Home > Altro > Ci siamo! MilleVoci al nastro di partenza.

Ci siamo! MilleVoci al nastro di partenza.

scritto da: Millevoci | segnala un abuso

Ci siamo! MilleVoci al nastro di partenza.


Mancano pochi giorni all’inizio della nuova edizione di ”MilleVoci” che compie 15 anni. “MilleVoci”, una creatura che cresce e con “MilleVoci” crescono gli artisti emergenti che vi partecipano. E’ il loro trampolino di lancio, il loro mezzo di visibilità (che non trovano altrove) in un ambiente sano, sicuramente professionale gestito da professionisti della televisione.

“Quest'anno si è formata una bell’equipe, quasi senza programmarla, in modo del tutto naturale”. A dirlo è Gianni Turco, produttore per caso e regista per forza (dice lui). Il gruppo, tra tecnici ed artisti, Si amalgama ogni giorno di più ed è pieno di voglia di fare ed al meglio possibile, collaborano con e per passione, anche se con mezzi poveri di cui dispone il format.

“MilleVoci” non riceve canoni e nemmeno pubblicità per potersi sostenere e le emittenti TV che lo trasmettono non pagano come pagano un film, lo ricevono gratuitamente, consegna compresa. “Facciamo di tutto per "apparire", continua il patron. “Ci basta il sostegno del pubblico che a quanto pare ci vuole bene e ci gratifica con la presenza costante che si nota anche nei social dove è presente “MilleVoci”. Abbiamo superato il numero di 17.000 iscritti al canale su YouTube dove contiamo oltre 13 milioni di telespettatori assidui, oltre a quelli innumerevoli che ci guardano in tv durante tutto l’anno. Grazie”, conclude il regista.

Non è vero quindi il detto che “senza soldi non si cantano messe”. Basta poco per mandare avanti un programma ormai conosciuto ovunque. Ogni componente del gruppo di “MilleVoci” ha un lavoro diverso per vivere e questa è il vero segreto del fenomeno che rende costante la presenza di questa kermesse nel mondo dello spettacolo televisivo italiano. E’ vero che lavorano per la sola passione! Ammirevole. Questo è ormai ampiamente dimostrato negli anni e nei fatti. Lo sanno anche gli ospiti noti a livello non solo nazionale che vi partecipano e che considerano “MilleVoci” un mezzo efficace per lanciare i loro nuovi lavori discografici, come hanno fatto Il Giardino Dei Semplici, Franco Fasano, Gianni Nazzaro (che ha anche co-condotto il programma per sei anni), I Cugini di Campagna, Dino, Michele, Franco Dani, I Romans… la lista è lunga.

La visibilità non è mai troppa! Quest’anno a “MilleVoci” approderà anche Roberta Faccani, ex dei Matia Bazar, che presenterà alcuni inediti scritti da lei stessa (ha anche scritto per Daphne Barillaro) oltre che i noti successi. All’edizione 2019 che è prossima ad essere registrata parteciperanno nuovi artisti emergenti, scelti con attenzione tra quelli che hanno presentato la candidatura. Alcuni sono d’oltre confine ed addirittura di altri continenti. Questo dimostra che “MilleVoci” è internazionale.

Ricordiamo in proposito che è possibile candidarsi fino al 4 maggio 2019. L’idirizzo e-Mail per inviare le richieste di partecipazione con accluso un provino audio in mp3 e due fotografie è casting@millevoci.it

Ora diciamo qualcosa sul cast di quest’anno, tante le novità. I conduttori sono Daphne Barillaro e Gabriele Marconi, due professionisti con la “P” maiuscola. “Lei” è una cantante con doti vocali eccezionali ma anche attrice, autrice e regista delle commedie teatrali che scrive e che rappresenta con la compagnia amatoriale de “I Mattatori di Fonte Nuova”. Daphne partecipa alle produzioni di Gianni Turco dal 2016. Cominciò in “MilleVoci” napoletane”. Daphne, in questa edizione di MilleVoci che festeggia quindici anni di vita, ad ogni puntata intratterrà il pubblico televisivo con canzoni inedite e già famose (cover). In particolare eseguirà brani cantati assieme a Michele, Franco Dani, Dino, I Santo California ed I cugini di campagna. Gli arrangiamenti musicali sono di Adelmo Musso e Angelo Pertuccetti (Little Tony Family).

