Home > Cultura > Lo stato del Colorado, dove la cannabis è legale, batte nuovamente il record per morti causati da overdose di oppioidi, anfetamine, cocaina e farmaci

Lo stato del Colorado, dove la cannabis è legale, batte nuovamente il record per morti causati da overdose di oppioidi, anfetamine, cocaina e farmaci

articolo pubblicato da: gtrambusti | segnala un abuso

Lo stato del Colorado, dove la cannabis è legale, batte nuovamente il record per morti causati da overdose di oppioidi, anfetamine, cocaina e farmaci

"Lo scorso anno sono morti più cittadini del Colorado per overdose di droga rispetto a qualsiasi anno precedente nella storia dello stato." Questo è solo uno dei tanti titoli di giornale pubblicati recentemente nell'Area metropolitana di Denver.

Nel 2017, i morti per overdose sono stati 959, più del doppio dei 404 deceduti nel 2001. Limitandosi ai soli oppiodi, dal 2013 (l’anno precedente alla liberalizzazione della marijuana) al 2017 i morti sono aumentati del 20% passando da 402 a 504 (fonte: Colorado Health Insitute, “Death by Drugs”, 02/04/2018).

I morti per overdose sono ormai molto superiori alle fatalità causate da incidenti stradali: nel 2016 sono morte in strada 627 persone, per overdose 912.

La sezione locale dell’associazione “Un mondo libero dalla droga” è determinata a invertire questa tendenza lavorando con i ragazzi prima che diventino parte del problema.

Per arrivare ai ragazzi con il programma informativo “La verità sulla droga”, l’associazione ha preso contatto con una scuola di Thornton, in Colorado. I volontari hanno allestito uno stand e hanno distribuito gli opuscoli informativi sulla droga e sui farmaci più comuni come antidolorifici e psicofarmaci.

Una madre che si è fermata allo stand ha raccontato di suo fratello che non ha fatto altro che entrare e uscire di prigione da quando aveva 18 anni, ora ne ha 35, rilasciato per l’ultima volta otto mesi fa. Poco dopo il rilascio, suo figlio le disse che lo zio aveva buste vuote e fogli di alluminio bruciato, la donna capì subito che suo fratello stava abusando di droghe ancora una volta. Era felice di avere gli opuscoli del programma “La verità sulla droga”, così da poter aiutare suo figlio a capire la dipendenza dello zio e a prendere decisioni migliori per la sua vita futura.

Uno studente della scuola media ha detto ai volontari: "Ora tocca a me fare qualcosa di utile". Non voleva diventare vittima della droga o far soffrire la propria famiglia facendo scelte sbagliate. Dopo aver parlato con i volontari, sta ora valutando la possibilità di creare un programma di sensibilizzazione basato sulla campagna di “Un mondo libero dalla droga” nella sua scuola per aiutare a diffondere l’idea di una vita senza l’uso di droga.

La Fondazione fornisce agli educatori del Colorado materiale informativo per dare ai giovani i dati necessari a decidere su questo importante argomento. A nessuno piace essere sentirsi dire ciò che può o non può fare, e questo è particolarmente vero per gli adolescenti. Quindi la Fondazione fornisce i fatti che consentono ai giovani di scegliere di non assumere droghe in primo luogo.

“Un mondo libero dalla droga” è una società senza scopo di lucro di pubblica utilità che offre i semplici ma potenti opuscoli della campagna “la verità sulla droga” che descrivono come funzionano le droghe e i loro effetti mentali e fisici. Nella serie ci sono 14 opuscoli incentrati sulle droghe più frequentemente abusate, che espongono e sminuiscono i miti pro-droga, e illustrano gli effetti a breve e lungo termine dei farmaci.

“Un mondo libero dalla droga” è un programma sostenuto dalla Chiesa di Scientology, fondata da L. Ron Hubbard. È attiva a livello internazionale organizzando eventi e lezioni sui pericoli delle droghe nelle scuole elementari, medie e superiori. Il suo punto di vista è che sarà possibile risolvere il problema della droga solo quando ogni persona sarà informata correttamente e potrà decidere con la propria testa di evitare l’assunzione di sostanze stupefacenti.

“L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.” L. Ron Hubbard

Scientology | Droga | La Verità sulla Droga | Un Mondo Libero dalla Droga | Colorado | L Ron Hubbard |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

A Milano il primo morto italiano per overdose di eroina sintetica


Uno dei più pericolosi farmaci prescritti: il Fentanyl


Non tutta la marijuana fa male: prova la nuova cannabis legale


Denver, in Colorado, legalizza i funghi allucinogeni


Dalla legge allo sballo, nessun abbaglio, con canapa light!


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Fumano spinelli a scuola e si sentono male

Fumano spinelli a scuola e si sentono male
È notizia dello scorso novembre 2019 che a Valbelluna, in Veneto, delle studentesse 14enni, dopo aver fumato spinelli durante la ricreazione, abbiano accusato un malore. Una è addirittura finita in ospedale. L’unico commento possibile è che questo è cosa si otterrebbe, su larga scala, spingendo verso la liberalizzazione delle “droghe leggere”. Il prob (continua)

A Messina si spaccia davanti alle scuole: cosa si può fare a riguardo?

A Messina si spaccia davanti alle scuole: cosa si può fare a riguardo?
È di ieri, 10 dicembre 2019, la notizia che in provincia di Messina, a Patti, sono stati arrestati degli spacciatori che offrivano e vendevano droga ai ragazzi delle scuole, fuori da alcuni istituti. È piuttosto ovvio che, se gli spacciatori vanno davanti alle scuole, è perché sanno che qualche ragazzo abboccherà al loro amo, e diventerà un tossicodipende (continua)

È corretto informare in anticipo gli studenti di un blitz antidroga?

È corretto informare in anticipo gli studenti di un blitz antidroga?
Un preside, un professore, dovrebbe avere più a cuore la salute dei propri studenti, o il ”buon nome” dell’istituto? La risposta sembra ovvia… invece in quel di Reggio Emilia, in alcune scuole, pare che qualcuno abbia pensato bene di avvisare i ragazzi di un prossimo blitz con i cani anti-droga. Questi episodi sono stati riferiti da un consigliere comunale di Reggio (continua)

Legalizzazione o proibizione? Nessuna delle due strategie è una vera soluzione.

Legalizzazione o proibizione? Nessuna delle due strategie è una vera soluzione.
È del tutto chiaro che la proibizione della droga, di per sé, non risolve il problema. È anche piuttosto evidente, dopo il via libera alla marijuana in Colorado, che neppure la legalizzazione lo risolve (anzi, statistiche di incidenti e crimine alla mano, lo peggiora). Ecco che cosa pensava il giudice Paolo Borsellino, ucciso dalla mafia ovvero dai più potenti traffica (continua)

Sì può diventare spacciatori di droga a 18 anni? C’è speranza per i nostri giovani?

Sì può diventare spacciatori di droga a 18 anni? C’è speranza per i nostri giovani?
A Camerino, dicembre 2019, i carabinieri non hanno sgominato una banda di trafficanti internazionali riforniti dai “narcos” messicani o colombiani. Hanno arrestato un ragazzino diciottenne che acquistava tranquillamente le sue droghe su internet, regalandole o rivendendole ad amici e conoscenti. Anfetamine, marijuana, hashish, LSD, altre droghe sintetiche, ecc. Insomma, una situazione (continua)