Home > Altro > Bambini senza pasto alle scuole di Ariccia

Bambini senza pasto alle scuole di Ariccia

scritto da: Carlospinelli | segnala un abuso

Bambini senza pasto alle scuole di Ariccia


Il responsabile provinciale romano del movimento Italia dei Diritti Carlo Spinelli denuncia il mancato servizio mensa nelle scuole di Ariccia nella giornata del 20 marzo Roma 21 Marzo 2019: Il giorno 20 marzo causa lo sciopero dei lavoratori della ditta che fornisce i pasti agli alunni delle scuole di Ariccia, alcuni bambini sono rimasti senza pranzo ed i genitori in fretta e furia si sono dovuti organizzare per riprenderli dalle rispettive scuole per potergli così garantire il pasto di mezzogiorno. Interviene sullo sconcertante episodio il responsabile provinciale romano del movimento Italia dei Diritti Carlo Spinelli:” E’ inaudito che bambini di 6,7,8 anni vengano lasciati a digiuno per una controversia che riguarda gli operatori della mensa scolastica ed il proprio datore di lavoro soprattutto poi se, nonostante lo sciopero indetto par la giornata in questione, il pasto fosse stato comunque garantito. Infatti per il 20 marzo – prosegue Carlo Spinelli – era prevista la sostituzione del pasto usuale con la fornitura di due panini, un frutto ed una bottiglietta di acqua per i bambini che usufruiscono del servizio mensa dietro comunque il pagamento dei soliti 4 euro e 30 tramite la consegna del buono mensa. Ebbene per il secondo turno della mensa questi panini non sono arrivati ed i bambini si sono trovati, loro malgrado, senza pasto. Con un giro di messaggi tramite i gruppi whatsApp i genitori sono stati avvertiti dell’inconveniente e in tutta fretta ( almeno coloro che hanno potuto ) si sono dovuti organizzare per andare a riprenderli nelle rispettive scuole ed evitare così che i malcapitati bambini saltassero il pranzo. L’azienda che gestisce il servizio mensa ha garantito che il pasto verrà recuperato, ma non è certo questo il problema, il fatto grave è che bambini delle scuole elementari sono rimasti senza mangiare e all’interno delle sale mensa comunque la situazione si stava facendo problematica in quanto i bambini stessi quando hanno visto che il pasto non arrivava hanno iniziato ad innervosirsi”. Ma a cosa è dovuto lo sciopero che ha visto protagonisti i lavoratori della ditta A.L.A. service che gestisce il servizio mensa per le scuole di Ariccia? “Questo sciopero è stato indetto dalle organizzazioni sindacali – continua Spinelli – per il mancato pagamento degli stipendi che si protrae dal mese di Gennaio ( qualcuno deve ancora prendere parte delle retribuzioni del 2018 ) quindi stanno rivendicando un loro sacrosanto diritto; la ditta A.L.A. si giustifica con il mancato pagamento, da parte di alcuni utenti, di quanto dovuto per la fornitura del servizio di mensa scolastica per i bambini, un danno che l’azienda valuta in una perdita di denaro di circa 140 mila euro negli otto anni di servizio che vanno dal 2011 ad oggi. E qui – va avanti ancora l’esponente IDD – si torna a parlare di un tema tanto caro al movimento del quale faccio parte e cioè l’inserimento di una clausola all’interno dei contratti di appalto che prevede la rescissione automatica degli stessi nel caso in cui le ditte appaltatrici si rendano inadempienti verso i propri dipendenti da almeno tre mesi, in più in sede di gara, tra i requisiti necessari, va accertata anche una certa solidità economica delle ditte partecipanti in modo che possano garantire comunque gli stipendi ai propri lavoratori anche in caso di ritardati o mancati pagamenti da parte degli enti locali o chi per essi. E come si vuole far fronte a questo problema? Estromettendo dalla mensa scolastica quei bambini i cui genitori non pagano il servizio di ristorazione. Questo è quanto sembra vogliano fare quelli della A.L.A. service almeno a giudicare da una lettera che la stessa ditta ha fatto pervenire al Sindaco di Ariccia, all’assessore di riferimento, al dirigente area tecnica del comune e alla dirigente scolastica. . A primo acchito si potrebbe dire che è normale – continua Spinelli – non paghi e quindi non mangi, ma pensandoci bene mi domando quanto sia giusto far pagare a dei bambini di 6 anni o giù di li le colpe degli adulti. Il pasto credo che vada comunque garantito anche perché estromettere un bambino dalla mensa creerebbe comunque una discriminante che potrebbe poi portare a prese in giro da parte degli altri bambini nei confronti del bambino stesso o ad una esclusione nei rapporti sociali tra bambini innescando dei veri o propri atti di bullismo pericolosissimi a queste età. Quindi i bambini comunque devono essere trattati allo stesso modo, casomai poi l’azienda si dovrà far carico di inviare tramite raccomandata a/r l’avviso ai genitori inadempienti del mancato pagamento del servizio mensa, quantificare il costo dello stesso e chiederne il pagamento entro una data di scadenza, passata la quale l’azienda stessa potrà ricorrere nelle opportune sedi per la riscossione delle somme dovute. Far pagare quindi chi veramente ha colpa non dei bambini innocenti. Un ultima considerazione – prosegue Carlo Spinelli – voglio farla sulle cifre del danno economico subito dalla ditta; si parla di 140 mila euro negli otto anni di servizio ( il problema si sarebbe dovuto risolvere prima ) quindi circa 17.500 euro l’anno e cioè considerando l’anno scolastico, 2.000 euro al mese. Ebbene – conclude Spinelli – un mancato introito di 2.000 euro al mese può bloccare, in un azienda a cui viene affidato un appalto così importante, il pagamento degli stipendi ai propri dipendenti”? Ufficio stampa Italia dei Diritti provincia di Roma e-mail idd.provinciaroma@gmail.com

scuola | bambini | ariccia | spinelli | italia dei diritti | mensa | de pierro | roma | lazio |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Riapertura del corso di Ariccia un flop?