“Lui” un imitatore in primis ma anche attore e cabarettista. Ricorderete sicuramente la frase “Salve! La domanda nasce spontanea…”. Si, è lui… Gabriele Marconi. Gabriele ha già co-condotto brillantemente l’edizione 2018 di “MilleVoci”, assieme a Stefania Cento, Gianni Drudi e Morena Rosini dei Milk and coffee (che in questa edizione proporranno nuovi brani). Gabriele ci divertirà con i suoi nuovi shetch ed imitazioni tra un brano e l'altro.

Con loro anche Il gruppo musicale “MilleVoci band”, voluto e composto da Gianni Turco. E' stato formato con professionisti che hanno, ognuno, una storia personale.  Sono: Alberto Calì, Enrico Fucetola, Franco Di Donato, Fiorello Cimei, Ilaria Di Nino, Michele Soldivieri e due attraenti coriste.

Il tutto posto in un ambiente scenografico creato da Antonio Domenicone che ha utilizzato materiale fotografico della EasyPoster di Anagni. Un ambiente musicale personalizzato a MilleVoci, elegante, arricchito da dettagli di buon gusto.

Lo staff tecnico non si cambia, quando funziona. A cominciare dal service audio e luci, gestito egregiamente da Emanuele Giannini della DS spettacoli da ormai alcuni anni con la squadre. Valerio Ferri, che accoglie il format da 13 anni nella sua location con ristoro, il dancing "Satiricon" di Aprilia. Vincenzo Di Simone per l’assistenza alla regia mobile in Full HD. Per l’assistenza al computer video continua con MilleVoci anche Luigi Micheli. E poi gli operatri di ripresa, affezionati e fedeli, sempre più bvavi ed altri collaboratori necessari. Bene.

E’ tutto. Godiamoci le riprese e poi vedrete i risultati quando le emittenti tv le trasmetteranno. Le 15 puntate dell’edizione 2019 saranno diffuse su TV regionali (vedi elenco su www.millevoci.it, poi su Canale Italia in nazionale e da due canali Sky per l’Europa, Viva Italia channel (879) e Made in Italy (825). Insomma, se non vorrete vedere MilleVoci staccate la corrente elettrica e spegnete i cellulari! Buon lavoro e… merda!


Fonte notizia: http://www.millevoci.it


millevoci | musica | spettacolo tv | cantanti emergenti | festival | The winner | Amici | Corrida | canto | scuola di canto | Giardino dei See | mplici | Cugini di camoagna | Facebook | YouTube |



Commenta l'articolo

 

Potrebbe anche interessarti

MilleVoci, in preparazione la nuova edizione 2017.


MilleVoci, presto in onda.


MilleVoci si triplica.


MilleVoci 2019, prossimo alle registrazioni.


MileVoci, sempre in alto!


 

Se ritieni meritevole il nostro lavoro fai una donazione


Recenti

Stesso autore

MilleVoci, un format al quale siamo affezionati.

MilleVoci, un format al quale siamo affezionati.
Niente compensi né gettoni di presenza ma uno show televisivo con tutti i crismi, diffuso gratuitamente alle emittenti che lo vogliono. È ‘MilleVoci’, cui la nostra rivista da sempre dà volentieri una mano. “MilleVoci” è uno spettacolo musicale in onda su molte Tv italiane, regionali, nazionali, su Sky per l'Europa. E' senza fini di lucro, diretto ad un pubblico d'ogni età, distribuito gratuitamente alle emittenti televisive che ne fanno richiesta ma adatto anche alla diffusione radiofonica. È anche inserito su portali musicali in internet. 'MilleVoci”, realizzato ogni anno in primavera (fatta ec (continua)

Giovanna Nocetti: "Chi non è stato almeno una volta a MilleVoci... è nessuno!"

