Home > Ambiente e salute > "Suonare la voce", seminario di musica, doppiaggio e liberazione della voce al Vomero col Consiglio Europeo Sviluppo Umano

"Suonare la voce", seminario di musica, doppiaggio e liberazione della voce al Vomero col Consiglio Europeo Sviluppo Umano

scritto da: Renail87 | segnala un abuso


Il Consiglio Europeo Sviluppo Umano propone un innovativo percorso teorico ed esperienziale interamente dedito alla voce, sulle orme di un antico dialogo tra scienza e arte vocale.  L’obiettivo è quello di ri-consegnare la geografia della propria voce con lo scopo di potenziare il ruolo umano, professionale ed artistico dell’utente che intende partecipare all’evento. Esso, infatti, è indirizzato agli attori del sistema scolastico ed artistico, e a tutti coloro che intendono professionalmente sperimentare e indagare la voce in un’ottica unica e rivoluzionaria. Il laboratorio inizierà alle ore 9  del 7 Aprile presso il Centro di Formazione Agorà, sito a via Mascagni 92, 8128 (Vomero) e si concluderà alle 16 con una innovativa experience di doppiaggio. Per accedere al seminario indirizzare una email di iscrizione al consiglioeuropeosviluppoumano@gmail.com per ricevere le coordinate ufficiali  di pagamento, a mezzo bonifico,  versando una quota di 50 euro (10 iscrizione associativa annua consiglio europeo sviluppo umano + 40 seminario).

 

Il laboratorio si propone di sensibilizzare e informare l’utente sulle potenzialità, spesso celate e trascurate, della propria voce in termini anatomo-fisiologici ed emozionali. Infatti l’utente verrà guidato a ricercare, nonché scoprire, quel potere nascosto e insito nella voce di ognuno che carica di energia comunicativa le parole. Capita spesso che la voce venga valutata unicamente dalle connotazione fisiche ed anatomiche del corpo da cui erompe la laringe, trascurandone il sottostante aspetto emotivo che ne garantisce l’unicità, o al contrario venga considerata secondo un’ottica puramente emozionale e psicologica, persino metafisica, che non sempre aderisce alla realtà dei fatti e che può ostacolare l’impiego di trattamenti oggettivi e terapeutici. Del pari, talune difficoltà vocali non sempre ritrovano spiegazioni unicamente organiche o emotive, ma rispecchiano un dialogo intimo di ambedue le dimensioni che confermano la stretta dipendenza tra corpo ed emozioni. In quest’ottica, l’impiego della Logopedia e della Musicoterapia consente di rispondere alle molteplici esigenze, nonché problematiche, nate dalla sovrapposizione del piano emotivo su quello fisico dello strumento vocale, congiungendo in un unico percorso formativo due professioni apparentemente distinte. La percezione sensoriale della voce, il potenziamento fisico dei suoi parametri (intensità, frequenza, durata ecc.), l’uso della voce per il recupero di emozioni antiche o sedimentate nell’animo, finanche per risanare vissuti negativi che imbrigliano il corpo e ne riducono la libertà, saranno tra i tanti argomenti esperiti direttamente dai partecipanti nel laboratorio. In questo modo l’utente, oltre a munirsi di coordinate e strategie per tutelare e sviluppare efficacemente la propria voce, impara a suonare con le emozioni i contenuti del proprio pensiero affinché ogni atto comunicativo, libero da resistenze emotive recondite, acquisisca un’interpretazione appropriata e autentica. I partecipanti vivranno la creazione di dinamiche positive relazionali con sé stessi e con gli altri liberandosi di rigidità individuali e favorendo così lo spirito di aggregazione all’interno del gruppo, risvegliando ritmi e sonorità primordiali che appartengono al patrimonio umano e alla storia individuale. Inoltre, le dirette esperienze di canto e di doppiaggio favoriranno un’applicazione immediata delle tematiche discusse e consolideranno la consapevolezza della propria voce nonché un primo contatto con il mondo artistico interiore.

 

Sebbene si parli di laboratorio in realtà questo progetto si traduce in un viaggio nel mondo della voce. Infatti i suoi contenuti si sviluppano attraverso un percorso costituito da varie tappe in ognuna delle quali verrà approfondito uno degli aspetti sottostanti la voce, viaggiando tra la dimensione tecnica, fisica ed emozionale.  Al vissuto motorio appartengono più momenti dedicati alla respirazione e all'allenamento e riscaldamento della voce, svolti attraverso una serie di esercizi atti a trasmettere le modalità con cui raggiungere gradualmente l'utilizzo personale e corretto dell’organo vocale. I suddetti esercizi essendo particolarmente dinamici, sviluppandosi anche per mezzo di oggetti che ne favoriscono la funzionalità e prevedendo un'interazione tra tutti i partecipanti, aumentano il livello di aggregazione rilassata e giocosa all' interno del gruppo. Tra le tappe del viaggio ci si sofferma in un luogo particolarmente colorato e dinamico che ospita lo Strumentario Orff; l’utilizzo di tale tipologia di strumenti è collegato alla ritmica naturale che caratterizza il nostro essere e che vede protagonisti il battito del cuore e la respirazione. Esplorare, sentire, suonare faciliteranno ancor di più il mettersi in gioco con la voce, in quanto lo strumento, in particolare se appartenente al complesso Orff, costituisce da sempre una prima e più comoda possibilità di esprimersi liberamente assolvendo la funzione di mediatore di comunicazione. Cantare in coro, ulteriore momento del percorso, favorisce e stimola dinamiche relazionali positive con sé stessi e gli altri, innescando un processo di ritorno alle origini che pone i partecipanti nella condizione di benessere naturale, originario. Infine l'esperienza di doppiaggio costituisce il momento importante di consolidamento degli apprendimenti proposti e sviluppatisi durante il viaggio.

