Home > Arte e restauro > Eros della materia: percorsi artistici a confronto

Eros della materia: percorsi artistici a confronto

articolo pubblicato da: CSArt | segnala un abuso

Eros della materia: percorsi artistici a confronto

 La Galleria d’Arte 2000 & NOVECENTO di Reggio Emilia presenta, dall’8 febbraio al 12 maggio 2019, la mostra collettiva “Eros della materia. Percorsi artistici a confronto”, con opere di Marco Gastini, Luigi Mainolfi, Nunzio, Giuseppe Spagnulo e altri autori selezionati.

L’originalità delle forme, il loro potere di esprimere nella realtà le zone misteriose della mente, le emozioni, i simboli, gli archetipi, i miti affascinano enormemente e stimolano in profondità gli artisti, ma richiedono anche nuovi ripensamenti e nuove valutazioni sia tecniche che concettuali, per sganciarsi dal grande potere delle mode e dei media e raggiungere zone vergini dell’immaginario collettivo.
In questi ultimi anni sappiamo che l’arte, e in primis l’estetica, riguardante materia e materiali anche molto distanti tra loro, presenta come segno distintivo il “sentire”, cioè l’ambito della sensibilità, dell’emozionalità. Gli artisti, oltre che estetologi, oggi sono da considerarsi anche degli psicologi, dei teorici del linguaggio plastico o pittorico, in cui il termine eros, o talora sessualità, ha un notevole peso.
Uno scultore legato all’inconscio come Luigi Mainolfi, con il suo occhio creaturale, si sente sempre più legato all’idea di “pelle”: le sue terre o i suoi bronzi sono un racconto fantasioso sulla pelle della materia, nello stesso tempo permeabile e impermeabile, superficiale e profonda, generatrice di desideri. Una materia che oltre che a “sentire” il suo respiro ci induce ad accarezzarla.
Marco Gastini – anche se lavora soprattutto su tela – crea con materiali come legno, vetro, gesso, e ferro delle ibridazioni poetiche nei cui interstizi si annida l’ombra del mistero sulla nascita della vita.
Anche Giuseppe Spagnulo, con i suoi metalli erosi, modellati con mano forte e sapiente, lancia un grido che viene dal corpo della materia, sia essa combusta o lievitante.  
Le combustioni di Nunzio, infine, sono forme rituali che chiedono silenzio, per richiamare la sensazione dell’enigma.  Il suo non è un fuoco di distruzione, bensì di penetrazione, di assorbimento, quindi rigeneratore e interiore.
In esposizione anche opere di Adolfo Borgognoni, Giovanni Campus, Giorgio Griffa, Herbert Hamak, Elio Marchegiani, Walter Valentini e Renzo Vespignani.
La collettiva sarà visitabile fino al 12 maggio 2019, tutti i giorni con orario 10-12,30 e 16-19,30, aperto anche domenica e festivi. Ingresso libero. Per informazioni: tel. 0522 580143, duemilanovecento@tin.it, www.duemilanovecento.it, www.facebook.com/duemilanovecento. 
 

Galleria d Arte 2000 Novecento | mostra collettiva | arte contemporanea |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Anteprima di Materia e Colore Open Days


Materia e colore. Forme informi


MIZA MAYI: “FLOWERS” è il secondo singolo dell’artista afro italiana che anticipa l’uscita dell’album “Stages of a growing flower”


Eros Rizzo “Colore e anima”


Esce "ABBA" il lavoro di BEPPE DETTORI, PAOLO FRESU e dei TENORES DI BITTI


 

Stesso autore

I segni di Montecchio Emilia

I segni di Montecchio Emilia
 Immagini simboliche che rappresentano la storia culturale e industriale di un territorio cresciuto sulle sponde del fiume Enza, da secoli fonte di vita e di sviluppo e simbolo di unione tra la realtà reggiana e quella parmigiana.  È stato presentato sabato 18 maggio 2019 il progetto creato dall’artista Massimiliano Galliani per MO-EL, l’azienda di Montecchio E (continua)

La forma dell'ideologia. Praga: 1948-1989

La forma dell'ideologia. Praga: 1948-1989
 Dal 25 maggio al 28 luglio 2019 sarà ospitata a Parma la più grande mostra italiana dedicata all’arte cecoslovacca. “La Forma dell’Ideologia. Praga: 1948-1989” porterà nella storica sede del Palazzo del Governatore oltre 200 opere tra dipinti, disegni, acquerelli, lavori di grafica e di stampa, fotografie, oggetti di design e proiezioni cinematogr (continua)

Berenice: un’opera di Omar Galliani donata alla musica

Berenice: un’opera di Omar Galliani donata alla musica
 Una serata evento al Teatro Ariosto di Reggio Emilia, mercoledì 22 maggio alle ore 21.00, per presentare l’opera “Berenice” che il maestro Omar Galliani donerà all’Istituto Superiore di Studi Musicali di Reggio Emilia e Castelnovo ne’ Monti “Peri-Merulo”. L’iniziativa nasce da valori che sono l’attaccamento al proprio terri (continua)

Nel segno di Antonio Ligabue

Nel segno di Antonio Ligabue
 “Nel segno di Antonio Ligabue”, la galleria Phidias Antiques presenta, dal 18 maggio al 15 giugno 2019, nella propria sede di Reggio Emilia (Via Roma, 22/A), una retrospettiva dedicata al grande artista emiliano, celebrato nel 2019 dal Museum im Lagerhaus di San Gallo e dal film di Giorgio Diritti interpretato da Elio Germano, ormai prossimo all’uscita. In esposizione, una (continua)

Donatella Violi: Permettetemi di volare

Donatella Violi: Permettetemi di volare
 La Cantina Albinea Canali (Via Tassoni 213, Reggio Emilia) presenta, dall’11 maggio al 15 giugno 2019, “Permettetemi di volare”, mostra personale di Donatella Violi, a cura di Luigi Borettini.  L’esposizione, che sarà inaugurata sabato 11 maggio alle ore 17.00, raccoglie dodici dipinti di grande formato, realizzati nel 2018-2019. Lavori a tecnica mista su (continua)