Home > Primo Piano > Prenotatevi per il RUNNING CAMP che si terrà dal 16 al 29 MARZO!

Prenotatevi per il RUNNING CAMP che si terrà dal 16 al 29 MARZO!

scritto da: Matteo Simone | segnala un abuso

Prenotatevi per il RUNNING CAMP che si terrà dal 16 al 29 MARZO!


Matteo SIMONE http://www.psicologiadellosport.net 14 giorni di allenamento in quota, benessere, condivisione culturale e tanto altro nella terra dei campioni... per tornare in Italia più in forma che mai! Uno staff di professionisti del nostro TEAM ITALIA - KENYA saprà garantirvi una calorosa accoglienza e assistenza per tutta la durata di un soggiorno che vi regalerà indimenticabili emozioni. I Running Camp sono organizzati da T.T.S.srl Aosta in collaborazione con l'Agenzia VALAIR VIAGGI di Aosta e l'High Altitude Training Centre di Iten. Partite con noi... in Kenya! Per un Running Camp di 14 giorni che vi aiuterà a raggiungere la vostra massima condizione di forma: al rientro tenetevi pronti a migliorare tutti i vostri PERSONAL BEST! Tutti i partecipanti, compresi gli accompagnatori o familiari dei runners, avranno la possibilità di soggiornare e allenarsi in quota, sui meravigliosi altipiani della Great Rift Valley, una delle regioni più affascinanti del Kenya, e di correre o passeggiare sui percorsi battuti quotidianamente dai leggendari campioni Keniani, i più forti corridori per eccellenza, in particolare nelle discipline della corsa su strada. Un’esperienza che consigliamo a tutti gli appassionati del running di cogliere almeno una volta nella vita: THE HEART OF KENYAN RUNNING è un viaggio unico, all’insegna della corsa, DEL benessere, dell’agonismo e/o della semplice pratica sportiva, della scoperta di nuove culture e tradizioni, che vi arricchirà immensamente dal punto di vista umano e culturale. “THE HEART OF KENYAN RUNNING” è un viaggio unico che, attraverso la corsa, vi porterà nel cuore degli altipiani del Kenya, a stretto contatto con la cultura e le tradizioni dei più forti corridori al mondo. Il nostro Running Camp è un percorso di crescita, sportivo e non, che vi regalerà indimenticabili emozioni: avrete la grande opportunità di confrontarvi e di vivere appieno la quotidianità degli atleti keniani, avrete la possibilità di comprendere le loro origini, il loro presente, il loro futuro. Percorrerete con loro gli infiniti sterrati di corsa, vi alimenterete come loro, vi “confonderete” con loro. Il martedì e il giovedì di ogni settimana ci uniremo ai gruppi di allenamento locali per le sessioni sulla pista di terra battuta di Tambach e per prendere parte al fartlek collettivo. Il popolo del Kenya, composto da 42 tribù diverse, ha fatto del SACRIFICIO, della SEMPLICITÀ e dell’ESSENZIALITA’ il suo punto di forza. Nonostante la povertà ancora largamente diffusa e la precarietà delle condizioni di vita per la maggior parte della popolazione, il popolo dei leggendari corridori keniani è FELICE, FIERO E RISPETTOSO. I running camp in Kenya con partenza esclusiva dall’Italia organizzati dall’azienda di Aosta T.T.S.srl (Territorio Turismo Sport), in collaborazione con l’associazione sportiva Runningzen di Ignazio Antonacci e con Matteo Simone, psicologo dello Sport, vi offrono due settimane di sport, benessere, avventura, cultura e tradizione nel cuore del Kenya. L’iniziativa è rivolta a runners di tutti i livelli, principianti, amatori e professionisti. Ognuno avrà la possibilità di allenarsi rispettando i propri ritmi e i propri eventuali programmi di allenamento. Sarete sempre guidati e accompagnati nel corso delle vostre uscite da pacers kenyani che vi guideranno ogni giorno sui infiniti percorsi di terra battuta nei dintorni della località di Iten, la leggendaria Home of Champions che da anni ormai accoglie atleti professionisti e runners da tutto il mondo. La location che è stata attentamente selezionata per accogliere i partecipanti è la bella e ben attrezzata struttura dell’High Altitude Training Centre di Iten, fondata da Lornah Kiplagat. Oltre al soggiorno in pensione completa, l’HATC mette a disposizione dei proprio ospiti l’uso gratuito della piscina, della palestra, della sauna e della pista privata in tartan a 2,5km dal centro. Presso l’HATC si terranno anche tutte le attività complementari alle