Home > Altro > Italia dei Diritti, Roma da caput mundi a caput (im)mundi(zia)

Italia dei Diritti, Roma da caput mundi a caput (im)mundi(zia)

scritto da: Carlospinelli | segnala un abuso

Italia dei Diritti, Roma da caput mundi a caput (im)mundi(zia)

Continua il lavoro dei consiglieri ombra di Roma del movimento Italia dei Diritti con Giancarlo Villani che individua nuove zone dove tra immondizia e vegetazione infestante è difficile sia camminare a piedi che prendere l'autobus


Roma 05 luglio 2022: Continua il lavoro dei consiglieri ombra di Roma del movimento Italia dei diritti alla ricerca dei problemi che affliggono la capitale d'Italia. Non è un lavoro difficile visto la situazione nella quale versa la città di Roma con marciapiedi ostruiti dall'immondizia e dalle erbacce e con la mancata cura del verde pubblico che sta ormai invadendo selvaggiamente le carreggiate stradali coprendo anche i cartelli di segnalazione. Ad aggravare la già drammatica situazione dei rifiuti a Roma ci si è messo anche l'incendio dell'impianto TMB di Malagrotta che mette in evidenza ancora una volta di quanto ci sia la necessità degli impianti di trattamento dei rifiuti per evitare pericolosi accumuli di ecoballe all'interno degli impianti di differenziazione e stoccaggio. Giancarlo Villani responsabile per il V Municipio di Roma per il movimento Italia dei Diritti e consigliere ombra della città di Roma per il movimento stesso, segnala alcune problematiche rilevate in varie zone di Roma:" Iniziamo con il XII Municipio e precisamente prendendo in esame via Arati che collega via del Casaletto con via dei Colli Portuensi per evidenziare non solo i rifiuti che fuoriescono dai cassonetti ormai stracolmi invadendo i marciapiedi ma anche le erbe infestanti che stanno prendendo gran parte dello spazio pedonale crescendo sui due lati del marciapiede lasciando soltanto un piccolo sentiero per il passaggio. Passando al Municipio Roma 1 - prosegue Villani - risalta agli occhi la manutenzione dell' area parcheggio di Porta Maggiore totalmente inesistente tant'è che ormai è quasi diventata una discarica a cielo aperto. Arriviamo ora al IX municipio dove la fermata dell'Atac Cecchignola - Castel di Leva è letteralmente coperta dalla vegetazione che cresce rigogliosa e selvaggia rendendo praticamente illeggibile la tratta che il mezzo pubblico andrà ad effettuare. Adesso sta ai romani - conclude Giancarlo Villani - verificare se ci sono differenze tra l'amministrazione Raggi e questa di Gualtieri". "Rendendo ancora una volta merito a Giancarlo Villani per le sue segnalazioni ciò che risalta è la poca cura che gli amministratori capitolini dedicano alla città di Roma - esordisce così il segretario provinciale romano del movimento Italia dei Diritti Carlo Spinelli - e se da un lato possiamo giustificare anche se solo parzialmente il sindaco Gualtieri per il problema rifiuti che si è aggravato ulteriormente con l'incendio di Malagrotta, dall'altra non possiamo chiudere gli occhi sul degrado della città di Roma dove manca totalmente la cura delle strade sia per lo spazzamento che per le erbe che infestano i marciapiedi addirittura in molti punti di Roma troviamo la vegetazione che crescendo in maniera indiscriminata, ricopre cartelli stradali e fermate di autobus. Le promesse fatte dall'attuale sindaco della Capitale sono rimaste tali e chissà se alla luce di quanto sta emergendo Roberto Gualtieri oggi si ricandiderebbe alla guida di Roma. Noi continuiamo a monitorare il territorio grazie anche ai nostri responsabili dei municipi e dei consiglieri ombra sperando - conclude Spinelli - che le nostre segnalazioni servano per aprire gli occhi degli amministratori romani ed intervengano tempestivamente sui problemi che riscontriamo nella Capitale sempre meno caput mundi e sempre più caput (im)mundi(zia)".

