Home > Altro > DA UN BATTITO D'ALI NASCE IL "FREE SPRINKLING": MASSIMO PARACCHINI SCEGLIE LIBERAMENTE COSA RACCONTARE E COME, TRA SGUARDO E PENSIERO, PERCEZIONE E PROIEZIONE, ALLA SCOPERTA DI SEMPRE NUOVI ORIZZONTI.

DA UN BATTITO D'ALI NASCE IL "FREE SPRINKLING": MASSIMO PARACCHINI SCEGLIE LIBERAMENTE COSA RACCONTARE E COME, TRA SGUARDO E PENSIERO, PERCEZIONE E PROIEZIONE, ALLA SCOPERTA DI SEMPRE NUOVI ORIZZONTI.

articolo pubblicato da: MIKATA | segnala un abuso

DA UN BATTITO D'ALI NASCE IL
L’ispirazione artistica di Massimo Paracchini parte da molto lontano, dalla consapevolezza di una essenza primordiale e trascendentale, dalla ricerca spasmodica di una verità assoluta, dal continuo interagire della dimensione cosmica con quella interiore. Il suo bagaglio culturale e la sua profonda capacità speculativa lo portano ad esprimersi artisticamente in termini “eidetici”, cioè con una forma di linguaggio che approfondisce quello che in psicologia rappresenta la capacità, propria soprattutto della fanciullezza, di ritenere e tradurre in immagini nitide e particolareggiate le impressioni visive, acustiche e sensoriali percepite. Ma quali sono gli strumenti che l’artista utilizza per raccontare il suo orizzonte interiore e tendere verso gli ultimi confini della realtà mirando a rappresentare quel “qualcosa di oltre” che pare essere al centro della sua ricerca artistica?. L’artista vuole “valicare i limiti del dato e del noto ”, e lo fa traendo spunto e ispirazione dalla natura con le sue luci affascinanti e sempre diverse, dai paesaggi suggestivi dell’amata Liguria, cogliendo nella loro essenza più intima eteree figure femminili, trasmettendo il dinamismo della volata dei ciclisti in vista del traguardo o dei cavalli al galoppo sfrenato, analizzando le atmosfere misteriose del carnevale veneziano, percorrendo assorto le vie e le piazze della sua città. Massimo Paracchini esprime in questo modo opere ricche di suggestione, descrizioni evocative, composizioni visionarie dalle cromie a tinte forti, animate da “flussi di energia cromatica” di spiccata impronta espressionista: pennellate larghe, prospettive irreali, circonvoluzioni cosmiche, spirali che si espandono e si ripiegano su se stesse danno vita ad una pittura in grado di “trasmutare ogni semplice immagine in pura visione metafisica e cosmica” sconvolgendo ogni ordine e regola. L’Artista, colpito e affascinato dal fremito d’ali di un cigno che spruzza tutt’intorno minute goccioline liquide, intuisce il vigore espressivo dello sprinkling, cioè dell’aspersione del colore che agisce liberamente sulla superficie dell’opera già autonomamente compiuta, in modo “immediato, deciso, graffiante, a volte distruttivo”, in una interpretazione libera e liberatoria di action painting che coinvolge l’artista in una gestualità intensa che genera energia nuova e trova nei colori brillanti e nei riflessi metallici dello sparkling (luccicante, spumeggiante), il definitivo compimento della rappresentazione. Un processo creativo che si spinge, a volte, fino al parossismo dell’Overflowing, in un processo di profonda rielaborazione dell’opera in cui l’azione ha il sopravvento sulla rappresentazione, e che diviene la cifra caratterizzante dell’opera di Massimo Paracchini riconducendo il soggetto ad un ruolo comprimario, quasi marginale, e lasciando campo libero alla libertà creatività dell’Artista che riesce a reinventare tutto "con i colori della libertà, della poesia e dell’amore". Nelle opere più recenti, frutto di una ricerca esasperata, il colore si espande all’infinito, da un punto centrale con movimento rotatorio, come generato da una sorta di Big Bang artistico, in una "Kromoexplosion" – come è stata battezzata dall'artista - che travolge e stravolge tutto per dare origine ad uno dei tanti Universi artistici possibili, spalancando all’improvviso nuovi orizzonti, per andare oltre l’infinito. In ultima analisi, si può dire che Massimo Paracchini esprima tutte le proprie emozioni interiori e psicologiche, non solo quelle sensoriali ottiche, celebrando il trionfo del pensiero sullo sguardo, persuaso, come egli stesso afferma, che “Dipingere è conoscere il mondo e interpretarlo, non solo per rappresentarlo così com’è, ma per trasfigurarlo, per analizzarlo in tutte le sue componenti. Andare sempre alla ricerca dell’essenza delle cose e scoprire in ogni oggetto la forza del colore e di tutte le sue infinite variazioni… Creare immagini senza che abbiano necessariamente un rapporto diretto con la natura, ma far emergere, a volte, dal profondo, i moti convulsi dell’anima e della propria immaginazione ed esprimerli con un’esplosione di colore, con l’energia del tratto e della linea come segno di liberazione…" Ispirazione geniale, quella di Massimo Paracchini, una grande intuizione che rivoluziona la forma, ma non la sostanza, una visione originale del cosmo dove tutto è poesia e bellezza, una ricerca cromatica che approda alla riscoperta del bianco, sintesi di tutti i colori possibili, metafora di purezza ed eleganza, che esalta e dialoga perfettamente con i colori intensi che caratterizzano la sua cifra espressiva. "solo con la ricerca e il lavoro costante si possono scoprire nuove strade da percorrere o nuovi orizzonti da svelare: l’arte è un fiore dai mille petali di inestimabile valore”. Michele Catalano – novembre 2018

Massimo Paracchini | Free Sprinkling |



Commenta l'articolo

 
 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

SUPERFICI MATERICHE ED ENERGIA CREATIVA, GEOMETRIE FLUIDE E PITTOSCULTURE: L'EVOLUZIONE DELLA FORMA ESPRESSIVA SECONDO IL PITTORE MASSIMO PARACCHINI.

