Home > Scuola e Università > La scuola usa le emozioni per guardare il mondo del lavoro

La scuola usa le emozioni per guardare il mondo del lavoro

scritto da: Designpsychology1 | segnala un abuso

La scuola usa le emozioni per guardare il mondo del lavoro

Falcone righi, Gruppobea e Soacasa insieme per l'esperimento del training.


Oggi a Milano c’è stato un momento speciale. Nell'aula convegni del multicentro Gruppobea si è tenuto un interessante incontro tra la classe del 4 anno del corso Relazioni Internazionali per il Marketing dell'ITE Falcone-Righi di Corsico e l'azienda. 

Ventidue studenti hanno conosciuto le realtà Gruppobea e Soacasa partecipando al training di 4 ore "passaggio tra scuola e lavoro" tenuto dallo psicologo e trainer Jonas W. Bendaou

Una giornata bellissima, fatta di domande e racconti di ogni singolo vissuto, che ha portato i ragazzi ad avvicinarsi al mondo del design e del lavoro cavalcando le emozioni. 

L'idea, nata dalla collaborazione tra l'istituto e l'azienda Gruppobea al fine di introdurre lo sviluppo  delle singole consapevolezze, è stata voluta fortemente dalla docente di diritto internazionale  Maria Elena De felice che, assieme alla collega Cristina Macchia, docente di francese, ha supportato  la classe in questa esperienza. 

 

Passaggi chiave nei confronti della formazione

Gli step sono stati essenzialmente tre: 

Il primo, legato alla visita in show room con tappe in ogni area merceologica, condotto da Gaia Cabrele, ex studentessa di galdus e adesso coordinatore accoglienza clienti. 

Il secondo, in aula con la presentazione di Roberto Gatti, amministratore unico di Soacasa, che ha toccato i concetti di resilienza, coraggio, volontà, onestà, ed ha aiutato i ragazzi e le ragazze a comprendere quanto sia necessario puntare su passione e determinazione nel passaggio tra scuola e lavoro.

Il terzo step, infine, ha visto come protagonisti gli studenti che hanno avuto modo di parlare delle loro visioni e dei loro sentimenti nei confronti di futuro e lavoro. 

Tutto si è concluso con un piccolo buffet di saluto nel solarium  Gruppobea. 


Fonte notizia: https://medium.com/@zilyashatrow/la-scuola-entra-in-azienda-ed-usa-le-emozioni-per-guardare-il-mondo-del-lavoro-e1fb1344ac37


Jonas bendaou | psicologia | cultura | scuola | galdus | formazione |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

I Corsi della Scuola del Festival del Verde e del Paesaggio


CONCORSO INTERNAZIONALE DI POESIA "LA MIA TERRA


TRENTO E IL MONTE BONDONE “MONDIALI”, 5 ORI PER L’ITALIA SUL PODIO UWCT


Alessandro Benetton: perché le emozioni sono fondamentali per un imprenditore


SUL PODIO DI CAVEDINE BALLANO SEI NAZIONI, POSCH (AUT) E LOVSE (SLO) MISSILI “MONDIALI”


Assicurazione Viaggio Stati Uniti: con la Polizza di Assicurazioni Low Cost sei coperto anche in USA


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

LA CURA

LA CURA
Prendersi cura del proprio futuro                               Sì dice che il verde sia il futuro e possa salvare il mondo. Se si parte da questo presupposto, allora sarà importante parlare dell’evento che si è tenuto a Milano, presso l’area esterna del multicentro per la casa Gruppobea, con la presenza molto gradita di Valeria Sonvico, resp (continua)

Un tè con l'artista nell'atelier Epipla. Un dialogo tra il mondo della gestalt e l'universo dell'arte, attraverso le magnifiche luci del Fuorisalone di Milano.

Un tè con l'artista nell'atelier Epipla. Un dialogo tra il mondo della gestalt e l'universo dell'arte, attraverso le magnifiche luci del Fuorisalone di Milano.
L'art designer Mattia Frignani si racconta attraverso le domande dello psicologo ed amante d'arte Jonas W.Bendaou Mattia, siamo oggi qui nel bellissimo spazio Epipla, nel centro di Milano, in cui esporrai le tue opere anche per il fuori salone. Ho visto le tue opere e ascoltato la tua storia. Mi colpisce molto il tuo modo di costruire, così legato alla percezione e all’esperienza. Soprattutto, mi appassionano le spinte emotive. “Quale è stato lo stimolo iniziale che ha portato a dedicarti alla produ (continua)

Gruppobea e Galdus nella formazione. La scuola entra in azienda: lo stage abbraccia cultura e crescita professionale

Gruppobea e Galdus nella formazione. La scuola entra in azienda: lo stage abbraccia cultura e crescita professionale
Intervista a Marcello Sottocorno, tutor formativo della scuola Galdus, Claudio Gatti, direttore generale Gruppobea Spa e Jonas W.Bendaou, psicologo e formatore. Claudio, cominciamo da lei. Gruppobea sta continuando a correre seguendo le evoluzioni del mercato. In questi mesi avete assunto ancora, attingendo dalla scuola attraverso il percorso del tirocinio curriculare e dell’apprendistato di I Livello. Una promozione scolastica, dunque, vale una assunzione?Sì, dopo l’esperienza positiva extracurriculare fatta con lo IED, che ci ha permesso (continua)