sessioni di allenamento di corsa, ossia sessioni di potenziamento, mobilità articolare, addominali, ecc condotte da allenatori professionisti locali. Nel corso del running camp importanti appuntamenti saranno anche i seminari teorici, durante i quali si affronteranno non solo temi legati alle metodologie di allenamento e al confronto tra i metodi adottati in Kenya piuttosto che nei paesi occidentali, ma anche argomenti che riguardano maggiormente gli aspetti culturali del popolo dei corridori kenyani, le loro origini, tradizioni, abitudini, aspirazioni per un futuro che consenta loro di emergere e riscattarsi dal contesto di povertà in cui sono nati. “The Heart of Kenyan Running” vuole infatti configurarsi non solo come stage tecnico di allenamento bensì, e soprattutto, come occasione unica di confronto e conoscenza di una realtà distante da quella della nostra quotidianità, da cui c’è molto da imparare e che saprà conquistarvi con la sua semplicità, fierezza e grande forza d’animo. Oltre la corsa Durante il soggiorno ad Iten sarà data ai partecipanti al running camp anche la possibilità di visitare villaggi e scuole tradizionali, per una più completa conoscenza del territorio e della sua cultura. Per i familiari e accompagnatori dei runners sarà poi previsto un programma alternativo, in cui le sessioni di allenamento di corsa saranno sostituite dalla possibilità di passeggiate in compagnia di qualche pacer locale che guiderà, chi ne avrà piacere, su percorsi sterrati di chilometraggio ridotto. L’alimentazione è totalmente naturale: presso l’HATC vengono utilizzati solo prodotti locali a km zero. I runners e i loro familiari o amici accompagnatori potranno gustare ogni giorno l’estrema semplicità della cucina locale, leggera e nutriente, perfetta per un regime alimentare salutare. Volete conoscere il nostro staff? Ecco la nostra presentazione! CHIARA RASO Chiara Raso è Istruttore Federale di Atletica Leggera e Responsabile, presso l’azienda T.T.S.srl di Aosta, dell’organizzazione di tutti gli eventi a carattere turistico sportivo. Chiara, ex atleta della squadra nazionale italiana di sci alpinismo e ex atleta del Centro Sportivo Esercito, ha sviluppato una grande conoscenza del Kenya, della sua cultura e tradizioni essendo stata compagna di vita di Thomas James Lokomwa, atleta di livello internazionale con un personale di 60’33” sulla distanza della mezza maratona, corsa sub 61’ per ben 4 volte nella sua breve carriera, purtroppo stroncata da un incidente d’auto mortale nel settembre 2016. In ricordo del proprio compagno Lokomwa, Chiara ha creato, con la collaborazione di Ignazio Antonacci, Matteo Simone e Timothy Limo, la prima organizzazione di Running Camp in Kenya per runners italiani che prevede partenze dall’Italia: The Heart of Kenyan Running. Tutti coloro che desidereranno vivere l’esperienza unica di uno stage di corsa ad Iten, la “Home of Champions” del Kenya, paese degli sconfinati altipiani dove sono nati i grandi campioni dell’élite mondiale delle varie discipline della corsa a piedi, potranno contattare Chiara presso la direzione di T.T.S.srl Aosta (www.ttsaosta.com ). Chiara accompagna sempre i gruppi di runner che partono dall’Italia e sarà il loro punto di riferimento anche ad Iten, dove provvederà a garantire la piena partecipazione a tutte le attività e sessioni di allenamento anche di chi non pratica la lingua inglese, grazie alle traduzioni simultanee di tutti i contenuti forniti ai partecipanti dallo staff tecnico del Kenya. IGNAZIO ANTONACCI Ignazio Antonacci, docente di educazione fisica e collaboratore tecnico delle riviste 4Running e Triatlhete, è l’ideatore del sito www.runningzen.it Antonacci, che è anche maratoneta e triatleta in piena attività, ha deciso di fondare il suo gruppo di amatori Runningzen, per il quale è allenatore e consulente di Running e Triathlon. La grande passione di Ignazio per lo sport e tutti gli aspetti cruciali ad esso legati, quali alimentazione e preparazione mentale, gli hanno consentito di specializzarsi sempre più nell’ambito della consulenza sportiva, attività che è ora diventata fulcro della sua vita professionale. Con l’obiettivo di scoprire l’infinità del vero potenziale dell’essere umano, mettendo alla prova le proprie