Home > Altro > MilleVoci romane, grande successo al teatro Europa di Aprilia con tanto pubblico.

MilleVoci romane, grande successo al teatro Europa di Aprilia con tanto pubblico.

scritto da: Millevoci | segnala un abuso

MilleVoci romane, grande successo al teatro Europa di Aprilia con tanto pubblico.


Si è registrato sabato sera, al teatro Europa di Aprilia, la prima edizione del nuovo fornat tv “MilleVoci romane”, di Gianni Turco, condotta egregiamente dalla poliedrica Daphne Barillaro (cantante e attrice) e Riccardo Antonelli, cantante all’italiana, erede canoro di Claudio Villa.

Dodici artisti dodici per 24 canzoni 24 tutte indimenticabili, scelte tra le più belle composizioni dei 7 colli. Il sipario è stato aperto dalla coppia di confuttori con  “Roma nun fa la stupida stasera” di Garinei-Givannini e Trovajoli. Riuscitissima interpretazione che ha dato il via ai due appuntamenti televisivi (due tempi teatrali) che saranno in onda su Canale Italia e tante emittenti tv regionali italiane. Li vedrannol anche in Europa sui canali 879 e 825 della piattaforma Sky, oltreoceano e web.

Dopo il piacevole avvio musicale di Daphne e Riccado,  la coppia di conduttori, lo spettacolo è proseguito con brani che il numeroso pubblico ha mostrato di gradire  anticchiato con gli interpreti, tutti bravissimi e noti, per lo più icone della canzone romana.

Belle le due suggestive scenografie che per la loro grandezza (occupavano la scena completamnte) davano al pubblico l’impressione di vedere un angolo reale di Roma. La prima raffigurava Piazza di Spagna e la seconda il colosseo e l’arco di Costantino. L'immagine era molto ben definite. 

Sono stati eseguiti molti brani, vale la pena elencarli:

Daphne Barillaro e Riccardo Antonelli, in coppia per l'occasione, hanno cantato: “Roma nun fa' la stupida stasera”, Tu padre cò tu madre”, “Vojo er canto de nà canzone”; 

Grazia Guerra: si è esibita in "Na gita a li castelli" e "Fiori trasteverini", con il suo immancabile duo di ballerini;

Daphne Barillaro: ha interpretato due brani inediti dall'aria antica: “La stella più bella” e “Semo tutti romani”;

Little Tony Family:hanno eseguito  “Porta Portese” e “Roma spogliata”;

Lorenza Bettarelli ha cantato "Se no me moro" e "Sora Menica"

Bruno Filippin ha eseguiito “Roma sempre de più” ed una sua composizione: “Sotto er cielo de Roma”;

Gianni Davoli ha ragalato due suoi successi dei quali è autore: “E mmò” e Ah li Galli, con il balletto di bambini della scuola scuola “Serena Gavazzi" di Vetralla, coordinati da Sandro Pacetti;

Riccardo Antonelli ha cantato “Barcarolo romano”, “Com’è bello far l’amore quanno è sera”; “Roma forestiera” e la divertente “La società dei magnaccioni”;

Claudia Tortorici con la chitarra di Nicola Di Già ha eseguito: “Le mantellate” e “Pé lungoTevere”.

I Milk and coffee hanno cantato “Roma capoccia” ed il mix “Roma nun fa la stupida stasera e “Arrivederci roma”. Come per “MilleVoci napoletane” Morena Rosini, leader dei Milk le ha preparate appositamente per questo evento.

Gianni Turco, regista e produttore della kermesse, pur non essendo cantante, ha voluto fare omaggio a due grandi artisti di estrazione romana, Nino Manfredi ed Alberto Sordi, che ha avuto il piacere di conoscere, con due loro cavalli di battaglia: “Tanto pé cantà” ed “E va e va”;

Interessante e commovente è stato l’intervento di Luciano Rossi, tornato in tv in questa occasione dopo tanto tempo. Rossi è autore di tante canzoni di successo. Ricordiamo le due che ha cantato a MilleVoci romane: “Ammazzate oh” e “Che bello sta cò te”. "Quest’ulrima" - ha spiegato - "non l’ho mai incisa ma sempre cantata dal vivo. L’aveva incisa invece Nino Manfredi".

E’ tornata quindi in tv la canzone romana, avvenimento che Gianni Turco spera di ripetere l’anno prossimo. Gli artisti desiderosi di parteciparvi possono scrivere a millevociromane@millevoci.eu

Dopo l’estate, durante la quale saranno in onda le puntate della 14.ma edizione di “MilleVoci”, appena registrata con l’intervento di tanti artisti noti e meno noti ma tutti bravi, l’appuntamento sarà con “ MilleVoci napoletane”, “Speciale n. 2 di Daphne Barillaro” che presenterà bani tratti dal suo CD e “MilleVoci sotto l’albero per un sorriso” condotto da Molrena Rosini con i Milk and coffee.


Fonte notizia: http://www.millevoci.it


canzoni romane | roma | lando fiorini | millevoci romane | colosseo | vaticano | popolo | europa | teatro | aprilia |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

MilleVoci, in preparazione la nuova edizione 2017.


