Home > Cibo e Alimentazione > La consapevolezza della nutrizione per il benessere e la performance

La consapevolezza della nutrizione per il benessere e la performance

scritto da: Matteo Simone | segnala un abuso

La consapevolezza della nutrizione per il benessere e la performance


Matteo SIMONE http://www.psicologiadellosport.net E’ sempre più chiaro che per sperimentare benessere e per una elevata performance occorre sviluppare autoconsapevolezza, cioè la consapevolezza di come si sta, cosa si vuole, dove si vuole arrivare, con quali mezzi e modalità, da dove si parte, come far meglio. Aspetti che incidono sul benessere e la performance nello sport non sono solamente l’allenamento fisico e la nutrizione (energia) ma anche l’allenamento mentale volto a gestire sia gli allenamenti duri e faticosi e le gare che comportano ansia e stress ma anche allenamento mentale per invogliare le persone sia a stili di vita più adeguati, consoni, salutari sia all’importanza della nutrizione nello sport non solo per sperimentare benessere ma anche per raggiungere elevate performance, per prevenire eventuali problemi. Riporto alcune testimonianze di atleti rispetto al loro modo di affrontare allenamenti, pre gara, gara, post gara dal punto di vista nutrizionale. Per i maratoneti è importante una nutrizione consapevole per affrontare e gestire al meglio il finale della gara per prevenire il muro del 35° km, Di seguito la testimonianza del grande maratoneta Orlando Pizzolato, due volte vincitore della Maratona di New York (1984 e 1985): “Quando la praticavo da professionista, seguivo l'alimentazione iperglucidica. Ora, da amatore è varia e non correlata all'attività sportiva.” Interessante anche la testimonianza di Mimmo RICATTI: “L'alimentazione è per me un vero e proprio allenamento. Senza di essa non potrei affrontare le corse giornaliere. Il carburante che dà energia alla macchina corpo. Curo molto l'aspetto ma senza privarmi totalmente delle concessioni di gola.” Soprattutto in gare di endurance dalle maratone in poi come le ultramaratone, ironman, ultracyling, è sempre più importante considerare non solo l’allenamento fisico e la dotazione fisica di base ma anche la forza e resistenza mentale e gli ingredienti da mettere nei serbatoi muscolari che permettono di terminare allenamenti e gare nelle migliori condizioni possibili. Interessante a tal proposito l’esperienza di Vito Rubino che risponde alla domanda relativa a una delle sue imprese sportive Qual è la gara di nuoto più lunga che hai fatto finora? “Finora la gara di nuoto più lunga che ho fatto è stata di circa 9 ore per percorrere 27 km, quasi tutti controcorrente. Questo era parte di una quattro giorni in quattro laghi in Arizona e la cui distanza totale da percorrere era di 67 km. La gara si chiudeva con una 10 km notturna. Durante tutto il percorso i nuotatori sono individualmente scortati da un kayak che si occupa di provvedere alla navigazione e alla nutrizione. Non può però esserci però nessun tipo di contatto tra l’atleta e il kayak durante la gara, pena la squalifica. Nella sezione notturna la cosa più’ difficile è non perdere il senso dell’orientamento, l’unico riferimento luminoso è la luce del canoista.” Così come ci si rivolge ad un allenatore per avere un buon programma di allenamento o ad uno psicologo dello sport per gestire al meglio l’ansia del pre gara per esempio, così sarebbe importante rivolgersi ad un nutrizionista che ti sappia consigliare gli alimenti in base al proprio metabolismo ed allo sport praticato: Ecco la testimonianza di Daniele Gufo Runner: “Seguo un’alimentazione prescritta da un nutrizionista sportivo (dott. Francesco Fagnani), la sera prima una quantità maggiore di carboidrati con modico secondo e patate lesse, la mattina 3 ore prima panino con miele e parmigiano, durante se sono gare lunghe acqua e carbongel , dopo frutta e un dolce.” Anche l’avv. Pasquale Onofrillo per continuare ad essere un ultrarunner deve fare molta attenzione agli alimenti che assume, ecco cosa risponde alla domanda Quale alimentazione segui prima, durante e dopo una