capacità fisiche e mentali, Ignazio si è dedicato per anni allo studio da autodidatta. Ha affrontato argomenti quali la programmazione neurolinguistica, i vari aspetti del coaching, l’integrazione e l’alimentazione naturale per l’atleta, al fine di poter sfruttare al meglio le proprie competenze nel definire programmi di allenamento per tutti coloro che desiderano migliorare le proprie prestazioni atletiche, raggiungendo anche uno stato di salute e benessere, che non sempre corrisponde, invece, ad alte performance fisiche. Dal 2009 Runningzen coordina un Gruppo di Pace Maker Runningzen per gare di corsa su strada (mezza maratona e maratona a livello regionale e nazionale) e organizza conferenze, eventi promozionali e soprattutto stage di Running e Triathlon in tutta Italia, durante i quali i partecipanti possono beneficiare di valutazioni funzionali e seminari teorici dedicati al miglioramento della propria prestazione. Uno dei progetti di maggiore successo di Runningzen è tutt’ora il Progetto Neofiti per la Maratona e per il Triathlon, che ha l’obiettivo di dare a tutti, anche a coloro che si avvicinano per le prime volte alla pratica sportiva, la possibilità di portare a termine una maratona o una gara di IronMan, perseguendo quello che è diventato il motto di Runningzen: “Puoi se vuoi” e “Nothing is Impossible”. Grazie alla sua grande passione per la corsa Ignazio ha fin da subito creduto nel progetto “Kenya” apportando fin dall’inizio il suo prezioso contributo tecnico a “The Heart of Kenyan Running”. MATTEO SIMONE Matteo Simone è psicologo clinico e psicoterapeuta della Gestalt, terapeuta E.M.D.R., specializzato in particolare in psicologia dell’emergenza e in psicologia dello sport. Ha conseguito il Master in Psicologia dello Sport presso il Centro Inter-universitario “Mind in Spoert Team” e il Master in Ipnosi Ericksoniana presso la Scuola Italiana di Ipnosi e Psicoterapia Ericksoniana. Matteo Simone è specializzato nel trattamento del disturbo post traumatico da stress, nell’incremento dell’autoefficacia e nello sviluppo della resilienza. E’ inoltre referente psicologo per il Lazio del Corpo Italiano di Soccorso dell’Ordine di Malta, Matteo è anche articolista e autore di numerose pubblicazioni a carattere saggistico che trattano dei temi della psicologia dello sport e dell’esercizio fisico, dello sviluppo della resilienza, degli ultramaratoneti, dello sviluppo delle risorse interne e dell’autoefficacia. Dirigente dell’Associazione Sportiva Dilettantistica “Atletica La Sbarra & I Grilli Runners” (http://www.lasbarraconigrilli.it/420271147) Matteo Simone è inoltre podista, ultramaratoneta e triatleta ironman. Fondamentale dal punto di vista umano e professionale il suo grande contributo a “The Heart of Kenyan Running”. TIMOTHY LIMO Timothy Limo è un atleta professionista specializzato sulle distanze del mezzofondo veloce, in particolare sugli 800m piani. Timo è indubbiamente uno dei più noti personaggi dei dintorni di Iten, conosciuto non solo per le sue indubbio potenziale atletico ma anche per le sue grandi doti in qualità di allenatore, specializzato in particolare sul potenziamento muscolare per i corridori. Attualmente Timo lavora con gli atleti élite di classe mondiale, tra cui Asbel Kiprop, Wilson Kipsang, Denis Kimetto, Mary Keitany, Edna Kiplagat solo per citarne alcuni. Timo è inoltre l’allenatore di riferimento della Sports Academy di Lornah Kiplagat presso l’High Altitude Training Centre di Iten. Vi aspettiamo per il prossimo Running Camp in calendario: 13 notti ad Iten (Kenya) dal 16 al 29 Marzo 2018 - partenza dall'Italia il 15/03 Per informazioni dettagliate sulle attività, sullo staff e sull'organizzazione scrivere a: Chiara Raso - chiara.tts@gmail.com presso T.T.S.srl Per informazioni dettagliate sul programma del Running Camp di marzo, che prevede, oltre agli allenamenti, approfondimenti di psicologia dello sport, scrivere a: Matteo Simone - 21163@tiscali.it Per prenotazione operativo voli scrivere a: Michela Pistilli - michela.pistilli@valair.it. Vi aspettiamo.... in Kenya !! The Heart of Kenyan Running - Home | Facebook https://www.facebook.com/theheartofkenyanrunning/ https://www.libreriauniversitaria.it/libri-autore_simone+matteo-matteo_simone.htm