 

Il viaggio descritto è rivolto a chiunque voglia sperimentare e sperimentarsi attraverso le svariate dinamiche tecniche funzionali ed emotive della voce, andando a comprendere e migliorare le modalità con cui preservare la risorsa vocale dal punto di vista fisiologico, emotivo e anche artistico, in un clima accogliente, comodo, rilassato, giocoso che favorisce la condivisione e lo spirito di aggregazione. Di conseguenza prevede la partecipazione di utenti di tutte le fasce d'età e esercitanti svariate professioni (insegnante, educatore, attore, cantante ecc.).

napoli | città | vomero | agorà | voce | suono | suonare | musica | doppiaggio | laboratorio | workshop | seminario |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Scuola di doppiaggio con professionisti dello spettacolo: i corsi


Evento Visual Arts - Milano 26 giugno 2019


Doppiaggio audio o sottotitoli?


L'UOVO DI PASQUA DI GONUTS


Il doppiaggio audio


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Nove torte targate pasticceria Seccia per la festa della mamma nel segno di cinema e serie tv

Nove torte targate pasticceria Seccia per la festa della mamma nel segno di cinema e serie tv
Cesira, Filumena, Adelina, Manuela, Olimpia, Cersei, Elizabeth e Dany (Daenerys): la festa della mamma più dolce e cinefila va in scena ai Quartieri Spagnoli di Napoli Anche quest'anno la pasticceria Seccia ai Quartieri Spagnoli, storico locale di via Concordia a Montecalvario a Napoli, ha realizzato per la festa della mamma, domenica 9 maggio, una linea di nove torte dai nomi insoliti, ispirati alle madri famose delle serie tv, del cinema e persino a quelle della classicità.Sono nati così in laboratorio la millefoglie e il pan di Spagna "Olimpia", le Chant (continua)

Il primo dolce ufficiale in memoria di Maradona a Napoli con Pasticceria Seccia

Il primo dolce ufficiale in memoria di Maradona a Napoli con Pasticceria Seccia
La Pasticceria Seccia, fiore all'occhiello dei Quartieri Spagnoli e da sempre legata al tifo e all'amore per il pibe de oro, lancia nell'ultima domenica di novembre una mignon dedicata alla memoria del compianto Diego Armando Maradona: un bignè craquelin panna e caramello da condividere sui social con l'hashtag #elpibe. La notizia della scomparsa di Diego Armando Maradona ha lasciato tutti sgomenti a Napoli, seconda casa del Pibe de Oro, e le manifestazioni d'affetto che stiamo vedendo in questi giorni ne sono la prova tangibile. Se allo Stadio San Paolo, che presto cambierà nome in suo onore a quanto pare, l’abbraccio di tifosi e appassionati è stato forse il più pittoresco e degno di una rockstar, con le candel (continua)

Un quasi amore in quarantena nel primo libro di Davide Gambardella, giornalista napoletano

Un quasi amore in quarantena nel primo libro di Davide Gambardella, giornalista napoletano
È già in libreria il racconto “Storia di un (quasi) amore in quarantena”, primo libro del giornalista napoletano Davide Gambardella, edito da Graus e scritto in piena quarantena, quasi un instant book si potrebbe dire. In molti hanno parlato di amori e storie in quarantena, persino di tradimenti, eppure la narrazione di Gambardella è abbastanza insolita e si distingue bene dalle altre pub (continua)

ARTISTI DEL GUSTO, NASCE IN CAMPANIA LA SQUADRA DEL FOOD

ARTISTI DEL GUSTO, NASCE IN CAMPANIA LA SQUADRA DEL FOOD
Un progetto ambizioso nasce al Sud, in Campania, e si presenta, con autorevolezza, come un’iniziativa di cui molto probabilmente se ne avvertiva l’esigenza già da mesi, prima del difficile periodo collegato al lockdown. Nasce infatti Gruppo Artisti del Gusto, grazie ad un accentuato spirito di gruppo, ad una coesione tanto visionaria quanto forte tra una quindicina di professionisti, di varia (continua)

Arte e dolci nel ricordo di Luciano De Crescenzo ai Quartieri Spagnoli di Napoli

Arte e dolci nel ricordo di Luciano De Crescenzo ai Quartieri Spagnoli di Napoli
A un anno dalla scomparsa di Luciano De Crescenzo i Quartieri Spagnoli di Napoli celebrano l’indimenticabile scrittore napoletano con un’iniziativa artistica a vico Tre Regine (angolo via De Deo): l’inaugurazione sabato 18 luglio alle 11.30 di un mural dal titolo “O pallone miez ‘e macchine”, opera di Michele Quercia e Francesca Avolio. Alla manifestazione, promossa dall’Associazione Quartier (continua)