SUPERFICI MATERICHE ED ENERGIA CREATIVA, GEOMETRIE FLUIDE E PITTOSCULTURE: L'EVOLUZIONE DELLA FORMA ESPRESSIVA SECONDO IL PITTORE MASSIMO PARACCHINI.
Il bianco ha il suono di un silenzio che improvvisamente riusciamo a comprendere”. (Wassily Kandinsky) Massimo Paracchini è artista conosciuto e apprezzato, non soltanto per la grande maestria e capacità tecnica, ma soprattutto per la densità e la forza delle sue opere; opere che sanno parlare all'anima. Partendo dal figurativo, verso l’astrattismo, il surreale e l'informale, Massimo Paracc (continua)

INAUGURATA A VARESE LA MOSTRA “PAESAGGI IMMAGINARI” DELLA PITTRICE FRANCA D’ALFONSO: OPERE ASTRATTE CHE SVILUPPANO LE POTENZIALITA’ ESPRESSIVE DELLA FORMA E DEL COLORE ALLA RICERCA DELL’ESSENZIALE.

INAUGURATA A VARESE LA MOSTRA “PAESAGGI IMMAGINARI” DELLA PITTRICE FRANCA D’ALFONSO:  OPERE ASTRATTE CHE  SVILUPPANO  LE POTENZIALITA’ ESPRESSIVE DELLA FORMA E DEL COLORE ALLA RICERCA DELL’ESSENZIALE.
Inaugurata a Varese presso la splendida sala Veratti – l’antico refettorio dell'ex convento di Sant'Antonino risalente al 1500 con i sui magnifici affreschi – La mostra “Paesaggi Immaginari” della pittrice Franca D’Alfonso. Alla cerimonia, oltre ai moltissimi estimatori e appassionati, erano presenti il Sindaco di Varese Davide Galimberti con l’assessore Andrea Civati che hanno portato il saluto (continua)

IL PITTORE EZIO BALLIANO ALLA SETTIMA EDIZIONE DI “FRUCTIDOR”, RASSEGNA D’ARTE CONTEMPORANEA IDEATA E CURATA DA “IL MELOGRANO ART GALLERY” DI LIVORNO:

IL PITTORE EZIO BALLIANO ALLA SETTIMA EDIZIONE DI “FRUCTIDOR”, RASSEGNA D’ARTE CONTEMPORANEA IDEATA E CURATA DA “IL MELOGRANO ART GALLERY” DI LIVORNO:
OPERE IMMERSE IN UNA FOSCHIA IRREALE, UN UNIVERSO PITTORICO FATTO DI ESATTEZZA STILISTICA E DI ILLUSIONE, DI RAZIONALITA’ E INTUIZIONE, DI SOGNO E REALTA’. L'artista vercellese si presenta al pubblico Toscano con una selezione di opere che percorrono un itinerario ideale della sua più recente produzione. Sulle tematiche oramai classiche del paesaggio della sua terra, Balliano innesta una vision (continua)

LE ICONE LAICHE DI BRUNO DE MARCO – OPERE DI PROFONDA INTROSPEZIONE PSICOLOGICA PER IMPRIMERE NEI TRATTI DEL VOLTO E NEI LINEAMENTI DEL CORPO I MOTI DELLO SPIRITO E I RIFLESSI DELLA COSCIENZA.

LE ICONE LAICHE DI BRUNO DE MARCO – OPERE DI PROFONDA INTROSPEZIONE PSICOLOGICA PER IMPRIMERE NEI TRATTI DEL VOLTO E NEI LINEAMENTI DEL CORPO I MOTI DELLO SPIRITO E I RIFLESSI DELLA COSCIENZA.
Bruno De Marco nasce a Vercelli ove tuttora vive e lavora. Dopo gli studi superiori frequenta l’Istituto di Belle Arti e consegue il diploma nel corso di pittura e decorazione sotto la guida del Maestro Renzo Roncarolo, e quello di modellato e scultura tenuto dal Maestro Francesco Vogliazzi. Intensa negli anni a seguire la sua attività espositiva che continua a riscuotere l’apprezzamento del pubb (continua)

CARLA GIOLITO, ISPIRAZIONE GENUINA E COERENTE LIRISMO CHE SI TRADUCONO IN EQUILIBRIO E RIGORE ESTETICO E SOSTANZIALE: VIRTU’ RARE CAPACI DI CREARE ARTE.

CARLA GIOLITO, ISPIRAZIONE GENUINA E COERENTE LIRISMO CHE SI TRADUCONO IN EQUILIBRIO E RIGORE ESTETICO E SOSTANZIALE: VIRTU’ RARE CAPACI DI CREARE ARTE.
L’artista vive la stessa realtà e riceve le medesime sollecitazioni di tutte le altre persone, In più, rispetto agli altri, è in grado di interpretare gli stimoli esterni utilizzando il filtro della propria specifica sensibilità e, infine, è capace di rielaborare le sensazioni e tradurle in forma. Il gesto creativo allora, sostanziandosi in un’opera, diviene sintesi mirabile dell’interazione tra r (continua)