Giovanna Nocetti:
Studia canto e chitarra con la professoressa Ida Neukusler, ed inizia a partecipare a numerosi concorsi canori per dilettanti. Si trasferisce a Milano e studia armonia jazz con il maestro Sante Palumbo, che riesce a procurarle un contratto con la Meazzi, etichetta con cui debutta nel 1967. Nel 1969 partecipò al gioco televisivo Settevoci con il brano Il muro cadrà facendosi conoscere a livello nazionale.Nel 1970 passò alla Ariston Records e partecipò al Cantagiro (quello vero di un volta) con Canne al vento, scritta da Mino Reitano; nello stesso anno partecipò alla Mostra internazionale di musica leggera  (continua)

MilleVoci senza Dino? Impossibile!

MilleVoci senza Dino? Impossibile!
Dino, all'anagrafe è Eugenio Zambelli, dotato di una buona intonazione, partecipava ai primi concorsi quando era ancora bambino. Si trovava spesso a gareggiare con una sua coetanea, Gigliola Cinquetti. La incontrò nel 1959 ad uno spettacolo di operetta per ragazzi. Due anni dopo, il primo Pinocchietto d'oro con il celebre successo di Mina Le mille bolle blu. Proprio durante una di queste esibizioni nel dicembre 1961 viene notato da Ennio Ottofaro, che gli propone di entrare come voce solista nel gruppo musicale de "Kings". Dotato di una buona intonazione, ancor bambino partecipò ai primi concorsi e spesso si ritrova a gareggiare con una certa  Gigliola Cinquetti, che incontrò per la prima volta nel 1959 durante uno spettacolo di operetta per ragazzi che, due anni dopo, superò arrivando primo al Pinocchietto d'oro col celebre successo di Mina Le mille bolle blu.Proprio durante una d (continua)

Michele Maisano: MilleVoci da non trascurare.

Michele Maisano: MilleVoci da non trascurare.
Si trasferisce ancora bambino da Vigevano, sua città Natale, a Genova, città dove frequenta l'Istituto Nautico; a soli 14 anni incide il primo 45 giri con due brani, Sono dannato e Flirt, due pezzi Rock 'n' roll che esegue con l'accompagnamento dell'Orchestra Zanti e con la denominazione Gianfranco Maisano. Durante il periodo scolastico si esibiva dal vivo con un suo gruppo nei locali della sua città, e venne notato dal maestro Gian Piero Reverberi che gli fece incidere una sua canzone, Ma se tu vorrai, per la Assolo, una sottoetichetta della Karim. Il disco suscitò l'attenzione della RCA Italiana, che decise di contrattarlo.Nel 1963 partecipò, con Se mi v (continua)

I "Romans" non potevano mancare a MilleVoci.

I
Il gruppo dei "Romans" vide la sua fondazione nel 1959 per iniziativa di Renato Lodispoto che, lasciato il gruppo "The Happy Friends" per formarne uno più moderno, contattò lo studente di ragioneria Ignazio Polizzi (poi Polizzy) Carbonelli che si presentava come pianista e cantante. Insieme contattarono un collega di Polizzy, Alberto Cori, sassofonista. A loro volta i tre contattarono uno studente dell'Accademia nazionale di Santa Cecilia, Diego Petrera, batterista, ed assieme diedero vita ai primi concerti nella loro città col nome de "I Romans". Mancava un chitarrista e proprio durante un'esibizione al dancing Olimpo, al quartiere Tuscolano, furono contattati da un "pischello", un certo Claudio Natili, allora studente di liceo classico. L'accordo fu raggiunto ed il sodalizio iniziò con esibizioni in tour, con un repertorio di  canzoni scritte dal duo Polizzy-Natili.Nel 1957 si classificarono al terzo posto nella quarta (continua)