Home > Economia e Finanza > Domeniche senza acquisti: un vantaggio per pochi

Domeniche senza acquisti: un vantaggio per pochi

scritto da: WineNews | segnala un abuso

Domeniche senza acquisti: un vantaggio per pochi


 Il divieto di apertura domenicale dei negozi favorisce i piccoli commercianti e una parte dei lavoratori. Danneggia però i consumatori, che sono una platea molto più vasta. Il governo dovrebbe perciò considerare le conseguenze sul benessere collettivo.

 

Obbligo di chiusura

Fa discutere, in questi giorni, l’intenzione dichiarata dalla maggioranza di governo di abrogare la liberalizzazione degli orari di apertura degli esercizi commerciali introdotta dal governo Monti nel 2011. In pratica, il governo vuole reintrodurre l’obbligo di chiusura domenicale o, almeno, porre forti vincoli alle aperture (si parla di un massimo di 25 per cento degli esercizi con facoltà di apertura domenicale per ogni settore merceologico).

Questo tipo di intervento ha effetti su quattro diversi soggetti: i lavoratori nel settore del commercio, i consumatori, i piccoli negozianti e la grande distribuzione.

L’obiettivo dichiarato della riforma è beneficiare gli impiegati negli esercizi commerciali che – a detta del ministro Di Maio – sono “costretti” a lavorare di domenica a scapito dell’armonia familiare. Posto che l’attenzione su un particolare settore appare singolare (perché la stessa logica non si applica agli impiegati nelle biglietterie dei cinema? O perché non estenderla ai panettieri, che lavorano di notte mentre il resto della famiglia riposa?), quantificare i benefici che cassieri e commesse otterranno dalla forzata chiusura domenicale non è semplice. In primo luogo, perché è arduo assegnare un valore al tempo in più passato in famiglia: gita fuori porta (un piacere) o pranzo con la suocera (un dovere)? In secondo luogo, è plausibile che almeno parte degli individui che contribuiscono a tenere aperti gli esercizi non lo facciano per obbligo. Il lavoro domenicale garantisce un supplemento salariale (come è previsto dai contratti collettivi), alcuni lavoratori hanno dunque l’opzione di scambiare parte del loro tempo libero per un maggiore introito. In altre parole, per alcuni passare la domenica al lavoro anziché in famiglia può essere una scelta e non una costrizione. E per loro il maggior reddito può servire proprio per preservare la serenità familiare.

Gli effetti sull’occupazione 

C’è un altro aspetto sul quale i lavoratori rischiano di perdere dalla riforma. Se gli esercizi commerciali devono ridurre i loro giorni di apertura, verosimilmente occorrerà loro meno personale e potremmo assistere a una perdita di posti di lavoro nel settore. Quanti? Difficile dirlo con precisione senza un’analisi più approfondita. Possiamo però tentare di metter qualche limite – superiore e inferiore – alla cifra partendo da alcuni presupposti più o meno ragionevoli. Secondo l’Istat, il commercio al dettaglio conta 1 milione e 800 mila addetti. Non tutti i negozi sono aperti la domenica e alcuni fanno orario ridotto. Assumendo che la domenica lavorino la metà delle persone di un giorno feriale, il fabbisogno di lavoro medio giornaliero è di circa 277 mila (1.800.000/6,5). Pertanto per coprire la domenica servono poco meno di 140 mila addetti (la metà di 277 mila). Di questi, un quarto lavorerebbero comunque se i negozi rimanessero aperti il 25 per cento del tempo. Ciò significa che il limite massimo di riduzione di posti di lavoro è di circa 100 mila. Ovviamente, molti di questi addetti verrebbero riutilizzati nei giorni feriali: se la gente compra meno la domenica e più il sabato, ci vorranno più addetti alla cassa il sabato. Quale potrebbe essere la quota riallocata è difficile dire. Assumendo che vari da un minimo del 50 per cento a un massimo del 90 per cento, i posti di lavoro persi si collocherebbero fra i 50 mila e i 10 mila.

 

Testo riprodotto di Luigi Guiso, Andrea Pozzi e Fabiano Schivardi tratto da www.lavoce.info.

 

economia | domenica | consumi |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Nexyiu


Il cambiamento delle abitudini di acquisto degli italiani nel 2020


DIVERTITI CON LA TUA FAMIGLIA PER UN 2012 ALLEGRO E SALUTARE


MARIADELEMILANO A BOLOGNA PER LE DOMENICHE DEI DESIDERI


DOMENICHE DEI DESIDERI PER MARIADELEMILANO


Corbella Experience, il regno di Giovanna Voria apre le porte ad un ricco calendario autunnale a Cicerale


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

La bufala del complotto francese contro l’Italia

La bufala del complotto francese contro l’Italia
 La storia di un complotto francese per costringere il nord Italia a svendere le sue aziende e ridurre il sud Italia a una tendopoli. E del perché questa e tante altre teorie del complotto sono fattualmente e perfino contabilmente sbagliate.   In un libro appena uscito, Roberto Napoletano, ex direttore del Sole 24 Ore e del Messaggero, svela un «disegno di conquista c (continua)

Quel trattato col Canada non è solo commerciale

Quel trattato col Canada non è solo commerciale
 L’accordo commerciale con il Canada è vantaggioso per le imprese italiane, specialmente quelle medio-piccole. L’ipotesi che il Parlamento possa non ratificarlo chiama in causa gli assetti istituzionali della UE e la necessità di maggiore integrazione.   La natura del Ceta Il Ceta (Comprehensive economic and trade agreement) è l’ultimo, e probabi (continua)

Vino e Marketing, il fenomeno Tenuta Diavoletto.

Vino e Marketing, il fenomeno Tenuta Diavoletto.
La comunicazione che funziona e che sta dando risalto al mondo del vino Romagnolo e non solo.   Tutt'oggi moltissimi produttori vivono purtroppo ancora nella convinzione che una volta prodotto il vino, venderlo sia ormai cosa facile. Ogni azienda vitivinicola invece dovrebbe puntare alla valorizzazione della propria realtà come rappresentazione della varietà della provincia, (continua)