Home > Primo Piano > Sblocca cantieri: Mariani (Confsal), provvedimento che aspettavamo ora monitorare i tempi

Sblocca cantieri: Mariani (Confsal), provvedimento che aspettavamo ora monitorare i tempi

scritto da: Redazione2 | segnala un abuso

Sblocca cantieri: Mariani (Confsal), provvedimento che aspettavamo ora monitorare i tempi


“Apprendiamo con entusiasmo della firma del Presidente Mattarella del decreto ‘sblocca cantieri’, già approvato dal Consiglio dei Ministri svolto a Reggio Calabria e pubblicato in Gazzetta Ufficiale”. A dirlo è il Vice segretario generale della Confsal e segretario generale della Fesica Confsal Bruno Mariani che prosegue: “Si tratta del provvedimento esecutivo che aspettavamo e su cui da tempo la Fesica, la Federazione sindacati dell’industria, del commercio e dell’artigianato aderente a Confsal, aveva puntato come strumento necessario per riattivare il circuito vitale del lavoro e dell’indotto ad esso connesso, oltre a quella necessaria modernizzazione delle infrastrutture di cui il Paese e la nostra economia aveva bisogno”. “Adesso come sindacato – prosegue Mariani - monitoreremo la corretta realizzazione di tutte quelle opere pubbliche che erano rimaste ferme, nella speranza che da oggi in avanti il governo e soprattutto il Ministero competente, assicurino che tutto venga fatto nei tempi e nei modi migliori possibili”. Il testo semplifica le procedure di gara e di aggiudicazione degli appalti, tenendo conto anche dei risultati della consultazione pubblica indetta dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti. Tra le principali novità vi sono l’istituzione di un regolamento unico all’interno del quale verranno riuniti una serie di provvedimenti attuativi del Codice dei contratti; la riduzione degli oneri informativi a carico delle amministrazioni; la possibilità di affidare gli interventi di manutenzione sulla base del progetto definitivo; la semplificazione e la velocizzazione delle procedure di aggiudicazione per appalti di importo inferiore alle soglie previste a livello comunitario, con la reintroduzione della preferenza del criterio del minor prezzo e l’eliminazione dell’obbligo di indicare la terna dei subappaltatori; la possibilità, per le stazioni appaltanti, in caso di indisponibilità di esperti iscritti nell’albo tenuto dall’Autorità nazionale anticorruzione (ANAC), di nominare la commissione di gara anche solo parzialmente; lo sblocco della realizzazione di alcune opere pubbliche ritenute strategiche, prevedendo la nomina di commissari straordinari o l’esercizio di poteri sostitutivi. Si introducono poi specifiche norme relative all’erogazione degli indennizzi a cittadini e imprese che stiano subendo disagi a causa del cantiere per la ricostruzione dell’ex ponte Morandi a Genova, nonché per le zone simiche. Infine, il decreto semplifica la disciplina degli interventi nelle zone colpite da eventi sismici, con l’introduzione di un regime autorizzatorio differenziato a seconda che si tratti di interventi considerati “rilevanti”, di “minore rilevanza” o “privi di rilevanza” e prevede ulteriori disposizioni urgenti per il potenziamento del Sistema Nazionale della Protezione Civile, attraverso servizi di allarme pubblico volti alla prevenzione delle calamità e alla tutela della vita umana.

sblocca cantieri | governo | sindacati | confsal | mariani | lavoro |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

Umberto Mariani et le Monocrome Italien, Opera Gallery, Parigi 17 marzo - 6 aprile 2017


Giuseppe Lasco Terna Cantieri aperti & trasparenti in logica di sicurezza integrata


Mariani invita CAD Schroer all´Interpack 2014, fiera leader mondiale


Realtà Virtuale alla Fiera PPMA 2018


Giuseppe Lasco Terna, al via «Cantieri aperti & trasparenti»


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

Infortuni, Fesica Confsal Lombardia: “Sulla sicurezza sul lavoro intervengano anche le Regioni”

Infortuni, Fesica Confsal Lombardia: “Sulla sicurezza sul lavoro intervengano anche le Regioni”
Gli esponenti della Fesica Confsal lombarda intervengono sulle morti bianche. Francesco Galluzzo, Aldo Balzanelli, Giuseppe Senese, Carmelo Cosentino, Gabriele Cassani, Francesco Iavarone e Stefano Lazzarini stanno seguendo le evoluzioni sulla morte degli operai deceduti in un deposito di azoto della sede dell'ospedale Humanitas a Pieve Emanuele nel Milanese “Dalla Lombardia alla Sicilia ancora morti bianche: sei in ventiquattrore. Registriamo tre morti sul lavoro ogni giorno. Il tragico bilancio degli incidenti mortali conta già 677 da inizio anno ed attendiamo ancora le evoluzioni di tutti quei provvedimenti che il governo doveva garantire”. A dirlo sono i segretari provinciali della Fesica Confsal della Lombardia Francesco Galluzzo, Aldo Balza (continua)

Giornata mondiale sicurezza sul lavoro, per la Fesica Confsal adesso bisogna fare un passo determinante

Giornata mondiale sicurezza sul lavoro, per la Fesica Confsal adesso bisogna fare un passo determinante
Per il sindacato dei lavoratori serve l'impegno di tutti affinchè le morti bianche non siano più normalità “Nella Giornata mondiale per la salute e la sicurezza sul lavoro, confidiamo nell’impegno di tutte forze associative, politiche ed istituzionali affinchè, non solo oggi in questo giorno di sensibilizzazione comunque fondamentale, possa essere dato un nuovo slancio all’impegno comune che fronteggi i limiti di questo Paese nel trovare ancora migliori e più efficaci soluzioni per scongiurar (continua)

Caso Boda, per Amedeo Laboccetta adesso serve un'ispezione ministeriale ed una commissione parlamentare d'inchiesta

Caso Boda, per Amedeo Laboccetta adesso serve un'ispezione ministeriale ed una commissione parlamentare d'inchiesta
Dopo il tentato suicidio della dirigente del Ministero dell'Istruzione Giovanna Boda ad intervenire è il Presidente di Polo Sud ”Ascolto inorridito i notiziari di pranzo. La tesi sarebbe: la dirigente del ministero avrebbe incassato quasi 700 mila euro da un imprenditore per offrirne 40 mila di appalto? A meno che non si sia rovesciato il mondo più di una cosa 'non quadra'. Ma soprattutto ciò che è inaccettabile è che una  giovane donna stimata nel proprio ambito, promotrice di belle iniziative per la collettività sia (continua)

Vaccino, Librandi (Iv): “Risposta importante dalla sperimentazione di AstraZeneca, ora ultimo sacrifico prima delle dosi”

Vaccino, Librandi (Iv): “Risposta importante dalla sperimentazione di AstraZeneca, ora ultimo sacrifico prima delle dosi”
“Altro passo in avanti importante nella lotta al Covid. AstraZeneca ha confermato che il vaccino sperimentato dà un’importante risposta immunitaria negli anziani. Sono stati registrati, infatti, risultati migliori anche di quelli che normalmente sono riscontrati da un vaccino antinfluenzale. Dopo mesi di sofferenza e sacrifici finalmente comincia a intravedersi la fine su questa crisi. Ora è neces (continua)