gara? “È sicuramente il mio tallone di Achille .....se riuscissi a contenere un po' di più le mie ‘scorribande’ alimentari avrei decisamente più soddisfazioni con il cronometro. Ultimamente seguo un po' i consigli alimentari di mia moglie (che sicuramente si alimenta molto meglio di me) ma è molto difficile rinunciare ai cibi buoni e saporiti delle mie parti. Almeno prima di una maratona, per avere sotto controllo il peso, evito di mangiare molti dolci (solo a colazione) ed evito i cibi fritti, cercando di aumentare il consumo di frutta e bere molta acqua. Durante la gara cerco di alimentarmi con quello che trovo sui tavoli dell'organizzazione e solo intorno al 30^ km prendo il classico integratore, che mi dà, o meglio dovrebbe dare la "spinta" finale (più psicologica che fisica) per affrontare al meglio la parte finale della competizione. “ In alcuni sport come il pugilato bisogna fare attenzione a nutrirsi prima della gara, lo spiega Umberto Framondino, pugile: “Prima della gara bisogna avere un’alimentazione abbastanza proteica in modo tale da mantenere il tuo peso corporeo, durante la gara niente, a fine gara si può riprendere lo stesso regime alimentare. (Prima della gara bisogna pesarsi e se pesi troppo poco o troppo rischi di saltare la tua categoria e perdi la gara a tavolino).” Interessante anche la testimonianza del vincitore della Badwater Michele Graglia che risponde alla domanda Usi farmaci, integratori? Per quale motivo? “No, assolutamente no farmaci, nemmeno anti-infiammatori. Come supplementi, durante i carichi e le gare, prendo solo aminoacidi ramificati per recuperare più velocemente. Ho però cambiato sensibilmente la mia nutrizione eliminando completamente glutine, quindi pasta, pane e altri carboidrati semplici ma incrementando notevolmente l’assunzione di vegetali e frutta. Questo favorisce l’assunzione di tutte le vitamine ed enzimi necessari.” Antonello Vargiu segue un regime alimentare adatto agli allenamenti e alle gare pre e post reintegrando i nutrienti essenziali: “Prima delle gare io seguo una nutrizione molto liquida e ricca di micronutrienti, proteine e pochi carboidrati. Durante le gare non assumo niente (al limite qualche sorso di acqua) mentre nel dopo gara uso dei prodotti specifici, entro 30’, a ripristinare le quantità di proteine e carboidrati necessari al proprio corpo.” Sono arrivato alla conclusione che sono 4 gli aspetti da allenare. Dal momento che è nella natura dell’uomo voler scoprire e sfidare se stesso la mente è la prima ad entrare in gioco. Segue il cuore, non solo per gli aspetti legati allo sforzo ma soprattutto per quel che concerne la forte passione e motivazione che sono alla base di queste sfide. Ne consegue che la preparazione mentale è importante, bisogna costruire l’obiettivo da raggiungere con una forte immaginazione e con degli obiettivi intermedi da superare. Si cresce e si matura con l’esperienza di allenamento e di gare in situazioni difficili dal punto di vista climatico, di dislivelli o anche di routine come possono essere i circuiti o il treadmill. Le tipologie di gare estreme solo le più disparate. Alla fine si arriva a pensare che, se si vuole, si può fare tutto: basta decidere l’obiettivo e poi si prende la direzione per raggiungerlo. In questo modo si sviluppa una grande forza mentale. Il terzo aspetto importante è quello nutrizionale, bisogna conoscersi bene, sapere quello di cui si può aver bisogno come durante le lunghe distanze e le tante ore di sport. Farsi guidare dall’organismo è un’ottima strategia: capita che può richiedere le sostanze più insospettabili come vino e birra, pizza, bruschetta, di tutto di più. Il quarto requisito l’ho definito autoprotezione e coccole. Ritengo che le gare estreme non sono per masochisti o altro, ma l’atleta deve sviluppare metodi e tecniche per occuparsi di se stesso e del proprio corpo, attraverso massaggi, recuperi, ristori, fisioterapia e analisi mediche. Matteo SIMONE Psicologo, Psicoterapeuta Gestalt ed EMDR 380-4337230 - 21163@tiscali.it http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+matteo+simone.html

