Home > Musica > Orlando Ferrari, Perdono

Orlando Ferrari, Perdono

scritto da: Micro961 | segnala un abuso

Orlando Ferrari, Perdono

l’interessante singolo dell’artista bresciano


“Perdono”

è un brano che nasce dall’esigenza di raccontare la difficoltà del crescere attorniati dal pregiudizio, perché “diversi”. Essere “diversi”, in effetti, significa porre il prossimo innanzi a maggiori difficoltà nell’esercizio della comprensione della propria natura; significa essere bambini e bambine che non rispecchiano quel che il costume ha plasmato e definito, secondo consuetudine, come ammissibile nei ranghi della supposta “normalità”.

“Ero un bambino dolce e fragile”, racconta Orlando Ferrari, “mio padre mi disse che avrei dovuto fare il prete, perché non riusciva a concepire la possibilità, per un bambino maschio, di essere amorevole, mansueto e gentile”.

La diversità arricchisce i nostri rapporti, ma può, altresì, renderli difficoltosi, quando ai nostri interlocutori mancano le doti critiche necessarie a sceverare problemi non comuni. La difficoltà nella comprensione, spesso, scaturisce in un senso di impotenza ansiosa e, in malaugurati casi, in atti di violenza fisica. Sono tanti i bambini, in Italia e nel mondo, che subiscono violenze in ambiente domestico poiché la loro essenza pone complicazioni nel riuscire a carpire la loro particolare natura. Spesso rimangono isolati, poiché, nonostante i loro occhi lancino tristi richieste di aiuto, il vicinato, o persino il contesto scolastico, rimangono amaramente immobili.

È difficile chiedere aiuto. Lo è per tutti ed ancor di più per un bambino che si trova, suo malgrado, imprigionato in un paradosso esistenziale, quello in cui il luogo in cui dovresti sentirti al sicuro e protetto è il luogo in cui vivi un quotidiano inferno. Sappiamo come, per i ragazzini più fragili, sia facile, nel difficoltoso rimuginare e chiedersi infiniti “perché?”, sentirsi colpevoli per il gratuito male che si riceve.

Chiedersi infiniti “perché?”, tuttavia, non è il modo migliore per curare le proprie ferite. La colpa, diceva Spinoza, è un concetto precipitabile ad anteriorità logiche e temporali infinite. Cercare un colpevole, nella fatalità esistenziale, è un esercizio faticoso e doloro. Le cose accadono. Al di là delle ragioni consce ed inconsce di ciascuna individualità, non ci è dato il conoscere ragioni universali, in grado di riappacificarci con il nostro destino. La sola via per raggiungere la pace interiore è il perdono; un esercizio di comunione con ogni essere umano, nella comprensione della sola cosa che ci lega: il dolore.

Questo è quel che vuole significare il nuovo brano di Orlando Ferrari: solo l’Amore (ovvero la comprensione) ci salva.

“Il vero viaggio di scoperta non consiste nel trovare nuovi territori, ma nel trovare altri occhi, vedere l’universo attraverso gli occhi di un altro, di centinaia d’altri: di osservare il centinaio di universi che ciascuno di loro osserva, che ciascuno di loro è” [Marcel Proust]


Orlando Ferrari

è un artista emergente di Brescia. Come la quasi totalità di poeti e suonatori, percepisce la propria devozione alla musica già in tenera età. Purtuttavia, non ama dare una temporalità alla sua dedizione musicale, ma preferisce sottolineare come la musica sia per lui un fattore di costituzione biologica; qualcosa che fonda il suo essere e ne guida ogni apparizione.  
Orlando vive l'esistenza con stravaganza. Ama descriversi come un “novello Des Esseintes”: radicalmente elegante, tragicamente affascinato dai fasti di Versailles, nonché portato a scavare nei più profondi recessi dell'esistenza come Rimbaud, o un qualunque altro simbolista.
Ha pubblicato il suo primo singolo a marzo: “Slava Ucraina, Herojam Slava!”, un brano scritto dopo una nottata passata ad ascoltare un lungo servizio giornalistico, recante le voci di diversi civili ucraini.
Presenta, ora, al pubblico “Perdono”, il suo nuovo singolo, sulla violenza domestica e la diversità.


