Home > Altro > Smart Home: un mercato da oltre 70 miliardi di euro

Smart Home: un mercato da oltre 70 miliardi di euro

articolo pubblicato da: SABMCS | segnala un abuso

Smart Home: un mercato da oltre 70 miliardi di euro

Gli utenti cercano sistemi aperti e soluzioni interoperabili

 
Il mercato globale della “casa intelligente” cresce rapidamente. Nel 2017 il volume d’affari generato con queste soluzioni a livello globale si è attestato sui 71 miliardi di euro, con un incremento del 16% rispetto al 2016. Secondo lo studio “Previsioni del mercato globale della Smart Home 2018”, la spesa complessiva dei consumatori per l’acquisto di dispositivi smart, sistemi domotici e servizi su scala globale raggiungerà i 130 miliardi di euro entro il 2023. I sistemi aperti, che non vincolano i fruitori ad un singolo produttore, risultano particolarmente richiesti.
 
 
Secondo un rapporto pubblicato da Strategy Analytics, le nuove offerte dei colossi della tecnologia tra cui Amazon, Google e Samsung influiscono positivamente sull’acquisizione di soluzioni per la casa intelligente in Nord America. Una tendenza che si riscontra anche nell’Europa centrale dove gli altoparlanti intelligenti di Amazon e Google stanno prendendo sempre più piede. In Europa, Centrica con Hive (Gran Bretagna), Eneco con Toon (Paesi Bassi) e eQ-3 e la Deutsche Telekom con la sua offerta “Magenta Home” stanno fortemente stimolando la domanda del mercato. Nella regione Asia-Pacifico il produttore cinese Xiaomi, il fornitore di servizi coreano LG U +, le società giapponesi Panasonic e iTSCOM sono le forze trainanti del mercato della domotica, eguagliate in Australia da Origin e Telstra.
 
Il settore è in piena evoluzione", afferma Bill Ablondi di Strategy Analytics. "La consapevolezza dei consumatori cresce, i prezzi calano e la tecnologia diventa man mano più intuitiva. Tuttavia, c'è ancora troppa frammentazione, una situazione che da un lato spinge le aziende a contendersi i fruitori di soluzioni per l’automazione domestica e dall’altro non consente di prevedere chi tra i produttori riuscirà ad affermarsi e a crescere stabilmente su questo mercato”, afferma l'esperto.
 
Occorrono soluzioni aperte
Mentre l'attuale generazione di reti dati presenti nelle abitazioni è stata progettata per offrire connettività internet a dispositivi di elaborazione, comunicazione e intrattenimento, una rete realmente "intelligente" dovrà essere capace di ospitare anche dispositivi per la sicurezza, il risparmio e il comfort domestico gestibili centralmente e monitorabili via internet da una unica console. Una consapevolezza che spinge sempre più utenti a cercare soluzioni interoperabili che non li vincolino ad un unico fornitore e non li obblighino a districarsi in una babele di app. A fronte di questa tendenza cresce, soprattutto in Europa, il numero di dispositivi basati sullo standard wireless ultra-low-energy (ULE). In Germania Deutsche Telekom e AVM, leader del mercato dei dispositivi per la banda larga, supportano già il nuovo protocollo HAN FUN dello standard ULE (ndr. a livello internazionale gli utenti dei prodotti AVM potranno fruire di questa integrazione con la versione 7.0 del FRITZ!OS), grazie a cui gli utenti possono facilmente combinare i propri dispositivi domotici basati sullo standard ULE con soluzioni di altri produttori. Anche i prodotti di Panasonic, già certificati dalla ULE Alliance ad esempio supportano il protocollo HAN FUN.

ULE Alliance | domotica | smart home | automazione domestica | HAN FUN | Strategy Analytics |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Inside Factory presenta lo Smart Working Day 2017


Francesco Pavolucci presenta la nuova campagna pubblicitaria Qualified Home Delivery


Smart Working: formare i lavoratori per tutelarne salute e sicurezza


ROICA™, leader verso innovazioni Premium Stretch ancora più smart


Mps, la Bce alza il prezzo per il salvataggio della banca: a ogni italiano costerà 105 euro


Mini PC che trasformano completamente la tua esperienza nel mondo della tecnologia


 

Stesso autore

Per Stormshield un 2018 in forte accelerazione

Per Stormshield un 2018 in forte accelerazione
 Stormshield, attore europeo di riferimento nel mondo della cybersecurity e azienda di proprietà del gruppo Airbus condivide i risultati del 2018, che ha visto l’azienda incrementare i propri fatturati di oltre il 20% grazie al netto aumento delle proprie vendite in Francia come in Europa. Il produttore pure-play di software per la sicurezza informatica ha altresì consolid (continua)

Streaming illegale: il gioco vale la candela?

Streaming illegale: il gioco vale la candela?
 Lo streaming audiovisivo tramite siti illegali si sta diffondendo a rotta di collo in tutta Europa e l’Italia non fa eccezione. Al di là del mero aspetto legale, fruire di contenuti accessibili tramite pirateria audiovisiva é particolarmente rischioso per i singoli e per le aziende.   La trasmissione dell’ultima stagione della serie TV cult Game of Thrones &e (continua)

Tre indizi per capire quando è ora di sostituire il tuo telefono IP

Tre indizi per capire quando è ora di sostituire il tuo telefono IP
 Alcuni indicatori segnalano quando sarebbe opportuno valutare uno svecchiamento del parco installato.    Poter affermare che terminali IP prodotti 12 anni fa, come i telefoni Snom 300, sono ancora in uso presso decine di migliaia di aziende è un vero record nell’industria della telefonia IP. Il noto pioniere berlinese del VoIP punta da sempre sulla qualità dei (continua)

Snom potenzia il team di canale: Nuove assunzioni nell’area germanofona, in Spagna e Benelux

Snom potenzia il team di canale: Nuove assunzioni nell’area germanofona, in Spagna e Benelux
 Snom , pioniere tedesco del VoIP e noto produttore di telefoni IP per le aziende, rafforza il proprio team commerciale con l'assunzione di due nuovi fornitori di canale in Spagna e nell'area germanofona.    Insieme al nuovo Channel Director per il Benelux, Stefan Fuchs, le nuove assunzioni funzionano dal venditore tra marzo e aprile.   Una posizione creata ad hoc per il Be (continua)

Éric Chapelle nuovo Chief Financial Officer di Stormshield

Éric Chapelle nuovo Chief Financial Officer di Stormshield
 Stormshield, produttore europeo di rilievo nel mercato della cybersecurity e azienda di proprietà del Gruppo Airbus potenzia il proprio esecutivo ivo annunciando la promozione di Eric Chapelle a CFO.   Ciò è che, per quanto riguarda la gestione e la gestione, è necessario che tutti i membri della direzione una visione Più in generale il nuovo CFO sup (continua)