Fonte notizia: http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+matteo+simone.html




Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Come migliorare la performance e spunti dal libro Maratoneti e ultrarunner


Come prevenire le manifestazioni più gravi del Coronavirus


Dario Santoro, Campione Italiano Maratona: purtroppo lo sport non mi dà da vivere


Buona la 1^Corri Lesina vinta da Dario Santoro che precede Domenico Ricatti


I doni dello sport: colori, tramonti, natura, sensazioni, emozioni, voglia di vivere


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Nella vita prima o poi lo trovi uno sport che fa appassionare

Nella vita prima o poi lo trovi uno sport che fa appassionare
Matteo SIMONEhttp://www.psicologiadellosport.net Nella vita prima o poi lo trovi uno sport che fa appassionare, fa mettere in gioco, fa sperimentare benessere e performance. Lo sport permette di far parte di una squadra che segue obiettivi condivisi, fa condividere allenamenti e gare, trasferte e viaggi.Non c’è un’età per iniziare o per cambiare uno sport, importante è quello che si spe (continua)

Alessandra Ciuffa: Ho sempre creduto di poter ricominciare e tornare a correre

Alessandra Ciuffa: Ho sempre creduto di poter ricominciare e tornare a correre
Si è sempre in tempo per volersi bene e occuparsi di sé stessi anche con lo sport che è un ottimo strumento per sperimentare benessere e per apprendere lezioni importanti. Di seguito Alessandra racconta la sua esperienza rispondendo ad alcune mie domande. Sai che dopo la sofferenza c’è uno stato di grazia che niente al mondo può regalartiMatteo SIMONEhttp://www.psicologiadellosport.net Si è sempre in tempo per volersi bene e occuparsi di sé stessi anche con lo sport che è un ottimo strumento per sperimentare benessere e per apprendere lezioni importanti. Di seguito Alessandra racconta la sua esperienza rispondendo ad alcune mie domande.Qua (continua)

La bici rende felici nonostante le salite, nonostante la fatica

La bici rende felici nonostante le salite, nonostante la fatica
Cosa c’è dietro alla bici? La bici rende felici nonostante le salite, nonostante la fatica; la bici per approfondire la conoscenza di sé stessi e dell'altro; la bici per comprendere la ciclicità dell'esperienza; per attivarsi, per partire e ripartire. Matteo SIMONEhttp://www.psicologiadellosport.net Cosa c’è dietro alla bici? La bici rende felici nonostante le salite, nonostante la fatica; la bici per approfondire la conoscenza di sé stessi e dell'altro; la bici per comprendere la ciclicità dell'esperienza; per attivarsi, per partire e ripartire.L’esperienza della bici per assaporare colori, odori e suoni; per perdersi e ritrovarsi; p (continua)

6 Ore della Maremma 2020, Romualdo Pisano: Ho solo vinto una 6ore

6 Ore della Maremma 2020, Romualdo Pisano: Ho solo vinto una 6ore
Domenica 19 gennaio ha avuto luogo a Grosseto la 1^ edizione della 6 Ore della Maremma – Memorial Walter Baldini. Il vincitore è stato Romualdo Pisano che ha totalizzato 75,179 km, precedendo Marco Lombardi 73,926 km e Maurizio Di Paolo 72,595km. La gara femminile è stata vinta da Alina Teodora Muntean che ha totalizzato 69,717km, precedendo l’azzurra Francesca Innocenti 67,241km ed Elisa Bellagamba 66,778km. Matteo SIMONEhttp://www.psicologiadellosport.net Domenica 19 gennaio ha avuto luogo a Grosseto la 1^ edizione della 6 Ore della Maremma – Memorial Walter Baldini. Il vincitore è stato Romualdo Pisano che ha totalizzato 75,179 km, precedendo Marco Lombardi 73,926 km e Maurizio Di Paolo 72,595km. La gara femminile è stata vinta da Alina Teodora Muntean che ha totalizzato 69,717km, precedend (continua)

Cosa spinge le persone a fare sport?

Cosa spinge le persone a fare sport?
Ho approfondito gli aspetti che riguardano la motivazione a fare sport per il benessere e per raggiungere obiettivi nello sport e nella vita e riporto nel testo alcune interviste ad atleti di diverse discipline sportive individuali o di squadra. Non solo la performance ma anche la voglia di mettersi in gioco, di mantenersi in forma, di rincorrere il benessere psicofisico, emotivo e relazionale. Una spinta motivazionale dettata da cuore, testa e corpo per provare a non mollare, per condividere momenti di pre-gara fatti di viaggi e incontri, per superarsi. È importante lavorare su obiettivi, sul superare errori e sconfitte, si impara da tutto ciò che succede e si può fare meglio in futuro come individui e come squadra conoscendosi meglio. Matteo SIMONEhttp://www.psicologiadellosport.net Descrizione dell’opera “Cosa spinge persone a fare sport?” Aracne editrice.https://www.libreriauniversitaria.it/cosa-spinge-persone-fare-sport/libro/9788825528275Ho approfondito gli aspetti che riguardano la motivazione a fare sport per il benessere e per raggiungere obiettivi nello sport e nella vita e riporto nel testo alcune interviste ad (continua)