https://www.facebook.com/orlando.ferrari.official/

Singolo | Perdono | Orlando Ferrari |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Membership Scuderia Ferrari: Emozioni al Moscow City Racing


Giuseppe Franco Ferrari, professore universitario di diritto


Avvocato e rinomato professore dell’Università Bocconi, Giuseppe Franco Ferrari è titolare dello studio Ferrari


Orlando Andreucci – IL MESTIERE DEI SOGNI, è uscito il nuovo album del cantautore romano


STELLE E MOTORI PER UNICEF A VILLA ALMA PLENA A CASERTA


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Rosamà, Io Non So Volare


Rosamà, Io Non So Volare

il primo singolo dell’artista Rosa Mauro in arte Rosamà nata ad Agropoli, vive a Capaccio Paestum in provincia di Salerno, cantante e danzatrice, ha frequentato il Liceo Coreutico Alfano I di Salerno. La passione per la danza incomincia all’età di 6 anni iniziando a frequentare scuole di danza dove ha imparato tutti gli stili dal classico al moderno e al contemporaneo. Vincitrice della borsa di studio per partecipare alla rass (continua)

E’ sociale il nuovo Panettone Ferraria

E’ sociale il nuovo Panettone Ferraria
Sarà un gesto di integrazione e solidarietà la presentazione dell’ultima creazione della casa pasticciera Li Casotti di Cianciana (Ag) 
 Tra gli importati ospiti che hanno accolto con benevolenza il gesto anche l’attore Internazionale Mr. Ray Winstone.Il prossimo 10 Agosto, al Chiostro del convento di Cianciana (Ag), oltre che la presentazione alla stampa dell’innovativo prodotto, sarà reso pubblico anche il gesto di solidarietà legato all’evento che prevede la donazione di parte del ricavato dalle vendite del Panettone Ferraria a (continua)

Boris Diaz, Madera

Boris Diaz, Madera
la nuova hit dell’estate dell'artista Fuori dal  1° Luglio “Madera” il nuovo singolo di Boris Diaz, cantante e ballerino di Cartagena de Indias (Colombia). Leader e cantante dei “Saphiros Latin Project” si propone per la seconda volta come solista in questo nuovo brano dai ritmi reggaeton che rimandano subito ad un’atmosfera esotica. “Madera” mira a bissare il successo estivo del 2019 intitolato “Luna” cantato (continua)

ETTA torna in radio

ETTA torna in radio
Dopo X Factor e Area Sanremo con la reinterpretazione del singolo di Vasco Rossi "Mi piaci perché" Torna in scena la giovanissima cantante “Etta” con la cover di un famoso brano di Vasco Rossi “Mi piaci perché”, singolo di denuncia contro la violenza sulle donne. Contenuta nell’album “Bollicine” del 1983, la canzone è stata scelta per l’esordio in chiave rock dell’artista, che ricordiamo per la sua partecipazione ad “Xfactor” 2014 e per aver vinto “Area Sanremo” nel 2021. In questa interpretazi (continua)

Cristina Russo, Resto a Sud

Cristina Russo, Resto a Sud
la cantautrice torna in radio con una versione remix del singolo Dal  30 Giugno in rotazione radiofonica il singolo “Resto a Sud-Remix” dell’eclettica cantautrice Cristina Russo. Un ritorno molto atteso, perché quando si parla di questa artista non si ha mai qualcosa di scontato! Il suo mondo è come quello di Alice nel Paese delle Meraviglie: particolare ed affascinante, contaminato da diversi stili come le influenze che caratterizzano la sua ter (continua)