Home > Internet > LA SOLUZIONE YOW PER LA DIGITAL TRANSFORMATION DELLE AZIENDE

LA SOLUZIONE YOW PER LA DIGITAL TRANSFORMATION DELLE AZIENDE

articolo pubblicato da: Take | segnala un abuso

LA SOLUZIONE YOW PER LA DIGITAL TRANSFORMATION DELLE AZIENDE

Una nuova soluzione Web per consentire a tutte le Pmi italiane di cavalcare l’onda del digitale in modo semplice e immediato, cogliendone a pieno le potenzialità. Messa a punto da Radar, Digital Enabler Company con sede a Milano, Yow permette di verificare (prima) e ottimizzare (poi) il posizionamento online.

 Quello della digital transformation si presenta per le Pmi come un passaggio fondamentale per porsi in maniera competitiva sui mercati e, nell’era della Web Communication, per riuscire a interagire in Rete in modo sempre più efficace. La mission di Radar è proprio quella di stimolare i processi di crescita di aziende di piccole e medie dimensioni captando, decodificando e gestendo con concretezza ed efficienza le esigenze differenziate della loro evoluzione digitale. Ma le statistiche parlano chiaro: in Italia molte (troppe) realtà imprenditoriali, soprattutto quelle di piccole e medie dimensioni, sono ancora frenate da una sorta di timore riverenziale verso il nuovo e da una consequenziale reticenza ad abbandonare meccanismi e modelli consolidati.

Il presente del business vive su Internet e per qualsiasi impresa le logiche del Web sono ormai fattori imprescindibili. In termini di visibilità, interazione con i clienti, opportunità di e-commerce e networking, essere online è condizione necessaria per approcciare i mercati. La vera chiave di successo, però, è riuscire a distinguersi nel mare della Rete.

Il Web è vivo e si muove di continuo secondo ritmi e bioritmi precisi che un’azienda, per stare al passo, deve saper seguire. A volte basta poco, basta seguire la terapia giusta.

Yow (che non a caso è acronimo di You On Web) nasce proprio con questo obiettivo: fornisce una ‘radiografia’ sulla digital position delle Pmi (qualità del sito, presenza sui social network, visibilità sui motori di ricerca, coerenza della brand awarness) misurandone l’efficacia in modo semplice e tempestivo. Entro 24 ore, tutte le web-performance vengono schematizzate e valutate con un voto che permette un paragone immediato fra il posizionamento/rendimento attuale e quello reputato ottimale. Un vero e proprio ‘Radar check-up’ che offre una ricetta in pillole per riuscire a comunicare online in maniera corretta e davvero proficua.

A differenza di altre soluzioni, Yow non è basata solo su algoritmi matematici, ma lascia spazio anche alla componente umana, in un mix di tecnologia e professionalità. Spetta infatti a una persona fisica (uno specialista digitale Radar appositamente formato) interpretare i dati rilevati. Il tutto, per un periodo di tempo limitato, a costo zero. In questa fase di lancio, infatti, la soluzione viene proposta gratuitamente.

Non è tanto una questione di investimenti, quanto piuttosto di mentalità. Accessibile a tutte le realtà imprenditoriali, la Digital Transformation implica un nuovo modo di pensare alle dinamiche di impresa. È un percorso che prevede adeguamenti tecnologici, ma soprattutto presuppone una predisposizione al cambiamento organizzativo, culturale, creativo e manageriale. Siti internet ottimizzati, comunicazione social su misura, infrastrutture veloci e sicure, così come tutti gli altri tasselli della Digital Intelligence implementati da un’azienda, sono la diretta conseguenza di un’evoluzione della mentalità di chi quell’azienda la vive e la guida.

Il dualismo è ancora lampante. Secondo i dati dell'Osservatorio delle competenze digitali, realizzato da NetConsulting cube in sinergia con alcune associazioni di settore, ben il 47% delle aziende italiane vede nel fattore digitale la principale leva di competitività sul mercato.

Ma la strada deve essere ancora spianata. A frenare la trasformazione sono soprattutto la mancanza di cultura digitale (44,6%), la carenza di competenze in ambito business (37,5%) e nell’area Ict (28,6%). E ben il 56,4% delle aziende ha dichiarato di percepire l’esistenza di un gap da colmare. In questo processo, Radar si propone come facilitatore in grado di affiancare le Pmi offrendo loro soluzioni concrete ai problemi quotidiani.

“La Digital Transformation non è più una alternativa, è ormai una tendenza imprescindibile. Radar nasce con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo culturale del digitale nell’intero sistema delle Pmi del Paese.” - sottolinea Marco Di Marco, Amministratore Delegato di Radar – “Offriamo consulenza, servizi e strumenti calibrati sulle singole esigenze dei nostri interlocutori ‘accompagnandoli’ a migliorare le prestazioni con un utilizzo semplice delle nuove tecnologie. E Yow ne è un esempio lampante.”