Ci siamo! MilleVoci al nastro di partenza.


Associazione Farmacisti online: Aprilia screening gratuiti Giornata Mondiale del Cuore


MilleVoci romane.


MilleVoci, presto in onda.


MilleVoci 2019, prossimo alle registrazioni.


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

MilleVoci, un format al quale siamo affezionati.

MilleVoci, un format al quale siamo affezionati.
Niente compensi né gettoni di presenza ma uno show televisivo con tutti i crismi, diffuso gratuitamente alle emittenti che lo vogliono. È ‘MilleVoci’, cui la nostra rivista da sempre dà volentieri una mano. “MilleVoci” è uno spettacolo musicale in onda su molte Tv italiane, regionali, nazionali, su Sky per l'Europa. E' senza fini di lucro, diretto ad un pubblico d'ogni età, distribuito gratuitamente alle emittenti televisive che ne fanno richiesta ma adatto anche alla diffusione radiofonica. È anche inserito su portali musicali in internet. 'MilleVoci”, realizzato ogni anno in primavera (fatta ec (continua)

Giovanna Nocetti: "Chi non è stato almeno una volta a MilleVoci... è nessuno!"

Giovanna Nocetti:
Studia canto e chitarra con la professoressa Ida Neukusler, ed inizia a partecipare a numerosi concorsi canori per dilettanti. Si trasferisce a Milano e studia armonia jazz con il maestro Sante Palumbo, che riesce a procurarle un contratto con la Meazzi, etichetta con cui debutta nel 1967. Nel 1969 partecipò al gioco televisivo Settevoci con il brano Il muro cadrà facendosi conoscere a livello nazionale.Nel 1970 passò alla Ariston Records e partecipò al Cantagiro (quello vero di un volta) con Canne al vento, scritta da Mino Reitano; nello stesso anno partecipò alla Mostra internazionale di musica leggera  (continua)

MilleVoci senza Dino? Impossibile!

MilleVoci senza Dino? Impossibile!
Dino, all'anagrafe è Eugenio Zambelli, dotato di una buona intonazione, partecipava ai primi concorsi quando era ancora bambino. Si trovava spesso a gareggiare con una sua coetanea, Gigliola Cinquetti. La incontrò nel 1959 ad uno spettacolo di operetta per ragazzi. Due anni dopo, il primo Pinocchietto d'oro con il celebre successo di Mina Le mille bolle blu. Proprio durante una di queste esibizioni nel dicembre 1961 viene notato da Ennio Ottofaro, che gli propone di entrare come voce solista nel gruppo musicale de "Kings". Dotato di una buona intonazione, ancor bambino partecipò ai primi concorsi e spesso si ritrova a gareggiare con una certa  Gigliola Cinquetti, che incontrò per la prima volta nel 1959 durante uno spettacolo di operetta per ragazzi che, due anni dopo, superò arrivando primo al Pinocchietto d'oro col celebre successo di Mina Le mille bolle blu.Proprio durante una d (continua)

Michele Maisano: MilleVoci da non trascurare.

Michele Maisano: MilleVoci da non trascurare.
Si trasferisce ancora bambino da Vigevano, sua città Natale, a Genova, città dove frequenta l'Istituto Nautico; a soli 14 anni incide il primo 45 giri con due brani, Sono dannato e Flirt, due pezzi Rock 'n' roll che esegue con l'accompagnamento dell'Orchestra Zanti e con la denominazione Gianfranco Maisano. Durante il periodo scolastico si esibiva dal vivo con un suo gruppo nei locali della sua città, e venne notato dal maestro Gian Piero Reverberi che gli fece incidere una sua canzone, Ma se tu vorrai, per la Assolo, una sottoetichetta della Karim. Il disco suscitò l'attenzione della RCA Italiana, che decise di contrattarlo.Nel 1963 partecipò, con Se mi v (continua)

I "Romans" non potevano mancare a MilleVoci.

I
Il gruppo dei "Romans" vide la sua fondazione nel 1959 per iniziativa di Renato Lodispoto che, lasciato il gruppo "The Happy Friends" per formarne uno più moderno, contattò lo studente di ragioneria Ignazio Polizzi (poi Polizzy) Carbonelli che si presentava come pianista e cantante. Insieme contattarono un collega di Polizzy, Alberto Cori, sassofonista. A loro volta i tre contattarono uno studente dell'Accademia nazionale di Santa Cecilia, Diego Petrera, batterista, ed assieme diedero vita ai primi concerti nella loro città col nome de "I Romans". Mancava un chitarrista e proprio durante un'esibizione al dancing Olimpo, al quartiere Tuscolano, furono contattati da un "pischello", un certo Claudio Natili, allora studente di liceo classico. L'accordo fu raggiunto ed il sodalizio iniziò con esibizioni in tour, con un repertorio di  canzoni scritte dal duo Polizzy-Natili.Nel 1957 si classificarono al terzo posto nella quarta (continua)