Roma | Gualtieri | rifiuti | immondizia | Italia dei Diritti | gassificatore | termovalorizzatore |



 

Potrebbe anche interessarti

La Chiesa di Scientology per l’educazione sui Diritti Umani


UNITI PER I DIRITTI UMANI - Speciale presentazione tenuta presso la Chiesa di Scientology di Milano


Creiamo la pace insieme - 21 settembre: GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA PACE


Cesena: Far conoscere i Diritti Umani – in formato cartaceo o attraverso i servizi On-Line


Apprendere i Diritti Umani - SERVIZI ON-LINE PER L’ISTRUZIONE


Uniti per i diritti umani: la conoscenza ci rende liberi


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Bloccheremo le elezioni, Italia dei Diritti si scaglia contro la legge elettorale

Bloccheremo le elezioni, Italia dei Diritti si scaglia contro la legge elettorale
Il movimento fondato e presieduto dal giornalista romano Antonello De Pierro critica aspramente il Rosatellum giudicandolo incostituzionale e minaccia di portare il caso nelle aule di tribunale Roma 12 Agosto 2022: Non sono bastati i teatrini, le polemiche, gli accordi e i susseguenti disaccordi che hanno e stanno condendo questa campagna elettorale, un'altra bomba sta per scoppiare. Ad armarla è il movimento Italia dei Diritti di Antonello de Pierro che minaccia di bloccare questa tornata elettorale in quanto, a loro dire, la legge con la quale si vota presenta dei punti di incostit (continua)

Salvini attacca De Pierro sui social ma sfugge al confronto diretto

Salvini attacca De Pierro sui social ma sfugge al confronto diretto
Il leader leghista definisce sui suoi profili social Antonello De Pierro un ominicchio ma si nasconde non accettando un confronto pubblico richiesto ufficialmente tramite una pec indirizzata dal movimento Italia dei Diritti alla pec di Noi per Salvini premier Roma 30 luglio 2022: Non è passato inosservato ai più l'attacco diretto che il Senatore Matteo Salvini ha portato nei confronti del presidente del movimento Italia dei Diritti Antonello De Pierro sui profili social del leader leghista in risposta ad una opinione espressa dal presidente IdD in merito all'elettorato della Lega. Per non far morire la cosa sui social giustamente il movimento presiedut (continua)

Italia dei Diritti segnala cumuli di rifiuti a Villanova di Guidonia

Italia dei Diritti segnala cumuli di rifiuti a Villanova di Guidonia
Enrico Perniè vice responsabile per Tivoli e Guidonia del movimento e consigliere ombra per le due città tiburtine denuncia abbandoni indiscriminati di rifiuti sul territorio di Villanova di Guidonia Roma 20 luglio 2022:Italia dei Diritti torna ad occuparsi di Guidonia e precisamente della frazione di Villanova già presa in considerazione in passato dal movimento attraverso le denunce dei responsabili IdD in loco per il dissesto stradale e i rifiuti che stazionavano in strada. Adesso dopo le elezioni e l'insediamento del nuovo sindaco le cose non sembra siano cambiate come sottolinea il vi (continua)

Carlo Spinelli IdD, ecco chi ci guadagna dalle dimissioni di Draghi

Carlo Spinelli IdD, ecco chi ci guadagna dalle dimissioni di Draghi
Il responsabile per la Politica Interna del movimento effettua una disamina sulla crisi di governo che si è aperta sotto la spinta dei Cinquestelle ed ipotizza sui benefici o meno che le singole formazioni politiche potranno trarre dalle dimissioni di Draghi Roma 15 luglio 2022: Ci risiamo! Questa legislatura non conosce pace, altra crisi di governo, altre dimissioni da parte del Premier respinte dal Presidente della Repubblica Mattarella, e confronto alle camere previsto per mercoledì prossimo. Ma cosa succederà mercoledì? Lo sapremo tra cinque giorni intanto si cominciano a fare le prime supposizioni su ciò che sarà: elezioni subito? Draghi bis? Gov (continua)

Povero ominicchio, Salvini attacca De Pierro Spinelli solidarizza

Povero ominicchio, Salvini attacca De Pierro Spinelli solidarizza
Il leader leghista in risposta ad un tweet del presidente del movimento Italia dei Diritti lo apostrofa sui propri profili social un povero ominicchio e i sostenitori della Lega rincarano la dose con commenti anche offensivi contro la persona. Carlo Spinelli solidarizzando con De Pierro ripercorre alcuni momenti censurabili della vita politica del capitano Roma 12 luglio 2022: Italia dei Diritti stavolta mira al bersaglio grosso e lo fa in risposta ad un attacco subito dal presidente del movimento il giornalista Antonello De Pierro ad opera del leader della Lega Matteo Salvini. Il capitano così come viene chiamato dai suoi sostenitori, si è permesso di giudicare sia sulla propria pagina facebook che sul suo profilo instagram De Pierro un "povero omi (continua)