 Dalla diagnosi alla cura: 5 passi (semplici e veloci) per il Digital Positioning

Semplice e intuitiva da utilizzare, tempestiva e chiara nelle risposte, YOW accompagna passo dopo passo le Pmi lungo il cammino della Digital Transformation e permette di comprendere dove è necessario intervenire per migliorare l’efficacia dei processi di comunicazione in Rete a supporto delle attività quotidiane.

Le analisi predisposte dai digital specialist Radar sono di immediata lettura ed esprimono con chiarezza il livello di usabilità del sito aziendale e l’efficacia delle strategie social. Viene infatti assegnato un voto che permette di valutare in maniera lampante e inconfutabile una serie di Web indicatori:

·                Web Quality – per verificare se il sito riflette in maniera esaustiva le skill dell’azienda, se viene visualizzato correttamente sui dispositivi mobili, se è costantemente aggiornato e se attira realmente l’attenzione dei visitatori;

·                Social Presence - per comprendere se l’azienda è presente sui social network più adatti e se i messaggi utilizzati sono davvero i più congeniali per rafforzare i rapporti con il pubblico di riferimento e coinvolgere nuovi potenziali clienti;

·                Web Presence – per scoprire se il sito ha realmente tutti i requisiti necessari per essere trovato velocemente da chi naviga in Rete (indicizzazione per parole chiave e ottimizzazione SEO);

·                Digital Brand Awareness - per ‘fotografare’ la brand reputation dell’azienda e scoprire come e quanto l’azienda è realmente conosciuta e apprezzata sul web;

·                Google Visibility - per incrementare e qualificare la visibilità del proprio sito posizionandolo ai primi posti sui motori di ricerca.

YOW | Radar | Digital transformation |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

HP Unveils New Services to Accelerate Technology and Operations Transformation


Verizon identifica i principali trend tecnologici del 2017 per il mondo enterprise


Comunicazione, Coinvolgimento, Conoscenza: le tre “C” della Digital Transformation


Interoute presenta la soluzione Managed Container Platform a Cloud Expo Europe


Digital Think Tank: da AUSED un Report su quattro macro aree di indagine


Migliorare la customer experience è l’obiettivo principale della trasformazione digitale per metà delle aziende del manifatturiero


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

INL: otto aziende su dieci violano le norme sulla salute e sicurezza sul lavoro. Se ne parlerà a Safety Expo 2019

INL: otto aziende su dieci violano le norme sulla salute e sicurezza sul lavoro. Se ne parlerà a Safety Expo 2019
Crescono le violazioni in materia di salute e sicurezza sul lavoro: secondo il rapporto sull’attività di vigilanza realizzato dall’INL, l’Ispettorato Nazionale del Lavoro, nel 2018 sono risultate irregolari 16.394 aziende su 20.492 pari all’82%, contro il 77% dell’anno scorso. Anche questo tema sarà trattato a Safety Expo 2019, l’evento sulla p (continua)

Amianto, un reading a Safety Expo 2019

Amianto, un reading a Safety Expo 2019
  L’amianto sarà uno dei temi trattati a Safety Expo 2019, l’evento sulla prevenzione incendi, la salute e sicurezza sul lavoro, in programma dal 18 al 19 settembre a Bergamo Fiera.  Un tema sempre attuale, come dimostra la volontà del ministro dell’Ambiente Sergio Costa di creare una Commissione di lavoro, presieduta da Raffaele Guariniello, incaricata (continua)

In Italia chiese senza controlli per prevenire gli incendi. Se ne parlerà a Safety Expo.

In Italia chiese senza controlli per prevenire gli incendi. Se ne parlerà a Safety Expo.
“In Italia le chiese non sono attività soggette ai normali controlli per la prevenzione degli incendi che riguardano invece gli edifici civili, non per questo chi ne è responsabile può omettere di realizzare un'adeguata opera di prevenzione. Allo stato attuale le tecniche moderne e gli strumenti tecnologici ci consentono di raggiungere questi risultati". Lo ha dichi (continua)

Safety Expo 2019, al via la registrazione online

Safety Expo 2019, al via la registrazione online
 All’indirizzo www.safetyexpo.it è attiva la registrazione online gratuita per l’edizione 2019 di Safety Expo, l’evento sulla prevenzione incendi, la salute e sicurezza sul lavoro, in programma dal 18 al 19 settembre a Bergamo Fiera. Anche quest’anno la rassegna registra un incremento di espositori, che passano da 200 a 250, con la partecipazione delle principa (continua)

Safety Expo 2019 a Bergamo Fiere dal 18 al 19 settembre

Safety Expo 2019 a Bergamo Fiere dal 18 al 19 settembre
 L’edizione 2019 di Safety Expo, l’evento sulla prevenzione incendi, la salute e sicurezza sul lavoro, si svolgerà dal 18 al 19 settembre a Bergamo Fiere. La rassegna, che lo scorso anno ha registrato la presenza di 6.000 visitatori, con una crescita del 30% rispetto al 2017, si preannuncia ricca di novità. Nell’ambito della prevenzione incendi sarà un& (continua)