Home > Economia e Finanza > Dollaro troppo forte? Il primo a temerlo è Donald Trump

Dollaro troppo forte? Il primo a temerlo è Donald Trump

scritto da: Elleny | segnala un abuso


Da diversi mesi l'euro oscilla dentro un range abbastanza stretto nei confronti del dollaro americano. Che previsioni si possono fare riguardo al futuro delle due valute principali del panorama finanziario?

Economia USA e dollaro

dollaroAnzitutto occorre considerare la situazione economica dei due paesi. Negli USA ci sono diverse voci che parlano di possibile inversione di rotta. Se accadrà di qui ai prossimi mesi è difficile dirlo. Quel che invece si può dire con certezza è che l’ottimismo di qualche mese fa non sembra esserci più. Malgrado questo però, gli investitori sembrano orientati a ritenere che il dollaro continuerà ad apprezzarsi, anche se i migliori indicatori di volatilità evidenziano un passo molto lento della coppia più scambiata sul panorama valutario (EUR-USD).

Se osserviamo l'andamento del Dollar Index, che misura la performance del biglietto verde contro un paniere di sei valute, possiamo vedere che esso è aumentato di oltre l′1% nel 2019. E questo nonostante la FED abbia più volte sottolineato il suo approccio attendista riguardo ai prossimi rialzi. Sebbene le strette monetarie si siano allontanate a causa di prospettive economiche non brillanti, il dollaro comunque cresce. Perché? Il motivo essenziale sta nel confronto con le altre economie. se gli USA frenano, comunque si tratta di situazioni molto meno cupe di quelle degli altri paesi. Insomma Washington non sta male come stanno le altre nazioni.

La debolezza dell'Eurozona

Tutto ciò appare evidente se prendiamo cosa succede in Europa. La BCE ha ridotto le stime di crescita dell’eurozona all′1,1% invece del precedente 1,7%, innescando una nuova scivolata dell'euro. Chi ha puntato contro la valuta unica su un broker con spread bassi forex ha ottenuto un bel profitto settimana scorsa. Il tutto mentre l’economia statunitense è cresciuta del 2,6% nel quarto trimestre. La BCE ha inoltre deciso di aiutare le banche con il Tltro, a conferma del momento difficile che sta attraversando l’economia del Vecchio Continente.

Ed ecco allora che tornano in mente le parole del presidente Usa Donald Trump, che di recente ha rinnovato le critiche al capo della Federal Reserve, Jerome Powell. Secondo l'inquilino della casa Bianca la severa politica monetaria della banca centrale Usa sta contribuendo a un dollaro forte danneggiando la competitività, soprattutto nell'export. "Abbiamo alla Fed un signore a cui piace un dollaro molto forte. Io voglio un dollaro forte ma non così forte da impedirci di fare affari con altre nazioni”.
 

dollaro | trump | indicatori di volatilità | broker con spread bassi |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Federal Reserve messa all'angolo da Trump


Svalutazione competitiva dello Yuan, ecco la contromossa di Pechino


Dollaro di nuovo in salita dopo le parole di Janet Yellen


La coppia di valuta AUD/USD


Dollaro USA e canadese: cosa succede nel mercato valutario?


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Mercato dell'auto, l'Europa ha vissuto un altro anno flop

Se consideriamo i diversi principali Paesi dell'Unione Europea, l'unica che può sorridere è l'Italia, dov'è stato registrato un aumento del 5,5% In Europa il mercato dell'auto continua a vivere una situazione problematica. La crisi pandemica e la carenza di semiconduttori che blocca i processi produttivi, hanno innescato una nuova frenata nell'Europa occidentale.I numeri negativi del mercato dell'autoIl mercato che raggruppa i paesi della UE, il Regno Unito e l'Efta hanno infatti chiuso l'anno 2021 con un bilancio nuovamente negativo. In b (continua)

Miliardi che vanno in fumo nelle Borsa, penalizzate dalle minute della FED

La diffusione dei verbali dell'ultimo meeting di politica monetaria della FED hanno affossato le Borse. La banca centrale americana si è rivelata più falco del previsto, preannunciando non solo delle strette monetarie ma anche la riduzione del bilancio da 8.800 miliardi di dollari. Dopo il netto calo di Wall Street avvenuto ieri e quello delle piazze asiatiche arrivato nelle prime ore di questa g (continua)

Investimenti, i mercati azionari viaggiano in moderata salita

Giornata di acquisti sui mercati azionari del Vecchio Continente. Anche se comunque si è trattato di sessioni blande, perché il clima vacanziero ha prodotto volumi bassi di investimenti e neppure dal calendario economico arrivavano grandi spunti. Pesa anche la chiusura di Londra, oggi e domani. Nel mondo sono rimaste chiuse anche la Borsa di Hong Kong e quella australiana. A dare una piccola spin (continua)

Fallimento, per Evergrande la srtada sembra ormai tracciata

Evergrande, l’agenzia di rating Fitch ufficializza il default. Pechino lavora per scongiurare un effetto dominoLa crisi del colosso cinese Evergrande è sempre più profonda. Quasi definitiva. Siamo infatti sull'orlo del fallimento, come ha sancito l'agenzia di rating Fitch declassando ulteriormente la società immobiliare del Dragone (e delle sue sussidiarie Hengda Real Estate e Tianji Holding).Ever (continua)

Svalutazione, la Lira precipita ancora e la CBRT deve intervenire

La banca centrale della Turchia è stata costretta ancora una volta a intervenire con urgenza, per tamponare la svalutazione della moneta nazionale. Alla quale, sia chiaro, ha contribuito in modo diretto e notevole.Come procede la svalutazione della LiraI fatti. Tra martedì e mercoledì la Lira ha proseguito lungo il percorso ormai durevole di svalutazione, toccando e poi aggiornando il nuovo minimo (continua)