Fonte notizia: https://www.facebook.com/theheartofkenyanrunning/




Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

THE HEART OF KENYAN RUNNING: Correte con noi in Kenya a ITEN


L’obiettivo e Mission del progetto “The Heart of Kenyan Running”


THE HEART OF KENYAN RUNNING:


THE HEART OF KENYAN RUNNING


THE HEART OF KENYAN RUNNING: Corsa, benessere, cultura


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Intervista doppia alla coppia di ultrarunner Zagara e Vincenzo

Intervista doppia alla coppia di ultrarunner Zagara e Vincenzo
A volte la vita mette a dura prova, fa incontrare problemi e ostacoli, situazioni difficili da gestire, affrontare e superare, poi succede di iniziare a praticare sport e tutto cambia, si sperimentano altre modalità di stare al modo, altre modalità per sperimentare benessere, fatica e sofferenza, gioie e soddisfazioni. Di seguito Zagara e Vincenzo raccontano le loro esperienze di vita e di sport rispondendo ad alcune mie domande di un po’ di tempo fa. Matteo SIMONEhttp://www.psicologiadellosport.net A volte la vita mette a dura prova, fa incontrare problemi e ostacoli, situazioni difficili da gestire, affrontare e superare, poi succede di iniziare a praticare sport e tutto cambia, si sperimentano altre modalità di stare al modo, altre modalità per sperimentare benessere, fatica e sofferenza, gioie e soddisfazioni. Di seguito Zagara e (continua)

I doni dello sport: benessere, buon umore, allegria, buona compagnia

I doni dello sport: benessere, buon umore, allegria, buona compagnia
Cosa spinge persone a fare sport, sudare, faticare? Certo non solo la performance ma anche la voglia di mettersi in gioco, di mantenersi in forma, rincorrere il benessere psicofisico, emotivo e relazionale; una spinta motivazionale dettata da cuore, testa e corpo per provare, per non mollare, per occuparsi di se stessi e degli altri, per far parte di un gruppo o una squadra con progetti di gare, per condividere momenti, viaggi e incontri, per superarsi, per ricordare momenti passati insieme; questo è lo sport che vogliamo che incrementa consapevolezza, autoefficacia, resilienza e spirito di squadra e appartenenza. Matteo SIMONEhttp://www.psicologiadellosport.net Cosa spinge persone a fare sport, sudare, faticare? Certo non solo la performance ma anche la voglia di mettersi in gioco, di mantenersi in forma, rincorrere il benessere psicofisico, emotivo e relazionale; una spinta motivazionale dettata da cuore, testa e corpo per provare, per non mollare, per occuparsi di se stessi e degli altri, per fa (continua)

Lo sport non ha età se ci credi e ti impegni

Lo sport non ha età se ci credi e ti impegni
Lo sport non ha età se ci credi e ti impegni, con la consapevolezza che tutto passa e cambia e non si è più come una volta ma le risorse residue sono sufficienti per portare a casa grandi soddisfazioni ed esperienze intense possibilmente facendo parte di una squadra. Matteo SIMONEhttp://www.psicologiadellosport.net Lo sport non ha età se ci credi e ti impegni, con la consapevolezza che tutto passa e cambia e non si è più come una volta ma le risorse residue sono sufficienti per portare a casa grandi soddisfazioni ed esperienze intense possibilmente facendo parte di una squadra.Andando in macchina a Rieti per i campionati regionali di cross, Giuseppe D (continua)

Con l’impegno arrivano anche i risultati

Con l’impegno arrivano anche i risultati
Lo sport non ha età se ci credi e ti impegni, con la consapevolezza che tutto passa e cambia e non si è più come una volta ma le risorse residue sono sufficienti per portare a casa grandi soddisfazioni ed esperienze intense possibilmente facendo parte di una squadra. Matteo SIMONEhttp://www.psicologiadellosport.net Lo sport non ha età se ci credi e ti impegni, con la consapevolezza che tutto passa e cambia e non si è più come una volta ma le risorse residue sono sufficienti per portare a casa grandi soddisfazioni ed esperienze intense possibilmente facendo parte di una squadra.Andando in macchina a Rieti per i campionati regionali di cross, Giuseppe D (continua)

Fare sport per sentirsi meglio e pieni di vita

Fare sport per sentirsi meglio e pieni di vita
Per tante persone, la risposta alla mia domanda: Cosa spinge le persone a fare sport, che è anche titolo di un mio libro edito da Aracne Editrice, è il senso di benessere che deriva dalla pratica dello sport da soli o in compagnia, uno “stare bene” che motiva le persone a fare sport. Matteo SIMONE21163@tiscali.it Per tante persone, la risposta alla mia domanda: Cosa spinge le persone a fare sport, che è anche titolo di un mio libro edito da Aracne Editrice, è il senso di benessere che deriva dalla pratica dello sport da soli o in compagnia, uno “stare bene” che motiva le persone a fare sport. http://www.aracneeditrice.it/index.php/pubblicazione.html?item=9788825528275 (continua)