dell'Aniene." Pu (continua)