Se ti volti


La riapertura di corso Garibaldi di Ariccia portata in consiglio comunale


CONCORSO INTERNAZIONALE DI POESIA "LA MIA TERRA


Recensione sulle 10 diete TOP


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Quirinale, IDD propone Nino Di Matteo, Alternativa lo prende in considerazione ma i voti scarseggiano. Occasione persa

Quirinale, IDD propone Nino Di Matteo, Alternativa lo prende in considerazione ma i voti scarseggiano. Occasione persa
Il nome di Nino Di Matteo viene ripreso da Alternativa e votato da 56 grandi elettori un numero esiguo se si pensa al valore della persona che da anni vive sotto scorta per il suo impegno nella lotta alla mafia. Un'occasione persa per i nostri politici per dimostrare che lo Stato è veramente vicino a chi combatte la criminalità organizzata. Roma 27 gennaio 2022: Sono giorni caldi per la politica italiana che in questi giorni deve eleggere il nuovo Presidente della Repubblica che sarà arbitro della costituzione per i prossimi sette anni. Le schermaglie tra le opposte fazioni politiche stanno però rallentando l'elezione del futuro inquilino del Quirinale che, se in altri tempi era cosa normale ad esempio nel 1971 ci sono volute ventitr (continua)

Roma città eterna(mente) invasa dai rifiuti

Roma città eterna(mente) invasa dai rifiuti
Il movimento Italia dei Diritti segnala accumuli di immondizia in località Parioli e Trastevere e boccia quello che è stato il piano rifiuti del sindaco Gualtieri che non ha portato alla pulizia che i romani si attendevano e speravano. Roma 21 gennaio 2022: Inizia il lavoro dei consiglieri ombra del movimento Italia dei Diritti nel comune di Roma e viene preso in esame il problema legato ai rifiuti che invadono la capitale. E' Irene Pastore, responsabile IDD per il XV Municipio di Roma membro del Direttivo Provinciale romano del movimento e consigliere ombra del comune capitolino a denunciare un enorme cumulo di rifiuti fotograf (continua)

Italia dei Diritti, nuova vice Responsabile per Tivoli e Guidonia

Italia dei Diritti, nuova vice Responsabile per Tivoli e Guidonia
Alexsia Crialesi coadiuverà Samantha Innocenti responsabile del movimento presieduto da Antonello De Pierro in quel di Tivoli e Guidonia Montecelio. Roma 14 gennaio 2022: Tivoli e Guidonia avranno una nuova vice Responsabile per il movimento Italia dei Diritti: si tratta di Alexsia Crialesi già militante del movimento e impegnata al fianco della Responsabile IDD Samantha Innocenti nel denunciare i problemi che l'Amministrazione comunale stenta a risolvere. E' la stessa Samantha Innocenzi ad aver proposto al Segretario Provinciale Romano dell'I (continua)

Romani, come prima cosa ci aumentiamo gli stipendi

Romani, come prima cosa ci aumentiamo gli stipendi
Indignazione da parte del movimento dell'Italia dei Diritti dopo la proposta dei consiglieri del Pd del comune di Roma di aumentarsi lo stipendio motivandolo con le troppe responsabilità. Carlo Spinelli chiede ai consiglieri di ritirare la proposta e di pensare prima ai veri problemi che attanagliano la Capitale. Roma 12 gennaio 2022: Probabilmente entro fine gennaio il consiglio comunale di Roma discuterà la bozza della delibera proposta da 4 consiglieri Pd sull'aumento dell'indennità corrisposta agli " onorevoli " consiglieri eletti nel comune di Roma. La somma che percepiranno se la proposta presentata dal Pd avrà il consenso dell'assise consiliare, ma su questo abbiamo pochi dubbi, passerà dagli attual (continua)

Italia dei Diritti, nuove nomine nell'organigramma provinciale romano

Italia dei Diritti, nuove nomine nell'organigramma provinciale romano
Angela Malaspina, Irene Pastore e Angelo Lori ricevono incarichi nel movimento direttamente dal Segretario Provinciale Romano Carlo Spinelli Roma 31 Dicembre 2021: Per il movimento Italia dei Diritti si chiude un anno molto positivo con l'elezione di 6 nuovi consiglieri comunali nei comuni della provincia di Roma ed una serie di iniziative che hanno fatto crescere il movimento nel gradimento dei cittadini. L'anno si chiude con l'assegnazione di nuove cariche per tre militanti dell'Italia dei Diritti all'interno del movimento e sono Ang (continua)